BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / SCANDALO AL TARDINI: DI BELLO E BANTI REGALANO I 3 PUNTI ALLA LAZIO

bagolozoom parma lazio

Premessa: chi scrive si assume la totale responsabilità dell’articolo, svincolando totalmente la Redazione del sito.

claudio mastellari(Claudio Mastellari per TifoBlog.it) – Domenica 9 Febbraio 2020, ore 18,00, Stadio Ennio Tardini. Il Parma sul campo avrebbe vinto, ma i tre punti vanno alla Lazio, grazie ad un arbitraggio (solo?) incompetente.

Queste sono le partite che fanno disinnamorare al calcio, che uccidono i sogni dei tifosi, che fanno pensare che, ancora, ci sia del marcio nel calcio. Nonostante la tecnologia VAR, nonostante tutto ciò che è stato fatto negli anni, nonostante ai vertici della classe arbitrale i vari Nicchi e Rizzoli continuino ad elogiare il loro operato. Che coraggio… Ciò che si è visto ieri al Tardini è stato uno spettacolo indecente, diseducante per i giovani e disprezzante per tutti gli amanti dello sport. E non certo per i giocatori in campo, caparbi attori non protagonisti, ma solo grazie a due individui incapaci nello svolgere il loro mestiere di arbitri imparziali: Marco Di Bello e Luca Banti.

Sicuramente una Lazio ai vertici che si gioca lo scudetto con Juventus e Inter fa gola ad un prodotto-calcio in crisi di vendite, in crisi di audience, in crisi di tifosi allo stadio. Se la squadra del presidente della FIGC è forte, tutto il calcio italiano sembra più forte. Anche se le partite le vince scippando punti a chi se li merita sul campo. In realtà con la sua centesima partita Di Bello ha fatto perdere credibilità a tutto il calcio italiano ancora una volta; tutti i giornali nazionali, i media e siti sportivi hanno gridato allo scandalo, resuscitando i mostri del passato. Tutto questo a me francamente fa solo schifo, come mi faceva schifo Moggi e tutta la “banda Bassotti” che aveva intorno ai tempi di Calciopoli.

Sarò testardo, ma dopo la partita di ieri non credo all’errore o alla svista. Non si tratta di episodi sospetti, ma di certezze, come hanno affermato tutti i moviolisti italiani. C’è la tecnologia disponibile, ci sono arbitri in campo e arbitri in sala VAR, tre errori tutti decisivi e tutti nella stessa direzione possono significare solo due cose: o sono in malafede o Di Bello e Banti hanno bisogno del pensionamento a causa di Alzheimer precoce e incapacità di svolgere il loro mestiere. Altre opzioni non esistono.

Nel dettaglio, vediamo i tre episodi più gravi:

1) Immobile e il volley.

Assist in bagher di Immobile per il vantaggio laziale – Foto Sky Sport

Minuto 40’, cross in area, Immobile si improvvisa ricevitore di volley e con un bagher goffo serve Caicedo che liberissimo non sbaglia. Lazio in vantaggio. I giocatori del Parma chiedono a Di Bello di controllare personalmente al VAR, ma l’arbitro si affida al “silent ceck” e convalida il gol. Dalla curva il tocco di mano si è visto chiaramente, dalle immagini televisive l’angolazione non era ideale, diciamo che questo errore per quanto grave, può essere perdonabile.

2) Marusic e il rugby.

Marusic tira giù Bruno Alves in area, tutto regolare – Foto Sky Sport

Minuto 55’Marusic placa in area Bruno Alves. In ogni angolo del mondo è rigore, ma a quanto pare non a Parma. Di Bello è vicinissimo all’azione e non ritiene punibile l’intervento del montenegrino. Il VAR non richiama l’arbitro. Tutto regolare!

3) Acerbi e il wrestling.

Acerbi strattona Cornelius che perde il tempo per tirare. Fallo di Cornelius – Foto Sky Sport

Minuto 91’, la ciliegina sulla torta. Acerbi trattiene dalla maglia Cornelius, sbilanciandolo e facendogli perdere il tempo per colpire il pallone. Di Bello assegna una punizione per la Lazio. Il VAR non interviene. In compenso interviene il Tardini augurando tutto il bene possibile a Di Bello e a Banti. Un consiglio: restate alla larga da Parma, per un bel po’… Claudio Mastellari per TifoBlog.it

Stadio Tardini

Stadio Tardini

5 pensieri riguardo “BAGOLOZOOM di Claudio Mastellari / SCANDALO AL TARDINI: DI BELLO E BANTI REGALANO I 3 PUNTI ALLA LAZIO

  • 11 Febbraio 2020 in 08:11
    Permalink

    Stiamo cominciando a dare fastidio. Ci sono troppe squadre importanti che rischiano (Genoa, Sampdoria, Udinese, fiorentina, napoli e Milan e Torino), chi la B e chi non qualificarsi x l’Europa.

  • 11 Febbraio 2020 in 09:26
    Permalink

    “Sicuramente una Lazio ai vertici che si gioca lo scudetto con Juventus e Inter fa gola ad un prodotto-calcio in crisi di vendite, in crisi di audience, in crisi di tifosi allo stadio”.

    Sintesi perfetta. Stanno tenendo su la Lazio per rendere appassionante il campionato.

  • 11 Febbraio 2020 in 11:47
    Permalink

    Gli episodi parlano chiaro, ma non ritengo corretto trascendere oltre misura a teorie complottiste.

    La Lazio è un ottima squadra che sta facendo un campionato eccezionale grazie soprattuto ai suoi meriti societari e sportivi. Ha fatto una buona partita contro un Parma forte e ha vinto grazie ad episodi fortunati dovuti a gravi sviste arbitrali.

    Non credo giovi a nessuno cercare dietrologie estreme per giustificare un fatto tanto grave quanto semplice.

    Gli arbitri italiani non accettano di essere messi in discussione dalla tecnologia VAR per paura di perdere il loro potere corporativo all’interno della Federazione.

    L’episodio di Di Bello, dimostra ancora una volta come esistano ancora oggi alcuni arbitri (esattamente come alcuni giudici) che tendono ad esercitare il loro potere ben oltre il buon senso e ben oltre le stesse regole.

    Ma in questo campionato di episodi simili ce ne sono stati molti, e sempre a causa di eccessivi personalismi arbitrali, a conferma del fatto che l’intera classe arbitrale, a partire dai suoi vertici, è inadeguata a gestire un calcio che è ormai sempre più spettacolo e come tale andrebbe condotto.

    A tal riguardo ricorderei agli arbitri che lo spettatore pagante, vuole assistere allo show fornito dagli atleti in campo e non certo alle esibizioni cabarettistiche dei giudici.

    Ad ogni modo, cosa fatta capo ha. Me ne frego, c’est la vie!

  • 11 Febbraio 2020 in 12:38
    Permalink

    Lo dico da tre settimane. Attenzione al Genoa!Preziosi con l’aiuto di Lotito farà di tutto per salvarsi e si salverà. Non facciamo sempre i sempliciotti che si fanno inchiappettare alziamo la voce facciamoci rispettare. Ci sono in giro personaggi che sarebbero di troppo in una galera non possiamo pensare di sopravvivere con aplomb inglese.

  • 11 Febbraio 2020 in 17:54
    Permalink

    Gli errori non sono assolutamente in buona fede. Mi fa sorridere chi pensi al contrario.
    La Lazio lassù ritengo sia quasi intoccabile. Passi per i primi due episodi che in caso di dubbi siamo abituati che ci vangano dati contro quando giochiamo coi forti. Ma l’ultimo sul vikingone è scandaloso. In molti high light non si menzionano neppure gli episodi.
    Giusto farsi sentire e chiedere un cambiamento nessuno vuole tornare indietro. Ritengo la possibilità da parte dei capitani o allenatori di rivedere un episodio sia giusto.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI