PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / VERSO IL MAPEI STADIUM COL RITORNO DEL FIGLIOL PRODIGO-PRODIGIO

Tanto volea Gervinho andare in “catar”, come il Parma al Var!

Ma pure tanto va la gatta in “catar” che ci lascia “lo Gervinho” (in questo caso, meglio 4 amici al Var oppure what la thor in tal Var?)                                             

Pronto? Parma? Parma calcio 1913, ci sei? C’è nessuno?

L’unica cosa che va secondo i piani è l’ascensore!

Chi ha sbagliato, Pagliuca? Gervais oppure il dolcificante?

Infortunio Gervais *

morosky cappellino 50 punti(Mauro “Morosaky” Moroni) – Marco, Presidente Marco Ferrari (di Nuovo Inizio), ti sento e ti ascolto sempre molto volentieri, tu parli poco, pochissimo, ma quando apri bocca, ti esprimi in un linguaggio pulito, aulico, comprensibile, italiano corretto, idee chiare senza giraci troppo intorno, andando dritto per dritto al sodo senza tergiversare, nel senso che non usi il sistema comunicativo “politichese o, peggio ancora, quello “calcistichese (del quale sono particolarmente edotti,  ferratissimi e compiaciuti (tronfii di se stessi), la maggior parte degli allenatori “cosiddetti moderni”, i quali parlano mezzora e, oltre a non far capire ciò che dicono, alla fine non hanno comunque detto nulla, solo dei giri di parole, aggrovigliati e contorti): “calcistichesedicevo, si parte con l’impostazione classico-standard societaria, con uniforme ufficiale, completo giacca e cravatta, stemmino-logo coi colori sociali, in tiro in panchina come dei manichini-robottini che, a seconda del carattere, rimangono impassibili anche se sono in vantaggio per 8-0 (Gotti, Zeman, De Zerbi, Andreazzoli, Sarri, Juric, Ranieri, Corini, Pioli, Montella, Maran, Semplici, Fonseca, Guardiola, Ancellotti) oppure, al contrario, alla minima decisione arbitrale, fallo laterale, alito di vento, episodio Var, si agitano, scalmanati,  furenti,  furibondi, sull’orlo di una crisi mistica, di nervi, come fossero al cospetto (ad ogni minimo fischio arbitrale contrario) dei più grandi e giganteschi complotti internazionali, giochi di potere, con le divinità spirituali che si rivoltano contro! (Gasperini, Conte, Inzaghi Brothers, Iachini, Liverani, Gattuso, Mazzarri): in questi due elenchi non saprei dove posizionare Mihajlovic e neppure il nostro Roberto in quanto alternano momenti tranquilli e sereni a scatti vulcanici di gioia oppure di “protestantesimo”, pacato ma, esuberante!

Marco Ferrari conferenza stampa del 21 06 2017Marco, Marco Ferrari, ti ho volutamente citato per la questione della comunicazione societaria: non sto parlando di statuto, di patti sociali, di quote, di bilanci, gestione economica o situazioni burocratiche amministrative, tutt’altro e tu, so già, che sai dove sto andando a parare: comunicazione societaria tecnico-sportiva: tutto ciò che riguarda l’aspetto squadra, spogliatoio, Centro Sportivo e Stadio Ennio.
Oggetto di questa tematica è il recenteinfortunio di Gervinho”: si, avete tutti letto bene, trattasi di “infortunio”; venerdì scorso, 31 gennaio, ore 14.30, nel corso della abituale conferenza stampa, purtroppo è toccato a D’Aversa comunicare (scelta societaria iniziale per propagare il “contagio” che potremmo d'aversa vigilia parma cagliariandare a definire “Gervinho-virus”) l’infortunio in oggetto: egli parte dicendo che il martedì precedente il nostro “freccia nera” è andato a parlare per comunicargli il suo trasferimento nei paesi arabi a seguito di un’offerta irrinunciabile; subito dopo, per giustificare la mancata convocazione per Cagliari, afferma pure che “mercoledì, giovedi e venerdì, l’ivoriano, non si è presentato al campo d’allenamento!
Ora, dopo aver appurato che “l’infortunato, è stato oltre 12 ore suonate( proprio nell’ultima giornata di mercato, come sempre gestita, secondo me, con troppa fretta, furia e mancanza di una sana programmazione), all’interno dello Sheraton Hotel, location che ospita il “mercato di povrett” (quello invernale, intendiamoci), quindi, sia lui che le due società interessate al “baratto”, hanno avuto tutto il tempo per pensarci, faggiano caprariripensarci, valutare e soppesare, punto, questo è certo ed assodato! Cavoli!
Nella giornata di mercoledì 05 c.m, contestualmente alla presentazione di Caprari, il D.S. Faggiano, a seguito della mega riunione operativa avvenuta con la Proprietà, il Presidente, il Club Manager, il Mister e, Daniele stesso, è tornato sulla tematica del suddetto “infortunio”: qualcuno ha sbagliato qualcosa, chi ha sbagliato Pagliuca? Chi ha sbagliato Gervinho? La società potenziale acquirente? il Parma Calcio? O qualcun altro, che so, il dolcificante?
Le testuali parole di Faggiano danno l’idea che la Società voglia salvare capra e cavoli, ergo, utilizzare il giocatore e recuperare l’ipotetico valore economico sfumato l’ultima sera di fine mercato, all’ultimo secondo dell’ultimo minuto enterogervinhoprima del gong finale!
Dal punto di vista sia tecnico che economico trattasi, sicuramente, di una scelta intelligente e di buon senso quindi, a questo punto, tutto questo avvalora il pensiero già esposto al riguardo: dopo le parole di Faggiano, non credo più di tanto a ciò che è, o non è trapelatoQualcuno ha giocato sporco! Anche perché se poi si dichiara che “si sbaglia tutti assieme” (Daniele, mo co dit?), qualche dubbio sulla veridicità dei fatti, di come sono realmente andati, mi è già venuto, non so a voi, ma io alle palle lavorate come una volata di un finisseur, non ci credo molto!
Detto questo, anche in base alle co-responsabilità, agli sbagli di cooperativa, diciamo collegiali, si dovrà materializzare l’eventuale multa pecuniaria, ma se fosse reale la mia precedente “supp-.supposta” (che di solito vengono propinate, non per via orale), supposizione, gli hanno concesso il permesso oppure lui è stato così gervinho 2022sbadato da dimenticarsi di andare all’ allenamentoPer chiudere, venendo al sodo, Gervi-calciatore ci serve: se non va alle feste  dei club o se non frequenta i colleghi fuori dal campo, a me non interessa: a me importa di più che sia in campo, operativo, in buone condizioni psico.fisiche e che scatti ancora parecchio, come una freccia nera, su e szo pral camp, se poi, da qui a fine campionato, facesse pure 6 o 7 golletti, con qualche sgommata da lasciare gli pneumatici sul prato verde, sarei un ragazzo felice! PERO’ RAGAZZI, NON RACCONTATEMI DELLE PALLE e, se lo fate, ditele piccole piccole, che possano almeno sembrare credibili, o pensate che siamo infilati per il naso, con l’orecchino?
no catar no partyP.S. proprio per ri-chiudere l’argomento, Marco, Marco Ferrari, dag n’oceda ogni tant, chi staghen atenta a col chi disen parchè, prima ed revor la bocca, bisognaris isar sicur d’aver tachè la speena! Se no ag nin ven na gamba, dieci pesci (desz pess)! E dopa, el brutti figuri, anche d’immagine, i riven a valle, in tal calderon e vuetar a nal meritì miga ed fer la figura di sprovedù né di babalan, tutt’altro Marco: ti stimo ! Quando ho capito che QUALCUNO NON CE L’HA DETTA TUTTA GIUSTA, nonostante il mio sfogo a caldo (accusando Gervais apertamente), tra una settimana, barra dieci giorni, spero di svegliarmi dall’ ”infortunio”, leggere i convocati e vedere il suo nome, GERVAIS, toh, è successo oggi, sabato 15 febbraio (e vissero felici e contenti, the end).
Dal mio inviato (Pensionato Alfa) speciale a Collecchio, questo è il report dalla tribunetta “pensionati e dintorni”: all’allenamento di venerdì scorso, mancavano in campo Barillà, Scozzarella e Darmian, Dejan K. faceva il differenziato a parte e, la voce di Radio “pensionato” mormorava che il “Gervi” si fosse allenato al mattino: questo è tutto da Collecchio grazie al dettagliato servizio, porta a porta, di Walter D., da Piazzale Pablo con furore! CHI L'HA VISTA ...

* Sassuolo e dintorni *

Dopo gli innumerevoli esoneri, De Zerbi è rimasto  l’unico in sella (ultimo dei mohicani, giovani allenatori!) tra quelli che erano a rischio panchina, ed io, sono felice per lui: è giovane, fa giocare a calcio, ha le proprie idee, le ha portate avanti anche se col peso della spada di “Damocle” legata ad un possibile esonero quindi, visto che si trova a soli tre punti da noi, 29, ritengo sia giusto omaggiarlo, proprio a partire da lunedì prossimo!
Il pezzo esce in forma ridotta per problemi tecnici quindi niente dati, niente numeri: provo solo con le formazioni, ma, siccome questa settimana sono stato parecchio impegnato (si è sposata mia moglie ed io ero il testimone, oculare!), non ho letto nulla e quindi vado a tentacoli… no, a tentoni:

SASOL

Consigli

Toljan   Romagna   Ferrari   Kyriakopoulos 

Obiang  Locatelli

Berardi   Djuricic   Boga

Caputo

 

PAERMA

COLOMBI

DARMIAN   IACOPONI? (Dermaku)    BRUNO   RICKI

HERNANI   BRUGMAN    KURTIC

SILIGARDI? (Sprocati)  CORNELIUS  CAPRARI

Edicole Storiche *

TRIO REGINA

Lui è Giuseppe (tifoso viscerale dei Crociati) al me “giornaler” ed fiducia, pensate che tutte le mattine mi tiene la “gazzetta fresca”, proprio come le uova di gallina coccodè, che spetacol, forza Paerma a comincer dala matena bonora! FOTO

* Dall’Olanda per Sassuolo-Parma *

morosky con peter e brigitta olanda

Loro sono Peter e Brigitta, tifosi dell’Ajax, ma simpatizzanti per il Parma, ma li trovo tutti io? Sono in vacanza, un Parma tour eno-gastro-calciofilo, evvai …

54 sfumature di rosso

Dopo 50 sfumature di rosso, FOTO in diretta live, dal Cantinone di Puianello, tgnemos vist ragass e salutim Gervais,

stì bè bombè,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / VERSO IL MAPEI STADIUM COL RITORNO DEL FIGLIOL PRODIGO-PRODIGIO

  • 15 Febbraio 2020 in 14:08
    Permalink

    Se prendiamo x buono quello che ha detto Faggiano (e per me è una cazzata) sembra quasi che sia stato indotto ad andarsene per favorire il “bagget”. Sarebbe infatti opportuno che qualcuno in grado di esprimersi in italiano e non in italiacano spiegasse bene le cose. Poi per me va bene così. Basta che giochi senza cannelle di dolorini e tiraggi alle cosce.

    • 15 Febbraio 2020 in 23:32
      Permalink

      Quoto 100%

  • 15 Febbraio 2020 in 16:35
    Permalink

    Io sintetizzo tutto quello che hai scritto Moro
    in poche righe.
    L’infortunio di Gervinho se lo era inventato
    per non infortunarsi rinunciando così a partire.
    Poi tre allenamenti non fatti per forzare la mano
    della società che in questo frangente si è
    dimostrata molto debole.
    e questi sono stati gli errori di GERVINHO

    mentre gli errori della società sono.
    1) Chiedere agli arabi per Gervinho un elemosina
    2) Non voler far rispettare il contratto
    a Gervinho.
    Se lui se ne voleva andare per denaro 💰
    bene ma essendo.lui sotto contratto
    il prezzo di vendita lo deve fare la società
    che vende non certamente chi lo vuole
    acquistare a prezzo di saldo.
    Se io in un negozio vedo un paio di scarpe
    che mi piacciono e costano 90 euro e le voglio.
    entro e al venditore gli dico
    “Dammi quelle scarpe da 90 euro ma te
    le pago solo 10”
    Il venditore o pensa che io sia un rapinatore
    oppure che sia fuori di testa e in entrambi i casi se
    insistessi volendo a 10 euro quelle scarpe da 90 nella
    migliore delle ipotesi mi butterebbe fuori dal negozio
    a calci in culo.
    Il Parma calcio doveva comportarsi con gli arabi
    come il venditore di scarpe senza “se” e senza “ma”
    non abbassando le braghe e altro accettando
    simbolicamente un elemosina da clochard.
    Gervinho vale,attualmente 20 milioni
    Non un euro di più, non un euro di meno
    Senza,”se” e senza “ma”
    Chiaro Moro?
    Ciao.

    • 16 Febbraio 2020 in 17:47
      Permalink

      Gervinho 20 milioni?!?!ma dove vivi Velenoso?5.5 milioni erano da prendere senza se e senza ma!!

  • 15 Febbraio 2020 in 17:09
    Permalink

    Mañana ….. tres puntos Si o Si …
    ” Non molliamo mai ”
    Vamos por ello …..

  • 15 Febbraio 2020 in 20:23
    Permalink

    Sono agnostico, tuttavia ho sempre ritenuto quella del “figliol prodigo” una delle parabole più ingiuste.

  • 15 Febbraio 2020 in 22:50
    Permalink

    Dimentichiamo il passato perché è meglio. L’unica persona che ha tenuto un comportamento ineccepibile è D’Aversa.

  • 15 Febbraio 2020 in 23:31
    Permalink

    Tra Gervinho e infortuni la nostra comunicazione fa pena.

  • 16 Febbraio 2020 in 11:45
    Permalink

    Io spero che Faggiano se lo prenda la Roma infatti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI