CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / LA SERIE A DOPO IL CORONAVIRUS: IPOTESI IRREALI, SURREALI, REALI?

GIANNI BARONE BAR SPORT 09 03 2020(Gianni Barone) – Ciò che non è mancato, e non ci è mancato, e non ci mancherà affatto, in questi giorni di crisi, d’incertezza e – non nascondiamolo – di paura, sono le ipotesi: se ne fanno di continuo, per capire e giustificare una realtà che è e sembra tutto fuor che reale, e quindi non è e non sembra mai coerente con se stessa. Surreale o irreale sono due aggettivi che stanno accompagnando ogni tipo di narrazione sia essa politica, sanitaria, sportiva o giornalistica in genere. Due termini che diventano assunti e che prendono il posto di ciò che dovrebbe essere indotto dalla ragione, che in casi come questi spesso vacilla. Tutte le manifestazioni di pensiero culminano nella speranza di farcela, di potercela e dovercela fare, di riuscire a farcela alla fine, che tutti sperano e ipotizzino arrivi prima che mai: però in mezzo tutta una serie di congetture che spesso sfociano nell’irrealtà dei fatti o ITALIA MALATA CORONAVIRUSnella surrealtà degli eventi. Tutto è stato superato, d’improvviso, è stato scavalcato, è stato stravolto, e si spera tutto non sia compromesso: l’obbligo del condizionale più che mai assurge ad atto di estrema necessità e non di mal celata rassegnazione. Irreale che nell’etimologia, significa privo di realtà e di esistenza effettiva perché fuori dalla realtà stessa, ove spesso la si supera, c’induce, per sinominia, al fantastico, all’immaginario, al sogno e più prosaicamente all’ipotesi: si ma quale? Mentre il surreale che evoca e registra le sensazioni del subcosciente al di fuori di ogni controllo della ragione, ci porta ad immagini ed atmosfere che la nostra preoccupazione estetica e morale, purtroppo, percepisce alla perfezione. Le immagini di strade deserte e di stadi vuoti o semivuoti, sono l’eloquenza che ci ha portano a dover motivare le situazioni di necessità, le comprovate esigenze lavorative e di salute per poter rimanere ancora legati ad una realtà fatte di rinunce doverose e di scelte difficoltose. Rimanendo in tutte le manifestazione di questo surrealismo di maniera applicato al calcio, disciplina da disciplinare, più che mai in questi momenti di clamorosa incertezza, serve ispirarsi all’inconscio dell’uomo, ritenuto come grado più profondo e più vero della realtà, e per evitare altri tipi di manifestazioni, del grado dei sogni che degradano in stati sonnanbolici, trance mediatica o peggio ancora, alienazione mentale, per trovare le gabriele gravina presidente figc 10 03 2020soluzioni di un futuro di calcio più che mai in alto mare, da adottare dopo la fatidica data del 3 Aprile 2020. Quando, cioè, tutti consciamente, sperano, ci sia l’agognata ripartenza del torneo e non il contropiede dell’emergenza che colpisce e che continua. A quel punto ecco che le ipotesi dell’irreale devono acquisire forma, e devono essere formulate, seppur dubbie, con qualche giorno d’anticipo. Si naviga a vista, sostengono gli ovvi, ma anche gli acuti non trovano di meglio che affermare che tutto è aleatorio, perciò chi di dovere o d’istituzione queste ipotesi le ha trattate e le ha proposte in maniera chiara e forte. Ipotesi numero uno: Si riprende ad Aprile e si va sino in fondo per la serie A, con l’ultima giornata al 30 Maggio, sempre che lo si possa fare chiedendo strada ad un Europeo da contrarre e non da rinviare e sperando che nessuna delle tre italiane arrivi alla finale di Champions. opzioni figcQuindi ipotesi debole se non debolissima ed egualmente non sognata, sperata e auspicata da molti. Ipotesi numero due con l’emergenza che si protrae oltre i limiti, attualmente, decretati, il titolo si assegna ai play off, a 4 o a 8, a seconda del tempo a disposizione e le retrocessioni di decidono ai play out, come in tutte le altre categorie. In questo caso tutto molto avvincente, qualcuno suggerirebbe, però se poi vince l’Atalanta che è al 4°posto con 15 lunghezze di distacco dalla JUVE prima? Come la mettiamo? Se Ilicic, più in forma, supera il monumento Ronaldo, metti, un po’ in disarmo? Polemiche a non finire, veleni e quant’altro… Terza ed ultima ipotesi classifica cristalizzata (termine bruttissimo che da l’idea fredda di inanimazione) alla 26esima, per alcuni, e alla 25esima per altri, con Juve campione (e chi lo sente poi Lotito…), e Brescia, Spal in B, insieme, credo, una tra Lecce e Genoa, con un solo scontro diretto giocato. Direi questa la peggiore e non solo perché sgradita al presidente della Lazio, è la più pasticciata, la più incongrua, la più irregolare, forse. Si potrebbe poi pensare anche di annullare tutto, titoli e retrocessioni e ripartire da zero con le stesse formazioni di adesso nelle varie categorie, la più salomonica per alcuni e la più Ponziopilatesca per molti. Ma non entusiasmante per nessuno the eyes of darknessperché vorrebbe dire che si è potuto giocare causa il  prolungamento della precauzione. Un rompicapo che potrebbe, con fantasia, sfociare nell’invenzione romanzesca come sequel del libro “The eyes of Darkness” di Dean Koontz (alias Leigh Nichols) scritto nel 1981, ma quasi profetico della situazione attuale in epoca di virus. Anche se in quel testo si parla di un oscuro progetto governativo che puntava a diffondere un virus creato da uno scienziato cinese, e guarda caso denominato Wuhan 440, proprio come la città da cui è partita l’attuale epidemia che ci fa sembrare irreale o surreale ciò che è tremendamente vero. Per il nostro calcio, invece, che nelle nostre giornate trascorse a casa mancherà a molti, dobbiamo attendere gli esiti del Consiglio Federale fissato per il 23, in cui ciò che sarà deciso speriamo non assomigli al manifesmanifesto surrealismoto del Surrealismo di Andrè Breton , il quale definiva il suo movimento come “Automatismo psichico puro per mezzo del quale ci propone di esprimere, o verbalmente, o per iscritto, o in qualsiasi altro modo, il funzionamento reale del pensiero, dettato del pensiero, in assenza d’ogni controllo esercitato dalla ragione, al di fuori d’ogni preoccupazione estetica o morale”: speriamo non sia esattamente così o forse sarebbe meglio di sì? Chi la spunterà? Breton o Lotito? Ricordiamo che il Consiglio Federale, composto da venti membri, oltre al Presidente Gravina, i rappresentanti di tutte le Leghe, Dilettanti (D), Pro (C), B e ovviamente A, nelle illustri persone di Lotito e Marotta, poi i rappresentanti di calciatori (Tommasi), allenatori (Beretta) e arbitri (Nicchi), dovrà deliberare anche in base a ciò le varie Leghe avranno deciso nelle loro precedenti riunioni. Decisione, senza dubbio, difficile, ma le ipotesi messe in campo potrebbero, a quella data anche non essere, per ovvi motivi, tutte praticabili. Quindi tutti a casa. Ma chi? Noi o loro, consoliamoci con il video di Alberto Sordi, che segue, e gustiamoci, stando a casa ciò che più piace, di questi tempi, e non solo, vino compreso. E’ ovvio. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

One thought on “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / LA SERIE A DOPO IL CORONAVIRUS: IPOTESI IRREALI, SURREALI, REALI?

  • 12 Marzo 2020 in 16:24
    Permalink

    Perchè i playoffs e i playout sarebbero brutti? Magari alla fine lo Scudetto lo vince l’Atalanta xD

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI