D’AVERSA: “CORNELIUS E’ IL SIMBOLO DI QUESTO GRUPPO: IERI SI E’ FERMATO PER UN PROBLEMA AL GLUTEO, MA HA STRETTO I DENTI E DATO DISPONIBILITA’ A GIOCARE”

(www.parmacalcio1913.com) – Mister D’Aversa ha così commentato il match finito 2-2 tra Cagliari e Parma.

Ecco le sue parole:

MISTER D'AVERSA CAGLIARI PARMA 01 02 2020“Mi fa piacere ricevere tutti questi complimenti, non siamo abituati e sicuramente li rigirerò ai ragazzi. Siamo andati due volte sotto contro una squadra importante, vero che venivano da un periodo di due pareggi e da quattro sconfitte ma questo non cancella quello di buono fatto fino adesso: aver avuto 31 punti fino alla partita di stasera vuole dire che hanno delle qualità importanti. Siamo venuti qui con delle difficoltà e assenze importanti – non abbiamo Inglese e altri giocatori – ma questi ragazzi hanno dimostrato di essere un gruppo importante che va al di là di tutto. Il risultato è un risultato giusto, non solo per la tenacia ma anche perchè fino al primo gol del Cagliari nel primo tempo siamo partiti meglio noi, abbiamo subito gol in una circostanza nella quale dovevamo essere più bravi, abbiamo giocato una palla lunga e ci siamo fatti trovare scoperti e dopo qualcosina abbiamo concesso. Nella prima parte di ripresa sono partiti meglio loro, poi se analizziamo l’arco di tutto il secondo tempo li abbiamo chiusi nella loro metà campo e devo dire che il risultato premia la tenacia ma anche una prestazione importante perchè venire qui e fare una prestazione del genere vuol dire che questo gruppo, oltre ad avere delle qualità di spessore, ha anche delle qualità tecniche”.

Andreas è l’emblema dello spirito di questa squadra, perchè ieri in allenamento si è fermato anzitempo per un problema al gluteo, ha stretto i denti, ha dato la disponibilità; all’intervallo il preparatore e il dottore sono venuti a chiedermi se fosse possibile preservarlo; non è stato possibile purtroppo e per fortuna preservarlo ed è stato bravissimo non solo nel gol ma anche per il grande lavoro che fa nonostante la struttura fisica, lotta su ogni palla, fa salire la squadra. Ha fatto gol e mi fa piacere perchè per un attaccante è importantissimo”.

“Siamo partiti bene, poi il gol ci ha un po’ spenti ma questi ragazzi mi permettono anche di variare, durante la partita ho variato diverse situazioni ma quel che dico sempre è che quello che conta non è il sistema di gioco ma l’interpretazione: questi ragazzi mi seguono e ciò sta avvenendo dalla Lega Pro, c’è un senso di appartenenza anche in quelli che sono appena arrivati come Caprari che è entrato benissimo o come Radu che ha partecipato in maniera entusiasta in tutte le situazioni. E quando quelli nuovi sembra siano qui da tanto tempo, vuol dire che ho a disposizione un gruppo formidabile. Ci tenevo a fare i complimenti a Colombi perchè non è semplice giocare in un ruolo come quello del portiere che è un ruolo particolare, in Coppa Italia sono stato criticato, sono abituato a riceverne ma il ragazzo non se le meritava”.

“Nel momento in cui Sepe rientra e sta bene, la gerarchia è quella: Gigi è il portiere titolare. Radu è arrivato ieri e ha fatto un solo allenamento, devo avere il tempo di valutare, chiaramente lo valuterò e poi prenderò delle decisioni. Simone mi dà delle ampie garanzie; ho piena fiducia in entrambi i portieri. Le gerarchie per un portiere vanno decise e mantenute, poi c’è anche il rendimento ma a differenza di altri ruoli non è che se si sbaglia una partita si può cambiare, lo abbiamo visto anche stasera con il ritorno di Cragno, c’è una gerarchia e per un portiere è così, valuterò con il tempo”.

“Quello che è successo con Gervinho non va chiesto a me perchè ieri non ero a Milano ma qui a Cagliari. Dal punto di vista umano come ho già detto in conferenza ieri, con il ragazzo ho avuto e ho un ottimo rapporto e la sua gestione lo ha portato a fare la sua migliore stagione l’anno scorso di tutta la sua carriera, non solo per merito suo ma anche perchè c’è a disposizione un gruppo formidabile che ha permesso determinate situazioni senza sconfinare nella mancanza di rispetto; lui è venuto a parlare con me, mi ha detto di questa opportunità, chiaro che per me è sempre stato un giocatore importante altrimenti avrei contraddetto tutta quella gestione fatta fino all’altro giorno. L’errore di Gervinho per me è stato quello di forzare la società non presentandosi al campo, perchè così credo abbia mancato di rispetto a un gruppo di ragazzi – non tanto all’allenatore perchè sono abbastanza grande e vaccinato per un certo tipo di esperienze -, ma qui si è iniziato un percorso quattro anni fa in Serie D e quel che si è fatto si è fatto con il lavoro, il sudore e con il rispetto e anche una certa professionalità. Quel che è successo ha poco di professionale ma non mi riferisco solo a lui, quel che mi piace evidenziare è il gruppo, che gli ha permesso anche di ricevere un’offerta importante”.

“Gli obiettivi? Noi abbiamo una situazione di classifica che deve dare merito al lavoro dei ragazzi; sono arrivati giocatori importanti come Kurtic e Caprari o Regini che si aggregherà alla ripresa degli allenamenti. Le società mandano dei segnali importanti, nonostante si sia perso Inglese e ieri si era pensato andasse via Gervinho, credo che il messaggio non sia quello di lottare per l’Europa League ma per l’obiettivo iniziale che è la salvezza e non vorrei che qualcuno pensasse che il nostro obiettivo lo abbiamo centrato, perchè l’anno scorso nel girone d’andata avevamo gli stessi punti di adesso e poi abbiamo ottenuto la salvezza alla penultima giornata. La Serie A è un campionato difficile, la qualità della squadra è diversa ma le difficoltà per le assenze sono le stesse”.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

17 pensieri riguardo “D’AVERSA: “CORNELIUS E’ IL SIMBOLO DI QUESTO GRUPPO: IERI SI E’ FERMATO PER UN PROBLEMA AL GLUTEO, MA HA STRETTO I DENTI E DATO DISPONIBILITA’ A GIOCARE”

  • 1 Febbraio 2020 in 22:35
    Permalink

    Il Napoli ha messo fuori rosa Younes che ha rifiutato tutte le squadre che gli hanno offerto. Questo per chi riteneva “scandalosa” la questione Siligardi. Fanno tutto così e fanno bene.

    • 2 Febbraio 2020 in 06:32
      Permalink

      No caro DAVIDE,
      come tu ben sai, sull’argomento SILIGARDI dissento perchè è una questione, oltre che di principio, di CONTO ECONOMICO e pure di GESTIONE TECNICA:

      1) qualcuno gli ha rinnovato il contratto da giugno 19 a giu 2022

      2) gioca la prima di campionato poi FUORI LISTA ANNO SCORSO
      poi viene reintegrato

      3) gioca la prima di campionato poi FUORI LISTA anno in corso, GIOCA IN COPPA ITALIA
      torna in lista a GENNAIO SCORSO

      in tutto questo tempo, cmnq, DEVI PAGARLO , con i soldi di NUOVO INIZIO, non con i miei, non con i tuoi, non con quelli del Direttore ..

      LA SOCIETA’ , SU QUESTO CASO, HA PESTATO UNA MERDA…almeno 3-4 volte….
      ..
      LUI SI E’ SEMPRE ALLENATO, non ha mai detto bau, non ha mai tirato indietro la gamba e NON HA MAI ROTTO LE PALLE..
      ..
      DA CRUZ
      KARAMOH
      GERVINHO

      …..non si sono comportati così PROFESSIONALMENTE , nè come calciatori, nè come UOMINI, nè come atleti facenti parte di un GRUPPO …

      per me l’argomento è chiuso…
      come mai lo hanno REINTEGRATO ????
      semplicemnte perchè se no …dopo ciò che hanno fatto-non fatto i tre qui sopra….
      SI SAREBBERO ULTERIORMENTE SPUTTANATI …caz…cavolo

  • 1 Febbraio 2020 in 22:48
    Permalink

    Lo dico adesso evitiamo di piocionare e si inizi a dare più grana a Kucka legandolo a vita. O a giugno siamo sempre da capo. Che della cosa non si occupi Faggiano o al 31 gennaio 2021 alle 19.30 siamo ancora lì.

  • 1 Febbraio 2020 in 22:49
    Permalink

    Trovatemi un’altra squadra che fa i punti senza molti titolari e con titolari che giocano da rotti.

  • 1 Febbraio 2020 in 22:51
    Permalink

    Cornelius E VERO è il simbolo di questo gruppo
    ma IL GENIO è il simbolo di questa,società.
    Senza D’Aversa il Parma retrocederebbe.
    Ecco perché se terminiamo il campionato
    nella parte sinistra,della classifica e cioè
    nelle prime 10 a D’AVERSA gli va aumentato
    lo stipendio perché se lui se ne va è LA FINE.
    Se invece dovessimo terminare il campionato
    nella parte destra della classifica lo stipendio
    gli va aumentato lo stesso.
    Non so però se in un’altra piazza otterrebbe
    gli stessi risultati.
    Noi abbiamo bisogno di lui ma lui ha bisogno di noi.
    Senza di lui noi andremmo.in B ma lui senza di noi,
    dove andrebbe forse verrebbe esonerato.
    Noi e lui siamo una cosa indissolubile
    GENIO FOREVER.

    • 1 Febbraio 2020 in 23:41
      Permalink

      È sicuramente un grande allenatore serio e preparato,ma aspettiamo che il tuo giudizio cambi alle prime 2 sconfitte consecutive giusto?

  • 2 Febbraio 2020 in 00:42
    Permalink

    Non potrei cambiare giudizio
    sul genio.
    Se lo facessi sarei da TSO.
    Anche Foggiano con spiccioli
    in tasca fa quello che può
    e fa molto.
    D’Aversa rispetto allo scorso
    anno è migliorato tantissimo.
    Ora è veramente bravo.
    Ora è veramente IL GENIO.
    D’Aversa è il Parma.
    Guai chi lo critica.
    Guai a chi lo tocca.
    Il genio fa cose da genio.

    Colombi oggi è stato
    fantastico, per me è stato
    IL MIGLIORE IN CAMPO
    senza “se” e senza “ma”

  • 2 Febbraio 2020 in 07:23
    Permalink

    Com’è brutta la vecchiaia, infelice epilogo di una vita di frustrazioni

    • 2 Febbraio 2020 in 18:00
      Permalink

      Pencroff non avvilirti dai
      Anche se la tua vita è stata
      piena di frustrazioni, non pensarci
      guarda al futuro, non pensare più al passato.
      Poi penso da quello che sento in giro che la
      vecchiaia invece con nipotini e altro può
      essere bella, dai non avvilirti.
      Ciao amico mio.

  • 2 Febbraio 2020 in 09:18
    Permalink

    VELNOSO TU SEI DA TSO!!!!!

    • 2 Febbraio 2020 in 10:24
      Permalink

      Evitiamo espressioni di questo tipo che non contribuiscono a un sano dibattito. Grazie

  • 2 Febbraio 2020 in 09:21
    Permalink

    Ottimo. Sarei stato soddisfatto della prestazione anche in caso di sconfitta, il pareggio vale come una Vittoria.
    Bravi tutti, compreso il portiere sul quale personalmente non avevo dubbi, non ho capito l’urgenza di prenderne un altro… a meno che non si abbia paura che si rompa anche lui. 🙂
    D’Aversa ha cambiato, già da qualche mese, il modo di giocare e i risultati si vedono. E non avevo dubbi che al momento si possa fare a meno anche di Gervinho. Come ho già scritto grazie di tutto e vai pure. Poveri voi se me lo rivedo in campo, piuttosto metto su Sprecati.
    Squadra pugnace e mai doma, così ci piace. Perché quando va così il risultato poi lo vedi in un’altra ottica.
    E puoi dire sia che vinca sia che perda forza Parma Reggio… ah no qualcuno si offende se mi faccio beffe dei sinistrati cugini.

    • 2 Febbraio 2020 in 10:23
      Permalink

      Sul discorso portiere penso che l’urgenza di prendere Radu possa ANCHE essere messa in correlazione con la cessione al Pescara (con cui mi pare ci sia un certo feeling) del terzo portiere di inizio stagione Alastra. Leggendo la rassegna stampa ho notato come D’Aversa non abbia stilato una gerarchia precisa degli estremi difensori (anche se lui di solito, per quello che l’ho conosciuto è solito averla, ed è anche corretto così, a mio avviso, perché per quel ruolo è meglio evitare confusioni, pur sapendo che la concorrenza fa bene e stimola tutti) salvo ribadire che la prima scelta è Sepe, ovviamente quando tornerà a disposizione. Penso, ma questo è un personalissimo parere, che Colombi abbia il diritto di essere confermato tra i pali anche nelle prossime gare (non sono così sicuro che accadrà, ma ribadisco è una mia opinione) non solo perché se lo è meritato sul campo, ma anche perché è palese che se uno accetta a inizio stagione di essere il “12” e professionalmente si comporta da tale, quando è chiamato in causa non solo fa il suo, ma risulta tra i migliori, in caso di infortunio dell’1 non dovrebbero esserci dubbi di sorta sul suo diritto a stare tra i pali, ribadisco, fino al ritorno del titolare. Titolare che, piaccia o non piaccia (purtroppo molti lo hanno vituperato specie in occasioni dei confronti col Napoli, salvo poi beatificarlo o santificarlo dopo l’infortunio o giù di lì), mi pare di aver colto dalle parole di D’Aversa – anche se non mi pare in tanti abbiano colto la finezza, specie tra i colleghi giornalisti – potrebbe (condizionale) essere finito sul taccuino del CT Mancini…

      • 2 Febbraio 2020 in 10:58
        Permalink

        La famosa partita con il Napoli era per dar fiato a quelli che scrivono solo per criticare.
        Sepe anche a me inizialmente aveva destato perplessità, ma ha fatto due buonissimi campionati, è fuor di dubbio che sia una ottima scelta.
        Gli errori li fanno tutti, lui obiettivamente ne ha fatti pochissimi.
        Condivido l’idea sul numero 12. Se gioca Colombi deve sapere che a Parma al primo errore verrà crocifisso, che tutti diranno “ah se c’era Sepe…”, ahimè la lamentela continua è nel nostro DNA.
        Non si sa mai riconoscere quando uno ha fatto il suo lavoro bene, anche se prima non ci si credeva.
        o ad esempio sono ben felice di poter dire, ADESSO, che D’Aversa sta facendo un buon lavoro. E non ci avrei scommesso nulla.

  • 2 Febbraio 2020 in 11:44
    Permalink

    Scusa eh Gaio, Sepe all’inizio ti provocava perplessità, su D’Aversa eri scettico ….insomma, non ci hai preso. Non si tratta di essere reggiani o parmigiani, ma non ricorrerei ai tuoi consigli per impostare una squadra, ma gnanca s’la fis la Reggiana o il Ramiseto. Credo tu sia una gran brava persona e mi sei simpatico, ma le tue previsioni sono quantomeno discutibili…

    • 2 Febbraio 2020 in 12:25
      Permalink

      Mah dipende. Ad esempio ero un gran sostenitore di un certo Crespo quando tutti dicevano che era balordo e andava venduto.
      A volte ci si prende. A volte no.

  • 2 Febbraio 2020 in 14:01
    Permalink

    Vero. A Parma non capirono le potenzialità di Crespo. Allora sei riabilitato!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI