CARMINA PARMA, di Luca Savarese / CHE CE FREGA DE GERVINHO NOI C’AVEMO CORNELIUS

Luca Savarese(Luca Savarese) – Non importa se Gervinho sarà o non sarà, come pare a causa della consegna tardiva della documentazione del suo passaggio ai qatarioti delll’Al Saad, un nuovo membro della squadra di Doha, ora come ora non è nemmeno importante se il Parma farà ricorso e se questo sarà accolto, cio’ che conta è che l’ivoriano rappresenta il recente passato crociato, fatto di assoli funambolici, di giocate da urlo, di corse con la palla in porta ma terminato nel modo più infausto ed infame che potesse, con un’assenza ingiustificata che nemmeno quelle di Aristoteles per saudade nell’Allenatore nel pallone. Tante corse a perdifiato che hanno portato in dote spettacolo e punti al Parma, ma quell’ultima buia e brusca fermata, senza nemmeno un grazie, senza nemmeno far sapere che intenzioni avesse. “Deve dire grazie a questo gruppo, aveva smesso andando in Cina” il D’Aversa pensiero. Ora però, il presente, è fulgido come i capelli del puntero danese. Ora, il grazie, lo deve semmai dire il tecnico abruzzese a bomber Cornelius, che con un gol di testa, specialità della casa, permette ai ducali di pareggiare per 2 a 2 alla Sardegna Arena e di tornare, nella nuova capitale della cultura, con un punto prezioso. Eppure le cose non si erano messe bene, anzi. Simeone junior, al solito punta centrale, te lo trovi in posizione di ala destra, cross e dentro puntuale come un orologio svizzero, ecco Joao Pedro, lesto a mettere alle spalle di Colombi. Gli isolani, erano reduci dall’ottimo pari del Meazza contro l’Inter, il Parma veniva dal successo casalingo sull’Udinese. Così, gli indugi, gli ha rotti il brasiliano. Tosto però questo Parma, che prende gol ma poi lungi dal farsi mettere i piedi in testa, va a mettere le cose a posto. Ci pensa Kuco, che ci ha preso gusto a segnare nella terra dei nuraghi visto che già lo scorso anno, segnò il provvisorio vantaggio emiliano (gara che il Cagliari riuscì poi a pareggiare ed a vincere). Se il Parma mostra vivezza lo si deve anche a Simone Colombi, il ragazzo ed il portiere della porta accanto. Sul suo interessante profilo Instagram infatti spesso paragona ogni suo traguardo ad un mattoncino in più che si aggiunge. Quello di ieri, più che un mattoncino, è un mattone intero, prova ne sia la risposta sulla sassata di Cigarini. Joao Pedro certo lo grazia mandando alle ortiche un rigore, ma lui, sarebbe comunque stato sulla traiettoria. Non ha potuto nulla sull’azione, più da Sarri che da Maran, con la quale il Cagliari ha ottecornelius cagliari parma 01 02 2020nuto il doppio vantaggio. Apertura euclidea di Cigarini, cross di Luca Pellegrini, deviazione sotto porta del cholito. Il Parma dello scorso anno forse si sarebbe fermato qui, incassando di buon grado il secondo schiaffo. Non questo, amico della fatica, che ben conosce il patire ed il reagire. Il gigante danese, il Lukaku crociato, prima si procura un rigore che poi il Var leva, poi ai titoli di coda, usa la testa per deviare in rete una palla ben calibrata dal destro di Kurtic. Ottava segnatura per Andreas Evald. Tutte, come si diceva una volta, di pregevolissima fattura, tutte da centravanti sfrontato e impavido, quasi tutte decisive. Si, comunque vada l’annosa questione dell’ormai ex ivoriano, che ce frega di Gervinho, noi c’avemo Cornelius… Luca Savarese

20 pensieri riguardo “CARMINA PARMA, di Luca Savarese / CHE CE FREGA DE GERVINHO NOI C’AVEMO CORNELIUS

  • 2 Febbraio 2020 in 09:37
    Permalink

    Gervinho chiiiiiii? [cit.]

  • 2 Febbraio 2020 in 10:30
    Permalink

    Se lo reintegrano in squadra e ti fa vincere una partita poi voglio vedere cosa dici

  • 2 Febbraio 2020 in 10:45
    Permalink

    L’anno scorso, senza Inglese e Gervinho, eravamo in grossa difficoltà. Quest’anno, anche senza di loro, ce la caviamo molto bene lo stesso

  • 2 Febbraio 2020 in 11:03
    Permalink

    Ce frega eccome…..situazione mal gestita grazie ad un Ds provincialotto.

  • 2 Febbraio 2020 in 11:07
    Permalink

    Lo tieni in panca per i secondi tempi quando c è da spezzare le partite e agire in contropiede .il titolare deve essere karamoh

  • 2 Febbraio 2020 in 11:33
    Permalink

    Ciò che scrive Andrea è una ingiusta ma sacrosanta verità. Gervy è stato determinante, sia pure con limiti di Costanza, per il particolare gioco del Parma di questi mesi, tale da comportare allo stato attuale, un bel bottino di punti. Se ne può fare a meno? Non sono un tecnico ma credo che per farne a meno occorrerà cambiare il gioco della squadra, che ha perso comunque forza. Inoltre il giocatore ha un valore stimato di almeno 5 milioni, che non sono noccioline. Queste considerazioni mi portano a pensare che sarà reintegrato o comunque la società potrebbe cercare di farlo. Ma D’Aversa, buono e caro ma che non si lascia prendere per il culo, nel secondo caso si opporrà e la vicenda potrebbe concludersi con la partenza del tecnico a fine stagione. Fosse per me un calcio nel sedere al livoriano e via, a casa perchè ci sono valori etici che possono comportare sacrifici ma che alla lunga pagano.

  • 2 Febbraio 2020 in 11:51
    Permalink

    Secondo me Faggiano ha responsabilità
    Non solo su Gervinho, questo era tre giorni che saltava gli allenamenti e andava tutto accelerato al massimo.
    Ma pure per Regini, che D’Aversa chiedeva un difensore da mesi ed e’ arrivato all’ultimo secondo! Si può?
    Gli affari last minute mica hanno sempre un lieto fine direttore …a volte pure gli altri ti prendono per la gola! .. Se Gervinho rimane , che dire , frustiamolo poi reintegrarlo a gradi lentamente!

  • 2 Febbraio 2020 in 13:33
    Permalink

    Se la società ha le palle 🍒 Gervinho lo deve lasciare
    fuori squadra e non farlo più giocare fino alla
    fine della stagione.
    Lui s’e comportato malissimo con tutti, va messo
    fuori lista.
    La nostra forza è il gruppo e questo giocatore se
    venisse reitntegrato sarebbe controproducente per il gruppo stesso
    Gervinho poteva andarsene vista la cifra preposta ma doveva comportarsi NON IN MODO COSI MALEDUCATO senza rispetto per i suoi compagni, per la società e per i tifosi.
    Lui se vuole rimanere con noi deve garantirci tramite
    un nuovo contratto in cui s’impegna a rimanere con noi
    anche il prossimo anno pagando qualora se se ne volesse ugualmente andare, un milione o giù di lì, come penale altrimenti ⛔
    Il Parma e i suoi tifosi non lo vogliono.piu’.
    I mercenari vadano in un’altra piazza.
    Spero inoltre che Gervinho oltre a essere multato per non essersi presentato agli allenamenti e per aver finto un incidente che non aveva per preservare da veri infortuni il suo passaggio agli Emirati arabi, sia messo fuori lista.
    Spero che i magnifici 10 siano veramente magnifici
    e abbiamo le pelle 🍒
    Per me è spero per molti
    GERVINHO comportandosi così è come morto.
    SOCIETÀ NON DELUDERMI.
    Prendete Inglese lui ha fatto tutto e di più per rimanere con noi anche se altri gli davano di più.
    MEDITATE GENTE MEDITATE…

  • 2 Febbraio 2020 in 14:43
    Permalink

    Sacchi diceva che prima viene l’uomo è poi il giocatore.
    Gervinho allo stesso modo aveva lasciato la Roma in fotocopia.
    È RECIDIVO.
    È solo un mercenario, della maglia se ne frega.
    Io preferisco un milione di volte in più un giocatore come
    Cornelius che gioca anche se è mezzo infortunato e non
    un Gervinho che non ha niente ma dice di essere infortunato
    per non giocare evitando così d’infortunarsi.
    Nelle ultime partite,abbiamo fatto meglio senza di lui
    Due gol con il Lecce due gol a Cagliari.
    e GERVINHO non c’era.
    Adesso attendo le decisioni dei magnifici 9
    Ora abbiamo Cornelius che segna più di Gervinho.
    Lui una cosa così meschina non la farebbe mai.
    Mi ci gioco le 🍒
    Come dicevo anzi come diceva Sacchi
    prima viene l’uomo è poi il giocatore
    Il giocatore è fantastico, l”‘ uomo
    assolutamente no per cui
    società fuori le 🍒
    Mettiamolo….in castigo perenne

  • 2 Febbraio 2020 in 14:58
    Permalink

    Commisso da oggi è il mio idolo numero 1. Oltre ad aver cacciato sul piatto in 7 mesi 300k cash e buoni in barba a piocioni, bauscia falliti, industrialotti, industrialoni, con l’intenzione di cacciarne altrettanti nei prossimi mesi sta prendendo a m…e in faccia le strisciate. Il fighettino chiesino (sempre infortunato anche lui) lo ha tenuto li, muso o no fregandosene di Paratici, Ausilio, Agnelli e i cinesi. Ha mandato a quel paese Percassi e il ballerino Gasperini quando tutta Italia lecca loro il deretano e oggi dopo 60 anni di omertà in diretta ha detto quello che tutti i non strisciati pensano ma non hanno il coraggio di dire. Chapeau Presidente. Numero uno che in tanti vadano a imparare da Lei.

  • 2 Febbraio 2020 in 15:06
    Permalink

    Ma dopo la milionesima richiesta del Mister ieri in diretta tv di una c…o di punta che gli permetta di fare un cambio Faggiano fa qualcosa almeno tra gli svincolati o aspetta il 31 agosto alle 21 per chiedere Esposito o Pinamonti all’amico Ausilio o Younes a Giuntoli? (Al pèr Minotti col Catania e Pro Vercelli).

  • 2 Febbraio 2020 in 16:12
    Permalink

    Se Gervinho rimane , va fatto giocare. Non si può buttare in vacca un patrimonio della società. Poi si venderà. Ripeto faggiano sulla mancata cessione ha poche colpe ma è inaccettabile che sulla questione abbia dovuto parlare d’Aversa. per me è inaccettabile la nuova pesca a strascico e la gestione siligardi è molto discutibile.

    • 2 Febbraio 2020 in 17:48
      Permalink

      NO, Gervinho dopo quello che ha fatto
      non deve giocare, salvo multa bestiale, scuse e
      GARANZIA che rimane anche il prossimo anno
      dato che ha firmato PENA UNA PENALE MILIONARIA
      Quando ha firmato rinnovando il contratto, col Parma
      mica aveva la pistola puntata alla tempia e poi
      MICA HO FIRMATO IO PER LUI….
      La firma per lui è solo
      UNO SCARABOCCHIO?
      SEMBREREBBE DI SI.
      Quest’ uomo va svegliato

  • 2 Febbraio 2020 in 16:29
    Permalink

    Davide, as nin pol pù; dag un taj!
    Metoghia ti i sold, dai l’esempio

  • 2 Febbraio 2020 in 17:34
    Permalink

    Secondo me non ne può più il Mister di chiedere cose basilari (non Mbappe o Ronaldo), ma banali rincalzi e di avere uno che arriva sempre all’ultimo secondo e spesso ci resta dentro. Su Regini col procuratore che è sceso dall’aereo che stava partendo siamo alle farse. Un Iammello, un Torregrossa o un Matri non costano nulla ma se il tuo tecnico li ritiene utili glieli prendi.

    • 2 Febbraio 2020 in 18:22
      Permalink

      Comincio a pensarlo anche io. d’Aversa è uomo che tiene molto al lavoro , a prescindere da capacità e qualità che non entrano in questo ragionamento. Dopo una stagione come questa, con risultati molto buoni e possibilità interessanti di classifica, potrebbe cambiare aria anche per questi comportamenti . Della serie a Parma si arriva fino a un certo punto per varie ragioni e io voglio andare oltre. Ho l’impressione ( nulla più) che qualcosa stia maturando. Staremo a vedere.

  • 2 Febbraio 2020 in 17:35
    Permalink

    Grande Commisso che imparino da lui tutti! E intanto balla balla GASPERINI!

  • 2 Febbraio 2020 in 19:11
    Permalink

    No caro Velenoso. Mettere fuori squadra Gervinho vuol dire fare il suo gioco.
    Dopo questo comportamento lui stesso vorrebbe essere trattato alla Siligardi.
    Senza giocare con lo stipendio e a fine stagione via tranquillo a guadagnare….
    No….
    Io ti metto nel Tardini Arena a giocare e dimostrare se hai le palle.
    E se giochi svogliato a prenderti bordate di fischi.
    Lo stipendio te lo devi guadagnare.

  • 3 Febbraio 2020 in 09:14
    Permalink

    Una considerazione in virtù di un possibile acquisto di una punta: avevamo 3 posti over , occupati da Regini, Kurtic e Caprari. Siligardi penso sia stato inserito al posto di Inglese ma deve essere depennato Gervinho, altrimenti non c’è spazio. Vi risulta sia stato fatto?

  • 3 Febbraio 2020 in 09:16
    Permalink

    Non puoi rovinare il gruppo
    tenendo GERVINHO.
    Lui di Parma se ne frega
    Intanto adesso si becchera’
    una nuova multa bella sostanziosa
    PER AVER FINTO UN INFORTUNIO
    CHE NON AVEVA non presentandosi poi
    agli allenamenti.
    Il Parma ha un avvocato nei MAGNIFICI NOVE
    e saprà come gestire la situazione.
    Io ho fiducia in Malvasi
    GERVINHO s’è dimostrato tutto il peggio che
    un giocatore può avere
    Ci ha tradito.
    E come se in un rapporto coniugale avesse tradito
    volendosene andare con un’altra donna.
    GERVINHO ORA E
    UN NEMICO DEL PARMA
    E
    Va
    PUNITO.
    Senza”se” e senza “ma”
    Meglio quest’anno avere tre o quattro punti
    in meno che avete un traditore in squadra.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI