IL COLUMNIST di Luca Russo / IL LIFTING DELLO STADIO DI BERGAMO? PIU’ TELEVISIVO CHE REALE… (FOTO)

luca russo 06 01 2020(BERGAMO – nostro servizio – Luca Russo) – Se D’Aversa era “incazzato nero” subito dopo il triplice fischio a sancire la fine delle (non) ostilità tra Atalanta e Parma, io lo sono ancora oggi, a ormai due giorni dalla manita 🖐🏻 che gli orobici ci hanno rifilato senza sforzarsi troppo. Un’arrabbiatura, la mia, diversa da quella del tecnico abruzzese, perché non dovuta esclusivamente alla prova incolore che i gialloblù hanno sfoderato (si fa per dire) al Brumana: ci sono pure altre ragioni alla base del mio pessimo umore, calcisticamente parlando. Sono stanco di leggere o sentirmi dire che il Parma dovrebbe prendere ad esempio l’Atalanta e farne il suo modello per crescere e consolidarsi nel calcio che conta. Concedetemi un pizzico di arroganza, ma modello de che? Parliamo di una società che da almeno 30 anni ci viene illustrata come quella che ha uno dei migliori settori giovanili del paese e del continente, eppure – tenendo sempre nella giusta considerazione la sua dimensione da “provinciale” – in questo arco di tempo non mi pare abbia arricchito la propria bacheca. Già sento le vostre obiezioni: mi direte che il quarto posto e la qualificazione agli Ottavi di mondonicoFinale di Champions League della Dea valgono quanto uno Scudetto e la vittoria della Champions per la Juventus. Apparentemente giusto, sostanzialmente sbagliato. Perché tutto è relativo e tutto va contestualizzato. In Serie A l’Atalanta si è fatta forte delle stagioni in chiaroscuro delle milanesi e delle romane (in questa ottica, un discorso simile può essere fatto per i trionfi in sequenza della Juventus e i piazzamenti d’onore a ripetizione del Napoli), e non è un caso che quest’anno, con Inter, Lazio e Roma di nuovo sugli scudi, gli orobici stazionino tra il quinto e sesto posto. In Champions League, competizione che a mio parere ha smarrito fascino e prestigio nel minuto in cui è stato deciso di sacrificarne i suoi connotati storici in nome del dio denaro, si è qualificata con appena 7 punti in un girone abbordabilissimo anche per una debuttante, Manchester City a parte, mentre l’Inter è retrocessa in Europa League avendone totalizzati altrettanti in un gruppo ben più impegnativo (Barcellona e Dortmund), per tacere del Napoli che qualche edizione fa fu eliminato nonostante i 12 punti a pari merito con Arsenal e Borussia. Anche fuori dal campo, o meglio un pochino oltre le linee che demarcano il rettangolo gewiss stadiumdi gioco, l’Atalanta per me non è il modello tanto decantato sulla carta stampata e nei salotti televisivi. E qui mi riferisco allo stadio – adesso conosciuto col suo appellativo commerciale ma che noi preferiamo chiamare all’antica Atleti Azzurri d’Italia – che tutti contrabbandano come gioiellino, quando in realtà, ora come ora, in attesa che i lavori di ristrutturazione siano portati a compimento (avverrà entro un anno e mezzo circa), non lo è per niente. Tolta la Curva Nord, rifatta integralmente da Aprile ad Ottobre 2019 ed effettivamente bella come quelle del Westfalenstadion tanto per fare un esempio, il resto dell’impianto internamente è stato oggetto di un lifting che, per quanto profondo e costoso, è stato più televisivo che reale. brumana antico modernoSe sul piccolo schermo si ha la vaga percezione di uno stadio all’inglese, a patto però che l’occhio non caschi sulla Curva Sud che al momento non ha beneficiato di alcuna miglioria, dal vivo appare chiaro il contrasto tra il “telaio” datato delle due tribune e quello moderno della curva ricostruita. Da un lato una struttura che sa di stantìo, a pochi metri una proiettata nel futuro. Se poi ci si concentra sulle parti esterne dell’arena di Viale Giulio Cesare, la storiella del campo eccezionale veramente viene sconfessata dal degrado che lo circonda: Curva Sud fatiscente, vie di accesso conservate non benissimo e le due tribune con finiture originali, per usare l’elegante gergo immobiliare. In confronto, sì che l’attuale Tardini, e il comprensorio nel quale è ubicato, sembrano tipici di uno stadio all’inglese! Ecco perché mi rifiuto categoricamente di adottare l’Atalanta come modello di riferimento per il mio, il nostro Parma. curva sud bergamoVi dirò di più: se ce n’è uno al quale il sodalizio Crociato deve ispirarsi e tendere, è il Parma stesso. I fatti parlano chiaro: se siamo risorti dalle ceneri del fallimento nel più breve tempo possibile, e non era affatto scontato visto e considerato che non siamo una delle big storiche del calcio italiano, il merito va ascritto ai soci di Nuovo Inizio; se stiamo iniziando a strutturarci pure in termini di organigramma arricchendo i quadri societari con l’innesto di professionalità di alto livello e a fare passi da grande club, il merito è di Nuovo Inizio; se ora possiamo non più solamente sognare, ma anche immaginare e vederci già dentro il nuovo Stadio Ennio Tardini – con copertura delle curve, ristrutturazione generale, creazione di un parcheggio sotterraneo e riqualificazione del piazzale antistante e del quartiere circostante con negozi e chioschetti aperti sette giorni su sette -, una roba inimmaginabile prima dell’avvestadio atleti azzurri d'italia esternonto della nuova reggenza, un grazie grosso così lo dobbiamo indirizzare a Nuovo Inizio. Che tuttavia, tranne qualche isolata eccezione, non gode della riconoscenza della piazza Ducale, nonostante i risultati conseguiti e le sue indubbie capacità gestionali. Atteggiamento che non capisco, non condivido e che istintivamente mi porta a dire che certi tifosi, incontentabili sempre e comunque e anche quando i risultati dovrebbero suggerirgli benevolenza invece che inutili e improduttive critiche, meriterebbero di ritornare a mangiarsi la polvere di cui abbiamo fatto indigestione al tramonto delle epoche Tanzi e Ghirardi. Perché l’importanza di certe cose la si comprende appieno solo quando le perdiamo di vista. Luca Russo

prima durante dopo

brumana esterno

no politica

brumana esterno sud

gewiss stadium large

stadio atleti azzurri d'italia

atalanta parma tifo orobico 06 01 2020

atalanta parma

trib

luca russo brumana selfie 06 01 2020

73 pensieri riguardo “IL COLUMNIST di Luca Russo / IL LIFTING DELLO STADIO DI BERGAMO? PIU’ TELEVISIVO CHE REALE… (FOTO)

  • 8 Gennaio 2020 in 09:54
    Permalink

    Personalmente non godo per nulla l’Atalanta e il suo c.d. modello gestionale e in questo concordo in pieno con Russo. Sono semplicemente dei mercanti, al soldo di Exor. Quando Torino chiama il buon Percassi si genuflette a 90° e risponde, vedasi lo schifo Kulu della settimana scorsa. In questi ultimi tre anni (anche in questo concordo in toto) hanno avuto solo il culo di imbroccare qualche acquisto, qualche scommessa (vedasi Ilicic che non voleva nessuno e Gomez o lo stesse Zapata che, se ben ricordiamo, Carnevali aveva trattato alla Faggiano, cioè senza concludere una mazza nella famosa estate del sostituto di Matri) e di intersecare stagioni pessime del derelitto Milan del parmigiano al 100% Boys 1977 Pioli (che per altro avrà vita brevissima su quella panchina nonostante la sguaiata esultanza al gol di culo qui al Tardini) e delle romane. Lo stesso Gasperini (che io non sopporto, volgare, arrogante e strisciato dentro oltre che genoano e reggiano) lo ricordiamo già mezzo in pensiò prima di approdare a Berghem. Poi adesso va di moda la c.d. “Dea”, piace ai vari giornalistoni e ini e finchè non rompe troppo le balle a Torino e Milano nerazzurra i parolai come il conduttore di Tiki Taka di turno, via a leccare il deretano. Minotti e Gudolin, Schianchi e compagnia fanno a gara a celebrare Percassi, che adesso può cagarsi addosso e dire che ha sudato senza essere smentito. Non dimentichiamo anche chi è il sindaco. Gori non è il nostro peritino informatico che conta come il due di picche quando c’è sotto bastoni. E’ parente di Caressa (Sky), ha un “becground” imprenditoriale e politico importante, ha un passato importante in Mediaset e ovviamente celebrano Percassi per celebrare anche lui, che infatti in due mesi ha rilasciato solo a Radio24 (la radio confindustriale, una sorta di Radio Parma nazionale) non so quante interviste.Lo stadio è uno schifo buttato su in tre mesi per far lavorare qualche cottimista bergamasco e il quartiere in cui è messo è simil Marassi e anche in questo concordo in toto. Tra l’altro quando le orde bergamasche hanno giocato qui al Tardini col Torino sono andato a vedermela per ammirare questo Liverpool o Barcellona in salsa Val Brembana e devo dire che non sono stato per nulla impressionato (avevano anche perso). Anche a Bologna hanno meritatamente perso, Bologna non Manchester City.Gosen, Palomino & c.nonostante si voglia far credere il contrario sono gente normalissima. Noi già col Brescia abbiamo fatto schifo e domenica avremmo perso anche con la Spal. Non siamo andati in campo, la preparazione alla partita è stata minata dalla questione Kulu e senza attacco alla lunga la prendi nel c….o. Coniseriamo anche un altro aspetto, quello che in Spagna chiamano il miedo escenico. A forza di dire che l’Atalanta è super, che Gasperini è meglio di Klopp, che il papu è più forte di Ronaldo gli avversari, che diciamocelo mediamente non sono dei geni super razionali si convincono che è così e anche mentalmente vanno a Bergamo sgonfi. In un paio d’anni tutto sto circo si sgonfierà e il sorrisetto e i balletti Gasperini li farà anche lui dal salotto di casa. Ricordiamo un altro presunto fenomeno della panchina che lo ha preceduto su quella panchina che fine ha fatto, ovvero tale Colantuno che manco in B lo chiamano più.

  • 8 Gennaio 2020 in 10:58
    Permalink

    Ti nomino redattore onorario di Novella 3000, ne sai una più del Diavolo (e non mi riferisco al Milan derelitto, sigh).
    Ma Gasperini che ci azzecca con la Reggiana?

  • 8 Gennaio 2020 in 11:10
    Permalink

    Iga Davide che fiume in piena…comunque devo dire che mi hai convinto.
    L’unica cosa che contesto nel vostro ragionamento (ovvero Russo/Davide) è la questione stadio. Se è in fase di ristrutturazione, ed è risaputo non essere ancora terminata, mi sembra ovvio che no sia ancora bello che finito e quindi si presenti ancora incompleto dal punto di vista della ristrutturazione. Hanno rifatto solo la loro curva ad oggi, mi sembra ovvio che il resto si presenti ancora vecchio e fatiscente…

    • 8 Gennaio 2020 in 12:24
      Permalink

      Io ragiono sul presente e su quello che vedo qui e ora. Qualche collega ha dipinto il Brumana come uno stadio all’inglese. Per me, al momento, escluse la curva Nord e le migliorie apportate alle due tribune, è un impianto al di sotto della sufficienza, sia internamente che esternamente. Già l’attuale Tardini lo trovo molto più moderno in confronto.

  • 8 Gennaio 2020 in 11:40
    Permalink

    Amico mio Gasperini è strisciato bianconero e genoano. I genoani come sai sono reggiani bis come i cremonesi.

  • 8 Gennaio 2020 in 13:59
    Permalink

    Mi permetto di dissentire da questo MEGA SPUTTANAMENTO ad una società e un allenatore che stanno facendo molto bene:

    CONSIGLI
    SPORTIELLO
    BONAVENTURA
    ZAPPACOSTA
    BASELLI
    GABBIADINI
    SPINAZZOLA
    CALDARA
    CONTI
    GRASSI
    MANCINI
    CAPONE
    VALZANIA
    BARROW
    KULUSEWSKI

    …..costoro nel recente passato …

    poi, così, random, andando indietro di OLTRE una 20 ina d’anni..

    MORFEO
    LAZZARI
    MOTTA
    GUARENTE
    DEFENDI
    CAPELLI
    CANINI
    PAZZINI
    MONTOLIVO
    AGAZZI
    PADOIN
    RAIMONDI
    BIANCHI ROLANDO
    DONATI
    BELLINI
    PELIZZOLI
    PINARDI
    NATALI
    F.LLI ZENONI
    ROSSINI
    ZAURI
    DALLA BONA

    SONO 38 , salvo dimenticanze, tutti costoro sono usciti da quel vivaio targato dal fu MINO FAVINI, uno che di giovani se ne intendeva e pure di collaboratori lungimiranti per effettuare scouting in giro per il mondo !!!!!

    Quanto ai successi che non hanno avuto, così come il vecchio Parma, sono d’accordo :

    C’ERANO UNA VOLTA I BOND, I SOLDI DI CARTONE, I VENDITORI DI LATTE E PURE DEI MEGA FALLIMENTI DI PROPORZIONI INTERNAZIONALI ….
    ..
    sparita mamma PARMALAT, spariti i soldi, tutti giù nella MERDA …

    DI COSA VOGLIAMO PARLARE ???

    ciò chè è stato vinto in campo è figlio di quanto sopra…..
    i successi sportivi restano ED I FALLIMENTI ..PURE …

    poi sono arrivati i carpenedolesi ed i monterotondini ..
    e li …ULTERIORE BAGNO NELLA EMME ..

    Marco Ferrari e NUOVO INIZIO …non sono sicuramente dei BABALANI nè dei TRAGATTINI , hanno messo la loro faccia, i loro soldi e le loro competenze, circondandosi di MANAGER, DI PROFESIONISTI e CONSULENTI che hanno compiuto RISULTATI, PROMOZIONI ed OTTENUTO la SERIE A, …
    mantenendola pure quest’anno…

    DI COSA VOGLIAMO PARLARE …???
    ….

    parlando di modelli, nel passato è il PARMA ad essere stato modello di fallimenti, cavolo …

    VINCERE COI SOLDI DEL MONOPOLI…ERO CAPACE PURE IO…

    in quanto allo stadio non l’ho visto e non posso esprimermi …
    ma, prima di criticare gli altri, si cerchi di guardare in casa propria…

    a me non brucia il fatto di avere subito 5+3+3 = 11 GOL INCASSATI contro 1 siglato nelle ultime 3 gare contro i bergamaschi …

    SONO ED ERANO + FORTI ….tre su tre …poi si può disquisire su prestazioni, infortuni, assenze, scelte sbagliate …..

    ….questo, per me, è quanto ….

    • 8 Gennaio 2020 in 14:42
      Permalink

      BASTONI

    • 8 Gennaio 2020 in 16:13
      Permalink

      Giusta una serena autocritica, Moro, però non bisogna eccedere troppo…

      Il Parma A.C. nella galassia Parmalat era una delle Società meglio amministrate e il fallimento della casa madre non è certo stato causato dalla società calcistica i cui conti erano sostanzialmente a posto.

      I trofei conquistati durante la Grandeur non sono più “sporchi” o “immeritati” di quelli di altre Società di cui magari i bognoni non sono venuti a galla in maniera eclatante come i nostri.

      Non solo: certi successi – i primi quattro direi – mantengono intatto un sapore di genuinità e restano tra le imprese più belle del calcio italiano.

      Piuttosto, dopo, tutto l’ambiente venne contagiato dalla scudetto-mania e fece perdere il gusto per le altre coppe comunque conquistate e messe in bacheca che qualche mio collega definiva “coppette”. Coppette mai più conquistate da squadre italiane, se pensiamo alla Uefa o Europa League.

      I trofei restano come restano i fallimenti: parole sante. Però c’è fallimento e fallimento. Quello della Parmalat è e resta della Parmalat, non del Parma A.C., che non conobbe l’onta della retrocessione o della cancellazione del titolo sportivo, e mantenne categoria e parco giocatori grazie alla illuminata guida dell’Amministrazione Straordinaria tutto questo con un indimenticabile spareggio a Bologna dopo che entrambe le squadre raccolsero ben 42 punti insufficienti per la salvezza (record) e si era in piena Calciopoli.

      Dopo che l’imprenditoria locale aveva preferito non sporcarsi le mani nel prendere in mano il giochino di Calisto, e dopo che l’Amministrazione Straordinaria era durata ben più del previsto, ci fu la cessione a Ghirardi, il cui fallimento è in toto “calcistico”, al contrario del precedente. Forse questione di lana caprina se si considera che in entrambi i casi ci fu un vero e proprio bagno di sangue come effetto collaterale sul territorio con diverse aziende fornitrici e lavoratori diretto o del terziario messi in ginocchio. E’ il prezzo (caro) pagato per avere la Serie A. A qualcuno importa niente: basta che si vinca e chissefrega… Anche dei nostri lettori. Magari anche lo stesso Davide secondo cui l’attuale gestione sarebbe sparagnina (traduziine benevola in italiano dell’epiteto dialettale “”pioconi che starebbe per “pidocchi”. L’occasione mi è utile per rimarcare come, ad esempio, il Parma del Nuovo Inizio (inclusi i benefattori cinesi) abbiamo immesso soldi veri pari a circa 60 milioni di euro, mica male per essere oculati o attenti a non fare il passo più lungo della gamba. Eppure a Davide (e non solo) non basta mai. Sono questi macrognosi o braccini corti etc etc. Ma forse non c’è l’esatta percezione di cosa significhino 60 milioni, specie per i cinque meno big degli altri due dei Magnifici.

      Vincere, caro Moro, non è mai facile: neppure coi soldi del Monopoli. Ma con quelli veri il Parma del Nuovo Inizio (anche grazie all’amicoi dagli occhi a mandorla) ha compiuto un vero e proprio capolavoro finora non troppo capito, anche da chi guarda con occhi di ammirazione l’ìAtalanta, peraltro additata come esempio anche da Pizzarotti in giù (incluso D’Aversa).

      Eppure il giardino degli altri non è sempre più verde e la stessa dirigenza atalantina (che mi pare piuttosto competente) durante il proprio soggiorno al Tardini ha avuto modo di complimentarsi e d’invidiare quella ducale. Vorrà pur dire qualcosa se avranno trovato qualche spunto da copiare da noi. Così come io spero i nostri non trovino da copiare la ristrutturazione dell’Atleti Azzurri d’Italia perché sarà pure parziale, ma come ben documentato da Luca Russo piuttosto lontana dai livelli che sarebbero lecito attendersi. E ha ragione quando parla di “ristrutturazione” più televisiva che reale.

      Da invidiare all’Atalanta, a mio avviso, e al momento, c’è solo il “player trading”, ma caro il mio Moro, siamo oggi ben lontani da quello che era il modello di Mino Favini che scovava i migliori talenti sul territorio nonostante la concorrenza dei top club milanesi. Oggi loro sono capaci di trovarti un Kulusevski a 100.000 euro in un torneo giovanile all’estero, portarlo in Italia, farlo crescere e poi ricavarci una mega plus valenza (dopo l’investimento comunque relativamente non piccolo e che serve una certa forza per farlo). E di operazioni del genere ne sanno fare più di una a stagione garantendosi un futuro. I prossimi Cornelius e Kulusevski anziché andare a comprarli già valorizzati o farceli prestare valorizzandoli noi a seconda dei casi, dovremo essere capaci di scovarli noi e trarne gli stessi benefici sul campo e fuori. Ma Favini con questo modo di lavorare non c’azzecca nulla, vecchio mio…

      Di riffa o di raffa, comunque, il Parma da 30 anni salvo piccole parentesi è “là dove gli compete”. Ma attenzione: chi lo dice che sia proprio “là” che gli compete? Cicli così lunghi per delle provinciali (siamo nelle posizioni di coda per presenze allo stadio), in serie A, è difficile trovarne, del resto noi prima di questo trentennio d’oro ci barcamenavamo, peggio della Reggiana che aveva illo tempore maggiore pedigree), tra C e B e già la cadetteria era un successone…

      E ora di nuovo, pur avendo patito mille peripezie, c’è un certo tipo di orgoglio gialloblù che porta diversi tifosi a schifarsi perché Kulusevski posa o firma autografi per la squadra che ne ha legittimamente acquistato il cartellino, ovverosia la Juventus, di cui qui parecchi credono di essere dei concorrenti ma a loro credo non impipi molto di noi visto che da 20 anni circa frequentiamo quartieri ben diversi della serie A…

      • 8 Gennaio 2020 in 19:07
        Permalink

        Certo bisogna investire sui giovani ma poi bisogna farli giocare o darli in prestito.
        Non ha,senso tenere un giocatore come Adorante e non farlo mai giocare.
        Siccome è costato 5 milioni.per lo meno lo si dia in prestito anche in B per vedere se vale o no.
        Se vale lo prendiamo e lo facciamo giocare nel Parma, se non vale lo vendiamo
        Da Cruz l’abbiamo dato in prestito e non era da,A ma almeno è stato fatto giocare E ABBIAMO COSI POTUTO GIUDICARLO.
        Kulusevsky era dell’Atalanta.
        In prima squadra non giocava, è stato dato in prestito e poi è esploso.
        Perché Majo non si fa così con Adorante?

        • 8 Gennaio 2020 in 19:27
          Permalink

          Non sono bene al corrente delle dinamiche della prima squadra che, come voi, seguo da appassionato e non professionalmente: ricordo, tuttavia, che il ragazzo, reduce da un infortunio serio, lo si è cercato di gestire in modo tale da favorirne il migliore recupero. Dopo di che sul suo impiego ci sono le varie valutazioni che spettano esclusivamente all’allenatore.

  • 8 Gennaio 2020 in 14:30
    Permalink

    Qui sopra si legge di ogni e anche oltre!!!!!!!🤣🤣🤣🤣🤣
    La sagra delle minchiate!!!!!!!

    • 8 Gennaio 2020 in 14:35
      Permalink

      Ovviamente riferito ai pseudo articoloni del dottorone Davide!!
      Ma fammi il piacere…………per piacere!!!!!!!

  • 8 Gennaio 2020 in 15:09
    Permalink

    Dalla dimensione dei pezzi avrei detto altro. Comunque penso che dobbiamo essere più che contenti dei nostri sette e della dimensione a cui ci stanno portando con moderazione e direi capacità imprenditoriali, d’altronde le alternative chi erano il Cinese, Piazza, i Corrado? Ma cerchiamo di essere obbiettivi ogni tanto per favore.

    • 8 Gennaio 2020 in 19:50
      Permalink

      A proposito di moderazione e capacità imprenditoriali, o comunque di sapersi muovere pur non da imprenditori calcistici nel mondo del calcio, segnalo la piccola chicca dell’ufficiale passaggio di tale Zamparo alla Reggiana.

      Questa la notula d’annunzio (dal sito ufficiale del Parma), preceduta ieri dal lancio di Y Sport che dava conto anche delle cifre dell’operazione (che mi paiono abbastanza realistiche) e cioè 400 mila euro.

      Il Parma Calcio 1913 comunica il rientro anticipato dal prestito annuale dal Rimini Football Club e la successiva cessione a titolo temporaneo annuale con obbligo di riscatto alla Reggio Audace Football Club di Luca Zamparo. L’obbligo di riscatto si verificherà alla prima presenza in gare di campionato del calciatore con la nuova società.

      Orbene: 400 milioni per un calciatore di serie C strappato a parametro zero la scorsa estate proprio alla Reggiana e ora alla Reggiana per 400 mila euro rivenduto mi pare un piccolo capolavoro. O no?

      • 9 Gennaio 2020 in 14:48
        Permalink

        Fossero 400 milioni sarebbe un ultra miracolo.
        Su transfermarkt parlano di prestito e non indicano il valore di riscatto. Valore di mercato sarebbe 225 mila euro.
        Comunque un guadagno più che buono

        • 9 Gennaio 2020 in 15:09
          Permalink

          p.s. che tristezza la foto di presentazione di zamparo a reggio emilia. Gli hanno messo in mano una penna con sotto un foglio scarabocchiato

        • 9 Gennaio 2020 in 15:44
          Permalink

          Transfermarkt credo dovrà riaggiornare il valore al lume dell’operazione conclusa i cui altri termini sono specificati dalla seguente nota stampa pubblicata sul sito ufficiale:

          Il Parma Calcio 1913 comunica il rientro anticipato dal prestito annuale dal Rimini Football Club e la successiva cessione a titolo temporaneo annuale con obbligo di riscatto alla Reggio Audace Football Club di Luca Zamparo. L’obbligo di riscatto si verificherà alla prima presenza in gare di campionato del calciatore con la nuova società.

          http://parmacalcio1913.com/comunicato-ufficiale-luca-zamparo

  • 8 Gennaio 2020 in 15:55
    Permalink

    Caro Mauro io non sputtano, ma analizzo e odio le beatificazioni e le mode e adesso leccare il deratano all’Atalanta è lo sport nazionale (finche non rompe le balle a Torino ed Appiano off course). Giocatori sono tante le squadre ad averne lanciati, la Roma se andiamo a vedere ha rifornito mezzo Liverpool. E vediamo quanto dura sta fola e quanto i giornalistoni dureranno a celebrarla. E su Gasperini permettimi, ma la frase stessa arrogantissima su Kulu la dice lunga su che uomo sia. Tanzi e Manenti non c’entrano nulla e anzi quello che volevo dire io condividendo quanrto scritto da Russo è che è un modello che non mi piace e non è neppure un modello, ma una serie di circostanze favorevoli saltuarie. Ne parleremo tra un paio d’anni.

  • 8 Gennaio 2020 in 16:48
    Permalink

    CAro Direktor, condivido l’articolo però non posso esimermi da un’osservazione, già mossa ad altri articolisti di stadiotardini.it, quindi per equità personale la rivolgo anche a Lei.Ferma restando la Sua libertà assoluta di scrivere ciò che vuole, e ferma anche. seppur precaria in un certo senso, la mia “libertà” di commento, finora sempre concessami tranne rarissimi casi nei quali aveva forse ragione a non pubblicare mie esuberanze sanguigne popolane.
    Fermo restando tutto quanto sopra, biasimo le Sue citazioni di “lettori scriventi”. Certi personaggi non cercano altro che questa seppur minima popolarità, così gli si dà corda.
    Il dr. Davide l’è inteligent ma trop insultos: piociò a destra e a sinstra come se piovesse. Comunque ogni decisione sulla linea editoriale, ribadisco, compete a Lei., che stimo, come credo le sia noto leggendomi ormai da anni.
    Suo

    Pencroff.

    • 8 Gennaio 2020 in 18:57
      Permalink

      Il motivo è uno e molto semplice: qui c’è gente che vive in un universo parallelo e vuole fare il coso con il coso degli altri. Niente oltre gli insulti….

    • 8 Gennaio 2020 in 19:19
      Permalink

      La citazione di Davide, che nelle mie rare apparizioni nello spazio commenti mi è accaduta di fare più volte, è perché egli ha aumentato la sua frequenza di esposizione, andando a toccare tematiche che mi stanno particolarmente a cuore, per cui nel replicargli non è che intenda dargli ulteriore visibilità a quella che già si prende da solo, ma appunto rettificare alcuni concetti a mio modo di vedere distorti, che poi c’è il rischio facciano breccia nei lettori.
      Egli, ad esempio, suole definire “piocioni” i Magnifici 7, oppure amplifica ogni volta il pianto (credo tattico) del direttore sportivo su presunte mancanza di disponibilità di risorse da spendere nei vari mercati. E questo “non ci sono soldi” è un tormentone fastidioso che cozza con la realtà (basti pensare alle esposizioini e agli impegni pluriennali via via sottoscritti, che poi hanno causato le varie “trasfusioni” dei nostri mecenati.
      Grazie per la stima

  • 8 Gennaio 2020 in 16:54
    Permalink

    Post: per me gli insulti possono essere ammessi solo nel caso che lo “scrittore” fosse in grado di ripeterli anche innanzi alle persone insultate. Il citato frequenta l’UPI, quindi lo potrebbe fare anziché mangiare bignè. L’è facil dir che i pioc ien coi ed chietor.

  • 8 Gennaio 2020 in 17:18
    Permalink

    Loro stanno lanciando giocatori del proprio vivaio da 40 anni, serie A e serie B….
    Questo è dato di fatto….

  • 8 Gennaio 2020 in 17:22
    Permalink

    Perché l’Atalanta è un modello? Perché nonostante i milionari investimenti nello stadio, nel rifacimento del centro di allenamento a Zingonia ( un signor gioiello) ha un bilancio pienamente in ATTIVO. Ecco una parola che difficilmente si legge riguardo alle società di calcio: ATTIVO. Il settore giovanile le permette di avere un attivo/plusvalenza di circa 139milioni confrontando cessioni di giovani e acquisti. Tutto questo senza montarsi la testa, mantenenendo la testa bassa e lavorare. Poi logico Gasperini, ma come alcuni calciatori, staranno sulle balle ed è fisiologico. Questione stadio: forse sarà meglio comparare lo stadio terminato ( tra 3/4 anni) con quello di 2 anni fa. Forse.

    • 8 Gennaio 2020 in 19:04
      Permalink

      Salve Sig. Dalele,

      senza nulla togliere all’Atalanta sarebbe bello se ci fosse consapevolezza nella tifoseria Crociata di quanto di buono è stato fatto dall’attuale gestione del Parma Calcio. I risultati sportivi sono sotto gli occhi di tutti e il felice slogan “Come noi nessuno Mai” è stato felicemente replicato anche con la non scontata permanenza in serie A da matricola (evento non propriamente abituale): mi fa piacere che Lei sottolinei che l’Atalanta ha un bilancio pienamente in attivo, quello del Parma potrà esserlo dopo che sarà stato ammortizzato l’ “avviamento” che ha comportato investimenti considerevoli dapprima per la rapida risalita e poi per il consolidamento nella massima categoria. Però, anziché piantare chiodi a destra e a manca, la compagine proprietaria ha messo mano al proprio portafoglio per trovare le risorse ritenute necessarie per lo sprint. Purtroppo c’è chi si fa beffe, anche in questo spazio commenti, ahime, di uno dei pochi esempio, nel calcio nostrano, i imprenditoria del territorio, con tanto di nomi cognomi e facce che li contraddistinguono che hanno fatto investimenti mettendo capitali freschi nella società di calcio. Non credo di dire una eresia affermando persino più del tanto decantato Percassi. Per cui ribadisco l’invito a non osservare a quanto siano belle le aiole orobiche quando anche il nostro Parco Ducale hai il suo perché…

      Sulla questione stadio ricordo che il giudizio del nostro articolista è relativo allo stato attuale dell’arte, vieppiù in considerazione che la Dea è stata ospitata per due giornate al Tardini. Insomma: visto dal vivo e non sul piccolo schermo l’attuale (ATTUALE) Atleti Azzurri d’Italia non è esteticamente e funzionalmente il massimo. Il nostro Tardini già così com’è – prima della Copertura che finalmente verrà fatta dopo anni di attese – sia all’occhio del telespettatore che a quello del fruitore di almeno certi settori è migliore rispetto al lifting del Brumana. Poi vedremo quando avranno finito loro e quando avremo terminato noi come saranno le due strutture. Il giudizio è sull’oggi, il domani è sulle ginocchia di Giove…

  • 8 Gennaio 2020 in 18:48
    Permalink

    Scozzarella sta per lasciarci.
    Per qualche euro in più accetta
    pure il declassamento perenne
    in serie B visto che per il Trapani
    la serie B è già un lusso.
    Che delusione.
    In quanto a Kurtic sembra che il Torino c’è
    l’abbia soffiato sul filo di lana.
    Un po’ quello che è successo con Caputo.
    Vi ricordate?
    Quello era un. giocatore che sembrava già del Parma
    mancava solo la firma che per Faggiano
    era solo una mera formalità visto che il giocatore
    era d’accordo su tutto e invece c’è lo hanno
    soffiato sotto il naso.
    Con Kurtic presumo sarà la stessa identica fola
    ma come.dicevo io sono fiducioso nei
    MAGNIFICI 9
    So che faranno un mercato adeguato.
    e non indeboliranno la squadra già all’osso
    anzi…..al midollo.

  • 8 Gennaio 2020 in 19:39
    Permalink

    2016/17: 4° posto
    2017/18: 7° posto
    2018/19: 3° posto

    Sfido io a trovare una piccola, perchè l’Atalanta lo è, con dei risultati così costanti.

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_scratch.gif

    • 8 Gennaio 2020 in 19:47
      Permalink

      E Noi….” La Zona Strajé “
      🕵️‍♂️🤙

    • 8 Gennaio 2020 in 21:18
      Permalink

      Infatti, i numeri non sbagliano mai.

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    • 9 Gennaio 2020 in 14:58
      Permalink

      Vado un po’ controcorrente rispetto alla massa e faccio osservare alcune questioni, che negli ambienti calcio veri ( intendo clubs che studiano i miracoli sportivi ) sono oggetto di discussione.
      E’ fuori di dubbio che l’Atalanta abbia un’organizzazione di prim’ordine, E’ fuori di dubbio che i risultati siano straordinari.
      L’Atalanta è la squadra coi ritmi più alti del calcio italiano. Sulle ragioni ci sono tante chiacchiere anche maligne.
      Di certo , i virgulti più importanti del settore giovanile negli ultimi anni, decorso il primo anno da professionista nella casa madre gestita Giampiero, hanno avuto incidenti gravi. Mi riferisco a Grassi, Caldara, Conti, Gagliardini e Kessie ( questi ultimi già in prestito in serie B prima dell’avvento di Gasperini come detto).
      Qualcuno parla di eccessi sul piano fisico, qualcuno di fatalità.
      Fatto è che si può correre tanto e più forte degli altri per vari motivi. Allenamento e altro. Ci sono stati tanti fulgidi esempi anche nel passato degli anni 90 e qualcosa aveva sfiorato pure il Parma, col famoso video “rubato” di Cannavaro , registrato prima di Parma Marsiglia.
      Sono chiacchiere senza fondamento probatorio, ma sono chiacchiere che sono in giro. Solo invidia dei perdenti? Probabilmente si e si vedrà forse un giorno.

  • 8 Gennaio 2020 in 19:57
    Permalink

    Tutte belle parole! Ma per vincere bisogna fare i gol e l’Atalanta ne ha fatti 48 in 18 partite… piu di 2.5 a partita e…. dopo aver letto tutte le considerazioni precedenti mi chiedo: stiamo parlando di calcio o di altro?

    • 8 Gennaio 2020 in 20:03
      Permalink

      Stavamo parlando di altro

      Detto questo: complimenti all’Atalanta per i 48 gol in 18 partite, buon per loro: ma credo che il tifoso del Parma credo non abbia di che lamentarsi del rendimento della propria squadra del cuore

      • 8 Gennaio 2020 in 20:13
        Permalink

        http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif
        Ansi …molto contento ….
        Forsa Magico Paerma ….
        La Vita per quelli che hanno ambizione no e’ facile e’ duro …. a me mi piace la battaglia vero ..
        Faremo de le belle cose ..
        Cordialmente
        Annibale Barca

  • 8 Gennaio 2020 in 20:22
    Permalink

    Io rientro sul tema affermando che ho ricordato semplicemente i risultati prodotti dal vivaio ( inconfutabili ) ..

    non parlando minimamente di soldi, investimenti o bilanci,

    COSE DELLE QUALI NON MI IMPORTA NULLA , SOPRATTUTTO

    ALLA LUCE DEL FATTO

    che non conosco minimamente

    .. il commento di Luca, riproposto, la dice lunga sul resto …

    ricordiamoci che in questo campionato giocano
    JUVE, NAPOLI, MILAN, INTER, ROMA E LAZIO ….

    Luca8 gennaio 2020 alle 19:39

    2016/17: 4° posto
    2017/18: 7° posto
    2018/19: 3° posto

    Sfido io a trovare una piccola, perchè l’Atalanta lo è, con dei risultati così costanti.

  • 8 Gennaio 2020 in 20:39
    Permalink

    Ma chi e’ quell’asino qua?? Del parma poi…
    Kulusevsky che fa faville dell’atalanta. Pessina e un altro in campo, cresciuti nell’atalanta…

    Si lamenta dello stadio che in 100 gg, han demolito e ricostruito una curva intera, e che verra’ sistemato in 2 anni cercando di metterci il meno possibile nei mesi estivi….

    Una societa’ agli ottavi di champions con solo 3/ 4 giocatori con ingaggio sui 2 milioni, quando ronaldo becca come tutta la rosa….

    Solo con incassi o con la cessione di kulusevski si e’ ripagata gli ingaggi….

    Cioe’, l’autore mi sembra proprio o asino o di parte…..
    Che prenda per modello il parma fallito del fallito tanzi???

  • 8 Gennaio 2020 in 20:57
    Permalink

    ” Flash Back ” ….
    anni …anni fa …quando era Presidente ( se ricordo bene ) Arrigo ,
    quando Tanzi ha detto che Parma deve esistere in otra manera ..
    piu’ o meno che devi esistere … vendendo giocatori ecc…. Arrigo ha detto Voglio fare Parma come un piccolo Ajax ….
    Per Favore Basta Atalanta …..
    Facciamo Noi Parma …. di Nuovo come Parma diverso
    Come siamo …conosciuto come squadra che sempre stupisce …
    Think strong …believe in our team ….
    Cordialmente ,
    Parma Fan Club from South Spain ” Sempre Fedele “

  • 8 Gennaio 2020 in 23:04
    Permalink

    L’ Atalanta esempio x tutto e x tutti……………..rosicare gente e rosicherete ancora a lungo………………. ancora ma ricordatevi ancora…….a lungo……….ancora ma ricordatevi…….a lungo…..

  • 9 Gennaio 2020 in 00:19
    Permalink

    Sono molto interessanti le discussione in merito all’Atalanta. Personalmente sono molto vicino al pensiero del Direttore Majo in quanto a Parma vediamo sempre più verde l’erba del vicino e non ci accorgiamo di quanto di buono abbiamo sotto il naso.
    L’Atalanta è sicuramente un esempio di buona gestione economica ma non di progetto in quanto è una società i cui risultati sportivi nel medio periodo hanno un andamento estremamente altalenante e non in crescendo. Tra il 2000 ed il 2010 ha conosciuto ben tre retrocessioni in B poi dal 2010 ad oggi ha fatto un campionato di B (promossa), 5 di A dove è arrivata sempre oltre il 10 posto (quindi seconda metà di classifica) e poi negli ultimi 3 ha avuto l’esplosione che tutti conosciamo e che a mio avviso è imputabile ad aver trovato un trio di attaccanti (Gomez, Zapata ed Ilicic), che non vengono certo dal vivaio, perfetti per il calcio di Gasperini (anche lui bravo allenatore ma non da grande squadra). Diciamo una parentesi fortunata in una lunga storia di mediocri risultati sportivi (con tutto il rispetto).
    La società applica la politica di vendere subito al miglior offerente qualunque giocatore che abbia mercato senza poi reinvestire le somme incassate se non in minima parte. Per il momento ha funzionato perché di fatto hanno ceduto giocatori medi a prezzi stellari (vedi Conti, Caldara, Spinazzola, Mancini, Gagliardini) e nessuno indispensabile al progetto (come i citati 3 attaccanti).
    Se quest’anno non si qualificano per la Champions in estate venderanno tutto il possibile (forse anche Zapata tenuto solo per partecipare alla Coppa) e poi sarà un progressivo ritorno alla normalità.
    Va anche detto che i loro risultati dipendono anche dalle incapacità altrui, dalla crisi che hanno avuto talune grandi squadre italiane, senza poi parlare del passaggio del turno in Champions facendo soli 7 punti in un girone facile tolto il City.
    In ogni caso li aspetto al ritorno al tardini e sono convinto che con l’organico al completo possiamo batterli e pareggiare i conti.
    Sempre e solo forza Parma

  • 9 Gennaio 2020 in 07:09
    Permalink

    Vacca se siete tristi a parma….avete il coraggio di criticare l’Atalanta….poveretti…..nn vi smentite mai….
    Ciao Bagoli…
    E poi i cugini tristi siamo noi….

  • 9 Gennaio 2020 in 08:22
    Permalink

    Spero che lunedì lo stadio sia stracolmo
    e faccia un tifo infernale.
    Il Lecce deve sentirsi all’ INFERNO 😈
    mentre il Parma dovrà sentirsi in PARADISO
    Il Tardini dovrà regalare al Lecce un inferno
    terreno che dovrà essere
    peggiore di quello vero. 😈 😈 😈 😈
    La partita con la Spal può essere come una
    GOMMA che cancella la prestazione
    VIGLIACCA
    VOMITEVOLE e
    IMBARAZZANTE AL CUBO giocata
    ( per modo di dire) a Bergamo.
    È la nostra finale di.Champions.
    La partita dell’anno.
    Una partita per UOMINI VERI
    non certamente per
    MEZZE SEGHE
    Lunedì non bisogna stravincere
    BASTA solo VINCERE
    Si può giocare anche da cane o
    da vomito ma non importa
    BASTA solo VINCERE
    Ci basta anche solo un gol in fuorigioco
    Un rigore inesistente
    Un’autorete
    Un gollonzo
    Non importa
    BASTA solo VINCERE
    La partita è di un’importanza vitale
    Chi non l’ha capito è tonto ed è meglio
    che si dia all’ IPPICA e vada dallo psichiatra
    Se giocheranno Sprocati Pezzella e Darmian
    ( ma spero vivamente di no)
    come hanno giocato a Bergamo
    VANNO VENDUTI
    Subito
    immediatamente
    Senza ” se” e senza “ma”
    con un calcio in c….

  • 9 Gennaio 2020 in 09:02
    Permalink

    Ci vuole un bel CORAGGIO criticare il MODELLO ATALANTA.

    MA QUANTA INVIDIA….

    Prima di arrivare al loro livello passeranno 15 ANNI….
    (forse…..anche di più).

    LG: fatti vedere da uno bravo….

    • 9 Gennaio 2020 in 11:34
      Permalink

      Anziché insultare argomenta x sostenere le tue tesi come diverse persone invece hanno fatto… prima della scorsa partita il Parma era a 6 punti dall’Atalanta, ricordiamoci che il Parma 4 anni fa era in D dove giocano i non professionisti e spesso i calciatori fanno un altro lavoro. Mi sembra che di strada ne sia stata fatta parecchia…
      Tu dici che passeranno 15 anni x arrivare al livello dell’Atalanta, io dico che sicuramente tra 15 anni l’Atalanta non avrà in bacheca i trofei del Parma. Detto questo sono anche convinto che già alla fine di questo campionato il gap di punti tra le due squadre non sarà abissale.
      Sempre e solo forza Parma

  • 9 Gennaio 2020 in 09:35
    Permalink

    Tutta invidia. Parli di uno stadio che non è da modello inglese, quando ad oggi è ststa rifatta solo la curva nord. E che curva nord. Quest anno verrà rifatta la teibuna creberg, nel 2021 la sud. Poi voglio vedere se mi dici ancora che Parma è un modello da prendere da esempio, quando entri e ti spaventi a vedere uno stadio fatto di impalcature,.
    Onore al parma delle coppe, ma fammi il piacere.
    Mi parli di Atalanta come modellp da non imitare. A prova contrario ne abbiamo infilati 3 alla juve lo scorso anno e ci siam arrivati alla finale di coppa con la lazio, finale palesemente rubata.

    Ti faccio solo alcuni nomi….. non del passato che poi son finiti in grandi squadre, ma del recente passato come… montolivo, caldara, kulusevsky, inzaghi, spinazzola, mancini, conti, pazzini…e se vuoi vado avanti.

    Mi parli di kulusevky…. un ragazzino nato nella primavera, ma che con davanti gomez ilicic zapata muriel malinovsky nell atalanta non aveva spazio. È stato dato in prestito a voi, e da un valore di 100 mila euro ora ne abbiam presi 35 di milioni.

    Grande mossa societaria. Ci spiace non averlo potuto geder giocare almeno un anno qui.
    Ma non dirmi che è cperche non funzionano il milan e la roma che noi siam li sopra in classifica. Perhe ti abbiam dimostrato domenica il nostro gioco, e se abbiam fatto 99 goal in un anno solare qualcosa vuol dire.

    Al posto di parlare usando altro, scrivi usando il cervello,perche se a scrivere è l invidia ti conviene fare un altro mestiere.

    SOLO ATALANTA

    E GRAZIE A TUTTA PARMA X AVERCI OSPITATO LE PRIME DUE PARTITE IN CASA.

  • 9 Gennaio 2020 in 09:36
    Permalink

    Rosicatehttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 9 Gennaio 2020 in 10:30
    Permalink

    Noi critichiamo gli stadi degli altri
    senza sapere cosa abbiamo noi.
    Ma avete visto i bagni della tribuna
    dello stadio Tardini?
    Porte rotte dove ci sono
    Bestemmie scritte sulle pareti
    Piscio nel pavimento
    Puzza nausebonda
    Ambiente infetto.
    E parlo dei bagni delle tribune
    senza aver visto quelli delle curve
    Confrontateli con quelli di Bergamo
    e siate più obiettivi altrimenti fate la
    figura degli ippopotami.

  • 9 Gennaio 2020 in 10:48
    Permalink

    Direttore forse non sono a volte abbastanza chiaro. Ma per me i “piociòni”, braccini corti, micragnosi,etc non sono i 7 (a cui consiglio cmq da sempre di evitare di far sbandierare a Faggiano assenza di moneta perchè a livello di immagine fa schifo e di togliersi questa etichetta di oculatezza che corrente il 2020 non è premiante, sono concetti che piacevano a mia nonna), bensiì gli “altri” c.d. imprenditori del territorio che identifico nel Ponte Caprazucca, capaci solo di farsi dare uno strapuntino nell’inutile PPC senza aver mai cacciato una ghella nel 2006 (consegnandoci al bresciano) e ora. E non parlo solo di investimenti in qualità di soci, ma anche di banali sponsorizzazioni che non siano elemosine. Sul cinese il mio pensiero è pessimo e sono solo felice di essermelo levato dai maroni, anche perchè non più tardi di 18 mesi fa stava rischiando di non farci nemmeno iscrivere al campionato, oltre ad averci bloccato (parole di Faggiano) il mercato (non voleva comprare nessuno), con conseguente certa retrocessione. Poi in questi giorni la macchina organizzativa di Palazzo Soragna è impegnata h24 per la veuta di Mattarella e l’inaugurazionbe in pompa magna di Parma 2020, quindi non disturbiamoli.

    • 9 Gennaio 2020 in 13:03
      Permalink

      Caro Davide, quando si tirano a mano i “piocioni” è un attimo che un lettore disattento possa fare confusione tra i Magnifici 7 e l’UPI, del resto alcuni sani principi sono comuni, come il non fare il passo più lungo della gamba, più predicato dai nostri che attuato, in realtà, perché se io facessi ancora il Grillo Parlante come una volta, per onestà intellettuale dovrei bacchettare l’attuale gestione per le spese eccessive fatte, sia pure con la giustificazione di compiere la memorabile impresa. Però c’è di lodevole che questi soldi profusi sono VERI, cacciati fuori da loro, che quasi si vergognano per il bel gesto fatto per la comunità, a fronte poi di sentirsi dare, appunto, dei pidocchi. A ben vedere in questi cinque anni i Mecenati hanno investito una sessantina di milioni (comunque meno di quel che ci sarebbe voluto per acquistare il “carrozzone” già condannato alla serie B, e questo per un rendimento sportivo indecente ben prima che scoppiasse la magagna che avrebbe portato al fallimento, giacché anche se c’erano segnali abbastanza inequivocabili, quegli stessi segnali c’erano anche negli esercizi precedenti, per cui era abbastanza difficile che i calciatori o i tecnici potessero sapere che il baratro era lì che li aspettava, e il fallimento sportivo ha preceduto quello economico, direi senza alibi e giustificazioni per nessuno dei protagonisti di allora) o meglio, non li hanno tirati fuori solo loro, ma per una buona metà anche il loro socio dagli occhi a mandorla, che per me resta un benefattore della Comunità Crociata come tempo prima lo su Sanz (senza i suoi milioni sarebbe stato difficile tirare avanti all’infinito l’amministrazione straordinaria prima della cessione al Ghiro) e per questo dissento dal giudizio negativo che Tu formuli su di lui perché a un certo punto è stato determinante. Anche certe chiacchiere, piuttosto di propaganda, che circolano su di lui (che magari si credeva morto,m ma che comunque almeno parzialmente è resuscitato) mi sembrano ingenerose e comunque poco ortodosse e quindi le lascerei da parte. Alle volte si fanno passare per incapaci gli attuali gestori, però, al di là dei risultati sportivi che parlano per loro, ci sono appunto alcune perle che restano indelebili della loro sagacia, o di chi per loro studia, agisce, fa, pur non apparendo (più) direttamente, tra queste proprio la succitata operazione orientale, che i soliti noti hanno cercato di chiosare solo per l’aspetto negativo (la scelta non felice del nuovo socio), tralasciando l’abilità e la forza di riparare alle inadempienze cinesi, tornando ad essere i soci di maggioranza del club, roba da manuale, altroché, o se vogliamo la quisquilia già ricordata ieri dello sberleffo alla “Regia” di strappargli il calciatore simbolo della passata stagione, tale Zamparo, a parametro zero, salvo rivenderglielo per circa 400 milioni alla sessione successiva sessione. Non male. Anche nella tanto (anche da te) vituperata operazione Kulusevski, l’attuale proprietà ha avuto l’ardire inaudito di dire niet alla Juve sul trasferimento immediato, con dimostrazione di forza niente male, senza essere lo scendiletto di nessuno, men che meno dell’Inter che ora come la volpe e l’uva sostiene di non aver mai preso in considerazione di prendere il “Corsaro Rosso” (copyight Morosky). Giova ricordare che persino durante la Grandeur quando Madama domandava ci si inchinava… Citofonare Bravo per ulteriori dettagli… Peccato che non abbiano voglia di fare gli “imprenditori calcistici” (anche se vedendo certe risposte della piazza mi verrebbe da dire che hanno ragione) perché in realtà gli “imprenditori calcistici” mi pare stiano dimostrando di saperlo fare piuttosto bene. E’ evidente, tuttavia, che l’attuale schema, come più volte da loro stessi spiegato, difficilmente può essere reiterato in eterno poiché nella compagine dei Magnifici 7 vi sono dei rapporti di forza squilibrati per cui se ad X e Y investire (o gettare nel capirone e la differenza spesso la fanno i capricci di Eupalla e non la scienza) certe somme è come per un comune mortale andare a fare il pieno alla macchina (tolto che comunque ognuno sarà pur libero di spendere come vuole i propri quattrini, e magari dopo aver fatto il Mecenate per cinque anni diversificare le spesucce) per altri magari l’impegno è un po’ più gravoso. L’ideale sarebbe stata l’elevazione di uno dei top investitor nel ruolo (comunque spesso ingrato) di maggiore azionista, evitando di valutare altre profferte da fuori, condizione però resa indispensabile dalla mancata realizzazione di detta soluzione. In realtà, a fronte degli attuali ricavi, con una gestione attenta, potrebbe raggiungersi l’obiettivo virtuoso della “autogestione” (che per altro con una società potente, attenta e “locale” alle spalle sarebbe il meglio per tutti). Il tempo degli investimenti “pesanti” dei soci, infatti, potrebbe essere terminato o comunque terminare nel breve, cioè quando nelle voci di bilancio (per forza di cose ancora un po’ sanguinolento) troverà spazio il player trading. L’Atalanta, come scrivevo ieri, andrebbe “imitata” proprio per la capacità (vedi Kulu) di scovare talenti sconosciuti per poi valorizzarli e venderli al miglior offerente. Lo stesso Cornelius, ad esempio, il Parma anziché comprarlo dall’Atalanta già valorizzato (e dunque pagarlo relativamente caro), idealmente dovrebbe saperlo individuare da solo per sé o appunto per la rivendita onerosa. L’Atalanta c’è riuscita, ma sono anni che ha un certo tipo di organizzazione, il Parma attuale milita da due anni in A e prima ha dovuto investire pesantemente per tornarci. Il progetto sportivo, dunque, dovrebbe raggiungere questa tipologia di step, peraltro come previsto dal piano triennale di recente approvato. Ma a questo va aggiunto anche l’investimento sulle strutture (il Centro Sportivo tornato di propeità e con un programma in corso d’opera di riqualificazione) e lo Stadio Tardini di cui ormai dovrebbe essere terminato l’iter burocratico che darà il là alla tanto attesa copertura delle Curve e ristrutturazione globale e reale: quella “televisiva” rifacimento estetico dei seggiolini è già stato fatto col ritorno in A, tutte cose che ora si danno per scontate ma che non sono capitate o arrivate per caso. I signori brontoloni, quelli a cui non va mai bene niente, quelli che imbrattano le bacheche social con dei vergogna ad minchiam dovrebbero ricordarsene, assieme al memento cristiano: ricordati che sei polvere e polvere ritornerai

  • 9 Gennaio 2020 in 10:51
    Permalink

    E cmq in rappresentanza del popolino a cui appartengo cito sempre un mitico ascoltatore di Rete Sport Roma: “a noi non ce frega un c…o di plusvalenze, obbligazioni, basta che comprano li giocatori” http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

    • 9 Gennaio 2020 in 12:14
      Permalink

      Si così si sfasciano i bilanci e si finisce in D, bravo l’omo si parent ed Ghirardi ?

  • 9 Gennaio 2020 in 11:51
    Permalink

    Ma quanti Kg di Mallox dovete prendere per vivere serenamente?
    Non vi pensiamo proprio, ma arrivare a denigrare una società, una città, una tifoseria che sta ottenendo da anni successi clamorosi nel più completo merito e rispetto (siamo stati defraudati di una coppa Italia pochi mesi fa) ci vuole molto coraggio…..
    In bocca al lupo al Parma e ai suoi tifosi seri, alla città che rappresenta.
    Sono sicuro che pochissimi di loro si riconosceranno o in questo delirante articolo contro di noi

    • 9 Gennaio 2020 in 13:15
      Permalink

      Qui si vive serenamente il settimo posto in campionato nelle vesti di autentica sorpresa del campionato.

      Nel mio pezzo non vi è l’intenzione di denigrare società, città e tifoseria (dove, di grazia?), ma solo la volontà di esprimere la mia opinione a proposito di quello che ho visto coi miei occhi domenica a Bergamo.

      Lo stadio, al momento, non è il gioiellino contrabbandato dalla stampa nazionale. Altrimenti quelli di Udinese, Frosinone e Juventus cosa sarebbero? Capolavori?

      E la squadra non mi pare il miracolo calcistico che in tanti dipingono: in Champions League una qualificazione agli Ottavi per il rotto della cuffia (l’Inter con gli stessi punti è stata eliminata in un girone con Barcellona e Borussia, non so se mi spiego) e in campionato un quinto posto che non è ancora il terzo dell’anno passato.

      In un contesto di libertà di pensiero, il vero delirio è definire delirio l’opinione altrui.

      Saluti e baci da Parma!

  • 9 Gennaio 2020 in 12:23
    Permalink

    quoto 1907.
    l’ articolo mi è indifferente ma rispetto la libertà di opinione.
    il tutto scaturito poi lo trovo imbarazzante.
    godiamoci la stagione che fino ad ora ha regalato soddisfazioni (tranne qualche episodio..).
    abbiamo una posizione di classifica in linea se non superiore con la ns realtà. non vedo perché si debba guardare in casa d’ altri.

  • 9 Gennaio 2020 in 12:24
    Permalink

    e poi perchè mi piace andare a fondo alle cose..il 22 maggio 2019 l’autore di questo delirio affermava su queste stesse pagine che l’Atalanta doveva essere presa a modello…
    Il delirio è totale….
    Quindi ho sbagliato a consigliare mallox ma invece creoo serva un medico bravo, uno che ci capisce….

    Firmato
    Un tifoso dell’Atalanta obiettivo, pacato e serio

      • 9 Gennaio 2020 in 15:37
        Permalink

        Lei scrive di Atalanta e di Atalanta non sa assolutamente nulla nè da un punto di vista sportivo, nè gestionale, ma è solo accecato dal rancore.
        Potrei confutare punto per punto con dati innopugnabili la marea di assurdità che ho letto, ma non ho nè il tempo, nè la voglia.
        Avesse avuto l’umiltà del suo direttore sportivo, con il quale ho parlato amabilmente lunedì, non si sarebbe esposto a questa patetica figura scrivendo questa marea di spazzatura.
        Io di Parma non scrivo nulla, perchè sono conscio di non sapere nulla.
        Questa è la differenza

        Saluti da Bergamo

        • 9 Gennaio 2020 in 16:31
          Permalink

          Credo piuttosto che le manchino gli argomenti, considerato il suo ricorso reiterato all’offesa.

          • 9 Gennaio 2020 in 16:38
            Permalink

            Se c’è qualcuno che offende è stato lei con un pezzo da delirio, segnato solo da livore, che gli stessi tifosi del Parma criticano. E poi come posso argomentare con chi è talmente lontano dal mio modo di vedere. Uno di noi due delira … agli altri la difficile sentenza

  • 9 Gennaio 2020 in 13:05
    Permalink

    E’ normale che vengano a scrivere da Bergamo 2 ragioni balorde, sono anche troppo educati.
    Se si vuole evidenziare che la società Parma dalla rinascita sta lavorando bene sono d’accordissimo, è giusto evidenziarlo perchè tanti lo sminuiscono o lo ignorano. A mio parere non ha invece molto senso far partire il discorso dall’Atalanta, sportivamente sono un modello consolidato da anni, col bilancio a posto, ci hanno anche appena dato 5 gol e lo stadio anche se rifatto parzialmente è un altro progetto che hanno e che va avanti, il nostro ad oggi fa schifo ma per fortuna c’è un bel progetto
    come se negli anni 90 fossero venuti a far le pulci al parma di scala

  • 9 Gennaio 2020 in 13:41
    Permalink

    scusa ma dopo tutte le puttanate che hai scritto non ho capito che mestiere fai????

  • 9 Gennaio 2020 in 14:03
    Permalink

    Buongiorno, sono un parmigiano adottato nato a Bergamo che adesso vive all’estero. Ho l’Atalanta nel cuore e amici incredibili a Parma.
    Non concordo con l’articolo di cui sopra. Di seguito cerco brevemente di elencare le ragioni.
    1 – il Gewiss Stadium che tu denigri chiamandolo Brumana è in fase di costruzione: non puoi criticarlo ora. Aspetta qualche anno poi potrai dire quello che vuoi.
    2 – La società ha i conti in regola grazie alla gestione PErcassi che ha sapientemente saputo investire e comprare.
    3 – siamo sempre stati una società POVERA. Voi avete avuto investitori che vi hanno aiutato a vincere comprando giocatori che al tempo erano costosissimi e forti. Se non investi nel calcio, non vinci. Poi perdi comunque, ma devi comunque investire.
    4 – Gasperini e Percassi vanno d’accordo ora: dopo 5 partite (le prime 5) tutti sanno che Percassi contattò Pioli e lui, da signore, disse che Percassi avrebbe dovuto aspettare.
    5 – Ci vuole sempre un po di dose di fortuna 🙂 siamo anche fortunati e probabilmente domani ci troveremo in serie b facendo felici un sacco di persone. La realtà è che noi giochiamo SEMPRE bene e alle volte perdiamo anche.
    6 – Hai perso 5 a zero: non tirare merda su una realtà che è carina (non splendida) cerca invece di comprendere cosa non ha funzionato nella tua squadra e fai i complimenti all’avversario 🙂 no?
    7 – La logica che tutti applicano è di solito molto conservativa: chi era grande 20 anni fa e ora fatica non viene considerato una provinciale ma una grande in difficoltÀ; una provinciale che gioca da grande non viene considerata grande ma più momentaneamente grande. Con gusta logica conservativa a CASTE INDIANE nessuno al di fuori delle 7 sorelle dovrebbe o potrebbe mai potersi affacciare nelle parti alte della classifica. Non la trovi un po stupida come logica?

    Grazie per la possibilità di commentare.

    • 9 Gennaio 2020 in 16:10
      Permalink

      Quale Direttore Responsabile, nel darle il benvenuto in questo spazio commenti, mi permetto di replicare al punto 1, poi eventualmente sarà l’autore, se lo desidera, farlo per gli altri punti.

      Russo, nel definire “Brumana” lo Stadio di Bergamo, si è attenuto a una mia disposizione e cioè quella di chiamare gli stadi con il loro nome storico, senza derive commerciali. Del resto per noi la Coppa Italia è la Coppa Italia e non la Tim Cup. Saremo vecchi e decrepiti, ma da nostalgici del calcio che fu, quando era davvero popolare e non diciamo così, artefatto, e prettamente “televisivo” come oggi. Lo ha anche specificato nell’articolo precedente, quello di commento alla partita (dal titolo Senza Voto vedi qui: http://www.stadiotardini.it/2020/01/columnist-luca-russo-senza-voto.html)

      Non vi è dunque nulla di denigratorio nel definire l’impianto sportivo semi-ristrutturato con le sue precedenti denominazioni, e cioè Atleti Azzurri d’Italia, o Brumana.

      Originariamente, infatti, l’intitolazione era “Stadio Mario Brumana“, che niente ha a che vedere con la “bruma”, ossia la nebbia (forse per questo erroneamente lei pensava che Russo volesse celiare), bensì un milite fascista caduto durante i moti che precedettero l’avvento del regime. Con la fine della seconda guerra mondiale venne tolta l’intitolazione a Brumana e semplicemente divenne “Stadio Comunale” fino al 1994 quando, per volontà del sindaco Galizzi, fu intitolato “Atleti Azzurri d’Italia”..

      Colgo l’occasione per rimarcare – e non solo a Lei ma anche agli intervenuti in queste ore – come da sempre la linea editoriale dettata dal sottoscritto va (forse utopisticamente) nello spirito del dialogo e non della contrapposizione tra tifoserie: ho la sensazione che ci sia molto campanile nella lettura del reportage del nostro Columnist, il quale ha solo espresso le sue valutazioni – più o meno condivisibili – dopo la sua giornata di lunedì nello stadio parzialmente rinnovato così come sono più o meno condivisibili i commenti che ne sono seguiti, anche se un po’ troppo, a mio parere, figli dell’oggi, e cioè della contrapposizione o con me o contro di me. Lungi da parte di questo giornale on line la volontà di voler denigrare qualcuno men che meno l’Atalanta o i suoi tifosi: mi associo, anzi, alle parole di elogio di Russo alla Curva (inserite nel già citato articolo di commento alla partita, dal titolo Senza Voto, vedi link sopra) e che qui ritrascrivo:
      La curva bergamasca, esclusi i due o tre sfottò d’ordinanza riservati ai dirimpettai bresciani, si è distinta per cori a favore della propria squadra (e non contro gli avversari), continuità canora, partecipazione collettiva e capacità di trascinare la squadra o farsene trascinare kulusevski faggiano atalanta parma 06 01 2020e diventare il cosiddetto dodicesimo uomo in campo. Ma la sua parte migliore ce l’ha mostrata quando ha omaggiato con lunghe e fragorose ovazioni le uscite dal campo di Kulusevski, Cornelius (che ha ricambiato con altrettanto calore) e Grassi, ex ancora molto apprezzati da quelle parti. Ci fosse stato un applausometro, di quelli che un tempo non di rado venivano usati nei varietà televisivi per stabilire scherzosamente chi fosse più gradito, l’avrebbe spuntata Grassi, seguito da Cornelius e infine da Kulusevski.
      Cordialmente
      Gmajo

  • 9 Gennaio 2020 in 14:20
    Permalink

    Per essere ancor apiù chiari Parma della rinascita sta lavorando non bene BENISSIMO, a far inizio dal calcio nel deretano a Minotti e Scala (al di là della parentesi col cinese da cui per fortuna si è usciti senza danni). Proprio per questo io cambierei stile comunicativo discostandomi dai PIOCIONI veri, quelli del Ponte Caprazucca a cui lascerei il “copiraigt” di certi concetti ed espressioni desuete (passi lunghi o corti, etc..), che in bocca anche al Faggiano di turno danno alla stampa l’idea di tempi miseri, di nozze con fichi secchi, etc..Criticare Faggiano per operazioni di mercato non c’entra una mazza col criticare la società. E’ anche necessario accantonare il concetto di imprenditore calcistico che per fortuna, Cellino e Preziosi a parte non esiste più. Nessuno dei proprietari di grandi team europei è “Imprenditore calcistico” e personalmente auspico una lunga vita ai nostri (7 o 2 che siano). Tra l’altro mal supportati dai “colleghi” imprenditori del c.d. territorio tomaccari, buslotari e acciugari che adesso non disturbiamo perchè sono già a stirare il vestito grigio e a far lucidare le scaroe di cuoio per la messa in scena di Parma 2020 in pompa magna. Un domani che facesse le misere valige anche il peritino informatico a favore di un personaggio più di peso, anche la futura ristrutturazione dell’Ennio avrebbe un risalto maggiore sulla stampa. Proprio per questo il modello Atalanta che se lo tengano Percassi, Colantuono e Gasperini. Io preferisco il nostro. Spero però che a Torino ci si vada, non facciamoci ridere a dietro ancora con la storia del caro biglietti e dello sciopero del tifi contro il MIlan (cosa gliene frega alla Lega se non tifi).

  • 9 Gennaio 2020 in 14:24
    Permalink

    Cmq abbiamo scoperto che la Dea è una religione e bisogna venerare Gosén e Gasperini due volte al tramonto e una all’alba a pena di essere considerati eretici.

  • 9 Gennaio 2020 in 14:39
    Permalink

    Non capisco il motivo di criticare l’Atalanta, solo perché ci ha rifilato 5 goal? L’Atalanta, al momento è un esempio positivo per molte società, come lo è il Parma attuale, in condizioni completamente diverse. Non riesco a capire questa inutile contrapposizione.

    • 9 Gennaio 2020 in 15:19
      Permalink

      Neanch’io capisco il perché di queste polemiche sterili.
      L’unico appunto che si può fare attualmente all’Atalanta è l’eccessivo ricorso a giocatori stranieri. Lunedì erano inizialmente 10 su 11, per una società che storicamente ha sempre formato giovani di grande valore è obiettivamente un’anomalia

  • 9 Gennaio 2020 in 17:28
    Permalink

    Il sig. Luca Russo.…..

    ha fatto semplicemente la figura del cioccolataio.

    P.s. A lei direttore solo rispetto…..ma solo a Lei
    i restanti “scrittori” sono solo “fuffa”.

    • 9 Gennaio 2020 in 17:46
      Permalink

      La mia unica colpa è non essermi allineato al pensiero unico propagandato dalla stampa e dai salotti televisivi teso ad esaltare il modello Atalanta.

      Se sulla Rosea, o Stadio o qualsiasi altro giornale, l’Atleti Azzurri d’Italia mi viene descritto come un gioiellino, io mi aspetto di trovarmi di fronte ad uno stadio simile a quelli di Udinese e Juventus. Ma se al contrario mi ci reco di persona e noto che tutto è tranne che un gioiellino, lo penso, lo dico e lo scrivo. Se poi siamo sotto dittatura, fatemelo sapere ché espatrio molto volentieri.

      Se affermo che l’Inter in Champions ha messo insieme 7 punti ma è stata eliminata perché inserita in un girone difficilissimo, mentre l’Atalanta va agli ottavi avendone totalizzati altrettanti però in un gruppo molto più che alla sua portata, non è fare la figura del cioccolataio – arte comunque nobile a differenza dell’insulto a chi non si allinea al pensiero unico – ma riportare fedelmente i fatti e interpretarli nel modo più lucido e oggettivo possibile.

      Ribadisco che il vero delirio è definire delirio un’opinione diversa dalla propria.

  • 9 Gennaio 2020 in 17:48
    Permalink

    Non diciamo cazz… è un’esempio si! Sotto tutti i punti di vista! Società, allenatore, giocatori, tifosi! I numeri parlano e sinceramente hanno un gioco spettacolare.. Lunedì si è visto! Penso che il tuo commento su stadio e esempio sia solo invidia e campanilismo! È una splendida realtà e a differenza tua l’apprezzo come apprezzo chi fa spettacolo! Anzi.. Un grazie per kulu in prestito🤔😉

    • 9 Gennaio 2020 in 18:26
      Permalink

      A proposito di Kulusevski, un grazie lo dovrebbero anche loro a noi. Un grazie grande 44 milioni di euro. Quanto al resto, non è molto elegante bollare come “sciocchezza” l’opinione altrui. Se per lei l’Atalanta e il suo stadio sono un modello cui ispirarsi, è libero di pensarlo, ci mancherebbe, ma non può pretendere che tutti facciano lo stesso o liquidare con sufficienza il parere di chi la pensa diversamente. Lunedì io ho visto una squadra che ha fatto il suo, l’Atalanta, e un’altra che non ha fatto nemmeno il suo, ovvero il Parma. Il 5-0 ci sta tutto ma non rispecchia i rapporti di forza tra le due compagini.

      • 9 Gennaio 2020 in 21:04
        Permalink

        Per quanto riguarda kulusevski pienamente d’accordo, per lo stadio è in work in progress, difficile giudicarlo adesso, ma se segue la curva che è veramente bella, lo diventera.,mentre per la nostra partita non sono d’accordo, mio parere personale, l’Atalanta è una squadra che attualmente è in una forma sia fisica che mentale strepitosa, e se non sei al 100% si rischiano figuracce, vedi Milan. Per quanto riguarda il modello da cui ispirarsi è riferito a società che vogliono crescere a piccoli passi, facile essere la Juve e fare un aumento di capitale da 300 milioni.
        Per la mia frase di esordio chiedo umilmente scusa, non volevo essere maleducato, mi sono lasciato prendere dalla foga🙏
        Ovviamente il tutto, mio parere personale

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI