CRAC PARMA FC, GHIRARDI E LEONARDI RICHIEDONO IL RITO ABBREVIATO. L’AVVOCATO MANFREDI A STADIOTARDINI.IT: “SCELTA TECNICA DELLA DIFESA, MA SPETTA AL GIP RATIFICARE”

In relazione agli esiti dell’udienza preliminare – svoltasi avanti il Giudice dell’Udienza Preliminare dott. Mattia Fiorentini in seguito alla richiesta di rinvio a giudizio avanzata dal Pm dott. ssa Paola dal Monte dei 23 coimputati coinvolti nel crack del Parma Calcio accusati di bancarotta fraudolenta aggravata, bancarotta documentale, truffa, accesso abusivo al credito – nella quale 14 indagati hanno preannunciato al richiesta di rito abbreviato, mentre per uno di loro Marco Preti ex direttore finanziario ed amministrativo il difensore ha concordato un patteggiamento con una pena a due anni con la sospensione condizionale, StadioTardini.it, per contribuire, come consolidata consuetudine, ad una propositiva opera di divulgazione, ha chiesto all’Avvocato Marina Manfredi del Foro di Brescia – penalista ed avvocato sportivo, nonché tra le curatrici del portale diffamazioneonline.com – un parere tecnico per meglio comprendere come presumibilmente si svolgerà il processo che sta prendendo il via a cinque anni dal fallimento.

avvocato marina manfrediIl giudizio abbreviato previsto dall’articolo 438 del codice di procedura penale, è un rito speciale cui può eccedere qualunque imputato a richiesta (fatta eccezione per imputazioni che prevedono la pena dell’ergastolo), nel quale il Giudice per le Indagini Preliminari è chiamato a decidere sulla responsabilità penale dell’imputato allo stato degli atti, ossia esaminando solo le prove che emergono dagli atti di indagine offerte dal pubblico Ministero. Il rito prevede in caso di condanna la riduzione di un terzo della pena eventualmente inflitta. Ma in realtà qualora le indagini siano lacunose ovvero non sia raggiunta la piena prova della responsabilità, l’imputato può anche essere assolto. La scelta è meramente tecnica ed è effettuata dal difensore in concerto con il suo assistito una volta esaminati gli atti di indagine. Il Legislatore ha previsto la premialità di riduzione di un terzo della pena in quanto con il rito abbreviato i processi sono più celeri e la prova è documentale senza la necessità di ascoltare i testi come nel dibattimento ordinario.

Il patteggiamento è sempre un rito speciale previsto dall’art.444 del codice di procedura penale applicabile solo ai reati la cui pena non superi i 4 anni di reclusione, e consiste nel concordare con il Pubblico Ministero (l’accusa) “a tavolino” l’applicazione di una pena finale senza la celebrazione di un processo.

Compete comunque al Giudice per le Indagini Preliminari emettere la sentenza con la quale ratifica la pena, la modifica ovvero respinge il patteggiamento qualora ritenga la fattispecie non rientrante nei casi cui è applicabile e rimettere l’imputato al dibattimento o al giudizio abbreviato qualora ne faccia richiesta.

Venendo ai capi di imputazione di specie pur non avendo gli atti di indagine ma solo leggendo i capi di imputazione è intuibile che i difensori non abbiano avuto altra scelta di rito (nel caso dei 14 coimputati) essendo la pena prevista dall’art.216 della Legge Fallimentare (banca rotta fraudolenta) fino a 10 anni reclusione (aumentata fino alla metà in caso di bancarotta aggravata).

Evidentemente la scelta del patteggiamento (che comunque dovrà ancora essere ratificata dal GIP) è stata possibile con un capo di imputazione meno grave (per esempio truffa ovvero accesso abusivo al credito) e grazie ad un risarcimento offerto dall’imputato al fallimento che evidentemente lo ha accettato ritenendolo congruo e che andrà a beneficio dei creditori ammessi al passivo”. Avvocato Marina Manfredi del Foro di Brescia – penalista ed avvocato sportivo e curatrice del portale diffamazioneonline.com 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

18 opinioni su “CRAC PARMA FC, GHIRARDI E LEONARDI RICHIEDONO IL RITO ABBREVIATO. L’AVVOCATO MANFREDI A STADIOTARDINI.IT: “SCELTA TECNICA DELLA DIFESA, MA SPETTA AL GIP RATIFICARE”

  • 21 Gennaio 2020 in 18:51
    Permalink

    Grazie delle delucidazioni http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 21 Gennaio 2020 in 21:07
    Permalink

    Eh ma la colpa è stata di Taçi

    • 21 Gennaio 2020 in 23:25
      Permalink

      No Vele,

      io spero che il Genoa non tiri fuori 18 milioni, entro il 1° febbraio,
      così non si perfeziona il riscatto del bomber ….

      per noi sarebbe sicuramente meglio PINAMONTI, 1999, 45 GARE IN SERIE A, con 7 gol ….

      …ESPOSITO , secondo me, per noi è troppo acerbo,..!!!
      mia piccola opinione !!

      • 22 Gennaio 2020 in 09:56
        Permalink

        Non sono d’accordo Morosky
        Noi abbiamo bisogno di un giocatore in prestito secco, solo in prestito ma buono da qui alla fine del campionato in quanto i nostri due centravanti sono Bobby e Cornelio. E NON SI TOCCANO.
        Se,arrivasse Pinamonti il prossimo anno dovremmo liberarci di uno dei tre.
        Esposito per te sarà anche acerbo ma,allora spiegami come mai Conte non lo vuole far partire.
        Si vede che, avendolo a disposizione e vedendolo giocare ogni giorno, crede molto in lui e pensa di farlo giocare nell’Inter e se gioca nell’Inter non potrebbe giocare da noi.?
        Dai Moro….

        • 22 Gennaio 2020 in 16:02
          Permalink

          Pure pinamonti sarebbe un prestito, via inter fino a giugno

  • 22 Gennaio 2020 in 07:51
    Permalink

    Mi piacerebbe parecchio, giusto per risarcire chi è rimasto impagato, che ai responsabili di questo mega fallimento/truffa/stangata …venissero confiscati immobili, beni, conti correnti loro e
    dei prestanome che si trovano, con le opportune ricerche, dopo 5 minuti

  • 22 Gennaio 2020 in 08:46
    Permalink

    Oggi è il 22/01. Non doveva arrivare uno per reparto per completare la rosa in moda da non costringere il mister a giocare con brugman di punta e kurtic da ala?E Siligardi l’è ammò a Culèc. Doveva andare via a gennaio 2019…

  • 22 Gennaio 2020 in 10:08
    Permalink

    Davide si deciderà tutto nell’ultimo giorno di mercato
    e stai tranquillo che D’Aversa sa il fatto suo.
    NON È UNO SPROVVEDUTO.
    Dopo l’esperienza del mercato invernale dello scorso gennaio
    in cui portando a casa ( KUCKA a parte) solo super scartini.
    quest’anno non si ripeteranno gli errori fatti in passato.
    NE SONO ARCISICURO.
    Se l’Inter non ci dà Esposito ( facendosi però da sola KARAKIRI in quanto qui da noi maturerebbe alla KULUSEVSKY) vireremo su altri giocatori ma,questa volta penso, come già ti ho detto, non arriveranno MEZZE SEGHE
    Fidati di FAGGIANO che è uno dei componenti dei
    MAGNIFICI 9 e stai tranquillo, non ci saranno più arrivi incolore
    e inutili ma probabili titolari.

  • 22 Gennaio 2020 in 12:02
    Permalink

    Davide, mi sembra superfluo ricordarti che,

    dopo la legge BOSMAN, i calciatori nn sono + pacchi postali da mandare dove vuole la società..

    ribadisco il concetto che, una volta stipulati i contratti, CHI HA IL PROPRIO TORNACONTO PERSONALE, vuole che siano rispettati, a volte sono le società e a volte i calciatori …

    INSISTO SUL CONCETTO legato a SILIGARDI, NON TANTO DAL PUNTO DI VISTO TECNICO bensì dal punto di vista concettuale:
    RIPETO, per l’ennesima volta, VISTO CHE GLI HANNO rinnovato il contratto fino al 30/06/ 2022 , contratto sicuramente oneroso ed importante ( 500-600 anno ??? non sono bene a conoscenza ma, l’ordine di grandezza è questo !! ) …

    tu, SOCIETA’, devi cmnq pagarlo quindi, visto che c’è, AVERLO TENUTO FUORI ROSA , oltre a pagarlo, NON HAI BENEFICIATO delle sue prestazioni, anche se solo in panchina ..

    ribadisco, non si tratta della caratura del giocatore o del suo rendimento in tema di gol ma, anche per un discorso quantitativo di rosa, CHE NOI SAPPIAMO BENISSIMO, ESSERE SEMPRE FALCIDIATA DA INFORTUNI …cavolo ..

    poi, la SOCIETA’ può fare ciò che vuole MA, ANCHE LUI, almeno fino alla scadenza contrattuale ..

    RICORDO PURE CHE E’ UN OTTIMO PROFESSIONISTA, UN BREV RAGASZ , si è sempre allenato con scrupolo e non ha mai detto BAU…
    …tutto è nato quando, il giorno prima della gara di Coppa col Frosinone, D’AVERSA ha dichiarato ( forse inconsciamente ) che non è stata sua la DECISIONE DI TENERLO FUORI ROSA…

    a questo punto NON LO SI DOVEVA NEMMENO ANDARE IN CONFERENZA STAMPA DOPO LA GARA , capirai, e parlo di SILIGARDI, fuori rosa, fai gol, ti intervistano, ti fanno domande specifiche, cosa vuoi che risponda ??

    DOVETE CHIEDERE A FAGGIANO E PIZZAROTTI ..

    e qui chiudo, ancora inca$$ato per il brutto affaire di comunicazione …..

  • 22 Gennaio 2020 in 12:15
    Permalink

    MANDARE e non ANDARE

  • 22 Gennaio 2020 in 13:16
    Permalink

    Mauro gli stessi che dicono che è normale che Kulu faccia le foto alla Continassa perché è il calcio moderno e bisogna abituarsi sono gli stessi che dicono che scandalo Siligardi fuori rosa. Che si mettano d’accordo. Comunque a me di Siligardi non frega nulla anzi meno di zero. Dentro fuori in panca in tribuna. Ma mi frega che arrivi una punta e un difensore perché abbiamo i punti dello scorso anno. E sappiamo come è finita.

  • 22 Gennaio 2020 in 14:20
    Permalink

    non mi trovi d’ accordo. almeno io non sono uno di quelli che dici te.
    se leggete vecchi post miei ho detto episodio Kulu normale perché è il calcio moderno.
    Siligardi normale pure perché una società è auna zienda.

  • 22 Gennaio 2020 in 16:10
    Permalink

    Ora, o non scrivo bene l italiano oppure non si vuole capire:

    FAGGIANO ha prolungato un buon contratto a SILI ..fino a giugno 2022….

    Se lui non vuole andare via…non lo può obbligare nessuno, a meno che non gli vengano manteniti e garantiti gli stessi emolumenti…
    QUINDI RI METTIAMOLO IN LISTA…avremo sempre uno in + in panchina…cazzo…non importa molto se giocherà o meno… sarà però utile ..per sopperire le assenze senza andare in difficoltà numerica…..ZIO povero ( il mio, non quello di Sepe )

    Mando un fax con lo schema ??

  • 22 Gennaio 2020 in 16:56
    Permalink

    io sarò piu preoccupato l’anno prossimo, quando sarà difficile avere i punti di quest’anno e dell’anno scorso (dove ci siamo salvati)

  • 24 Gennaio 2020 in 21:56
    Permalink

    A me preoccupa la stagione 2024-2025.
    Mi preoccupa perchè credo che non ci saró…
    Ehehehe….sgrunt!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI