venerdì, Maggio 24, 2024
L'OpinioneNews

IN MORTE DI MARCO REPETTI, di Gabriele Majo

gabriele majo per slide(Gmajo) – StadioTardini.it, e in particolare il suo direttore che vi sta scrivendo, perdono un altro pezzo, un altro amico che ci ha accompagnati, aiutandoci liberamente accontentandosi, cioè, di un grazie, come nel nostro spirito o della esposizione in cambio-servizi del proprio banner pubblicitario, fin dai primi anni della nostra avventura. Stiamo parlando della presenza, discreta, di Marco Repetti, fotografo e videoperatore, venuto a mancare nella giornata di oggi, dopo che da qualche mese stava di nuovo lottando con la Leucemia, malattia che lo aveva colpito già anni fa – di cui aggiornava lui stesso i suoi followers su Facebook – e dalla quale era riuscito a guarire fino alla ricaduta di poco tempo fa oggi risultata fatale. Proprio stamani avrebbe dovuto recarsi al Padiglione Cattani per iniziare una nuova cura, anche se, come purtroppo ben sappiamo, in circolazione MARCO REPETTIc’è pure un altro implacabile killer non ancora sconfitto (anche se fortunatamente i dati forniti oggi dalla Regione Emilia Romagna sono confortanti, visto che le guarigioni sono in aumento, i contagiati sono scesi a 50, ma i nuovi morti sono stati ben 25) che purtroppo si aggira anche negli ambulatori e nelle corsie ospedaliere e che vigliaccamente prende di mira chi ha meno possibilità di difendersi. Conobbi Marco verso il 2011-12, era il periodo in cui StadioTardini.it oltre ad essere il mio Diario Crociato, era un variegato caleidoscopio delle mie passioni, interessi e parmigianità. Avevo promesso agli organizzatori di un evento culturale nel Palazzetto Eucherio Sanvitale che avrei documentato quell’iniziativa (non ricordo con precisione di cosa si trattasse, credo qualcosa di verdiano) e come fotografo furono loro stessi a dirmi di provare a rivolgermi a lui per avere qualche scatto fotografico. Fu l’inizio di una piacevole collaborazione che lo avrebbe portato negli anni a darmi una mano anche per il Parma Calcio spesso in tandem con Gian Matteo Palese: sue, anche in questa stagione, marco repetti fotoalcune riprese integrali delle partite del Parma Femminile (tra cui quello dell’unica vittoria nello scontro diretto per la salvezza in C, raccontatomi anche al telefono con grande entusiasmo per l’impresa e per i contorni di quel match), anche se in archivio abbiamo il Video della presentazione del Libro del Centenario e tante altre chicche. Sempre disponibile, a qualsiasi ora lo disturbassi, anche a coprirmi con le immagini clip audio di interviste mie o di altri per poterle pubblicare su YouTube o l’editing di video bisognosi di essere depurati e non proposti, come piace a me, in presa diretta. Qualche mese fa fu costretto, proprio per la tornata malattia, a dare forfait all’ultimo secondo per una gara a Noceto delle nostre Crociate: aspettai un po’ prima di provare a richiamarlo ancora (appunto per la gara con l’Alessandria), sperando che col tempo potessero arrivare notizie migliori. Dieci giorni fa gli chiesi come stesse andando: “Migliora pianissimo lunedì la prava con il prelievo del midollo 🤞”. Nel pomeriggio di oggi la ferale notizia comunicatami con delicatezza dagli amici di SportParma.com con cui pure collaborava. Ora che è lassù Marco potrà guardare dall’alto non solo tutti noi, ma anche le amate cime dei suoi amati monti. Gabriele Majo

Gabriele Majo

Gabriele Majo, 60 anni (giornalista pubblicista dal 1988 e giornalista professionista dal 2002), nel 1975, bambino prodigio di soli 11 anni, inizia a collaborare con Radio Parma, la prima emittente libera italiana, occupandosi dei notiziari e della parte tecnica dei collegamenti esterni. Poi passa a Radio Emilia e quindi a Onda Emilia. Fonda Radio Pilotta Eco Radio. Nel 1990, dopo la promozione del Parma in serie A, è il responsabile dei servizi sportivi di Radio Elle-Lattemiele, seguendo l'epopea della squadra gialloblù in Italia e in Europa, raccontandone in diretta agli ascoltatori i successi. Contemporaneamente è corrispondente da Parma per Tuttosport, Repubblica, Il Messaggero, L'Indipendente, Paese Sera ed altri quotidiani. Dal 1999, per Radio Capital è inviato sui principali campi della serie A, per la trasmissione "Capital Gol" condotta da Mario Giobbe. Quindi diviene corrispondente e radiocronista per Radio Bruno. Nelle estati dal 2000 al 2002 è redattore, in sostituzione estiva, di Sport Mediaset, confezionando servizi per TG 5, TG 4 e Studio Sport. Nel 2004 viene chiamato al Parma F.C. quale "coordinatore della comunicazione" e direttore responsabile del sito ufficiale www.fcparma.com. Nel 2009, in disaccordo con la proprietà Ghirardi, lascia il club ducale. Nel 2010 fonda il blog StadioTardini.com di cui nel 2011 registra in Tribunale la testata giornalistica (StadioTardini.it) divenendone il direttore responsabile. Il rifondato Parma Calcio 1913, nel 2015, gli restituisce l'incarico di responsabile dell'ufficio stampa e comunicazione. Da Luglio 2017 a Dicembre 2023 si occupa dello sviluppo della comunicazione e di progetti di visibilità a favore di Settore Giovanile e Femminile della società. Dal 2010, a conferma di una indiscussa poliedricità, ha iniziato un percorso come attore/figurazione speciale di film e cortometraggi: l'apice l'ha raggiunto con il cammeo (parte parlata) all'interno del pluripremiato film di Giorgio Diritti "Volevo Nascondermi" (con presenza nel trailer ufficiale) e partecipazioni in "Baciato dalla Fortuna", "La Certosa di Parma", "Fai bei sogni" (del regista Marco Bellocchio), "Il Treno dei bambini" di Cristina Comencini, "Postcard from Earth" del regista Darren Aronofsky, "Ferrari" del regista Michael Mann. Apparizioni anche nei cortometraggi nazionali "Tracce", "Variazioni", "L'Assassinio di Davide Menguzzi", "Pausa pranzo di lavoro"; tra i protagonisti (Ispettore Majo) della produzione locale della Mezzani Film "La Spétnèda", e poi nei successivi lavori "ColPo di Genio" e "Franciao".

Un pensiero su “IN MORTE DI MARCO REPETTI, di Gabriele Majo

  • Quante perdite importanti per il blog in questo mese 🙁

I commenti sono chiusi.