DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (12^ puntata) – LA STRAGE DEI SACERDOTI: 68 IN TUTTA ITALIA E A PARMA 13 SAVERIANI

Luca Savarese(Luca Savarese) – “In questi giorni sono venuti a mancare medici, sacerdoti. Tanti infermieri sono contagiati perché erano al servizio degli ammalati. Ringrazio Dio per l’esempio di eroicità che ci danno nel curare gli ammalati. #PreghiamoInsieme per loro e per le loro famiglie”. Con queste parole papa Francesco, sul suo profilo twitter, rivolge un pensiero a tutta quello squadrone, davvero fortissimo, fatta di persone che nella vita hanno fatto la scelta più difficile di tutte: spenderla, donarla per i propri fratelli. Se i medici hanno fatto il giuramento di Ippocrate, i sacerdoti, invece, hanno sposato Gesù, che della Croce (con la maiuscola, perché anticamera della Resurrezione) ha fatto la sua ragione di Vita. In questi giorni, tanti, troppi preti, stanno risalendo a quel Cielo che qui hanno fatto, in vari modi, pregustare. Parma, lo sa molto da vicino: 13 morti in 15 giorni, questa la cifra terribile delle dipartite della Pia Società di S. Francesco Saverio presente ed operante in via san Martino a Parma. Padre Rosario strage missionari saverianiGiannattasio, contattato telefonicamente da Repubblica, è affranto: “Ci ammaliamo e moriamo, ma adesso qualcuno deve venire ad aiutarci”. Gli ultimi giorni la provincia parmense aveva visto spegnersi anche il presbitero don Giuseppe Fadani, 84 anni, don Fermo Fantoni, 83 anni e parrocco di Mezzano Inferiore, Coenzo e Casale; don Giacomo Bocchi, 89 anni, parroco di Coltaro, Torricella, S.Nazaro e Pizzo e don Franco Minardi, parroco di Ozzano Taro da 69 anni e Don Andrea Avanzini, 55. 68 i preti, sinora, venuti a mancare in Tutta Italia, Bergamo, la Diocesi più colpita.
Già, i sacerdoti, non avranno il rimedio al Coronavirus, ma quante preziose premure, fatte di assistenza, parole calibrate, vita spesa accanto, senza far rumore. Una settimana esatta fa, ha finito la sua partita terrena ed iniziato quella del cielo anche don Luigi Giussani, morto di Coronavirus, dopo essere entrato in terapia intensiva, nell’ospedale milanese di Niguarda. Uno dei primi mie maestri di vita, essendo stato sacerdote nella mia parrocchia di San Protaso e Gervaso, nonché mio professore di religione al Ginnasio al Liceo classico Statale Cesare Beccaria e amico di mille avventure, roba croccante, mica noia bigotta. Qui sotto il mio saluto ed un grazie gigantesco a chi come lui, in queste ore è lì pronto a mettersi in gioco, dentro questa trincea. E’ di oggi la visita di monsignore Mario Delpini, arcivescovo di Milano, all’ospedale Policlinico con relativa benedizione ai malati ed ai contagiati del virus. In fondo, lo diceva anche Gesù, medico sacerdote e medicina: “Chi perderà la propria vita per causa mia, la salverà”.

TI SIA LIEVE LA TERRA, CARO DON LUIS GIUSSA, AUDACE PROFETA DEL CIELO QUAGGIU’

don giussaniHai scelto un giorno feriale per entrare nel Campo dei campi, un mercoledì, giorno di consueto adibito alle Coppe, anzi alla Coppa, quella con le grandi orecchie e ti confesso, che non è stato facile ascoltare questa notizia. Che strana la vita, era da anni che riuscivi a risolvere ed a togliere mille virus dai pc dei tuoi amici, che volentieri te li portavano, contenti di questo strano santone dei computer con quella faccia lì un po’ incavata e poi la pelata, liscia: sembrava che Socrate, Diogene il cinico e Bernardino da Siena si fossero dati appuntamento lì, tra i tuoi lineamenti austeri ma sinceri. Mille virus informatici hai rispedito al mittente, ma questo no, brutta bestia, ha infettato tutto il tuo hardware ed il tuo software e così, ti ha mandato al tappeto. Non ci ha lasciato nessuna password, ci ha spiazzato, un rigore maligno che non ci aspettavamo proprio. Ma, non ce niente da fare, i profeti e i grandi, decidono di andare così, senza fare poi troppo rumore.

Ci resta però una cosa, che niente e nessuno potrà toglierci, compresa sorella morte (non ti è mai piaciuta l’etica francescana ed i frati che, birbante, consideravi dei beoni…)

Ci resta, colma, la valigia dei ricordi, ma di più, ci resta, paffuto, lo zaino degli insegnamenti. Quel possesso eterno, per dirla alla Tucidide (anche se tu poi eri prof di religione mica di storia ma tant’e…) che nemmeno sorella nostra morte corporale può togliermi. Fischia (come dicevi spesso tu) quanti frammenti di vita croccante, invitante, tutta da gustare. Ebbi il privilegio di essere, sin da subito, uno di quelli che erano nella tua cerchia. Ah si, avviso ai naviganti: il don Luis l’era in sci, o lo si amava o lo si odiava, assolutamente non banale, molto distante da ogni buonismo a buon mercato e da ovvie mezze misure. Avevi conosciuto mio papà, quando eri sacerdote in quel di Cinisello. Quindi quando arrivasti a San Protaso, mio papà ti conosceva già ed il gioco, era fatto. Io facevo la terza elementare e per la prima volta stetti attento ad una predica: dall’ambone, una sorta di filosofo, sembrava proprio quel filosofo che trovai poi alcuni anni più tardi su un testo di Filosofia delle edizioni ferraresi Ciranna: parole calibrate, quasi ruminate, e quella mano, leggermente tesa, ad indicare una strada. Eri tu, io macchinina stupita, mi misi a seguirla. “Fusto come stai” così ti rivolgevi a me bambino e volentieri mi accarezzavi la testa con la tua mano possente, morandiana, paterna, che sapeva di sapone e avventura. “Quello che sei vale immensamente di più di quello che fai”, questa una delle tue prime perle, che annotavo, sul sussidiario, prima di attaccare le figurine. La tua figurina? Origine piemontese, maglia a strisce bianco e nere. Fin da piccolo, al toro, preferisti la zebra. E lo stile sabaudo, si vedeva, quando ti chiamavo a casa, cioè in parrocchia, insomma nella tua abitazione in parrocchia, e mi rispondeva, algida, tua mamma: “Don Luigi non è in casa in questo momento e non si trova nemmeno in Milano, appena torna, gli faccio chiamare, mi lasci i suoi recapiti”. Più che una figurina, facevi un figurone!

Mi attiravi, mi coinvolgevi, preziosa calamita della mia infanzia e oltre. “Fusto mi accompagni a benedire?” “Va bene, ci sono” E giù ad andare: via Ranzoni, via Faruffini, piazza De Angeli, ma, prima di benedire le case, lungo il tragitto, benedicevi la conversazione con chicche ed ironia. Enoteca Simone, via forze armate: “ Mi dia per favore un buon vino e non la solita fuffa” chiedi perentorio al venditore, che ti risponde, : “Guardi ho questo, non solo è di ottima qualità ma ha un prezzo della Madonna”. “Allora, lo prendo, è il mio, sono sacerdote…” Credo che quel signore stia ancora ridendo… E poi, alla fine delle benedizioni, “Questo sono per te fusto, chi lavora ha diritto alla sua ricompensa”. Dieci mila lire, taac, a dieci anni, il mio primo fatturato…Spesso, bigiavo la messa delle 9.30, quella preposta per i bambini, per andare a quella delle 11.30 e sentire tu che spezzavi la parola. Si, ero uno dei tuoi, e ne ero fiero. Quando poi al ginnasio, scoprii che la mia sezione, la D, aveva te come prof di religione, mi sentivo come Copernico appena pubblicata la sua teorie eliocentrica: in un’orbita rivoluzionaria. Mentre gli altri prof di religione spiegavano la Bibbia tu ci facevi vedere l’Attimo fuggente e Blade Runner. Mentre gli altri prof fornivano un bigottismo paolotto, tu riempivi la lavagna con la scritta: “Natalino Sapegno non ha capito niente”. Perchè, il critico letterario Sapegno, aveva ritenuto l’immensa umanità di Leopardi, mera poltiglia adolescenziale. Amavi osare, lanciavi sfide, te ne fottevi del perbenismo. Luglio 2000, tu, io e la nostra squadretta di beccarioti sta andando sulla tua Tipo da film Gangster con sedili bordeaux e volante in legno, tu alla guida, a trovare una ragazza al mare, a Finale Ligure. Sono le 18, mentre tutti i preti dicevano messa, tu eri sotto rete, vuoi mettere una partita di beach volley? Epico il viaggio di ritorno, con tua arringa dopo aver visto degli autostoppisti dallo strano aspetto: “Ricordatevi che l’uomo, è fatto per dare non per prendere” Gli altri, quei benpensanti del Berchet avevano Giussani ed il suo mito, noi avevamo Giussanello e guai a chi ce lo toccava, il nostro mito. Quel potere di rendere l’istante interessante e Gesù una roba davvero figa mica sbobba da catechismo. Gennaio 2003, annus mirabilis della mia maturità, appuntamento alle 6.45 davanti al Beccaria per distribuire le copie del nostro giornalino, di cui tu ne eri convinto direttore: il faro. Adesso te lo posso dire, anche se forse era già chiaro: faro lo sei stato tu, hai acceso una luce nuova, intrigante, battagliera, che ha saputo illuminare la mia infanzia, scaldare la mia adolescenza e non spegnersi nell’età adulta. “Magari qualche volta mi porti a vedere la mia Juve, io mi procuro una trombetta” Questa una delle ultime cose che mi dicesti quando ti ho visto l’ultima volta, lo scorso dicembre. Da oggi, caro Nello, questo l’altro nomignolo con cui ti chiamavo, la tua Juve la potrai vedere senza accredito ma tra le trombe degli angeli, accanto alla tua discreta mamma ed al tuo energico papà, che ti ruppe una radio vecchio modello quando stavi ascoltando una partita dopo che avevi fatto una bravata da giovincello… Ultima cosa: non ho mai capito come facesse la tua Tipo ad aumentare il volume dell’autoradio quando acceleravi. Forse però, da stasera, mi sarà tutto più chiaro: quando vedrò una stella accelerare, capirò che tu sei arrivato e che il tuo viaggio è appena cominciato, allora, da solo, si alzerà il volume del tuo lascito. Grazie di tutto caro Giussa. Luca Savarese

#Dodicesima puntata Mercoledì 25 Marzo 2020

4 pensieri riguardo “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (12^ puntata) – LA STRAGE DEI SACERDOTI: 68 IN TUTTA ITALIA E A PARMA 13 SAVERIANI

  • 25 Marzo 2020 in 23:09
    Permalink

    Grazie Luca Savarese per il tuo toccante e commovente articolo, in ricordo del tuo prof di religione, sacerdote, come tanti sacerdoti e non solo, che hanno perso la vita in questo periodo..
    Bello il pensiero del Papa, col quale ha voluto essere vicino anche ai numerosi infermieri e medici, contagiati, perché al servizio degli ammalati.

  • 26 Marzo 2020 in 00:27
    Permalink

    Come sempre, bravo Luca http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 26 Marzo 2020 in 05:23
    Permalink

    Il Papà è vicino come tutti noi, nè più nè meno, a chi opera in questo fronte di guerra. Perchè non va in visita in queste trincee? A me piacerebbe che il Papa fosse vicino, tra l’altro, anche alle vittime ed alle famiglie dei reati che stanno scontando i carcerati, e non sempre e solo alle famiglie di questi ultimi.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI