martedì, Maggio 28, 2024
ColumnistNews

IL COLUMNIST di Luca Russo / ANNO NUOVO, EMERGENZE VECCHIE

russo 1(Luca Russo) – Anno nuovo, emergenze vecchie. A Bergamo, alla ripresa del campionato dopo la sosta natalizia, il Parma dovrà continuare a fare i conti con un’infermeria ai limiti della capienza. Esattamente come è accaduto da ottobre in poi. Fuori Gervinho, Karamoh e Cornelius, D’Aversa si vedrà costretto a inventarsi letteralmente la linea offensiva. Sì, Inglese rientrerà, ma, complice l’infortunio che lo ha tenuto fuori a lungo, potrà tornarci utile solo per uno spezzone di partita. Se al quadro appena tracciato aggiungiamo che Gagliolo è squalificato, si capisce quale sia il livello di complessità del match contro l’Atalanta. Tra gli orobici, Gollini, alle prese coi postumi di una sindrome influenza, potrebbe recuperare. Certa, al contrario, la disponibilità di Zapata, out da tre mesi, anche se è improbabile che gli venga assegnata una maglia nell’undici titolare. Mentre noi, dunque, dobbiamo contarci, a Zingonia sono al gran completo. Nonostante ciò, sconsigliamo ai Crociati strani ribaltoni tattici – pure se a me ingolosisce il pensiero di Grassi falso nove alla maniera di Mertens, con Kucka e Kulusevski alle sue spalle – o profonde correzioni allo stile di gioco: il modo migliore per consegnarsi all’Atalanta, e regalargli la vittoria, è snaturarsi nel tentativo di disinnescarne l’immenso potenziale, di cui ci hanno dato prova sia in campo nazionale che internazionale. Un arsenale da 51 reti in 23 partite, 2,2 a incontro: per sconfiggere la Dea occorrono mediamente dai 2 centri in su. Lo testimoniano le sconfitte che ha subito contro il Torino (3 reti incassate), il Cagliari (2), la Juventus (3) e il Bologna (2) in A; e contro la Dinamo Zagabria (4), lo Shakhtar (3) e il Manchester City (5) in Champions League. Un’impresa sulla carta proibitiva per il Parma da 29 gol in 19 apparizioni, 1,52 a gara. Ma che potrebbe trasfomarsi in possibile se i nostri, invece di preoccuparsi dell’enorme volume di realizzazioni prodotto dai nerazzurri bergamaschi, riuscissero a capitalizzare la loro non perfetta tenuta casalinga: 3 delle 4 sconfitte orobiche in campionato sono maturate al Gewiss Stadium. Restando sul terreno delle statistiche, questa mattina i colleghi del Corriere della Sera ne hanno rispolverata una già nota agli amanti e agli appassionati del pallone italico: “A vincere il tricolore nostrano non è quasi mai la squadra con l’attacco migliore, ma quella con la miglior difesa”. La storia della massima serie, kucka bologna parma 24 11 2019in tal senso, non mente. Nel 1987/1988, il Milan di Arrigo Sacchi, uno dei tecnici più offensivi di sempre, si laureò Campione d’Italia incassando appena 14 reti a dispetto delle 27 prese dal Napoli di Maradona che pure vantava l’attacco più performante con 55 reti all’attivo. Che segnare tanto garantisca pochi titoli ce lo confermano la Lazio di tre stagioni fa, 89 reti fatte e quinto posto finale, e il Lecce di Zeman del 2004/2005, 66 marcature (una in meno della Juventus di Capello) e undicesimo in classifica. Quella del “primo non prenderle” resta, insomma, una strategia sempreverde e sempre vincente in A, sebbene da qualche anno a questa parte in Italia sia in corso una lenta ma inarrestabile conversione al giochismo in luogo del risultatismo. Buon per il Parma che fa del contropiede la sua arma migliore: a Bergamo potrebbe bastare per trapanare le solide certezze del dentista Gasperini. Luca Russo

15 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / ANNO NUOVO, EMERGENZE VECCHIE

  • Mi permetto di dare un consiglio ai MAGNIFICI 9
    ADORANTE visto che non lo si fa giocare nemmeno nelle super emergenze non sarebbe meglio a gennaio darlo in prestito a qualche squadra anche di B che lo faccia giocare.?
    Almeno gioca. almeno matura.
    Inutile tenerlo solo per fargli fare gli allenamenti settimanali
    a Collecchio
    In prestito libererebbe un posto e poi se è bravo verrebbe valorizzato
    Sarebbe un bene per lui per la società.
    Rimanere solo per scaldare la panca non della panchina ma dello spogliatoio, e’ un
    “NON SENSE”

  • Scusate la mia ignoranza ma non capisco una cosa.
    Come riserva della riserva in poche parole come riserva di inglese e di Cornelius si vuole acquistare un giocatore tale Teodoczyk dell’Udinese che vale solo un unghia di Adorante essendo Teodoczyk decisamente scarso infatti l”‘udinese non gli ha mai fatto fare uno spezzone di partita avendo capito la pochezza tecnica veramente imbarazzante di questo giocatore.
    Scusate a questo punto meglio Adorante facendolo giocare e risparmiando quei soldi per altri giocatori di cui abbiamo TERRIFICANTEMENTE. bisogno specialmente a centrocampo.

    • Bravo Vele ….
      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
      Best ,
      Rocky Marciano

    • Probabilmente a Udine non ha lasciato il segno ma Teodorczyk ha fatto 2 anni alla Dinamo Kiev e 2 anni all’Anderlecht dove ha segnato ben 37 reti, inoltre annovera 18 presenze in nazionale polacca (dove ci sono punte del livello di Lewandovski e Milik) con 2 reti… così scarso non mi sembra.
      Poi su Adorante mi sono già espresso, anche io gli avrei dato qualche opportunità in più.
      Sempre e solo forza Parma

  • Adorante , Adorante , Adorante , Adorante , Adorante ,
    Adorante , Adorante , Adorante , Adorante , Adorante ,
    ecc. ecc. ecc. ecc. ecc.

  • Adorante …..
    By Popular demand …..
    Tifosi di Parma …..
    Let yourselves be heard and join in on supporting ..
    Adorante

  • Il sig. Russo mi sembra troppo sicuro di fare punti a Bergamo. A me basta non subire un’imbarcata e giocarcela.

  • Luca dicendo questo dimostri di essere un perdente nato e so che non lo sei per cui non guardare il bicchiere non solo mezzo vuoto ma completamente vuoto.
    A Bergamo si può anche vincere altro che goleada orobica
    Se noi giochiamo come abbiamo fatto con la Roma li stendiamo.
    Parola mia
    Chi ha più voglia di vincere vince e se loro tecnicamente sono.piu forti, noi dobbiamo dobbiamo supplire a questa carenza, mettendo grinta, occhi da tigre, concentrazione e fame e non mettendo i pannoloni abbinati alla paura.
    Dopo una sosta così lunga tutto può accadere.
    In quanto a Foggiano amico Luca. lui ha mentalità vincente e poi con le grandi NOI NON ABBIAMO MAI CICCATO QUEST’ANNO una partita.( Lazio a parte) per cui
    G.I O C.H.I.A.M.O.C.E.L.A.
    Credimi avremo più difficoltà con il Lecce in casa visto che con le piccole quasi sempre la prendiamo.in quel posto dove non batte il ☀
    Per me è con il Lecce in casa che ci giocheremo il nostro futuro.
    Con l’Atalanta avremo la mente libera e quindi avremo TUTTO DA GUADAGNARE E NIENTE DA PERDERE,la vittoria non c’è la chiede nessuno
    Con il Lecce avendo tensione per l”‘importanza della gara, avremo
    NIENTE DA GUADAGNARE MA TUTTO DA PERDERE se non arriverà la vittoria che ci viene chiesta da tutti.
    È QUELLA LA PARTITA DELL’ANNO, non quella di domani.

    Ciao Luca.

  • Rimane una partita da POSSIBILE MAL DI DENTI ma,
    in trasferta, i nostri hanno dimostrato di giocare meglio ottenendo anche risultati importanti …
    ..
    detto questo ….se giocheranno come penso io, non sarà affatto scontato il risultato …
    LORO SONO CHIARAMENTE MOLTO FORTI MA.…
    si possono prendere le adeguate contromisure …

    ………………………………………..SEPE
    …………………..IACOPONI DERMAKU BRUNO ALVES
    DARMIAN HERNANI SCOZZARELLA BARILLA’ PEZZELLA
    KULU
    ……………………………. KUKO …………………………
    poi, che si mettano a 3, a 4 o a 5 , a me non importa molto, QUESTI 11 DEVONO GIOCARE ….4-3-3, 3-5-2, 5-3-2, ..COME SEMPRE, DEVONO GIOCARE I MIGLIORI, I + IN FORMA ANCHE CONSIDERANDO GLI AVVERSARI DA AFFRONTARE ..
    tutti parlano sempre di zona ma, alla resa dei conti, in campo si creano spesso duelli uomo contro uomo, rispettivamente nelle zone di competenza …coi centrocampisti che andranno sempre a raddoppiare sui propri difensori in fase di non possesso ..
    ….
    ho fiducia …anche se, nelle previsioni estive , ho scritto ZERO PUNTI …

    …subito pronti, qualora servissero, GRASSI…..INGLESE

    ….saranno fondamentali le MARCATURE A UOMO su GOMEZ e ILICIC ….una volta neutralizzati i mandanti …. chi dovrebbe ricevere assist potrebbe rimanere a secco .. ( MURIEL e, a seguire, ZAPATA )…

    buona gara a tutti e …FORZA PARMA CALCIO 1913

    moro

  • Se Scozza è il nostro “Pirlo” la mia compagna è la mia Jennifer Lopez e la Punto è la mia Lamborghini Ventador. Si chiamano fantasie compensative.

    • Tutto … caro Pen …. in su medida …
      e la mia e’ La Belucci …scherzo …
      Per la Nostra amato Paerma ….Scozza in % …. e’ un versione di
      80 % Pirlo e 20 % Rino ….ricordi il Milan di tu amico Carlito ..
      Scozza ha di qualità di fantasista e con el lavoro difensiva che da D’AversA …. e’ fondamentale in nostro gioco …di avere questa opzione di gioco che Nostro centrocampiste no hanno ..
      Cordialmente ,
      Xavi Hernandez ( il Perlo Catalano )

      • Il Pirlo Catalano no Perlo

  • E l’oslone del malaugurio S…i è Pulitzer.

  • Anche la fola di Siligardi ha rotto i maroni. Fuori poi dentro poi fuori poi dentro. Su arrivederci e grazie e usiamo l’ingaggio per altro che serve cole il pane. Fuori dai piedi

I commenti sono chiusi.