PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / ANCORA (ANCHE) TU GERVAIS, FILI MI…

gervinho tornato

morosky cappellino 50 punti(Mauro “Morosky” Moroni) – Alla fine di una vicenda semioscura, dopo l’acquazzone, ancora una volta è spuntato l’arcobaleno: al 25°, dopo una giocata dalla sinistra da parte di Cornelius (che mi aveva già fatto uscire di bocca un “bala persa), cross del “biondone danese” e lui, il figliol prodigo-prodigio, ha messo la palla in rete, gooooooooooooolllllllll, il più bel gesto di scusa che il calcio poteva inventarsi per decidere un incontro importante a nostro favore: prima e dopo, i modenesi avevano avuto due ottime occasioni, Obiang, a due metri da Colombi si è “mangiato” un gol già fatto e, in seguito, Caputo, in diagonale, ha sfiorato il palo lontano alla destra di Colombi; se aggiungiamo una traversa piena di Locatelli nel secondo tempo, si può pure affermare che, nelle vicissitudini negative, abbiamo avuto anche un pelino di “kulovic”, tanto per gradire! Giusto quel pelo che è servito per non subire il pareggio: ebbene si, ancora una volta, qualcuno, da Lassù, volò nel nido del cuculo! Tal dig mi, etor che canelli! Ad ogni modo, mi, a tog su e take away! Tutto questo lo dico perché, se noi avessimo perso una gara come ha giocato il Sassuolo (prestazione e occasioni da gol), mi brucerebbe ancora il sederino, pure adesso, dopo 36 ore, a voi no?
Ad ogni modo, questo gol, questa gara e questa vittoria hanno riportato la quiete dopo la tempesta, tempesta che non aveva certamente scatenato “freccia nera”, non voglio menarla ancora più di tanto, anzi voglio chiuderla qui ma, sicuramente NON E’ STATO L’UNICO COLPEVOLE NE’ L’UNICO AD AVER SBAGLIATO ATTEGGIAMENTO COMPORTAMENTALE (da parte mia ringrazio coloro che erano al Mapei, giusto per non averlo fischiato, cosa che ci poteva anche stare ma, meglio così, grazie Curva Nord in trasferta!): Gervais is magic e mi dispiace ancora di averlo “lapidato”, seppur ignaro del vero corso dei fatti realmente avvenuti, fatti che, ripeto, non sono certamente quelli raccontati inizialmente dai vertici societari, cavolo! majo-girato.jpg(Mauro, non mi risulta che i vertici societari abbiano detto alcunché sul caso Gervinho: chi aveva parlato era stato D’Aversa – che ora è diventato l’eroe di tutti, dopo 3 anni di lapidazioni – poi qualche battuta interlocutoria qua e là di Lucarelli e le uscite di Faggiano che per sistemare le cose, un po’ alla sua maniera, ha allargato le colpe anche a supposti altri. Ma restano i tre allenamenti saltati dal calciatore – fattuale – e il suo mancato convincimento definitivo ad andare nel Paradiso Dorato, concretatasi in una firma troppo tardiva per chiudere l’affare. Poi è stato un po’ in purgatorio, come era giusto che fosse (par condicio con Karamoh) e poi, dopo aver chiesto scusa allo spogliatoio è stato reintegrato e sul campo ha risposto alla grande. Penso sarebbe bello, al di là del gol (fatto migliore) qualche parola anche verso la tifoseria (Manfredini a Bar Sport mi era parso molto offeso a caldo: dunque due parole in italiano o in francese, coi social (stra-abusati da tutti in questo mondo) o dal vivo penso piacerebbero a tutti i tifosi, ma ribadisco, che già il gol (fatti) conti più delle parole. Cerchiamo, però, di evitare di usare (ed abusare) queste colonne per dare colpe e responsabilità – peraltro non provate – o di dare dei bugiardi a terzi (anche perché l’orgoglioso Gervais non credo proprio sarebbe andato a Canossa per responsabilità non sue… Grazie – Nota di Majo)

* Cartlen geld *

  • 4 Darmian, Grassi
  • 3 Hernani (alla nona ammonizione scatta la seconda squalifica)
  • 3 Gervinho, Laurini
  • 2 Kulusewski, Scozzarella, Iacoponi, Pezzella, , Kuko, Bruno Alves
  • 1 Sepe, Cornelius, Dermaku, Inglese, Kurtic, Caprari (verif. con Samp) Brugman

A proposit, vist che incò t’è ciapè al cartlen geld, a Toren, (al Comunale) ti, Roberto, t’andrè in Tribuna, con Marco, Pietro e Giacomo, acsì a podì fer na briscola in sinc con Uvbano (si legge con la evve moscia, tonalità Vip): scomett cat ten tachè al telefonen, con Andrea, par tutta la partida !! Mo an ghè gnan gust, ian cassè via col simpaticon ed Mazzarri, a nem divertirò gnanca, anca parchè Longo l’è un bon alenador ( a l’ho conosù quand l’era al Frosinone, in Serie B), l’è un brev ragas e un galantomen!

Marcador Croszè(totale siglati: 32)

  • 8 Cornelius Sbregaa la rete, “Cornelio” sbrega la rete!
  • 5 Kulusewski, Gervinho
  • 3 Kucka
  • 2 Inglese, Iacoponi, Gagliolo
  • 1 Barillà, (autorete Bourabia), Karamoh, Sprocati, Grassi

Bombers castiga.Paerma 2019-2020 * (totale subiti: 30)

Chiellini,  Lasagna,  Ceppitelli (2), Simeone, Immobile, Marusic, Ansaldi, Belotti (rig), Petagna, Pinamonti,  Candreva , Lukaku&VAR , Lazovic , Castrovilli, Palacio, Dzemaili, Hernandez , Milik, Balotelli, Gomez, Freuler, Gosens, Ilicic (2), Ronaldo (2), Joao Pedro, Simeone, Caicedo

* I Risultati del 24° turno, Quinta di Ritorno *

2-1 Lecce-Spal
0-3 Bologna-Genoa
2-1 Atalanta-Roma
0-0 Udinese-Verona
2-0 Juventus-Brescia
1-5 Sampdoria-Fiorentina
0-1 Sassuolo-Parma
0-1 Cagliari-Napoli
2-1 Lazio-Inter
1-0 Milan-Torino  (Lunedì 17/02 ore 20.45)

Borsino Morosky *

borsino morosky dopo sassuolo parma

Trentesinc pont dopa 24 giornedi: in proiezione calcio exit pool sarebbero (35:24 = X : 14) = 20 punti ulteriori (Davide, per favore, mi prendi nota?). Oggi non ne ho voglia di guardare nessun altra squadra, né davanti né dietro, ognuno faccia il proprio campionato, percorso e cammino: certo che, Spal e Brescia, mi sembrano sull’orlo, molto pericolanti! Si salvi chi può ma, soprattutto, non fate l’onda se no, andate in parecchi, nella mel…ma!

casa trasferta dopo sassuolo parma

Edicole storiche * Lui è Giuseppe (tifoso super.sfegatato e viscerale), al me “giornaler” ed fiducia, pensate che tutte le mattine mi tiene la “gazzetta fresca”, proprio come le uova di gallina coccodè, che spetacol, forza Paerma a comincer da la matena bonora! 

morosky edicolante

*Siamo a Panorama, lui è Roberto Scarabelli, super atleta che ha partecipato a tutte le più grandi maratone al mondo: in ordine, Six Star Finisher , New York City, Boston (la prossima), Londra, Chicago, Berlino e Tokio: è un reggiano atipico ma, sicuramente un forte atleta ed una gran bella persona, vai Roby! Quanto corri? Ma quanto corri! Co ghet al motore?

morosky maratoneta

Roberto, non so se tifi anche Reggiana ma, ti auguro di andare in serie B e, insieme al Monza di “zio Silvio” (targato Galliani e Brocchi), arrivare presto in serie A (entro fine secolo intendo!) poi potremmo divertirci a puntare su chi arriva più in alto, cosa dici?
Quadrelli, cubetti, ottusangoli, teste quadre, tutti grigi, come grattacieli, con la faccia di cera, con la faccia di cera, è la legge di questa atmosferaaaaa, apena passè “santilari”, siete splendidi… dimondi!

Dal Mapei Stadium, tgnemos vist ragass e salutim ancora Gervais, vist clà portè ben bombè,

cordiali saluti dal «catar», nel senso di gola intasata da tosse grassa (catar)

 Mauro “Morosky” Moroni  

P.S: Ragazzi, tifosi, lettori, sono felice per i Crociati, stiamo facendo un grande campionato nonostante parecchie traversie, infortuni, incidenti di percorso, ecc. ecc., non chiedo nulla di più, solo quel piccolo, grande traguardo, dei miei previsti ed agognati sinquanta pont!

Stadio Tardini

Stadio Tardini

30 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / ANCORA (ANCHE) TU GERVAIS, FILI MI…

  • 18 Febbraio 2020 in 17:24
    Permalink

    d’aversa era un allenatore che improvvisamente perdeva uno dei migliori a fine mercato, ed evidentemente nessuno gli ha chiesto di driblare le domande al riguardo.
    faggiano in una settimana ha detto tutto e il contrario di tutto, in una forma che, con tutto il rispetto, non è esattamente quella di chi deve occuparsi (anche) dei rapporti coi media.
    lucarelli, ammesso ce ne fosse bisogno, ha confermato di essere piu vicino alla versione capitano – capopopolo che non dirigente.
    siamo una società giovane cresciuta molto in fretta e molto bene, ci sta ma facciamone tesoro, oggi nell’articolo della rosea rappresentato in foto hanno puntualmente perculato un po tutto l’ambiente, dalla società ai “tifosi dalla memoria corta” (come se altrove, mediamente, l’avessero lunga), c’era da aspettarselo e va accettato

  • 18 Febbraio 2020 in 17:31
    Permalink

    Complimenti Mauro …
    per un altro ” Tour de Force ” articulo …..
    Va bene cosi’ …che sale ultimo articulo dei grande di Stadiotardini.it…
    Come il ultimo piatto di un grande cena …. ” il dolce ”
    Per me …. come il zabaglione che faceva la mia nonna Maria Saia Guernieri di Cassio – Parmense ”
    Forsa Paerma

  • 18 Febbraio 2020 in 20:07
    Permalink

    Neanch’io ci ho capito molto della faccenda Gervinho. Poco male, tutto dimenticato con il gol di domenica.

    • 19 Febbraio 2020 in 08:49
      Permalink

      Esattamente quello che dicevo avresti fatto alla prima partita che faceva vincere

  • 18 Febbraio 2020 in 20:55
    Permalink

    Secondo me D’Aversa ha i controcazzi. Farà carriera.

  • 18 Febbraio 2020 in 23:43
    Permalink

    Caro Direttore, mi consenta di replicare a tono perché, quando mi tirano per il parrucchino, sono perfettamente in grado di rispondere a tono.

    Premesso che
    non ho usato colonne,
    abusato né dato colpe specifiche,
    convengo che ho sbagliato termine , “vertici societari” ma, LA FOLA E’ COMUNQUE QUELLA …
    ..
    fanno PARLARE D’AVERSA, 01 FEBBRAIO
    ..in seguito LUCARELLI e….giusto per chiudere il cerchio…
    PARLA FAGGIANO il quale, con le sue parole, INCARTA ANCOR DI + I FATTI E COSI’, CHI VUOLE PENSARE AD AMPIO RAGGIO, HA L’DEA CHE …

    qualcuno NON L’HA RACCONTATA TUTTA GIUSTA …
    io non ho dato colpe ma, ho ipotizzato, SUPPOSTE, ricorda Direttore ?
    HO IPOTIZZATO CHE QUESTO PASTICCIO NON ERA PER NULLA CHIARO …..
    ..le dirò di +,
    sono convinto che GERVAIS, per quanto stranito e “ballerino” NON AVREBBE MAI MANCATO, PER TRE GIORNI CONSECUTIVI …agli allenamenti …

    RIPETO, NON ME L’HANNO RACCONTATA GIUSTA, DALL’INIZIO…..e Faggiano, a tal proposito, ha terminato una delle conferenze dicendo che, un giorno,

    CI DIRA’ LA VERITA’, PROPRIO COM’E’ ANDATA LA COSA !!
    già questo non vi fa pensare…..?

    allora, parliamoci chiaro : in certe società, + sveltine e furbette,
    NON SALTA FUORI NULLA DALLO SPOGLIATOIO né dalla bocca dei dirigenti, addetti ai lavori …

    RIBADISCO IL CONCETTO CHE …prima di parlare in pubblico, ogni persona dovrebbe accertarsi di avere la SPINA del cervello attaccata …ATTACCATA

    .. detto questo, MENO SI PARLA E MEGLIO E’ ….
    anche perché, già per 2..3 volte ,
    TIZIO HA DETTO …….bianco
    mentre CAIO ha detto il contrario o, se non proprio tale, ha lasciato intendere qualcosa di diverso ..

    I PANNI SPORCHI SI LAVANO NELLA PROPRIA LAVANDERIA DI FAMIGLIA …..
    e prima di concedere autorizzazioni alle interviste ….bisogna pilotarli se non si vuole che DICANO STRONZATE …così come si dovrebbe evitare, appunto, il fatto che UNO dice una cosa ed UN ALTRO la modifichi….cambiando le carte in tavola ..

    ABBIAMO SBAGLIATO TUTTI DI FAGGIANO …suona come una pestata di BIDA ( oui )
    ….se prima HANNO TIRATO LA CROCE ADDOSSO A GERVI…
    dopo una settimana …salta fuori che hanno sbagliato tutti ??

    CERTO, NEL GESTIRE COSE CHE NON DOVREBBERO USCIRE ALLO SCOPERTO ….a me pare proprio che sia stato fatto il gioco delle tre carte…
    GERVINHO non c’è
    GERVINHO c’è
    questa vince
    questa perde
    dov’è GERVINHO ?
    gal al CATAR ?
    el in QUATAR ?
    quatar e quatar i fan ott…il numero di maglia di Grassi

    …acca’ nissscciuno è fesso !!!
    non solo a Napoli ma, anca a Besganola ..

    bisogna che un quarchidon al se sveglia prima ed chietor ma anca dal dolcificante !!!

    Buona Pasqua Direttore …saluti la Sig.ina Rosy …

    morosky

  • 19 Febbraio 2020 in 00:42
    Permalink

    No, proprio non sono d’accordo …
    pure io avevo immaginato che gli facessero leggere una paginetta di scuse….testo artatamente COSTRUITO DA CHI NE SA …

    anche perché se lo lasciassero FARE, CON PAROLE SUE..
    ..
    ce ne salterebbe fuori una gamba ..

    RICORDERETE TUTTI L’AFFARE SILIGARDI ….

    fuori lista

    D’Aversa che dichiara che non è opera sua

    DENTRO IN COPPA
    BUONA PARTITA, fa il gol e poi lo lasciano intervistare ….cavolo ..ma allora siete recidivi …

    …lui ha candidamente detto, a precisa domanda,

    DOVETE CHIEDERE A PIZZAROTTI e FAGGIANO…
    ribadendo che lui aveva
    ANCORA DUE ANNI E MEZZO DI CONTRATTO….
    ..
    difatti, alla fine della fiera….LUI NON SI E’ MOSSO DI UN CM..

    ……una svegliatina a tutto l’ambiente sarebbe una cosa opportuna,,,,, magari facendo aprire gli innaffiatori …pure in Sede
    … non solo in campo aperto …

    din don ..din don din don
    vi interrompo da Collecchio …..
    GERVINHO HA FATTO GOLLLLLLLLLLLLLLLLL

  • 19 Febbraio 2020 in 09:25
    Permalink

    Buongiorno a tutti,
    forse ai più è sfuggita la cosa ma ieri ho visto una bella iniziativa della società e di Cornelius nel realizzare un video per offrire la birra al tifoso colpito dalla pallonata del vichingo nel pre-gara.
    iniziative come questa, oltre ad essere simpatiche sono anche quelle che legano le persone alla squadra. Faccio dunque i complimenti ad Andreas Cornelius per come si sta ponendo con la città e i suoi tifosi, mai sopra le righe, gentile e corretto. Un esempio per tutti.
    Un appello alla società: ragazzi come lui, Kuko,Gagliolo,Iacoponi e naturalmente il Mister dobbiamo cercare di tenerceli stretti. Sono un patrimonio calcistico ed umano notevole ed un’ottima base per la squadra.

  • 19 Febbraio 2020 in 09:41
    Permalink

    D’accordo in toto con Morosky, dalla prima all’ultima parola. La gestione della comunicazione sembra troppo spesso dilettantistica e le uscite di Faggiano sempre inopportune, danno adito a sempre maggiori polemiche e ombre, in tutto ciò che dice.
    Bene, ora si parla di Roma che cerca un ds perchè Petrachi è in partenza e si parla di Faggiano nella capitale. Per quanto mi riguarda l’aiuterei a fare la valigia, perchè a mio avviso non è tutto oro quello che luccica…avrà fatto anche dei bei colpi di mercato, ma ad oggi ha fatto anche altrettanti danni con le sue uscite e le sue gestioni dei giocatori. Motivo per cui, morto un Papa se ne fa un altro, saluti e baci.

  • 19 Febbraio 2020 in 10:10
    Permalink

    Tutto è legato dalla quasi uscita dalla società di Dall’ARA,e Del Rio
    divenendo da,MAGNIFICI 7 a MAGNIFICI 5
    Ovvio che a quel punto si doveva vendere qualcuno per recuperare un po’ di 💰 per l’abbandono dei 2 che avevano già programmato l’abbandono, si vede da tempo infatti un conto è contare insieme il 30% e un conto è contare come come ora. dopo l’abbandono solo il 6% in due
    La scelta è caduta,su GERVINHO per incassare qualche milione di elemosina causa l’abbandono dei due
    GERVINHO secondo me in Quatar non ci voleva proprio andare Lui è stata la vittima sacrificale per l’abbandono dei due per cui giustamente coi tifosi non si è scusato pubblicamente in quanto non aveva niente per farsi scusare, erano altri che si dovevano scusare…..
    Una cosa è certa
    W PIZZAROTTI vero tifoso.

    • 19 Febbraio 2020 in 12:16
      Permalink

      Vele …anche il Presi …ha detto di tempo che vuole D’AversA Per 10 anni …vero ? ….
      Le voce del mercato di Allenatore …no interessa a mi …. spero che no sono in minoria ….
      Io sono ” a morte ” con D’AversA …. Spero di fa grande cose con Il Nostro Mister ….cresciamo insieme … tutti …D’AversA , Faggiano , Parma Calcio 1913 …..
      We Are Parma
      P.S. No dimenticati dove eremo 4 anni fa e dove siamo adesso e dove possiamo andare … il resto di blah ,blah , blah ..parole , parole ,parole negativi sonno espressione di quelli che no pensando di vincere …pero sienten piu comodo perdendo …

    • 19 Febbraio 2020 in 12:26
      Permalink

      Sugli argomenti societari sarebbe lecito attendersi da chiunque usufruisce dello spazio commenti di StadioTardini un briciolo di preparazione e buon senso (specie chi è anche autore) senza alimentare leggende metropolitane ché anche troppe ce ne sono in giro. (Considerazione di carattere generale).

      Considerazione di carattere particolare: il piano finanziario e di sviluppo del Parma per i prossimi tre anni era stato ampiamente illustrato dalla Società temporibus illis: per cui le varie operazioni non sono frutto di improvvisazione o attualità (lettura particolare molto superficiale), ma di programmazione (direi persino certosina). E anche gli “imprevisti” (vedi le inadempienze del fu-socio cinese) sono stati ampiamente previsti e preparati. Tutto questo dalla compagine societaria che si chiama “Nuovo Inizio” che ha ancora al proprio interno tutti e sette i soci fondatori, con l’aggiunta – come si è letto nelle ultime ore e come è facilmente verificabile attraverso opportune poco costose visure camerali – del presidente Pizzarotti che, a titolo personale, si è aggiunto alla partecipazione di famiglia. Tutto questo, però, caro Velenoso, non è stato fatto per non fare partire Gervinho, come argomenti tu, dal momento che le vitali operazioni di gestione societaria sono a prescindere dagli accadimenti del calcio mercato. A proposito di Gervinho: non a caso abbiamo “riciclato” nei giorni scorsi su StadioTardini (in evidenza nel penultimo articolo di Morosky) la foto (di repertorio) che ritraeva Gervinho e il Presidente Pizzarotti con la maglia 2022. Foto appositamente ritirata fuori dall’archivio per ricordare agli smemorati che un rinnovo con adeguamento di contratto alla Freccia Nera, era stato fatto pochi mesi fa dopo quelli che erano stati i capricci, chiamiamoli bonariamente così, dello stesso gervais che anche nella edizione estiva del calciomercato aveva inviato certi segnali come quelli poi replicati nel mercato invernale. Orbene: non si può pretendere che un contratto ogni due per tre debba essere messo in discussione, soprattutto per quanto concerne le cifre. Comunque tutto questo per dire che è corretto ringraziare il Presidente Pizzarotti per il suirplus di impegno personale nel club, ma questo non va messo in correlazione col caso Gervinho, né ci ha messo lui la parte mancante, perché non mancava assolutamente niente, né è correttro mettere in relazione la diminuzione dell’impegno economico a favore del club di Del Rio e Dallara, i quali – come ogni socio – sono ben liberi di sottoscrivere o meno gli aumenti di capitale via vaia necessari “per farci divertire”. Resta il fatto che i Magnifici 7 sono semmai 8 con l’aggiunta di Pietro, ma non certo 5, in quanto tutti i fondatori, con opportuna rivisitazione delle proprie quote, continuano a compiere il viaggio con gli altri di Nuovo Inizio che,a differenza lro, han deciso di rilanciare.
      Colgo l’occasione per aggiungere che mi è arrivato via whatsapp il solito improbabile messaggio audio anonimo di un “tifoso addentro” (addentro a cosa poi?) con sproloqui su imminente cessione del club testimoniata proprio dall’abbassamento delle quote di Del Rio e Dallara: evidentemente la considerazione di costui – e dei fessi che gli danno retta – non deve essere particolarmente alta se valuta che i due soci, proprio nel momento di una cessione, si abbassano le quote: sarebbe da veri masochisti nel momento in cui c’è da raccogliere i frutti del proprio investimento ridurre la propria fetta di torta… Questo per dire che il cervello bisognerebbe sempre tenerlo in posizione “on” cercando di evitare di cadere nelle trappole sempre più frequenti delle fake news propalate via WhatsApp…

  • 19 Febbraio 2020 in 11:18
    Permalink

    In questo 2020 al Parma Calcio si sono susseguiti vari fatti che hanno proposto ai tifosi molti argomenti di discussione.
    – ad inizio gennaio D’Aversa si lamenta della carenza dell’organico (esternazione pubblica che poteva evitare si sapeva che l’organico era carente)
    – il ds Faggiano comunica che il budget è zero, se non ci saranno uscite non ci saranno entrate (esternazioni pubbliche che vanno avanti da un paio d’anni e che hanno stufato, visto che di soldi ne spende e anche parecchi, basta verificare gli obblighi a fine anno)
    – Gervinho, o chi per lui, comunica al Parma che ha avuto un’offerta da una società estera
    – la società considera il tutto e decide di accettare l’offerta, nel frattempo il giocatore non si reca agli allenamenti (se sei un professionista lo fai sino all’ultimo secondo della tua permanenza)
    – l’ultimo giorno di mercato Gervinho si trasferisce in hotel a Milano per le firme, il meno convito di questa operazione risulta il giocatore (un giocatore ha tutto il diritto di decidere il proprio futuro)
    – nel frattempo Faggiano ha già preso il sostituto, Caprari, sempre con obbligo di riscatto a fine anno vincolato a presenze e gol (a questo punto presumo che lo faranno giocare solo in emergenza per evitare l’obbligo a fine stagione)
    – la società convince il giocatore a firmare in extremis ma a questo punto la società estera invia i documenti in ritardo (leggendo poi le dichiarazioni di Xavi il giorno dopo, non so quanto questo ritardo sia stato causale o voluto, a giugno, sempre se il giocatore si convince al trasferimento, credo che offriranno molto meno)
    – non entrando i soldi del trasferimento di Gervinho, Faggiano completa la rosa con giocatori messi fuori dai programmi delle loro società (operazioni che fanno tutte le società e che per completare la rosa vanno più che bene)
    – nel frattempo a gennaio non arriva la quota del 30% cinese, dei soldi che i soci devono immettere nel Parma Calcio (mancanze che ormai non generano nemmeno più sorpresa)
    – i soci di Nuovo Inizio versano tutto il capitale programmato ed escludono il socio cinese inadempiente (non so se finirà qui la storia ma per il momento credo che la società cinese abbia altri problemi)
    – alcuni soci di Nuovo Inizio, non immettono più denaro nel Parma Calcio o lo immettono in parte minore rispetto al previsto (decisione da rispettare perché del proprio denaro una persona fa quello che vuole, senza avere obblighi di sorta, soprattutto se il denaro versato ha molte probabilità di essere a fondo perduto)
    – il Presidente del Parma entra a titolo personale nella compagine societaria mettendo soldi propri (penso che probabilmente siano le quote che non hanno versato gli altri soci, ovviamente è una mia supposizione)
    Da questo inizio 2020 che non ha fatto mancare argomenti di discussioni, a volte anche fuori luogo, i fatti ad oggi sono questi, abbiamo una squadra che sta facendo un campionato ben al di sopra di ogni più rosea previsione, qualsiasi sia il piazzamento che otterrà a fine anno ed abbiamo una proprietà che non ha mai mancato i suoi impegni.
    Opinione personale penso che a fine anno le strade di Faggiano e D’Aversa si divideranno, tra i due credo che sia più semplice sostituire il DS.
    Io sono contento di quello che il Parma Calcio mi sta dando in questi anni e soprattutto vedo che la società cerca di dare un futuro alla squadra, che per i tifosi dovrebbe essere la prima priorità.

    • 19 Febbraio 2020 in 11:41
      Permalink

      a parere mio non avrebbe senso fare in modo di non far scattare l’obbligo per caprari.. in primis sarebbe sbagliato nei confronti del giocatore, che è anche stato definito come cercato a lungo e motivato a venire qui. Ma non solo, anche dal punto di vista economico perchè se è vero che c’è un obbligo che scatta solo a determinate condizioni è altrettanto evidente che è stato pattuito un corrispettivo per il prestito molto ma molto alto se parametrato al valore del cartellino .. se cosi fosse i soldi per il prestito sarebbero una bella cifra buttata via.
      Io penso e spero che col sassuolo sia rimasto fuori per scelta tecnica all’inizio e tattica nei cambi. Non è un fenomeno ma può fare molto meglio di cio che abbiamo visto finora

  • 19 Febbraio 2020 in 11:45
    Permalink

    io credo che a fine anno entrambi prenderanno altre strade.

  • 19 Febbraio 2020 in 11:53
    Permalink

    Se il Ds prenderà altre strade ce ne faremo una ragione. Quello che conta è la Società, non i dipendenti. E la redistribuziuone delle quote era una cosa ovvia e per certi versi è un’ottima notiza che denota l’impegno e la voglia di crescere della società. Se poi qualche pidocchioso del Territorio volesse slongare il braccio, uscire dalle stanze di Palazzo Soragna e dalle casse di raccolta delle acque nere dello SPIP e volesse aiutare magari riportando uno sponsor locale sulla maglia a saris ora!Poi capisco che c’è Tramp, la Cina, la Brecsit, la crisi in Brasile, i vegani che non mangiano il parsùt, i bussolotti che siccome non si fanno più i carretti per giocare in strda vendono meno, etc.

    • 19 Febbraio 2020 in 12:20
      Permalink

      http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

      You got it Vele ….el resto e’ noia che fa un brodo che puzza da morire …..
      Incredibile …. normalmente questi negativi scrivono quando Parma perde ….adesso siamo ” belli ” e Loro ha trovato qualcosa di buttare fango …. mi fa schifo

  • 19 Febbraio 2020 in 13:56
    Permalink

    Beh signori…

    Io credo solo che qui Gervinho abbia rischiato di far saltare il banco a 10 minuti dalla fine del mercato.

    Mi pare piuttosto inutile parlare di capacità comunicative di Faggiano piuttosto che D’Aversa quando il giocatore è mancato di rispetto e professionalità nei confronti di una squadra che fa proprio di rispetto reciproco e professionalità la sua forza.

    Faggiano era frustrato di avere un giocatore del peso specifico di Gervinho in uscita forzata.

    D’Aversa aveva in più una importante pedina in meno per giocarsi le proprie carte (dopo aver perso poche ore prima Inglese tra l’altro).

    Davvero vogliamo credere che in tutto questo le colpe siano della comunicazione?…

    Poi, cerchiamo di usare un po’ di zucca, non credo che al Parma servissero i 5 mln a fronte della perdita dell’ivoriano, sopratutto non a trattative chiuse, si era accettato in nome dell’adagio “Resta solo chi vuole restare nel Parma”.

    Nel momento in cui la cosa non è andata in porto (a quanto pare perchè il giocatore non era poi così convinto di lasciare Parma solo per soldi…e questo mi fa piacere), era nell’interesse di tutti trovare il modo di ricucire…

    Gervinho sarebbe stato fuori rosa per quanto? 6 mesi? e a chi avrebbe giovato?

    Il Parma, anche qualora volesse disfarsene a fine stagione non incasserebbe un quattrino…Gervinho non avrebbe un gran mercato finendo nel dimenticatoio e in più…è un giocatore che torna molto utile (come visto a Reggio).
    In pratica…non escludo che a giugno il giocatore parta…ma per ora è meglio così per tutti. A

    Al di là della memoria corta di qualche individuo e dell’emotività del momento, io credo che la società si stia comportando in maniera molto intelligente (come fa da tempo).

    Riguardo Faggiano, credo sia vero che fa quel che può. Credo sia bene ricordare dove eravamo e che ora ci stiamo giocando un posto in Europa…e non è frutto del caso ma di una programmazione davvero occulata.
    In questa programmazione rientra inoltre Mr. D’Aversa. Io per primo l’ho sempre criticato per una rinuncia quasi totale al gioco. In questa stagione l’ho trovato davvero molto, molto molto maturato. La squadra, anche grazie a lui ha maturato una coscienza collettiva.
    Se stiamo a guardare altre squadre con budget piu alti e nomi più prestigiosi (vedi Fiorentina..Torino..Samp..Genoa…e non so a nominare Milan o Napoli..) balza all’occhio che li manca uno spogliatoio unito, un pensiero collettivo che invece a Parma c’è.

    Benvenga la critica, ma credo che tutti qui stiano dimostrando applicazione e intelligenza…vedremo dove arriveremo ma intanto, piuttosto che perdere tasselli importanti, preferisco acquisirne…

  • 19 Febbraio 2020 in 14:13
    Permalink

    La figura dei Ds in genrerale è mitizzata in modo eccessivo. Il fine ed erudito Petrachi, pseudo fenomeno a Torino (così come Faggiano qui o altri), calato a Roma non è durato 8 mesi. Un conferenza stampa sbagliata a Parma ti viene abbonata come “eh ma il Ds non deve mica parlare basta che sia bravo” (cosa poer me sbagliata, un ds deve anche saper spiegare le cose), a Roma ti seppellisce e manda a casa. Unica cosa spero che entro il 31 agosto pv – se la squadra degli svincolati trova il sostituto – Matri possa diventare un nostro giocatore.

  • 19 Febbraio 2020 in 14:31
    Permalink

    Credo anch’io che la prossima stagione, Faggiano e D’Aversa, difficilmente faranno parte della stessa società.

  • 19 Febbraio 2020 in 17:22
    Permalink

    Matri ??? Mo co dit dabò o da burla ??
    Da svincolato non se lo filano manco in serie B, si sta allenando col Monza …….
    Lascia che vada da Borriello valà

  • 19 Febbraio 2020 in 18:23
    Permalink

    Faggiano uno come Tomyatsu è in grado di andarlo a prendere?Uno che costa 4 borri x altro. Si se lo prende Ausilio e glielo presta. Se no quel tipo di mercato li non sa farlo. Questo voglio dire.

  • 19 Febbraio 2020 in 19:18
    Permalink

    Faggiano a Parma non ha fatto bene, ha fatto benissimo. Portando a Parma elementi utili al raggiungimento degli obiettivi, con il miglior rapporto costi benefici. Vista la sua ancora breve esperienza (ha praticamente iniziato a Parma in serie C), ha raggiunto puntualmente gli obiettivi concordati con la società. Non è infallibile, non è perfetto, può ancora migliorare, ma come ripeto spesso, sono i numeri che contano, quelli non hanno né simpatie né antipatie

    • 19 Febbraio 2020 in 20:59
      Permalink

      Well said Rikman
      Piú chiaro che L’Aqua…

  • 20 Febbraio 2020 in 08:17
    Permalink

    Faggianone The Best!

  • 20 Febbraio 2020 in 11:55
    Permalink

    Io sto con il Faggio… per me numero unohttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI