CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / CORONAVIRUS: OCCORRE TROVARE LA MANIERA PER USCIRNE, MA INTANTO #RESTATEACASA

barone covid 19(Gianni Barone) – Credo sia inutile, arrivati a questo punto, cercare ad ogni costo un colpevole, per tutto ciò che ci è capitato e che ci sta capitando. Capire e dire se il virus è naturale o creato e sfuggito da un laboratorio (tesi del gatto scappato) non serve una benedetta mazza (come ama scrivere Majo) a niente e a nessuno. Non siamo in un romanzo giallo in cui non vediamo l’ora di scoprire chi è l’assassino (assassino! come nella famosa scena del teatro e delle banane in Johnny Stecchino di Benigni, quello del Dante Day). Io, che non sono un appassionato del genere, non mi ostino a cercare sempre e solo di scoprire, nelle varie cose della vita, di chi sia la colpa: tanto lo sappiamo che alla fine si tratta sempre del maggiordomo (per lo meno statisticamente) in guanti bianchi o in camice bianco (nel caso in ispecie) o in divisa militare con stellette e alamari… Cosa importa, sempre restando nell’avvincente trama degli indizi (tre) che fanno una prova (Agatha Christie docet), delle coincidenze strampalate, del caso che fa le bizze e si prende sempre gioco di noi lettori, cittadini (cattivi o meno), popolo, pubblico avvolti in sentimenti misti di tristezza, interesse, dubbi e incomprensioni. E coraggio, aggiungerei. Propendiamo, quindi, per il corso naturale delle cose, per la realtà dipinta di mistero, per la voglia di sapere e di reagire con quel briciolo di ragione che ci rimane e che per fortuna ancora non ci manca. Chiediamo il permesso di pensare per avere qualche articolo 2 majo equilibrio coronaviruscertezza in più: questo ci è consentito, ma per favore scacciamo dalla mente tutti i fantasmi del sospetto, lasciamo alla fervida fantasia di chi ancora s’indigna per le cose non dette, o piene di niente, comunque dette bene, la possibilità di farlo. Colpevoli e complotti allontaniamoli dalle nostre riflessioni e facciamo letture più concrete dei fenomeni, finora mai vissuti, ma presenti adesso, con gli occhi di chi fa inventari giornalieri di dolori, mali e mostri ora nostri, di nostro dominio (sic) e di nostra incertezza che vorremmo al più presto scacciare per sempre. Il mondo non finirà, stiamo facendo pace con la civiltà digitale, mancano i rapporti umani, la paura di morire ci prende la mano e la testa, la realtà è fluida e complessa, occorre rimanere a casa, con l’occasione che c’è tanto da leggere, e che ci sarà un dopo, (almeno per i superstiti) sono tutti temi che ci toccano e che baricco repubblicanel saccheggio, a cui accennava il nostro direttore ieri, liberano il mio tentativo di trovare appiglio nell’intelligenza, di chi scrive non per terrorizzare, ma per guidarci con ragionevole spirito in questa impresa quotidiana di resistere. Quindi oltre a virologi divenuti opinionisti (un po’ come i cavalli del pallone), cerchiamo conforto e non sconforto nelle parole di autori come Baricco, con cui condividiamo non tanto le idee politiche quanto una passione per gli stessi scrittori (Gadda in primis), che ci dice “Ci stiamo accorgendo che solo nelle situazioni di emergenza il sistema torna a funzionare”. Qualcuno potrebbe anche non essere d’accordo con questo assunto, e obiettare, però aldilà dei fastidi, dei problemi, e dell’infinita serie di auto dichiarazioni che cambiano ogni minuto, qualcosa in termini di utilità pratica generale si sta, eppur, muovendo. Non tutti saranno d’accordo e ricompensati a dovere o come vorrebbero o avrebbero voluto, però potrebbe essere questo il momento per riportare la diseguaglianza sociale a livelli sopportabili e degni, sempre citando Baricco, di cui consigliamo la lettura di “Castelli di rabbia” e “Oceano mare”, le sue prime opere, le migliori. E’ ovvio che esistono priorità, ma il sostegno dovrà essere totale e generale, perché se è vero come è vero, che il virus è democratico e non guarda in faccia nessuno e non fa distinzioni di classe, di specie, fra ricchi e poveri, belli e brutti, destra e sinistra (dritto?), è achille mezzadri italia unitapur vero anche che le ricette per curare la crisi economica già presente, dovranno essere indirizzate verso una platea più ampia possible. Le parole di Mario Draghi (il cui spettro aleggia sulle spalle di qualcuno) che invoca il debito pubblico per arginare la crisi, suonano come musica e come carica per compiere i passi giusti verso la direzione dell’equità dei trattamenti, e per la ricerca dello choc che permetta di cambiare registro eliminando burocrazia, limiti, cappi e nodi scorsoi di sorta (vedi Mes). Ciò che ci unisce nelle privazioni di oggi, deve farci trovare l’Unità di nazione e azione, che non c’è mai stata negli ultimi cinquant’anni. E la parola Patria che si addice ad un regime di guerra dovrebbe angela merkelriecheggiare come spinta evocatrice di forza e volontà per reagire e per riprendersi più in fretta possibile. In questo clima di unione di forze e d’intenti, stona e latita l’Europa più che mai sconfitta degli egoismi di bottega nordici, teutonici e qualunquisti, sarebbe dovuta essere l’occasione per rinsaldare il tutto, ma così non è stato o non sarà più (speriamo ci ripensino). Invece chi ha i conti pubblici quasi a posto o ha poco deficit, non ci sta a dividere ansie o apprensioni con chi sta peggio sotto questo profilo: peccato il grande progetto dei fondatori dell’Unione rischia di naufragare per qualche euro (e non dollaro da western spaghetti sempre graditi i primi) in più. Lo Stato, invece, dovrebbe procedere unito, come ai tempi di guerre e di dopoguerra, senza spaccature, mettendo da parte istanze lotito vaccinodi parte (scusate il bisticcio, mai come in questo caso da bandire), perché non esistono più parti in questo nostro isolamento giornaliero, ma una sola grande Italia. E dovrebbe esistere un tutt’uno anche nel calcio, che noi solitamente trattiamo, che dovrebbe apprendere in fretta questo tipo di lezione invece di pensare a chi sarà assegnato lo Scudetto se non si dovesse riprendere il campionato. Dobbiamo, devono, trovare, tutti, la maniera per uscirne con le ossa meno rotte possibili: questo è indiscutibile, tutti dovranno cedere qualcosa in termini d’interessi personali, per la causa comune e per potere continuare tutti quanti ad esistere. L’individuo da solo, può farpreghiera-con-Papa-Francesco-27-marzoe file, ritrovare il calore perduto degli affetti, la gentilezza mai avuta, può riscoprire letture dimenticate nella frenesia della routine, può riconoscere meglio se stesso, ma non può arrivare a scollinare senza l’aiuto della Comunità e sconfiggere, sempre da solo, oltre alla paura di morire quella di non potercela fare. I rischi reali sono tanti e il diritto alla salute nessuno può assicurarcelo: le misure adottate possono anche dare fastidio, avendoci limitato molto, ma sono indispensabili. Però l’ottimismo della nostra ragione deve sconfiggere l’ansia e l’angoscia del momento e deve condurci, tra le pieghe di un dolore che ci tocca e ci lambisce di continuo verso l’ottimismo della nostra volontà di continuare a crederci. E a tal proposito perché chi crede veramente c’è l’indulgenza plenaria del Papa (anche sine confessione) e le benedizioni Urbi et Orbi: per tutti gli altri un bel libro di 400 pagine da leggere di Celine, Rilke o Lermontov, come se fosse la notte dell’ultimo dell’anno o l’ultima notte dell’anno. A voi la scelta. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

2 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / CORONAVIRUS: OCCORRE TROVARE LA MANIERA PER USCIRNE, MA INTANTO #RESTATEACASA

  • 27 Marzo 2020 in 20:50
    Permalink

    In questi giorni si capisce che per come è concepita l’UE non ha senso di esistere.

  • 27 Marzo 2020 in 22:09
    Permalink

    Adesso gli industrialotti hanno un altro asso nella manica per giustificare la piocionèra che faranno valere per i prossimi lustri. La crisi causata dal virus cinese (io rammento sempre che ogni cosa provenga dalla Cina fa schifo dai finanzieri – noi e il Milan ne sappiamo qualcosa- ai vestiti ai virus). Tutto ciò nonostante scatolame, parsùt e tomachi stiano tirando il Pil del Territorio.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI