IL COLUMNIST di Luca Russo / PARMA EPICENTRO DEL CORONAVIRUS, IL PARMA CALCIO LEADER NELLE INIZIATIVE DI SOLIDARIETA’ E SOCIAL-INTRATTENIMENTO #GIOCHIAMOINCASA

luca russo 06 01 2020(Luca Russo) – L’Italia intera è in quarantena. Non lo sono le belle e lodevoli iniziative in cui è in grado di prodursi il nostro Paese e anche il nostro Parma, primo a lanciare sul proprio territorio la campagna #LaSquadraPiùForteDiParma mettendoci soldi di tasca propria, prima di suggerire agli altri di imitarlo. L’Italia intera è obbligata a restare in casa, limitando i suoi spostamenti allo stretto necessario, e responsabilmente deve continuare a farlo. Ma le buone idee continuano a circolare liberamente. A loro non servono autocertificazioni e giustifiche per mettersi in movimento, specie se diffondono il buon umore in un momento che induce alla nostalgia dei tempi in cui abbracciarsi e prendersi per mano non era “sconsigliato”. E soprattutto Parma, purtroppo ormai epicentro del sisma (7 morti tra domenica e lunedì, nello stesso lasso di tempo, come comunicato dalla Regfione, sono stati registrati altri 45 casi, per un totale di 707 pazienti contagiati) non si sotmatteo e lavinia scozzarella fiabe crociatetrae al germogliare di spinte positive, sebbene stia diventando giorno dopo giorno epicentro dell’epidemia in corso. E soprattutto il Parma che in queste ore stanno mostrando allo Stivale tutto quanto sensibile e generoso possa essere il mondo del pallone nostrano. I calciatori Crociati, per esempio, alternandosi leggono fiabe di Gianni Rodari tra l’ora della cena e quella della nanna: tra poco, dopo Scozzarella l’altro giorno, sarà il turno di Simone Iacoponi. Il club, poi, condivide i filmati sui propri profili social: l’obiettivo è di allietare la quarantena dei bambini, che in questo modo peraltro hanno la possibilità di non perdere di vista i loro eroi e ascoltarne la voce, aspetto non trascurabile in un periodo in cui le relazioni sociali dei più piccoli si sono di fatto azzerate. Altra trovata architettata dalla società Ducale e orientata ai giovani è quella di costruire un origami: seguendo le istruzioni si finirà col ricavarne nientemeno che una maglia del nostro amato Pveron parma legendsarma. Oggi, poi, Alberto Grassi (sempre col significativo hastag #giochiamoincasa) si è trasformato su Instagram per un giorno in social manager di eccezione, Andreas Cornelius nel ricambiare gli auguri per il compleanno ha lanciato propositivi messaggi alla Comunità Crociata e pure le Legends danno il loro contributo, in primis Juan Sebastian Veron. Ma le belle iniziative non si fermano qui e coinvolgono pure chi segue e vive la squadra nelle vesti di sostenitori: molti tifosi gialloblu, raccogliendo la proposta della società, hanno già offerto la propria disponibilità a devolvere in beneficenza il rateo del proprio abbonamento per la partita con la Spal giocata a porte chiuse (dai 9 euro della Curva Nord ai 63 della Tribuna Centrale Petitot) appunto a “La Squadra Più Forte Di Parma”, ossia il team sanitario dell’Ospedale Maggiore impegnato in primissima linea nella battaglia contro il Coronavirus. Totale l’adesione dei Boys, lo stesso dicasi per il Centro di Coordinamento che è inoltre prossimo a dare il via a una raccolta fondi in favore del reparto Malattie Infettive dell’ospedale cittadino.alberto grassi giochiamo in casa Non solo il Parma in trincea, però, nella guerra senza quartiere al COVID-19. Leonardo Bonucci ha donato 120mila euro alla Città della Salute di Torino dove era stato curato il figlio Matteo. Francesco Totti, col contributo dell’azienda di cui è testimonial, ha messo a disposizione dello Spallanzani di Roma 15 apparecchiature per la terapia intensiva. Di Lorenzo e Meret sono scesi in campo per il Cotugno di Napoli. Zaccagni e Pazzini per le strutture ospedaliere di Verona. Crowfunding di Petagna a favore dei presidi sanitari italiani tra cui il Niguarda di Milano. Dybala appoggia la campagna di Chiara Ferragni e Fedez. Il Milan sostiene AREU, mentre Ciro Immobile ha donato per i posti letto ospedalieri nel Lazio e per le terapie intensive di Napoli. Balotelli e Donnarumma in campo per Brescia, Bernardeschi per Torino e Gradenigo, Ilicic per l’ospedale di Bergamo. Anche l’Inter ha deciso di fare la sua parte: rispettivamente 65.000 e 21.600 le mascherine che la società del presidente Zhang ha donato al capoluogo orobico e alla città di Lodi. Un gesto molto apprezzato da parte del governatore della Lombardia Attilio Fontana. È l’Italia della solidarietà. È l’Italia che nelle difficoltà potenzia ulteriormente i propri pregi. È l’Italia della gente che non molla mai. Luca Russo

One thought on “IL COLUMNIST di Luca Russo / PARMA EPICENTRO DEL CORONAVIRUS, IL PARMA CALCIO LEADER NELLE INIZIATIVE DI SOLIDARIETA’ E SOCIAL-INTRATTENIMENTO #GIOCHIAMOINCASA

  • 16 Marzo 2020 in 20:22
    Permalink

    Ormai gli aggiornamenti di Luca Russo sono come quelli di Borrelli: non si può farne a meno 😀

I commenti sono chiusi.