IL COLUMNIST di Luca Russo / L’ATALANTA È LA HIT DEL CAMPIONATO

luca russo 06 01 2020(Luca Russo) – Il duello tra l’Inter di Antonio Conte e l’Atalanta di Gasperini in linea teorica metteva di fronte una delle due prime forze della Serie A, ossia i nerazzurri di Milano, e il tormentone del momento, o per meglio dire delle ultime tre o quattro stagioni almeno, cioè i bergamaschi. Ciò che si è visto a San Siro ci ha confermato che la Dea resta la hit del campionato, ma si meriterebbe anche la palma di seconda forza del torneo, se questa non fosse già stata attribuita alla Beneamata dal corso degli eventi e dalle valutazioni, alcune condivisibili, altre un po’ meno, della carta stampata e dei salotti televisivi. L’1-1 che ha allietato il sabato sera di chi ha deciso di starsene a casa a godersi gli effetti speciali di Gomez e soci, è tutto grasso che cola solamente per i meneghini, perché con un palo, una traversa, un rigore negato sebbene il placcaggio rugbistico di Lautaro Martinez ai danni di Toloi fosse più solare del sole e un penalty magistralmente neutralizzato da quel fenomeno di Handanovic, capace di respingerlo a una mano come si vede solo nei cartoni animati alla Holly e Benji, l’Atalanta avrebbe meritato di portarsi a casa l’intera posta in palio. Lo dice il nutrito elenco di episodi di marca orobica appena snocciolato, lo dicono le statistiche del match andato in scena ieri sera. I bergamaschi hanno primeggiato in diverse materie: dal possesso palla (63% contro 37%) ai calci d’angolo (4 a 0), dai duelli vinti (55% a 45%) al numero di cross (27 a 7) e dai tiri complessivi (17 a 10) alle conclusioni da dentro l’area (12 a 3). Ma il dato che più degli altri ha catturato il mio stupore è il posizionamento medio delle due formazioni: mentre l’Inter, in media, ha tenuto appena 2 uomini nella metà campo avversaria, l’Atalanta ha sistematicamente accettato l’idea di coprire Gollini con soli 3 difensori, segno che i bergamaschi si sono letteralmente accampati dalle parti del portierone sloveno, nonostante giocassero fuori casa e al cospetto dell’unico undici che ad oggi viene accreditato come possibile antiJuve nella caccia al tricolore. Ecco, se lunedì scorso gli uomini di Gasperini sono stati agevolati da un Parma alla stregua della temperatura di Campobasso nelle previsioni meteorologiche degli anni novanta, ovvero non pervenuto, ieri sera se la sono vista con, appunto, una delle due prime forze del campionato. Un dettaglio non trascurabile nella valutazione della prestazione offerta dalla Dea, che a mio parere ha giocato meglio contro la truppa di Conte che con noi,INAT7146 tenendo conto proprio della caratura dell’avversario e del contesto – oltre sessantamila spettatori in uno stadio che è a tutti gli effetti il tempio del calcio italiano – in cui si è giocato. Poi che per il sottoscritto il modello orobico non debba essere il riferimento a cui deve ispirarsi il nostro Parma per le ragioni che ho già ampiamente spiegato in settimana, è un’altra storia, un altro paio di maniche. Ma per ciò che è stata l’Atalanta al Meazza, e cioè una squadra che, in barba al buon senso e alla logica, porta tanti uomini in area di rigore avversaria e cerca la vittoria anche dopo aver fallito col colombiano Muriel il rigore del possibile 1-2 e pure se alla fine del match mancano pochi giri di lancette, l’unico sentimento concepibile è l’ammirazione. Signori e signore, giù il cappello di fronte a una meraviglia del genere! Luca Russo

9 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / L’ATALANTA È LA HIT DEL CAMPIONATO

  • 12 Gennaio 2020 in 14:20
    Permalink

    Intanto l’Udinese che sembrava morta ha i nostri punti. E gli espertoni da S…i a Criscitello passando per Caressa etc giù a tessere le lodi del Maestro De Zerbi che non vince una partita da dal dopoguerra.Squadra e allenatori ridicoli (cicciocaputo il mercenario in testa).

  • 12 Gennaio 2020 in 15:25
    Permalink

    Tanto di cappello all’Atalanta questo è calcio spettacolo!!!!

  • 12 Gennaio 2020 in 17:28
    Permalink

    Avere un buon portiere è la dimostrazione di parare di tutto e di più ( rigori compresi) .Poi come in ogni gara ci sono episodi che girano a favore altri contro. Ovvio che se scendi in campo per fare risultato fuori casa e la giochi senza se e senza ma…
    Quando una squadra ha fame si vede!

  • 12 Gennaio 2020 in 18:02
    Permalink

    Tutto giusto, poteva risparmiarsi l’inciso sul modello di riferimento. Insistere su una polemica sterile e fine a se stessa, non giova a nessuno.

    • 12 Gennaio 2020 in 18:28
      Permalink

      Io non polemizzo, esprimo il mio parere. Che lei, visto che siamo in un contesto di libertà di pensiero, opinione e parola, è libero di non condividere. Ma come ho già detto al lettore Luca ieri e l’altro ieri, non può liquidarlo come polemica sterile, ché non lo è. È il mio punto di vista e non mi pare di averlo mai contrabbandato come verità assoluta.

      • 12 Gennaio 2020 in 20:30
        Permalink

        Ovviamente è il suo punto di vista. Probabilmente lei non voleva polemizzare, ma la polemica l’ha creata, lo dimostrano i tifosi bergamaschi che sono intervenuti su questo sito, piuttosto risentiti.
        L’inciso evidenziato ( in grassetto), mi è parsa una “prepotenza” di chi vuole l’ultima parola. Ovviamente è il mio punto di vista.
        Con il massimo rispetto
        Buon lavoro

        • 12 Gennaio 2020 in 21:02
          Permalink

          Non è pretendere l’ultima parola. È separare le valutazioni di carattere generale, come quelle inerenti stadio e bacheca degli atalantini, da quelle specifiche relative alla partita che hanno giocato e immeritatamente pareggiato (nel senso che meritavano la vittoria) a Milano. Anche perché mi aspettavo commenti del tipo “ti sei ricreduto”: no, sul modello Atalanta non ci si può ricredere in tre giorni, ma è doveroso riconoscere che a San Siro avrebbe meritato l’intera posta in palio.

  • 12 Gennaio 2020 in 18:11
    Permalink

    Mi fa piacere che finalmente Russo si accorga dell’Atalanta, ormai non più un miracolo, ma una solida realtà del calcio italiano.

  • 13 Gennaio 2020 in 09:58
    Permalink

    Non sogni ma solide realtà. Cit. Roberto Carlino

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI