60 ANNI MINUTO PER MINUTO: TUTTO IL CALCIO… LETTERA PER LETTERA

Tutto il calcio minuto per minuto

(Luca Savarese) – Si spengono oggi 60 candeline sulla torta di Tutto il calcio minuto per minuto, trasmissione nata dalle idee di Guglielmo GDMoretti, Sergio Zavoli, a cui si deve l’espressione “minuto per minuto” e Roberto Bortoluzzi e che vide il suo incipit Domenica 10 Gennaio 1960. Proviamo, con l’aiuto dell’alfabeto, a ripercorrere momenti e personaggi di un gustosissimo giochino radiofonico

Ameri. Ad Enrico Ameri, lucchese di nascita, tifoso genoano, che imitava da piccolo Nicolò Carosio, inserendo la sua voce dentro una pentola di fagioli per creare magici effetti dal sapore radiofonico, il 10 gennaio 1960, spettava il secondo campo, lo stadio Renato Dall’Ara di Bologna, da dove raccontò Bologna – Napoli.

Boscione. Andrea Boscione, voce torinese, figura tra i pionieri di quel primo e quasi mitico giorno di scuola della trasmissione. A lui il compito di notificare allo studio centrale quello che succedeva ad Alessandria, dove, allo stadio Moccagatta, si affrontavano Alessandria e Padova.

Carosio. Sembra fatto apposta, chissà che non fosse un accorgimento alfabetico studiato a tavolino da quella primigenia redazione ma sta di fatto che in quel pomeriggio dove partiva il sogno a portata di transistor, le prime tre lettere dell’alfabeto, seppur non in ordine, furono convocate. Nicolò Carosio, il magister palermitano, che aveva la mamma inglesi e che pendeva dalle labbra di Herbert Chapman, inventore del sistema e degli spicchi neri sul pallone bianco, che una volta smesso l’abito del calciatore e dell’allenatore prese un microfono e cominciò a dedicarsi al calcio alla radio nelle terre d’Albione della Bbc, non fu sinceramente molto contento della creazione di un programma corale come “Tutto il calcio”. Lui, solista per vocazione, amava narrare, anche per intere ore, le gare. Il fatto di dover dare la linea a qualcun altro ne limitava un pochino il suo enorme potere immaginifico. Per l’esordio, chi se non a lui, toccava il campo principale? Stadio San Siro, di scena ci sono il Milan e la Juventus ed ai microfoni, in quel primo giro di giostra, c’è lui.

Dotto. Emanuele si nasce, Dotto si diventa. Con una curiositas quasi da fare invidia a quella del latino Apuleio. Emanuele, osserva, fa suo, rielabora e, pasticcere della parola, la confeziona in eleganti vassoi di assoluta godibilità. Genovese di nascita, dopo l’esperienza al “Corriere mercantile” giornale che usciva il pomeriggio, eccolo entrare, nel gennaio del 1982 nelle opere e nei giorni di “Tutto il calcio”. E’ uscito dal romanzo la scorsa primavera, accomiatandosi dagli ascoltatori, ferialmente, sulle strade del Giro d’Italia. La sua pedalata vocale, autorevole ed al contempo carezzevole, ci manca.

Everardo. Dalla noce. Appassionato cuore spallino, cronista distaccato. Prima di diventare un grande esperto di borsa, la borsa, la portava sulle spalle per seguire le traiettorie di un pallone. E’ sua la radiocronaca di Milan – Bologna, 6 maggio 1979, matematica conquista dello scudetto della stella per il Milan ed ultima recita rossonera di Gianni Rivera. Mica poco.

Ferretti. Di padre, Mario, in figlio, Claudio. Al primo si deve il conio della dicitura “Un uomo solo al comando, la sua maglia è biancazzurra, il suo nome, è Fausto Coppi” fatta vivere dal suo microfono a milioni di orecchie durante la Cuneo – Pinerolo, giro d’Italia 1949. Poi, ecco il pargolo, Claudio, che faceva parte della formazione dei titolarissimi negli anni d’oro della trasmissione, il quarto campo, dopo Ameri, Ciotti e Provenzali, era il suo.

Grassia. Filippo, nato ad Ancona, discreto e distaccato. Dopo una vita passata sulla carta stampata, sì reinventa moviolista alla radio dagli studi milanesi. E con una sinestesia degna del miglior Montale, riesce a fare ascoltare una delle cose che di solito si vede, come la vivisezione delle immagini arbitrali incriminate. Il suo “visto alla radio” è uno spazio seguitissimo e sempre puntuale sulle magagne e sui successi degli arbitri.

Ho appena. “Scusa Provenzali, solo per dire che quella che ho appena tentato di concludere e’ stata la mia ultima radiocronaca per la Rai. Un grazie affettuoso a tutti gli ascoltatori, mi mancheranno “. Asciuttezza, brevitas, eleganza. Così parlò Sandro Ciotti, al termine del suo ultimo racconto, Cagliari – Parma, 2 a 0 per gli isolani, il 12 maggio del 1996. Romano, il cui padrino di battesimo era, niente poco di meno che il poeta Trilussa, tifoso laziale, una casa in viale della Libertà, poliedrico più di Ulisse. Non solo calcio ma anche musica, fine pianista, al seguito di innumerevoli Festival della canzone Italiana, conduttore televisivo, scrittore e regista, il solo giornalista che Johan Cruyff volle per mettere in piedi un film su di lui. Insomma, tanta roba Sandro!

Icardi. Rino, uno dei maestri di molti che hanno intrapreso questo mestiere, formatore per esempio di Gianfranco Coppola. Una delle sue regole d’oro era questa: preparare 100 cose sulla partita in questione, da snocciolare via via, con parsimonia e naturalezza, senza risultare artificiosi.

Luzi. Ezio, voce amica di domeniche a cavallo tra anni 70 ed 80, se la serie B oggi ha una grande dignità ed è un brand che attira, lo si deve anche a lui, che la serie cadetta, ce l’ha fatta scoprire, raccontandoci sogni e pianti di piazze lontane dall’aula magna del futebol. Rimaneva stizzito quando, a fine campionato, i colleghi della serie A, commentavano le retrocessioni in B, quasi fossero una maledizione. La B era per lui una grande occasione, è stata, per molti anni, la sua casa.

Moretti. Guglielmo, forlivese, un liceo classico Morgagni in bacheca. Inventor, con Bortoluzzi e Zavoli, di questa strenna delle meraviglie. Lavorando in Francia, si accorse che lì c’era un programma che recava lo sport agli ascoltatori: rugby a 15, basket, persino il gioco delle bocce, senza la paura d’incombere in strafalcioni, sì portava sulle tavole degli appassionati un piatto unico e molto ricco di gusto ed immediatezza. La ricetta gli piacque, la propose in Italia, trovò in Bortoluzzi e Zavoli, due validi alleati. Sì, Tutto il calcio, fu concepita oltralpe.

Nel periodo non collegato. Quante volte abbiamo sentito questo sintagma grattarci i lobi delle orecchie. Annuncio in differita di pochi minuti, di quello che era accaduto su un campo, mentre la diretta verteva su un altro. Ogni tanto era accaduto di tutto, a volte calma piatta. Ma anche questa alternanza, tra cime e pianure, è uno degli ingredienti che rendono il tutto più saporito.

Onde. Quelle radio, la carreggiata, ancora percorribile, sulla quale ha viaggiato e viaggia “Tutto il calcio”. Ma anche metaforicamente, quelle cavalcate, surfista talentuoso, dell’oceano della nostra fantasia.

Piedone. Soprannome di Pedro Manfredini, puntero argentino. Detto Piedone dopo che un fotografò fece uno scatto al suo piede appena sceso da un aereo, dall’effetto sembrava grande, anche se in realtà il nostro aveva solo il 43. Un suo gol, quando vestiva la maglia della Roma, nel corso di un Inter – Roma, il 31 dicembre del 1961, bastò ad Enrico Ameri per cambiare gli iniziali canoni della rubrica, che ab origine, non prevedeva l’interruzione. Il gol di Piedone servì ad Enrico per iniziare una fortunata rivoluzione copernicana: al centro ci sarebbero stati i campi, certo, ma attorno, come terra calda ed itinerante, le varie interruzioni, croce o delizia, a seconda dei campanili, per gli ascoltatori.

Quoziente immaginifico. Quello che ha solleticato e che solletica il format. Ieri senza il calcio videns odierno Tutto il calcio era il solo tinello dove far accomodare quella parte del cervello capace di creare e plasmare immagini. Ma anche oggi, dove ci propinano partite da ogni angolo della tv, ascoltarle, lasciare cioè che qualcuno ce le racconti, senza che ne abbiamo il possesso della visione, resta un modo, caleidoscopico, di seguire il calcio.

Riccardo. Cucchi, dal 1996 al 2017 prima voce della trasmissione. Ci ha raccontato episodi apparentemente ordinari, come l’esordio di Gigi Buffon in serie A, nel 1995, nella filigrana di un Parma – Milan, così come ci ha portato alle orecchie vette straordinarie come la sequenza dei rigori, culminata con la rete di Fabio Grosso, che ci hanno visto conquistare a Berlino, il 9 luglio 2006, il quarto titolo mondiale.

Studio centrale, la sala dei bottoni di Tutto il calcio. Capitanata da quel 10 gennaio fino al 1987 da Roberto Bortoluzzi, semplicemente un signore, persona tutta d’un pezzo ma guai a prenderlo in giro quando il suo Napoli perdeva… che con fogli e foglietttini sotto braccio, correva da un corridoio all’altro della sede Rai di Corso Sempione a Milano, il cui palazzo aveva ideato l’ingegner Bortoluzzi, suo padre. Si, la prima sede di Tutto il calcio, fu milanese. Poi venne Massimo De Luca che guidò le operazioni dal 1987 al 1992. Qui la tolda della nobile nave passò nelle mani esperte di Alfredo Provenzali, genovese, che con gran fierezza ne fu rettore dal 1992 al 2012. Ah come amava quel mare e come sapeva capirne segreti e scovarne rotte. Così ebbe infatti a dire quando, il 31 agosto del 2008, sembrava che il programma non andasse in onda per le vicende relative ai diritti della Serie A:” Tutto il calcio, la trasmissione radiofonica che nel mare procelloso dei diritti ha saputo tenere alta e tesa la bandiera dei doveri”. Parole, da comandante. Attualmente il timone è, dal 2012, anno della scomparsa di Alfredo, nelle mani, sempre molto attente, di Filippo Corsini.

Ma anche S di Stadi. I teatri dei vari attori di “Tutto il calcio”. Con cabine o senza, tra fili, cavi e tecnici, pacchetti di sigarette e plichi di fogli zeppi di nomi, ecco le cuffie, che appena si accendono, riattivano l’antica e sempre nuova magia.

Tutto il calcio, 10 gennaio 1960, 10 gennaio 2020. Sessanta primavere, un signore ancora ruspante, una donna ancora ammaliante. Ma anche T dei The Tijuana Brass, il gruppo californiano che con il trombettista Herb Alpert, incise nel 1965, A taste of honey, sigla e compagna di viaggio immancabile.

Ultimo giro di valzer, in diverse circostanze l’ultimo atto delle varie voci, ha coinciso con la loro ultima radiocronaca. Come nel sopracitato ultimo giorno di scuola, cagliaritano, di Sandro Ciotti. Come non ricordare l’ultimo giro di valzer di Tonino Raffa, avvenuto nei banchi della tribuna stampa dello stadio Tardini di Parma, in cabina, dove raccontò, l’11 maggio 2011 Parma–Juve 1 a 0 per i Crociati con rete di Giovinco. Ha fatto invece il giro del web il commosso commiato di Ugo Russo, che il 12 ottobre del 2014, si congedò dai microfoni alla fine di un Livorno–Trapani. A San Siro, sponda nerazzurra, ancora si ricordano il canto del cigno di Riccardo Cucchi, datato 12 febbraio 2017, Inter – Empoli. Ecco l’ultimo giro di valzer, che dice, più di mille radiocronache, la cifra dei radiocronisti.

Verità. Quella, che guardandola e fotografandola, en plein air, dai campi, con la loro voce, la lunga schiera di firme radiofoniche ci ha consegnata e che abbiamo ricevuta, mentre eravamo in macchina, a casa sul divano, al cinema o stavamo semplicemente camminando per il centro città. Se oggi si festeggiano i 60 anni, è perché, alla nuda e cruda verità dei fatti del campo, regina sovrana del racconto, Tutto il calcio, non ha mai voluto e saputo rinunciare.

Zavoli, Sergio, ravennate, classe 1923, l’unico superstite dei tre fondatori di questo gioiellino. Alcuni Anni fa, invitato a parlare del calcio di oggi, così argomentò: “Certo non è più un pianeta ideale ma nemmeno la fine del gioco più bello del mondo, che anzi si annida, resiste e cresce”. Forse, proprio come “Tutto il calcio minuto per minuto”. Luica Savarese

2 pensieri riguardo “60 ANNI MINUTO PER MINUTO: TUTTO IL CALCIO… LETTERA PER LETTERA

  • 10 Gennaio 2020 in 17:17
    Permalink

    Buon Compleanno a Tutto il calcio minuto per minuto, che per 60 anni ci ha raccontato sapientemente i fatti sportivi!
    E complimenti a Luca Savarese, che , con maestria, “Lettera per lettera ” ci ha fatto rivivere i vari ” pasticceri della parola”, del mondo sportivo!

    Maria Teresa l

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI