TANTI AUGURI CARO VECCHIO PARMA: 106 ANNI DI STORIA di Alessandro Mora

alessandro mora(Alessandro Mora, ex calciatore Settore Giovanile Parma Calcio per TifoBlog.it) – Siamo nella pianura padana, a Parma è una fredda sera di dicembre del 1913. Precisamente il 16, a poco più di una settimana da Natale.

Nei borghi si respira un’aria diversa. Meno piena, più leggiadra e piena di entusiasmo.

“È ufficiale, è nato!”.

Chi? Direte voi.

Datemi ancora poco e ci arrivo.

Il 27 Luglio 1913 a Parma nasce la Verdi Foot Ball Club, una squadra calcistica dedicata al famoso compositore.

Poco dopo, in quella fredda sera del 16 di Dicembre 1913, la Verdi Foot Ball Club diventa Parma Football Club e da lì a poco la storia si sarebbe iniziata a scrivere pagina dopo pagina.

Parma
Credit: parmacalcio1913.com

Nel 1922, l’avvocato Ennio Tardini dà avvio alla costruzione dello stadio (poi a lui intitolato, dopo la sua precoce morte).

La storia del Parma è fatta di “tanto inchiostro e tanto bianchetto”.

I fallimenti e le rinascite, simboli di una città che non molla mai.

Nel 1968 la società fallisce per la prima volta ed è costretta a ripartire dalle serie minori. Sono due piccoli imprenditori nostrani a rilevarla, e a farla ripartire.

Ceresini, e gli anni d’oro di un presidente andatosene troppo presto!

Negli anni ottanta il Parma coglie due promozioni dalla Serie C: la prima nel 1983-1984 grazie alle reti di un attaccante ancora oggi molto amato (Massimo Barbuti).

La seconda nel 1985-1986 con alla guida il giovane allenatore Arrigo Sacchi (voluto poi da Berlusconi al Milan due anni più tardi).

Sono gli anni della presidenza dell’indimenticabile Ernesto Ceresini che, dopo il nuovo contratto di sponsorizzazione con la Parmalat sperimenta, senza troppo successo, la guida tecnica del giovane allenatore boemo Zdeněk Zeman.

Ma è il 1989, quando l’amatissimo presidente Ceresini porta sulla panchina dello stadio Tardini un promettente Nevio Scala.

Suo malgrado, è stato l’ultimo dei suoi colpi di mercato: il presidente muore improvvisamente, a stagione in corso, dopo un brillante avvio della squadra.

Parma
Credit: stadiotardini.it

Il contraccolpo dura qualche gara, ma la squadra rimonta. Il derby contro la Reggiana del Maggio 1990, vinto per 2-0, assegna al Parma la prima promozione in Serie A della sua storia.

Dopo la promozione in Serie A, la società diventa di proprietà della multinazionale Parmalat.

Le vittorie storiche! I successi in Coppa UEFA e Coppa Italia

È il 1992, seconda stagione del Parma A.C. nella massima serie, quando viene portato in cascina il primo trofeo. Il 14 Maggio di quell’anno il Parma vince la coppa Italia, battendo in finale la Juventus per 2-0 con le reti degli indimenticabili Melli e il “sindaco” Osio.

La stagione successiva la squadra conquista il primo trofeo europeo: la coppa delle coppe, vincendo per 3-1 contro l’Anversa a Wembley.

Negli anni la proprietà fa capire quanta sia la voglia di vincere, sfoderando colpi come Zola e Asprilla con cui Scala vince anche la Supercoppa Europea nel 1994 contro il Milan.

Il 1994-1995 è l’anno della storica tripla sfida con la Juventus. Le due compagini si sfidano in tre palcoscenici: il campionato, la coppa Italia e la Coppa Uefa. Sebbene le prime due siano ad appannaggio della Juventus, quella Europea è di marchio ducale. I gialloblù si impongono per 1-0 in casa mandando in visibilio il pubblico del Tardini.

L’anno successivo, l’ultimo di Nevio Scala, segna l’esordio in Serie A di Gianluigi Buffon contro il Milan. Da lì a poco il portiere di Carrara diventerà titolare fisso e nella prima stagione di Ancelotti, chiusa al secondo posto, aiuterà a comporre una difesa di ferro con Thuram e Cannavaro.

Nel 1999 arriva l’ultima coppa Uefa con in panchina Alberto Malesani, che poteva contare su una rosa di tutto rispetto. Un esempio può darla quella scesa in campo contro il Marsiglia nella finale di Mosca:

  • Buffon
  • Cannavaro
  • Sensini
  • Thuram
  • Baggio D.
  • Boghossian
  • Fuser
  • Veron
  • Vanoli
  • Crespo
  • Chiesa

Con a disposizione gente come Asprilla, Balbo e Apolloni. Mica roba da poco.

Parma
Credit: gazzetta.it

Infatti, in quella stagione il Parma riesce ad aggiudicarsi anche la Coppa Italia battendo in finale la Fiorentina per la regola dei gol fuori casa.

Gli ultimi successi arrivano con la vittoria della Supercoppa Italiana la stagione seguente e la Coppa Italia nel 2000-2001 raggiunta con il traghettatore Carmignani sulla panchina.

I due fallimenti e una storia che non si può insabbiare

La stagione successiva, l’improvviso crac Parmalat, per il quale viene arrestato il patron Tanzi, segna la storia della squadra parmense. Tuttavia, nonostante il terremoto societario e il passaggio in amministrazione controllata, il club gialloblù riuscirà comunque a concludere il campionato al quinto posto. Il 25 giugno 2004, per evitare la ripartenza dai dilettanti, nasce il Parma Football Club, che assume e mantiene vivi tutti i diritti del Parma AC, nonostante il fallimento della Parmalat da cui è svincolato.

Il 25 gennaio 2007 la società viene rilevata dall’amministrazione straordinaria da Tommaso Ghirardi, patron della Leonessa srl di Carpenendolo.

La stagione termina con la retrocessione della squadra, che tornerà nella massima serie dopo un solo anno di cadetteria.

La stagione 2013-14, quella che vedrà il Parma festeggiare il suo centenario, il 16 dicembre 2013, si apre con l’arrivo di Antonio Cassano. Un colpo che dimostra come la società voglia puntare in grande per tornare agli anni di gloria.

Il 18 maggio 2014 i ducali chiudono il torneo al sesto posto, valevole per l’approdo al terzo turno preliminare dell’Europa League 2014-2015. La qualificazione europea però sfuma: il club, non in regola con alcuni pagamenti IRPEF, si vede negare la licenza UEFA.

Da quel momento Tommaso Ghirardi cavalcò l’onda mediatica per mettere in vendita la società e cercare di nascondere i debiti maturati nei 7 anni di presidenza.

L’annata 2014-2015 vede il Parma retrocedere come l’ultima della classe e soprattutto fallire. Sebbene Ghirardi fosse riuscito a vendere la società prima a Rezard Taci e poi a Giampiero Manenti, non riuscì a nascondere le “diavolerie” (per non dire altro) fatte in neanche un decennio di gestione.

Il 19 marzo 2015 il Parma veniva ufficialmente dichiarato fallito e costretto a ripartire dalla Serie D.

Come una fenice risorgeremo, questa è Parma.

Il 27 luglio 2015 una nuova società, la S.S.D. Parma Calcio 1913, viene affiliata alla FIGC e ammessa in sovrannumero in Serie D rappresentando così calcisticamente la città di Parma.

In tre stagioni il Parma conquista la vittoria della maggiore serie dilettantistica, dei playoff di Lega Pro e arriva secondo nel campionato cadetto.

“Come noi nessuno mai”, questo recitava la maglia celebrativa per la promozione in Serie A. Mai niente fu più vero, poiché nessuno riuscì a fare tre promozioni di fila.

Il Parma, Parma e i parmigiani sono questo. Gente che non molla e che appena caduta è capace incredibilmente di rialzarsi come se niente fosse.

Con le fatiche del caso, certo, ma sempre pronti a farlo con il sorriso sulle labbra e lo spirito combattivo che ci hanno distinto in questi 106 anni di storia.

Il Parma è la sua gente, non è Ghirardi, non è Tanzi, né Taci e nemmeno Manenti. Parma la sono i Boys, la è il Tardini, la è la gente che lo riempie e lo coccola 20 volte all’anno.

Parma ha fatto parte delle 7 sorelle vincendo tanto a livello europeo e nazionale, è caduto due volte e ha saputo rialzarsi altrettante.

Oggi, a 106 anni dalla nostra nascita ed a quasi 5 anni da quel giorno di marzo in cui fu ufficializzato il nostro fallimento, siamo lì a giocarci gli ultimi posti per l’Europa.

Non abbiamo voglia di fermarci e nemmeno di tirare i remi in barca, non lo abbiamo mai fatto e certamente non inizieremo oggi.

Perché alla fine è un discorso semplice, “COME NOI NESSUNO MAI”.  Alessandro Mora (ex calciatore Settore Giovanile Parma Calcio) per TifoBlog.it

Parma
Credit: parmacalcio1913.com

Stadio Tardini

Stadio Tardini

One thought on “TANTI AUGURI CARO VECCHIO PARMA: 106 ANNI DI STORIA di Alessandro Mora

  • 17 Dicembre 2019 in 23:10
    Permalink

    Tanti auguri caro vecchio Parma!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI