DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (7^ puntata) – FRATELLI D’ITALIA, LA RADIO S’E’ DESTA ED UNITA (VIDEO)

LA RADIO PER L’ITALIA, ASCOLTA LA CLIP

Luca Savarese(Luca Savarese) – Ore 11, tutta Italia è convocata, si scende in campo, la partita, davvero sui generis, si gioca su tutte la radio che oggi, parlano la stessa lingua, suonano la stessa musica, trasmettono le stesse note, quelle dell’Inno di Mameli. Eccolo il nostro prezioso Mondiale, lo disputa l’Italia, alla radio, contro il temibile e terribile avversario, il Coronavirus, più minaccioso della Corea del Nord e del suo dentista goleador Pak Doo-ik del 1966. Dentro questa situazione delicata, immersi nello stridente rumore del silenzio, non c’è davvero stato niente di meglio che sentire questa doccia sonora invaderci la schiena e farci battere ancora il petto. Per pochi minuti, nessun triste dispaccio, nessun ministro fare il punto, nessuna notizia da codice rosso, ma la melodia antica e sempre nuova, rombante come un aereo della speranza, della canzone nazionale. Lo sentiamo, incollati alla radio, come si faceva, una volta, con le partite. Stiamo giocando tutti, nessuno escluso, la partita più importante: abbiamo subito tanti gol e rds radio per l'italiatante morti fino ad ora, ma l’arbitro non ha ancora fischiato la fine e possiamo ancora, grazie ai medici stakanovisti ad infermieri zelanti, scrivere il nostro contropiede. In rapida successione, dopo l’Inno, ecco irrompere Azzurro e La canzone del sole: un plauso a tutte quelle emittenti che hanno introdotto l’evento singolare, commentandolo prima e lasciandolo poi vivere senza proferire parola alcuna, una tiratina d’orecchie a quelle stazioni, poche per fortuna, che si sono sovrapposte, discettando sul capolavoro di Battisti. In queste situazioni, basta lo spartito di questi brani e non c’è davvero bisogno di aggiungere nulla. Un grazie alla potenza calda della radio. Marshall McLuhan, sociologo e suo grande estimatore, avrebbe, di sicuro, apprezzato. In un’epoca di quotidiana ed ordinaria frammentazione, dove ogni emittente coltiva il suo orticello, radio bandierasono, per una manciata di minuti, sparite tutte le differenze di partito, di genere, di target. Così, sulle patinate onde delle radio nazionali, abbiamo potuto ascoltare, in queste straordinarie ore 11, la stessa cosa che c’era su una semplice radio locale. Le radio, hanno svolto la funzione di premurose sorelle del paese più che cugine indifferenti tra loro quali spesso appiano. E’ sembrato quasi che questa iniziativa, più che qualche lungimirante radiofonico o un gruppo di ingegneri del palinsesto audio, come avvenne per la famosa espressione “Clamoroso al Cibali” in quello storico 4 giungo 1961, dallo stadio di Catania, più che la voce di Ciotti o Carosio, l’abbia creata e prodotta la magia fascinosa della radio stessa. Facciamo, fate in modo che non resti una singolarità solenne di questa trincea! Luca Savarese

#Settima puntata Venerdì 20 Marzo 2020

5 pensieri riguardo “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (7^ puntata) – FRATELLI D’ITALIA, LA RADIO S’E’ DESTA ED UNITA (VIDEO)

  • 20 Marzo 2020 in 19:57
    Permalink

    Ogni giorno che passa
    AUMENTANO I MORTI
    Oggi per esempio i morti rispetto
    a ieri sono aumentati
    oltre le duecento.unita’ sfiorando
    quasi i 700 decessi in una giornata
    e questo perché
    molte persone sono dementi
    e girano.per le strade come dementi
    nonostante il divieto.
    Se attraverso l’auto con il
    semaforo rosso mi tolgono
    punti dalla patente e vengo
    sanzionato pesantemente.
    Se poi mi faccio male cazzi miei
    ma se ammazzo una persona
    l’assicurazione non risponde
    essendo passato col rosso e la.
    mia vita e’ rovinata.
    Il semaforo era rosso.
    Perché sono.passato pur
    sapendo che col rosso
    non si passa?
    Semplice sono.un coglione
    e per tutta la vita rimpiangero’
    sempre di esserlo stato.
    Ora con il CORONAVIRUS
    ci sono disposizioni ferree.
    Disposizioni di guerra perché
    se per caso qualcuno non lo sa
    glielo dico io
    SIAMO.IN GUERRA.
    Se un uno in questo periodo
    di guerra esce senza motivo
    sapendo che c’e un divieto
    è come se passasse col rosso.
    Potrebbe farsi del male a lui
    stesso ma se la sarà
    cercata sapendo che col rosso
    non si può passare e in
    questo caso con ilcoronavirus
    bisogna stare in casa
    ma contento lui…
    Però potrebbe fare del male ad altre
    persone contagiandole e infettandole
    In questo caso il demente deve
    sapere una cosa.
    LA. SUA LIBERTÀ. FINISCE
    QUANDO INTACCA QUELLA DI UN ALTRO
    Ammettiamo che uno di.questi
    che ha contagiato si prende il virus e muore.
    Per me questo è un assassino e va
    trattato come un assassino.
    Ecco perché
    CI VUOLE TOLLERANZA ZERO
    Chi sgarra anche solo andando a
    fare footing o a fare il demente
    nei parchi deve andare a processo
    prendersi un avvocato e poi
    venire condannato.
    Se non capiamo che i morti stanno
    aumentando e domani causa questi
    dementi che circolano.per il parco
    e guidano senza permessi a infettare
    chi non vuole essere infettato,
    se non vengono fermati DI BRUTTO
    domani potrebbe toccare a noi.
    Ecco perché non si deve guardare in
    faccia a nessuno.
    Se uno.uscendo ha deciso di
    suicidarsi lo faccia pure.ma chi
    vuol vivere ha diritto di farlo.

  • 20 Marzo 2020 in 20:00
    Permalink

    Grazie Luca Savarese per il tuo emozionante articolo: che commozione nel sentire a reti radio unificate, canzoni per le quali la partita si e giocata su tutte le radio d’ Italia!
    E forte la tua foto di un’ antica radio, avvolta nel tricolore italiano!

  • 21 Marzo 2020 in 00:28
    Permalink

    Siamo una grande nazione e ce la faremo, alla faccia dei vari professorini, cornacchioni e velenosi vari. W l’Italia!

  • 21 Marzo 2020 in 08:30
    Permalink

    Caro Luca sei stato visto da
    Vulcanici Gigi mentre correvi.
    Ha le foto e te le farà avere per posta
    Vergogna
    Speravo che leggendo l’articolo capissi
    perché l’articolo da me sopra scritto,
    era diretto a te.
    Altro che cornacchioni e velenosi….
    Purtroppo non hai capito.
    È dalla gente come te che
    l’Italia si deve preoccupare.
    Di nuovo
    VERGOGNA.

    • 22 Marzo 2020 in 02:16
      Permalink

      Mo SCANTOT VELENOSO…
      RIDICOLLL.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI