TUTTO LA FESTA MINUTO PER MINUTO. GRAN GALA’ NELLA SALA B DI VIA ASIAGO, DOVE TRA ANEDDOTI, RICORDI E SUPER OSPITI, SI E’ CELEBRATO IL SESSANTESIMO COMPLEANNO DI TUTTO IL CALCIO (VIDEO INTEGRALE)

60 anni tutto il calcio lo show celebrativo

Luca Savarese(Luca Savarese) – Si comincia con un quasi capitombolo, quello di Ezio Luzzi, che evidentemente contento di ritornare ad impugnare il microfono non si accorge del gradino che separa la platea dal palco e per poco non vi inciampa. No, per chi ha raccontato per anni le emozioni del pallone, è lecito, in un momento di un simile redde rationem e di festeggiamenti, emozionarsi un pochino. Si finisce con la carrellata di nomi che hanno reso e rendono possibile il fascino del programma ed un grazie espresso da Giovanni Scaramuzzino a tutti i tecnici ch consentono loro di andare in onda. Benvenuti al gran galà dei Sessant’anni di Tutto il calcio minuto per minuto, in onda, live (anche se il 10 gennaio 1960 questo termine era ancora lontano dall’essere solo pensato…) dall’elegante Sala B di Via Asiago in Roma. Padrone di casa Filippo Corsini, alla conduzione della trasmissione dal 2012, quando ne prese le redini da Alfredo Provenzali, ed anch’egli, al solito algido, piuttosto coinvolto al punto di ammettere in apertura delle danze: “Che sala piena!” Ludovica Mantovani, presidente della divisione femminile Figc, figlia di Enrico, presidente che portò la Samp sul tetto d’Italia con la conquista nel 1991 dello storico scudetto è la co-conduttrice. Al centro, punta di diamante, i ricordi dei protagonisti ed i protagonisti dei ricordi. Otto i cavalieri della tavola rotonda presenti sul palco: Riccardo Cucchi, Emanuele Dotto, il sopracitato Ezio Luzzi, Giovanni Scaramuzzino, Massimo De Luca, Giulio Delfino, Bruno Gentili, Francesco Repice. La kermesse si sente sulle onde di Radio 1 Rai e si vede sul canale Facebook di Radio 1. Così, se qualcuno con la radio alle orecchie, accende il computer, vede fattezze, lineamenti, sguardi di chi, da 60 anni, ci ha raccontato e ci racconta il gioco più bello del mondo. Tante le maestranze che hanno voluto rendere omaggio ad un anniversario così significativo. Non mancano i messaggi audio di molti allenatori che hanno speso parole per questo anniversario. Si comincia con le parole di Maurizio Sarri, si finisce con quelle di Pioli: “Complimenti per la compagnia che ci fate”. Si sentono le parole anche di Conte, Montella, Di Francesco, Gattuso, Allegri, Simone Inzaghi, questi ultimi, sia l’ex tecnico della Juve che l’attuale mister della Lazio, ammettono di seguire quando riescono Tutto il calcio in macchina. Sembra che la società si sia presa un paio d’orette per fermarsi, abbracciare e sostare un pochino con questo meraviglioso giochino radiofonico che manda in onda il calcio. Platone, che considerava l’arte una copia dell’idea, chissà se sarebbe stato d’accordo con questo marchingegno, probabilmente si, sta di fatto, che nel parterre di via Asiago, sono tutti d’accordo. Come il cittì della nazionale Roberto Mancini, presente fisicamente e che forse anche lui un tantino emozionato dalla grandezza dell’evento, dice per un attimo “Novantesimo Minuto” in luogo di Tutto il calcio. Si scoprono poi cose che molti umani non sapevano, cioè che il Mancio, da ragazzino mentre ascoltava Tutto il calcio tifava Juve e che Bruno Gentili, una vita passata al seguito di Roma e Lazio è in realtà interista. Francesco Repice, come spesso gli capita di mostrare, ammette che lui non ha mai fatto mistero della propria fede romanista, al contrario di Riccardo Cucchi, che ricorda come abbia fortemente voluto esprimere il suo credo calcistico laziale, solo una volta appeso il microfono al chiodo, dopo la sua ultima radiocronaca Inter–Empoli del 12 Febbraio del 2017.  “C’è una terzietà per la quale forse l’aver saputo prima la mia fede, ne avrebbe indebolito il rapporto di fiducia”. Scelte, modi, vie diverse, della stessa parrocchia, quella di Tutto il calcio, tutto raccolto nella navata laica di via Asiago. “Riusciva sempre ad avere un sereno distacco” ricorda Giovanni Scaramuzzino in riferimento a Claudio Ferretti, che fa sapere Corsini, sarebbe dovuto essere tra i partecipanti ma è stato impossibilitato. Fa un certo effetto sentirli narrare di sé e non della materia di una partita. Puntuale, come di consueto l’arrivo del GR, ad ogni scoccare della nuova ora ad interrompere, gol del tempo, intarsi di aneddoti che si intrecciano, spassosissime maioliche vocali. Salienti e non avevamo dubbi, le chicche di Emanuele Dotto, che a proposito di Ludovica Mantovani ringrazia il padre Enrico per aver portato a Genova Vujadin Boskov e srotola dal cofanetto della memoria una frase del labbro di Novi Sad: “Gentilezza costa niente, compra tutto”. Accorate anche le parole di Francesco Repice, prima voce al seguito della Nazionale: “Lasciatemi sognare, per me essere qui è un sogno. Io volevo fare il calciatore ma poiché non ne avevo né i mezzi né il fisico eccomi qua a raccontare. Mi ricordo che Marco Mantegani, allora capo redattore, mi propose come spalla di Giulio Delfino per la Formula 1. Poi furono gli occhi di Bruno Gentili, nella primavera del 2000, a dirmi “Francesco, vieni in Nazionale”. Io di una macchina non so nemmeno dove stia il tubo di scappamento…” In puro stile Tutto il calcio, il tutto è confezionato con leggerezza ed interesse, senza la minima invadenza. Ecco un altro super ospite, Michele Uva, oggi vice presidente Uefa ed in passato già dirigente di Parma e Lazio. “La radio di per sé è un unicum in Italia” ammette il braccio destro di Ceferin, che poi rivela di aver regalato al plenipotenziario sloveno il libro “Clamoroso al Cibali” di Riccardo Cucchi per far capire che cosa sia e quello che rappresenti per l’Italia la radio. Quel testo venne edito esattamente 10 anni fa, per onorare i 50 anni del format. Questa serata in diretta radio e fb, è invece la festa per i 60 anni, che scorre liscia, che far venir voglia di sentire mille curiosità. Ogni tanto ecco degli audio storici ad accarezzare i palati ed i padiglioni auricolari. Come l’annuncio scudetto del Toro di Radice, proclamato dal timbro di Ciotti, il 16 maggio del 1976, dentro un Torino–Cesena. Fascinoso anche il confronto tracciato da Bruno Gentili tra Ameri e Ciotti. “Ameri mi costringeva ad alzate alle 6.30 della domenica mattina perché voleva che lo accompagnassi a messa e poi voleva arrivare allo stadio cinque ore prima, quando i cancelli erano ancora chiusi. Sandro, al contrario, arrivava proprio al limite, con le sue sigarette, la penna ed alle volte senza nemmeno un taccuino. Una volta mi chiese di dargli il menù del ristorante perché, sul retro, annotò i nomi e le cose della partita in questione. Era come se l’evento stesso aspettasse Sandro, prima di cominciare”. C’è poi Marcello Nicchi, l’ex arbitro che rivela: “Devo farvi i complimenti, ci avete fatto vivere le partite, senza mai accendere la tv”. Ecco Beppe Marotta. Qui si scatena Ezio Luzzi, che ex abrupto si mette a dire: “E’ stato prima alla Samp e poi al Varese”. Qui Dotto, giustamente, lo bacchetta: “Enzo, sveglia, è tardi, sono le 23.06. Prima è stato al Varese e poi alla Samp”. Sono stati lì, oggi come ieri, desiderosi di portare qualcosa di nuovo, di magari non ancora detto, parolai ed incantatori, sulla filigrana del tempo. A proposito di tempo: il 14 maggio del 2000, anzi le 18.04 precisa Cucchi, di quella data sono stagliate per sempre nel suo mondo, perché sono le coordinate del suo annuncio scudetto, quello della “sua” Lazio. Così questa volta sono i ricordi ad andare a rimbalzo di linea. Come “Quello striscione che mi dedicò il pubblico nerazzurro durante la mia ultima radiocronaca Inter–Empoli, in cui i tifosi mi ringraziarono per aver raccontato loro i gol di Milito nella finale del Bernabeu”. Come quello di Giuseppe Bisantis, in platea assieme a Massimo Barchiesi ed agli attuali radiocronisti. “Per me dire quando ero in scaletta con Provenzali Verona–Perugia, 15’, 0 a 0 era già una figata” o quello, carico di sorpresa di Massimo Barchiesi che ricorda il suo stupore quando Marco Mantegani lo mandò per la prima volta a fare una partita, in Abruzzo, il play off di serie D tra il Morrodoro ed il Castel San Pietro. Ci sono tutti, racconto per racconto in questo festone di Tutto il calcio minuto per minuto. C’è Emanuele Giacoia, che a novant’anni, ha il viso pimpante quasi stesse per iniziare un racconto dalla sua Cosenza. “Sono felice e questo aggettivo è anche piccolo” C’è Tonino Raffa, che più che una radiocronaca, svela il Gronchi Rosa della sua carriera: un’intervista a Pelè al mondiale francese del 1998 e che avverte: “Ci sono sogni che diventano realtà e realtà che diventano sogni. Io, li ho vissuti tutti e due”. C’è l’ex allenatore Crociato e presidente dell’associazione italiana allenatori Renzo Ulivieri. C’è il neo pensionato Enzo Delvecchio, che invece serba l’aver raccontato il gol di un portiere, Taibi, in un Reggina–Udinese. C’è Carlo Nesti, che da bambino sognava di finire in scaletta ed un giorno così parlò Bortoluzzi: “Ameri, primo campo, poi Ciotti dunque Nesti”. Insomma, per dirla coi Negrita, c’era chi era incapace a sognare e chi sognava già. Ma, attenti, questo sogno, continua, si fa da svegli, come diceva Pennac. Quindi, pronti a rimettere mano alle cuffie ed ai microfoni, ecco l’ultima giornata d’andata tutta pronta ad essere snocciolata, minuto per minuto. Ma in fondo è qui che si annida la tua missione caro Tutto il calcio: rendere il lembo ordinario, una melodia straordinaria. Lunga vita. Luca Savarese

DA TUTTO IL CALCIO BLOG IL VIDEO DELLO SHOW CELEBRATIVO DEI 60 ANNI DI TUTTO IL CALCIO MINUTO PER MINUTO

2 pensieri riguardo “TUTTO LA FESTA MINUTO PER MINUTO. GRAN GALA’ NELLA SALA B DI VIA ASIAGO, DOVE TRA ANEDDOTI, RICORDI E SUPER OSPITI, SI E’ CELEBRATO IL SESSANTESIMO COMPLEANNO DI TUTTO IL CALCIO (VIDEO INTEGRALE)

  • 11 Gennaio 2020 in 13:17
    Permalink

    Grazie Luca Savarese per averci fatto rivivere, con la tua penna, i” protagonisti dei ricordi”!
    E ancora auguri a Tutto il calcio minuto per minuto!

  • 11 Gennaio 2020 in 23:57
    Permalink

    Gesù super racconto!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI