IL COLUMNIST di Luca Russo / DELUSIONE, SCONCERTO E DISPIACERE PER L’OSTILITA’ DEI TIFOSI A KULUSEVSKI ACQUISTATO DALLA JUVENTUS

juventus comunicato kulusevski(Luca Russo) – Delusione. Sconcerto. E dispiacere. E’ questo il mix di sensazioni che sto provando al cospetto dell’ostilità con la quale diversi tifosi del Parma hanno accolto il passaggio di Dejan Kulusevski alla Juventus. E dire che il club Crociato – forte della volontà del calciatore di rimanere qui, nonostante se cambiasse subito casacca guadagnerebbe decisamente di più di adesso (circa 10 volte) – ha risposto picche ad ogni proposta dei nuovi compratori di assicurarselo subito, come messo nero su bianco dalla società bianconera nel comunicato stampa rivolto destinato in primis agli azionisti della Spa. A scatenare questo odio, a giudicare da ciò che si legge sul web, il comportamento dell’ex mediano del Brommapojkarna in occasione delle visite mediche sostenute questa mattina al JMedical: in sintesi i webbeti gli contestano le foto e gli autografi che ha concesso ai tifosi juventini lì presenti, che han finito per dare la stura ad esternazioni inopportune che spaziano da “a farne le spese siamo stati noi che lo abbiamo valorizzato gratis” a “vederlo in posa con quelli è uno spettacolo schifoso”, passando per “chissà con quale testa tornerà a giocare da noi” e augurandogli financo la morte. Orrore e schifo. Ma come si fa a scrivere queste cose a un ragazzo di neanche 20 anni che in pratica da solo sta salvando il Parma? E poi tutta una serie piuttosto nutrita di volgarità che per amor di decenza non vi riporterò, anche perché sono facilmente reperibili in rete e di certo non necessitano della pubblicità del sottoscritto per essere scovate. Tuttavia ci tengo a commentare i kulusevski juvevirgolettati di cui sopra, avendo come fine unico e ultimo quello di difendere la serietà del fortissimo giocatore svedese. Detto che la Juventus, avendolo acquistato a titolo definitivo, era in diritto di sfruttarlo sotto il profilo mediatico, non fosse altro per fare un dispetto all’Inter degli ex Marotta e Conte che lo ha seguito a lungo prima di vederselo scappare in direzione Torino, trovo surreale la teoria per cui lo si sarebbe valorizzato gratis. Nel lavoro, nello sport, nella vita in genere, oltre a badare a ciò che si dà, si dovrebbe guardare pure a ciò che si riceve: sul serio definireste valorizzazione “aggratis” l’aver beneficiato delle prestazioni di un calciatore che a suon di reti (4), assist (7) e prestazioni da urlo ci ha proiettati in una posizione di classifica (settimi) inimmaginabile ai nastri di partenza del campionato? Senza nulla togliere al contributo, ugualmente notevole e determinante, dei suoi compagni, Kulusevski ci sta garantendo da solo il 50% circa (che corrisponde alla sua percentuale di partecipazione ai gol) della salvezza, che era, è e resterà il nostro obiettivo stagionale. L’Atalanta ce lo avrà anche solamente dato in prestito secco (ora confermato dai nuovi proprietari del cartellino), negandoci ogni possibilità di ritorno economico, ma noi ne abbiamo ricavato la quasi certezza di restare in A anche la prossima stagione, e solo chi ha letto il bilancio licenziato, depositato e pubblicato poche settimane fa sa quanto valga per il club Ducale conservare la massima serie, ovvero una sessantina (60) di milioni in termini di ricavi (audiovisivi, commerciali e ticketing). E’ logico, oltre che umanamente concepibile, desiderare il peggio per chi sta dando il massimo per la nostra causa? No. Siamo seri: visto che non siamo più l’invincibile Parma degli anni ’90 e considerati i nostri attuali orizzonti tecnici e di classifica, dovremmo fare carte false per goderci ogni anno un Kulusevski da valorizzare “aggratis” o i numeri e le invenzioni palla al piede di un giocatore del suo stesso calibro, col suo stesso immenso talento e altrettanto professionale. A proposito di professionalità: chi dubita del suo impegno in casacca Crociata da qui alla fine della stagione, chiedendosi con quale testa farà ritorno nel Ducato espletate le formalità di rito delle sue prime ore in bianconero, evidentemente non lo ha mai visto allenarsi né lo ha “sentito all’opera” in una delle poche interviste che fin qui ha concesso. Soprattutto quella di oggi che, pur da neo-juventino (di proprietà), si è rivolto in primis ai tifosi del Parma (ove resta in affitto), inclusi, purtroppo, gli stessi che nelle ore precedenti gli avevano vomitato addosso il proprio risentimento e frustrazione: “Sono a Parma da sei mesi ma è casa, tutti i compagni mi aiutano, sono fortunato ad avere compagni e un mister così che crede tanto in me. La Juventus… E’ una della più grandi del mondo, quando inizi a giocare vuoi giocare per la Juventus: quando ho avuto la possibilità di venire qui, non ci ho neanche pensato. Un messaggio per i tifosi? Il primo è per quelli del Parma: sto già pensando alla gara di lunedì, per giocare e migliorusso 1rare come fatto in questi sei mesi. A quelli della Juventus dico che da luglio darò tutto, in allenamento, in partita, voglio migliorare e far contenti i ragazzi”. Questo ragazzino ragazzone di 19 anni è nato vecchio, nell’accezione positiva del termine, e pronto. La saggezza non gli manca, ma nemmeno l’ambizione, la convinzione nei propri mezzi (convinzione legittima, direi) e la maniacalità nella cura di ogni dettaglio e nella preparazione del prossimo match sia in campo, a Collecchio, che fuori, quando fa indigestione di calcio in tv e cerca di assimilare, assorbire ogni bel gesto tecnico compiuto dai migliori calciatori in circolazione per poi replicarlo al Tardini. Fidarsi di uno con una personalità del genere e una tale forza di volontà, è il minimo che si possa fare. Luca Russo

40 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / DELUSIONE, SCONCERTO E DISPIACERE PER L’OSTILITA’ DEI TIFOSI A KULUSEVSKI ACQUISTATO DALLA JUVENTUS

  • 2 Gennaio 2020 in 23:36
    Permalink

    Kulusesky mi piace come campione e persona.
    È un grande.
    Diventerà il nuovo Messi.
    Ha fatto quello che chiunque avrebbe fatto
    Rimanere al Parma fino a giugno.
    Non ci ha tradito anzi….
    È questo che gli si chiedeva
    È questo che i tifosi VERI del Parma
    chiedevano alla società.
    È ovvio poi che tra i tifosi del Parma come
    del resto ci sono in altre tifoserie, ci sono
    degli emeriti imbecilli che vedono.le cose
    in un modo strambo e patetico.
    Non vanno.presi in considerazione ma
    solo compatiti offendendo a volte
    giocatori che non.lo meritano
    Bravo Dejan per aver voluto rimanere con noi
    fino a giugno.
    Sono fiero di te.
    Chapeau.

  • 3 Gennaio 2020 in 00:39
    Permalink

    È inverosimile! Mi trovo “costretto” a dare ragione a Velenoso. Solo complimenti ed auguri al ragazzone.

  • 3 Gennaio 2020 in 09:25
    Permalink

    Caro Russo, non mi trovo d’accordo però nel mischiare gli auguri di morte, che non vanno nemmeno commentati, allo schifo nel vedere un giocatore vestire la maglia del Parma, dopo 24 ore quella della Juve con tanto di foto e autografi e dopo altre 24 nuovamente quella del Parma. Questo no, faccio fatica ad accettarlo. Una roba del genere da quando seguo il calcio, ovvero 42 anni, non l’avevo mai vista. Una mancanza di sensibilità, non so se obbligato dalla dirigenza juventina (che peraltro non smentisce mai il grande Stile) o meno, ma al di la delle sue parole, che possono essere anche state suggerite da “qualcuno”, questo gesto è veramente di baso profilo…poi dopo si può discutere del giocatore e quanto sia forte, ok. Ma prima di tutto, a mio parere, valgono i gesti.

    • 3 Gennaio 2020 in 11:55
      Permalink

      È dal momento dell’ufficialità che mi chiedo se la medesima indignazione si sarebbe scatenata se, invece di finire alla Juventus (all’Inter, al Napoli, al Milan o a qualsiasi altre grande squadra), fosse stato acquistato, per esempio, dal Cagliari.

      Aggiungo: fosse finito ad un top club europeo, tipo Barcellona o Liverpool, ne sareste stati addirittura orgogliosi.

      Come direbbe Totò: ma mi faccia il piacere!

    • 3 Gennaio 2020 in 12:12
      Permalink

      È una questione di norme federali, l’Atalanta per vendere il calciatore (35 Milioni più bonus non fanno schifo a nessuno) alla Juventus doveva risolvere il prestito al Parma e poi la Juventus, come ha fatto, ha ceduto in prestito gratuito il cartellino fino a giugno. Se tutto non si fosse fatto in 2 giorni, noi domenica non lo avremmo avuto a disposizione per la partita con l’Atalanta. Prima di scrivere strafalcioni o insultare a vanvera, non sarebbe male informarsi. Il ragazzo merita solo ringraziamenti e tanto rispetto, almeno fino ad oggi.

  • 3 Gennaio 2020 in 09:54
    Permalink

    Russo lei è più retorico di un discorso di fine anno di Mattarella. La giornata di ieri è stata uno schifo. Punto. Il ragazzo non ha colpe le colpe sono di altri ma quanto visto fa schifo e negarlo è come dire che gli asini volano.

    • 3 Gennaio 2020 in 10:52
      Permalink

      BRAVO DAVIDE…..D’ACCORDO SU TUTTO!!!

    • 3 Gennaio 2020 in 12:17
      Permalink

      Più che retorica mi sembra molto aderente alla realtà e concreto ( come il discorso di Mattarella), se non avesse fatto le visite ieri e ceduto il prestito al Parma, non potevi schierarlo domenica.
      L’Atalanta, un contratto da 35 Milioni più bonus lo voleva chiudere subito, giustamente. Più concretezza di questa!

  • 3 Gennaio 2020 in 10:21
    Permalink

    Quoto Simone in toto. Una parte di opinionisti che spingono per minimizzare lo schifo che si è consumato ieri e anzi a dare dei coglioni ai tifosi incazzati mi ricordano la penna d’oro oslone del malaugurio che aveva visto le fatture pagate dal bresciano, gente che fa finta di non vedere la realtà.

    • 3 Gennaio 2020 in 10:56
      Permalink

      Aggiungo…avrei voluto vedere se un giocatore dell’Inter o della Roma avesse fatto una roba del genere cosa sarebbe successo anche a livello di testate giornalistiche.
      La società Inter non avrebbe mai e dico mai permesso a Lautaro Martinez di vestire la maglia della Juve per poi tornare a Milano e indossare quella dell’Inter ecc.….
      Russo Lei è la retorica ad personam come molti giornalisti.

  • 3 Gennaio 2020 in 10:23
    Permalink

    Simone T ma,allora spiegati Kulu cosa avrebbe dovuto fare?
    Rinunciare al trasferimento?
    Dire che ha purtroppo firmato con i gobbi con la morte nel cuore?
    Che l’anno 2020 per lui è iniziato male?
    Che purtroppo è stata l’Atalanta a venderlo ai gobbi e che di
    conseguenza anche se non d’accordo ha dovevano accettare?
    Non avrebbe dovuto fare autografi dicendoci chi glielo chiedeva
    “Andate tutti al diavolo io sono.un giocatore del Parma”?
    Tu invece Simone t se fosti stato al suo posto e andando alla,Juventus e il tuo “salario” sarebbe aumentato da 200.000 euro a 2.500.000 di euro, avresti rifiutato?
    Kulu avrebbe potuto dire
    “Al Parma per gli altri sei mesi prenderei 100.000 euro mentre alla,Juventus da qui a giugno prenderei 1.250.000 euro.
    Non.l’ha fatto.
    Ha rinunciato a oltre un milione per stare con noi e tu lo critichi?
    Io gli dico soltanto
    “Dejan hai dimostrato oltre a essere un futuro campionissimo.un vero uomo, uno che da la parola e poi la mantiene.
    Sei un grande campione ma più che un campione sei UN VERO UOMO anche se sei solo un ragazzo
    Bravo anzi bravissimo sono fiero di te”
    Simone T dai tu al suo posto cosa avresti fatto?
    Se hai pelle ( ma ne dubito) dimmelo.
    Attendo risposta

    P.S.
    Brava società a non prendere Pjaca

  • 3 Gennaio 2020 in 10:57
    Permalink

    Velenoso, non si discute il ragazzo che per me rimane un bravo professionista, ma tutto il contorno pazzesco, senza logica alcuna.

  • 3 Gennaio 2020 in 11:01
    Permalink

    Pienamente d’accordo con Velenoso. Io non capisco alcuni miei concittadini: non contenti di fischiare, contestare, stramaledire Dessena (io devo ancora capire il perchè…), ora addirittura contestano il miglior giocatore crociato da diversi anni ad oggi, “colpevole” di aver accettato un trasferimento in un top club (con tanto di stipendio decuplicato!) deciso peraltro dal club proprietario del suo cartellino! Colpevole di essersi fatto fotografare con la maglia con cui presumibilmente giocherà l’anno prossimo? Se ha firmato un contratto, il nuovo proprietario gli “impone” la foto con la nuova maglia: dov’è il problema??
    Credo che il vero problema sia un mercato calciatori aperto a metà campionato per oltre un mese; ma qui si va ad aprire un argomento sterminato.
    Era facile prevedere per il Kulu un futuro calcistico luminoso (che io – Juve o non Juve – gli auguro): godiamocelo fino a giugno ed apprezziamo la sua fisicità, il suo impegno, la sua abilità calcistica

    • 3 Gennaio 2020 in 11:38
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 3 Gennaio 2020 in 12:49
    Permalink

    Seriamente avete scritto tante pu…anate?
    Di Velenoso non mi stupisco più di tanto, perchè è noto che o non capisce o fa finta di non capire…ma non mi interessa. Ma lei Luca Russo, cosa ha scritto?Dove e in quale post avrei criticato la cessione alla Juventus? Scusatemi ma mi sfugge. Qualora non si fosse capito, ma mi sembra molto chiaro quanto già scritto, ripeto che la mia critica è in merito alla forma con la quale è avvenuto tutto ciò…ditemi voi quando mai è capitato che, durante la sessione del calciomercato invernale, un giocatore posi con la maglia della nuova squadra di appartenenza(a partire da giugno tra l’altro). Vogliamo fare retorica?Facciamola pure, ma almeno prendetevi la briga di capire ciò che si scrive, almeno quello. Poi che vada alla Juve dia fastidio è normale, avrei preferito qualsiasi altra squadra al mondo, ma amen..cas sòv.
    Fare una foto con la maglia della Juve e tornare ad indossare quella del Parma l’indomani mi fa veramente venire il vomito, ma che il calcio stia andando alla deriva ormai è una certezza…una volta certe amenità non sarebbero mai avvenute, ora non c’è più limite al peggio.

    • 3 Gennaio 2020 in 13:05
      Permalink

      A Gennaio difficilmente si portano a termine operazioni di tale portata: in più credo debba contare la sostanza più che la forma.

      Il Parma ha detto niet alla Juve e non succedeva da trentanni (anzi, quando la Juive chiamava si genufletteva anche calisto o chi per lui) e tutti qui a pensare a quei due poveretti che erano a farsi firmare autografi dal nuovo acquisto. ma chissefrega, zio cajenna. Intanto Kulu gioca come da programma fino a Giugno nel Parma, e secondo me farà gol sia alla Dea che ai Bianconeri propprio per tenersi in forma e mostrare la sua serietà

  • 3 Gennaio 2020 in 12:51
    Permalink

    Poi se volete fare i moralisti fate pure…non vi danno fastidio certe cose?E’ evidente che siete solo opinionisti e non tifosi.

    • 3 Gennaio 2020 in 13:02
      Permalink

      Simone, questo è un quotidiano on line, quindi ci sono iscritti all’Ordine dei giornalisti che hanno il dovere, indipendentemente dalla fede calcistica, di essere obiettivi e riportare fatti e valutazioni nel giusto alveo.

      Ieri si sono lette cose schifose anche in questo spazio commenti anche se fortunatamente in modo minore rispetto ai social.

      una volta tanto devo elogiare Velenoso per la saggezza delle sue parole. Non posso fare altrettanto con Te o con Davide o con Lele, dove l’irrazionalità, tendente al peggio, non vi ha suggerito testi apprezzabili.

      Non c’è alcuno scandalo. E il Parma ha ottenuto quello che voleva: tenersi le prestazioni sportive del calciatore che sono quello che più contano, visto che gli dobbiamo il 75% del settimo posto.

      L’Atalanta aveva fretta di vendere un suo bene, la Juventus di acquistarlo? Benissimo. L’importante era tenerlo fino a Giugno e Kulusevski, sia pure tirato in mezzo in mo0do improvviso, ha agito per l’ennesima volta con la testa sulle spalle.

      la mediaticità data alla operazione da parte dei bianconeri dipendeva da fattori extra Parma (noi, nel nostro provicncialismo, crediamo di essere al centro del mondo, ma non ci caga nessuno) leggesi lo sgarro agli ex Marotta e Conte e anche l’entità dell’operazione conclusa.

      • 3 Gennaio 2020 in 15:23
        Permalink

        Mi scusi Direttore ma io penso di non aver offeso nessuno, tantomeno il Sig. Russo.
        HO SCRITTO E RIPETO:
        – Il ragazzo non si discute;
        – La società Parma Calcio 1913 non ha colpe anche perché non può averne;
        – La società Juventus (Rubentus) ha dimostrato di essere irrispettosa nei confronti del Parma Calcio 1913 e sfido chiunque a dire che avrebbe fatto lo stesso con un giocatore dell’Inter o della Roma o altre società di pari peso mediatico.
        Detto questo non penso avere offeso il Sig. Russo che a parte non leggere ed interpretare il senso di quanto scritto ha invece con assoluta certezza offeso il giocatore De Vrij (avrà le prove di certo), ma non sono certo io il difensore d’ufficio di De Vrij. Però rimango basito che anche Lei Direttore giudichi tutto normale il comportamento di una società (Rubentus) normale quando sappiamo tutto che così non è.
        Davide ha solamente esasperato un concetto direi limpido come il sole, a nulla alludendo, come peraltro il sottoscritto, al Parma Calcio 1913 o al ragazzo che ritengo e lo ripeto per l’ennesima volta un professionista esemplare.
        Il teatro messo in piedi da TV, GIORNALI SPORTIVI E NON NAZIONALI E’ VERGOGNOSO E IRRISPETOSO.
        Con altre squadre non sarebbe successo.
        E se questo è il calcio, beh allora godetevi questo spettacolo.
        Con rispetto.
        Lele

  • 3 Gennaio 2020 in 13:01
    Permalink

    si quota Velenoso e Lele.
    spero però che i tifosi non lo contestino. in caso contrario (e sarebbe un grosso errore) via prima della chiusura invernale.

  • 3 Gennaio 2020 in 13:14
    Permalink

    Direttore se la giornata di ieri la cataloghiamo come “normale” e coglioni chi non la digerisce vuol dire che un certo calcio è davvero finito. Vorrei vedere un giocatore di Roma, Napoli Inter o Milan fare quello che si è visto ieri. E a scanso di equivoci io non do alcuna colpa al ragazzo che non c’entra una mazza. Ma a tutti i soggetti in primis Percassi che hanno messo in piedi questi schifo che va avanti da due mesi. Per capirci io insultavo Pagliuca e fischio (non insulto) Dessena perché conosco quanto è accaduto. E a me ieri ha fatto schifo. Poi Russo può dirmi anche che se cago a letto ho sudato ma io e tanti non la pensiamo così.

    • 3 Gennaio 2020 in 13:56
      Permalink

      Nessuno dice di catalogare come normale la giornata di ieri, ma se la smettessimo di farci del male da soli non sarebbe male. Dal dopo fallimento in poi non si perde occasione per polemizzare su tutto, finendo per risultare fastidiosi oltremodo.

      Chiaro che al tifoso non si chiede di essere razionale, ma per evitare inutili travasi di bile sarebbe meglio accendere il cervello, cosa che in epoca social appare piuttosto difficile. Come già rimarcato da Russo è vergognoso che si auguri la morte (pur capendo bene che si tratta di una iperbole) a un ragazzo di manco 20 anni che da solo si è preso sulle spalle il Parma trascinandolo al 7° posto (ed è lo stesso Parma dell’anno scorso più Kulusevski che è meglio di Parolo).

      Al di là della forma -e ribadisco per l’ennesima volta che il pernacchio mediatico dei bianconeri era rivolto agli amati ex Marotta e Conte – la sostanza dimostra che l’attuale proprietà del Parma può piccarsi di essere stata l’unica a rispondere picche alla Juventus: neppure il buon Calisto ci era riuscito, cari nostalgici della grandeur… Anzi se vi rileggete la storia forse capirete anche perché non è mai arrivato quello scudetto che aveva fatto perdere il cervello a tutti…

      Cos’altro poteva fare il ragazzo – messo in mezzo in maniera ingobile, senza alcuna riconscenza – o il club, datosi che l’Atalanta, proprietaria aveva fretta di capitalizzare l’investimento e il compratore di sbaragliare la concorrenza?

      Kului è rimasto e darà il meglio di sè da brava persona qual è e la società beneficierà delle prestazioni sportive del ragazzo, come programamto, fine a fine anno. Punto. stop. fine della fiera e della cagnara. O stiamo ancora qui a menare il torrone per due selfie o un fotomontaggtio o non so cosa?

      E comunque il Parma, in questo caso, non è stato scendiletto di nessuno.

  • 3 Gennaio 2020 in 13:18
    Permalink

    E caro Russo da che ho memoria MAI un giocatore a gennaio ha posato con la maglia che indosserà da giugno o firmato autografi o fatto foto durante la firma a meno che non fosse svincolato. E mi dica quante scene così si vedranno da adesso a fine mese. Nessuna. Poi va bene così, anzi ospitiamo ancora Percassi e Gosens.

  • 3 Gennaio 2020 in 13:24
    Permalink

    il contorno è concesso e non lo vedo nemmeno immorale sinceramente. i giocatori sono lavoratori.
    di Alessandro Lucarelli ce ne sono pochi in giro. il calcio di oggi è azienda prima di sport e passione giusto o sbagliato che sia.

    • 3 Gennaio 2020 in 15:29
      Permalink

      Caro Albano, sarò d’accordo con te quando tutti faranno quello che hanno fatto ieri. Se il calcio è un’industria allora giusto così.
      Ma per squadre come INTER, MILAN, ROMA ECC… pur essendo più per loro che per noi un’industria, proprio per questo, SCENE DI QUESTO GENERE NON NE VEDRAI MAI MAI MAI!!! Se così fosse, allora il tuo concetto sarà il benvenuto.
      Ma noi siamo sempre capostipiti di tutti i movimenti.
      VEDASI MESSAGGINI, SMS, BESTEMMIE ECC.. IL PARMA LO METTONO SEMPRE IN PRIMA FILA A COMANDARE…

  • 3 Gennaio 2020 in 14:20
    Permalink

    Eh va beh…continuiamo pure a scrivere che si sta criticando l’operazione.. non c’è peggio sordo di chi non vuol sentire. Qualcuno ha criticato il Parma per caso? Siamo tutti riconoscenti alla società, che in questo caso aveva le mani legate. Siamo tutti riconoscenti al ragazzo per quanto fatto fino ad ora, e fino a qui ci siamo.
    Adesso vogliamo dire che la foto con la maglia era un fotomontaggio?Dai direttore, era una battuta vero?
    Vogliamo dire che la juve l’ha fatto per sbeffeggiare i colleghi interisti?Ok, diciamolo…ma porca di quella troia, si può anche dire che quello che si è visto ieri è qualcosa di schifoso senza augurare la morte a nessuno?O bisogna per forza mettere tutto in un unico calderone e criticare chi come me sostiene ciò perchè c’è gente che come al solito la fa fuori dal vaso?
    A voi sta bene vedere ciò che si è visto ieri? Benissimo. Ma non raccontiamo la rava e la fava partendo dal Parma di Tanzi, perchè non c’entra una beata mazza, dato che non siamo qui a criticare la società. A noi non ci caga nessuno, ok…. ma nel nostro piccolo avremo o no il diritto di esprimere opinioni in merito?O bisogna sempre e solo dire che sono tutti buoni o è tutto bello?Mah, veramente certe prese di posizione non le capisco…

  • 3 Gennaio 2020 in 14:36
    Permalink

    A parte che io foto di Kulusevski con la maglia della Juventus non ne ho visto, se non in fotomontaggi, magari mi è sfuggito, io l’ho sempre visto in maniche di camicia. Il clamore forse perché non è mai stato ceduto a gennaio, per una cifra record un calciatore in prestito secco. Kulusevski non è mai stato del Parma, era in prestito. Ripeto abbiamo usufruito delle sue prestazioni, che ci hanno aiutato tantissimo in momenti di grave emergenza. Bravo Faggiano che ha avuto la grande intuizione. Lo scandalo sono i tifosi che vorrebbero mandarlo via subito.

  • 3 Gennaio 2020 in 15:30
    Permalink

    Cmq sarò sempre a fianco del guerriero KULU.
    SIA CHIARO

    • 3 Gennaio 2020 in 16:17
      Permalink

      Con tutto il affetto del mundo Lele ..
      Lascia stare Kulu …pensi piu’ de Parma e D’AversA e tutta La Rosa de Parma ….
      Nostro forza e’ D’AversA , Faggiano , Società Parma Calcio 1913 ….no un giocatore solo …il nostro grupo ..
      per carita hai dimenticato …. ?

  • 3 Gennaio 2020 in 15:57
    Permalink

    È il sistema calcio che è sbagliato.
    Un giocatore per me, non dovrebbe poter cambiare maglia a GENNAIO e giocare nello stesso campionato con.la maglia di un’altra squadra.
    Prendiamo Kulu. gioca contro il Lecce e segna il gol vittoria poi la,settimana dopo il 18 gennaio viene dato alla Juventus.
    Gioca titolare il 19 gennaio e segna il gol della vittoria contro di noi, contro la squadra in cui il giorno prima era la star indiscussa ed era parte integrante di essa.
    MA È SERIO TUTTO QUESTO?
    Penso proprio di no.
    Per me, un giocatore a gennaio a campionato in corso, potrebbe essere trasferito SOLO all’estero o in una serie diversa del campionato italiano da quello in cui stava giocando.
    Un po’ quello che debbono fare gli allenatori se vengono esonerati e vogliono in quello stesso anno allenare ancora.
    Gli unici seri in questa situazione sono stati Kulu e la società Parma che non si è fatta prendere in giro prendendo un giocatore Pjaca al posto di Kulu nettamente inferiore a lui.
    La ciliegina sulla torta è che oltre a dare gratis ai gobbi Kulu gli avremmo valorizzato oltretutto Pjaca ovviamente gratis dato che questo poi sarebbe ritornato dai gobbi a fine stagione.
    Ecco perché Kulu ha fatto tutto quello che doveva fare.
    Si è comportato lealmente con noi
    Ma come è possibile che molti non. l’abbiano capito.?
    Un gran bravo ragazzo serio e con.principi sani non comuni a giovani della sua età.
    Per questo spero che i detrattori alla sera nella loro camera da letto prendano a qualche mercatino rionale nel pomeriggio una frusta e di nascosto sI FUSTIGHINO. perché criticare il comportamento di Kulu non ha, senso se non creare casino in una societa che non lo.merita certamente essendosi comportata in questo frangente.al pari di Kulu
    in modo molto serio.
    Chiedete scusa per le cazzate da voi scritte se siete veri uomini.
    È il minimo sindacale che dovreste fare se non siete pagliacci.

  • 3 Gennaio 2020 in 16:05
    Permalink

    Bravo MAJO e brava la società che è riuscita a sconfiggere i gobbi non cedendo ai loro comandi.
    Sono fiero di questa società che quando diceva
    “Kulu rimarrà fino a fine campionato” non ci prendeva in giro ma diceva quello che poi è avvenuto e bravo Kulu che ha dimostrato di essere un.uomo di parola e di grande spessore.
    Chapeau quindi alla società a Kulu a D’Aversa e a Foggiano il nostro mago Houdini.

  • 3 Gennaio 2020 in 17:16
    Permalink

    O sono sordo o sono cieco ma io non ho letto o sentito (tra gli amici di stadio si intende) criticare il ragazzo o la società.
    Semplicemente la società Juventus che ha messo in mezzo il ragazzo ad una querelle inutile e priva di senso e rispetto per una società seria come il Parma ed i suoi tifosi stufi di questo circo mediatico e finto perbenismo.
    L’avessero fatto con Milinkovic Savic, Lotito avrebbe fatto un casino che ne avrebbero parlato per anni, sarebbe resuscitato Biscardi per fare la trasmissione del lunedì.

  • 3 Gennaio 2020 in 17:25
    Permalink

    A proposito, poi mi taccio per un po’.
    Un amico di Firenze mi ha appena mandato un WhatsApp chiedendomi se a Bergamo Kulusevsky va con il pulman della Juve o lo accompagna direttamente Paratici.
    Ha anche aggiunto che se cade in area la VAR potrebbe dare il rigore anche se non c’è poiché giocatore della Juve.
    Ci prendono anche per il culo….siamo diventati una barzelletta.

  • 3 Gennaio 2020 in 18:43
    Permalink

    Complimenti alla società ancora una volta si dimostra forte

  • 3 Gennaio 2020 in 18:54
    Permalink

    La colpa di tutto ciò è solo della Juventus che ha imposto anzi ha ordinato a Kalu di fare quello che gli si chiedeva senza “se è senza” ma”.
    ERA UN ORDINE GLIORDINI NONVSI DISCUTONO.
    Paratici ha voluto dare risalto a questo acquisto attraverso giornali e non, attraverso televisioni con il semplice scopo di far capire a tutti
    ” Caro il mio Marotta ti ho battuto te l’ho messa in quel posto.
    “Ti ho tolto dalle mani quel succulento bocconcino che stavi per mordere”
    Poi la,Juventus si sa chi è
    Non ha rispetto per nessuno.
    Pratici avrà battuto Marotta ma noi abbiamo battuto lui.
    Davide non si è inchinato a Golia.
    Kalu è rimasto qui da noi
    La,Juventus ha perso.
    Tutto il resto è noia

  • 3 Gennaio 2020 in 21:35
    Permalink

    Dire che la foto è stata fatta per sbeffeggiare Marotta è come dire che Gesù è morto di freddo. Siamo seri. Il ragazzo non c’entra nulla come non c’entra la storia di Calisto. Il colpevole si chiama Percassi che come ha mezzo detto Faggiano aveva promesso altro (prestito biennale se il ragazzo fosse andato bene) salvo poi piegarsi come fanno quelli di oltre Secchia mattonellari ai suoi padroni. Percassi che è anche venuto qui a fare ai suoi bisogni a casa nostra e da bravo Iscariota si è rimangiato la parola. Serva da lezione ai nostri di non fidarsi della parola di mercanti laidi e micragnosi e soprattutto BASTA prestiti in estate!!!!! Adesso che Percassi si goda Gosén s e che si rompa anche a lui qualcuno.

  • 3 Gennaio 2020 in 21:37
    Permalink

    E comunque basta anche con questo “eh va beh ismo” secondo cui dovrebbe andare sempre tutto bene, anche vedere una roba che ripeto come hanno detto in molti avrei voluta vederla fare con un giocatore della Lazio…altro che società che ha mostrato i muscoli. Passare da Lotito e vedere

  • 3 Gennaio 2020 in 22:24
    Permalink

    Magari …Kulu fa un gol de la victoria di Parma incontro rubentus che fa Campione Scudetto Inter ….. …
    resultato 1 a 2 ….goles di Adorante e Kulu ..
    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

  • 4 Gennaio 2020 in 02:00
    Permalink

    “Tifosi”? Cretini di cui è pieno il web.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI