CARMINA ERNESTO / 30 ANNI SENZA CERESINI, L’INCENDIARIO VIRGILIO DEL PARMA CHE SI SPENSE POCO PRIMA DEL PARADISO DELLA SERIE A

ceresini 30 anni

Luca Savarese(Lucas Savarese) – “E coloro che furono visti danzare vennero giudicati pazzi da quelli che non potevano sentire la musica“. Così parlò Nietzsche. Sì, Ernesto Ceresini era un pazzo ma d’amore, per il Parma. Mentre lui danzava e faceva danzare il sogno di portare una squadra di provincia nel gran galà del calcio che conta, molti suoi colleghi no, non potevano sentire la musica graffiante della rivoluzione dei sogni né ascoltare il timbro aggressivo dei sogni di rivoluzione. Per dirla coi Negrita, c’era chi era incapace a sognare e chi, sognava già. Il suo sogno, ah niente voli pindarici né oliosi romanticismi ma tutta roba a portata di occhi e di mani, ben radicata alla terra, come il salame della sua Felino, dove egli nacque. Precisamente San Michele Tiorre, frazione del comune di Felino, un castello, quello di Torre dal quale dipendeva il comune in epoca medievale e una chiesa, quella di San Michele, al centro del paesello. Già, castello e basilica, ecco che cosa è stato il geometra Ernesto per il Parma. Ha isolato, come fanno i castelli, la società crociata dal buio da dove verteva, nel 1976, anno in cui ne divenne il presidente. Ha custodito, a guisa di solida basilica, Ceresini foto Carrasforzi e sospiri, giornate storte e improvvise armonie, ci ha rimesso le penne, come fanno gli innamorati. “Il Sig. Ceresini è un imprenditore edile e comproprietario di un albergo e di un ristorante. Da quattro anni presidente ed amministratore unico del Parma. È vedovo, con tre figli: Fulvio, Dante e Silvia. Dicono di lui: ha avuto la sua rivincita, se così si può dire. Ha costruito la sua fortuna professionale fuori Parma, poi è rientrato con giusto orgoglio per dimostrare che col lavoro aveva raggiunto il successo, realizzandosi, come aveva sempre voluto” Così lo dipinse la scheda del mensile “Tutto B” nella primavera del 1980, quando Ernesto aveva rilevato la società ducale da quattro anni. Più Caravaggio che Leonardo, nessun cenacolo in bello stile ma con pochi e focosi tratti sapeva dare il via alla tela. Ecco la sua tecnica, accendere per primo l’interruttore della luce, poi diventato, nel tempo, lampione quindi led. Il cuore però, oste fiscale che di ogni pasto d’ebbrezza tiene conto, non ne ha sopportato questa sua derayson d’amour, per dirla alla francese, Ernesto Ceresiniquesto suo folle volo, per restare, con Dante, in Italia. Così se ne andò, il 4 febbraio del 1990, le sue condizioni, erano precarie da un po’. Il Parma, quella domenica, quasi non ce la fece a giocare e contro il Como venne fuori uno zero a zero, che raccontava tutto. Aveva diverse doti il nostro. Ma, la cosa che non riesce a tutti i plenipotenziari del pallone, univa perfettamente l’ars ed il labor, la carica emozionale e l’impegno professionale. Non fu un caso che l’accordo con la Parmalat, che di fatto fece uscire il Parma dal casello delle provinciali toutcourt, spalancandogli l’autostrada dell’ internazionalita’, fu sottoscritto da lui. Un visionario si, ma con gli occhi che non staccava un minuto dalla realtà dei fatti e dai fatti della realtà. Come quando assoldò, nell’estate del 1985, con l’aiuto di Sogliano, Arrigo Sacchi, sconosciuto, dal Riminceresinii. Presto fece Arrigo a divenire il vate di Fusignano. Come quando decise, nell’estate del 1989 di affidare, con l’assistenza di Pastorello, la panchina a Nevio Scala, che certo aveva sfiorato la A con la Reggina, ma che fu inizialmente accolto con freddezza. “Per la passione e l’impegno dimostrati nel dare nuovo impulso allo sport parmense, rinnovando l’interesse e l’entusiasmo della città per il calcio” Queste le motivazioni, della medaglia d’oro della città di Parma ricevuta, dal presidentissimo, nel contesto del premio Sant’ IlaErnesto Ceresini foto claudio carrario del 1988. “Un poeta, anzi un profeta che annuncia al mondo l’inizio di una nuova era“. Canta Jovanotti. Sì, che musica quella di Ernesto, un rock fiero e battagliero. Anche il Parma ha avuto il suo Virgilio, lo ha guidato nella cantica infernale della C di quegli anni, lo ha accompagnato, suo maestro ed autore, nel purgatorio della cadetteria nuda e cruda (più che a portata di mano come oggi con l’App Dazn, era una B a portata di calci e calcioni) e poi ad un passo dal paradiso, lo ha lasciato, perché camminasse con i suoi piedi ma le sue ali no quelle battono sempre forti, quelle mica si spezzano come il cuore, quelle andavano avanti e indietro nel cielo di Wembley nel 93, hanno svolazzato nella notte di San Siro nel 95, sono passate persino nella fredda Mosca nel 99, per immettere alle vicende crociate il loro calore ed ultimamente hanno fatto un altro tour mozzafiato, tra serie Di, Lega Pro, B e di nuovo A. Sono ali temprate ed infrangibili, quelle di un profeta, non smettono un secondo, dalla consolle del cielo, di danzare per il Parma. Luca Savarese

9 pensieri riguardo “CARMINA ERNESTO / 30 ANNI SENZA CERESINI, L’INCENDIARIO VIRGILIO DEL PARMA CHE SI SPENSE POCO PRIMA DEL PARADISO DELLA SERIE A

  • 4 Febbraio 2020 in 22:51
    Permalink

    Pugno duro con Gervinho
    Se l’e cercata
    È come se Gervinho sposato con una bellissima donna che lo ama
    da morire e alla follia e stravede per lui ( il Parma) lui non solo la tradisce con una brutta donna che però è molto molto ricca ma addirittura.l per stare con lei e i suoi soldi ammazza la moglie per essere così più libero.
    È un po’ quello che ha fatto Gervinho che è imperdonabile perché NON SI FINGE DI ESSERE INFORTUNATO E NON CI SI PRESENTA AGLI AALLENAMENTI trattando i tifosi i compagni, la società come
    MERDA.
    Ecco perché la galera per lui deve essere l’allenamento umiliante
    senza compagni
    Deve rimpiangere quello che di così disgustoso ha fatto.
    Brava società altro che carote, solo bastoni.

    • 5 Febbraio 2020 in 15:40
      Permalink

      a me stai pure simpatico ma potevi evitare si parlare delle solite cose in calce ad un articolo come questo

  • 5 Febbraio 2020 in 00:11
    Permalink

    Grazie per questa bella descrizione di un grande sportivo e di un grande uomo per quelli come me che erano troppo piccoli per ricordarlo http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 5 Febbraio 2020 in 11:22
    Permalink

    Penso che da lassù con il mitico Cesare Maldini staranno sicuramente parlando di calcio, quello vero, quello dove i gervinho di turno non avrebbero certo trovato posto.

  • 5 Febbraio 2020 in 11:37
    Permalink

    Un titano, una figura che col suo esempio ridicolizza quei 4 straccioni di micragnosi industrialotti che ancora oggi albergano a Palazzo Soragna. Un uomo che ha insegnato che i sogni contano più dei “bagget” e che se non si fa mai un passo più lungo della gamba prima o poi si pesta una merda.

    • 5 Febbraio 2020 in 23:03
      Permalink

      Ma si dice che pestare merde porti fortuna. Era un presidente che soprattutto nei primi anni 80, dopo la retrocessione in serie C ha mantenuto una squadra nel calcio professionistico DA SOLO. Niente Tanzi o Barilla o pizzarotti. Solo a cacciare grana. Poi l’arrivo di Sogliano ha cambiato le cose e il parma, poco per volta, è diventato quello degli anni novanta e quello di oggi . Grande merito per aver tenuto la barra dritta quando nessuno voleva farlo. Grazie da tifoso ormai datato.

  • 5 Febbraio 2020 in 13:18
    Permalink

    Grande…… PRESIDENTE!!!!!!

  • 6 Febbraio 2020 in 16:58
    Permalink

    Il busto oltre che in tribuna d’onore andrebbe messo anche davanti a Palazzo Soragna. Ma li sono troppo impegnati con le tomacche i bussolotti i bagget e l’ecspor per capire certe figure. Che ridicolizzano la maggior parte di industrialucoli contemporanei.

  • 6 Febbraio 2020 in 20:56
    Permalink

    Ormai Davide invade tutti gli argomenti con le solite parole “Carma”. Vive con un solo disco, rigato e spiegazzato. Ma come SanRemo, trova comunque chi lo ascolta. La mediocrità impera, come nelle statistiche. Una distribuzione di frequenza che si intensifica intorno alle cazzate di questo anatroccolo col becco sempre sul disco, come gli uccelli degli antenati di cartone. Davide è un giullare alla corte dell’UPI. E mangia agli stessi buffet, prendendo per il culo i lettori. O meglio, solo quelli ingenui ed infantili che ci credono. Non capisco come il Direktor possa accettare questo continuo insulto sgargazzante verso gente che fa il proprio mestiere ed il proprio ruolo sociale, anche con qualche successo…
    ma che mestiere fa costui?

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI