PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / PANDEMIA CORONAVIRUS: SPECIALE PAERMA

mauro morosky moroni mascherina(Mauro “Morosky” Moroni) – Stiamo in casa, curiamoci reciprocamente ( “evitandoci e stando lontani”), al telefono, a mezzo skype, whatsapp, ma, soprattutto, non trascuriamo le raccomandazioni impartiteci dagli addetti ai lavori, Istituzioni preposte, Regione, Sanità, Sindaci ed ogni altro organo atto ad informarci in merito alla nostra salute, ma, soprattutto, nel rispetto di quella altrui: pertanto, dobbiamo restare in casa, facciamolo tutti, IO PER PRIMO, perché avevo lanciato un messaggio distorto, irresponsabile e non lungimirante, avevo proprio sottovalutato il problema: situazione che si è rivelata molto più seria e dolorosa nei suoi sviluppi successivi, con numerosi contagiati, risultati positivi e, purtroppo, con migliaia di morti in tutta Italia.
Speriamo che tutto finisca il più presto possibile e poi, tra qualche mese, torneremo a stringerci la mano, ad abbracciarci e vivremo sicuramente la normale routine di sempre, quella di tutti i giorni: studio, lavoro, shopping, gite fuori porta, passeggiate nei parchi, cinema, bar, ristoranti, teatro, musica e, ovviamente Stadio, l “Ennio” ci aspetta, numerosi, vocianti, tifanti e cantanti gli inni del Paerma, Crociati o gialloblu, magliette gradite o meno.

Il momento è diventato precipitosamente molto difficile, insidioso ed irto di molteplici problematiche: i positivi stanno continuando ad aumentare, gli ospedali stanno facendo sforzi sovrumani, tutti gli operatori sanitari, medici, paramedici, tecnici, volontari stanno operando alacremente, giorno e notte (24 su 24, non stop), per garantire il massimo delle cure, il continuo aumento dei posti letto, gli ampliamenti di spazi e reparti per dare assistenza al maggior numero di pazienti a rischio e cercare di contenere, per quanto possibile l’ulteriore diffusione del contagio.

striscione boys per ospedale parmaUn plauso di ringraziamento a tutti coloro, indistintamente, che sono presenti ed operativi, in prima linea, con le loro professionalità, per dare aiuto, assistenza e conforto alle persone ammalate ( di ogni reparto, età, patologia, sintomi, sesso, etnia e colore della pelle, dai più giovani ai più anziani, a tutti coloro che hanno meno difese auto immunitarie e che sono quindi più a rischio vita: oltre al suddetto vasto mondo della Sanità, vorrei dare risalto anche all’opera attiva della Protezione Civile, della Pubblica Assistenza, della Croce Rossa, di tutte le Associazioni che, tramite volontariato, si prodigano per dare un aiuto, a tutte le Forze dell’Ordine, Polizia, Carabinieri, Vigili del Fuoco e, indistintamente a tutti coloro che collaborano con le medesime: un grazie a tutti per il vostro senso civico a protezione della collettività, grazie ancora!

Sinceramente, queste sono le azioni da apprezzare mentre, a titolo del tutto personale, non apprezzo molto le manifestazioni da social né le fiaccolate, gli inni, le bandiere, le luci alle 21, i flash mob e tutte queste iniziative, pittoresche, di massa ma, poco produttive ai fini della concretezza: ecco, in questo non sono d’accordo, ma, forse sono vecchio e non molto avvezzo ai fronzoli ed alle ciance superflue, non me ne voglia nessuno: meglio dare qualcosa di meno visibile, ma di maggior concretezza pratica (Caritas, pasti caldi o aiuti similari).

Un’ ultima cosa, e qui diventerò impopolare ed inviso, ma tutto ciò non importa e quindi mi sento di esprimere un’altra opinione: in questi ultimi giorni, importanti gruppi, importanti imprenditori italiani, hanno effettuato donazioni milionarie pro.aiuti-assistenza nel contrastare la pandemia (per acquisire strumentazioni, mascherine, prodotti non che per creare nuove strutture al fine di debellare il fenomeno): ebbene, al di là del fatto in se, lodevole, meritevole ed encomiabile, ciò che non mi è garbato molto è il fatto della smisurata pubblicità data a queste “donazioni”, efficaci, spontanee, importantissime, ma, a mio avviso, mediaticamente ed artatamente troppo “ampliate”, una cassa di risonanza che per me stride al cospetto della guerra batteriologica in atto, guerra che ha mietuto già troppe vittime.

Vorrei infine rivolgere un pensiero di condoglianze ai famigliari per la scomparsa di Antonio Maselli, noto imprenditore parmigiano (contitolare della “Maselli Misure”), sportivo, promotore d importanti iniziative benefiche (ha finanziato e sempre sostenuto l’hospice delle Piccole Figlie), veramente una grande persona che ho avuto modo conoscere da vicino, da almeno dodici anni, tramite il calcio ruspante dei campetti amatoriali sia di Via Zarotto che del Campus, il suo regno sportivo della domenica mattina. Era veramente una bella persona…

P.S: spero di poter tornare molto presto a parlare di calcio e non di corona virus ma, soprattutto di morte !!

Cordiali Saluti,

Mauro “Morosky” Moroni

Stadio Tardini

Stadio Tardini

23 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / PANDEMIA CORONAVIRUS: SPECIALE PAERMA

  • 20 Marzo 2020 in 08:20
    Permalink

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

    🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏🙏

  • 20 Marzo 2020 in 11:48
    Permalink

    Bravo Moro http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 20 Marzo 2020 in 12:33
    Permalink

    stà in cà, miga in streda!

  • 20 Marzo 2020 in 15:06
    Permalink

    caro Sig. Moroni ancora una volta devo essere contrario al suo modo di pensare dicendo che alcuni donano soldi solo per voglia di farsi pubblicità per farsi vedere. Ben vengano. La pubblicità porta a cercare di superarsi, a far vedere che io sono meglio e più ricco di te. Sarebbe bello che il Sig. Moroni facesse pubblicità per aver donato 50 milioni di euro e che io potessi superarlo. Purtroppo non posso, ma questa gara di solidarietà mi piacerebbe moltissimo. At salut.

    • 20 Marzo 2020 in 17:33
      Permalink

      Caro Sig. Basts,

      ben vengano le idee contrarie, si crea dibattito, si possono vedere le cose in modo diverso ….

      BEN VENGANO LE DONAZIONI …sono d’accordo …
      ..
      a parte il fatto che, alcuni….al nord, è stato pubblicato che

      ………………………….hanno donato …

      ……………………tutti 10.000.000 di euro…………………..

      BERLUSCONI
      CAPROTTI ( esselunga )
      FERRERO
      MONCLER
      AGNELLI

      …….

      Benetton 3 milioni
      Barilla, 2 milioni
      Kering, 2 milioni
      Armani, 1, 250 milioni
      Bayer, 1 milione
      Tim 500 mila
      Ferragni-Fedez 500 mila
      …..

      rimango nel mio pensiero originale ….
      ….
      INIZIATIVA MERAVIGLIOSA:

      non come privati ma come aziende,

      fattura nei costi,

      sgravi contributivi e fiscali …DA SOTTOLINEARE ….e

      PUBBLICITA’ …ritorno di IMMAGINE POSITIVA e, a seguire,

      vendita del proprio PRODOTTO ….

      sono tacciato di essere complottista …..+ CHIARA DI COSI’ …

      SEMPRE IL MIO PENSIERO PERSONALE ..che non vuole essere nè la sacra bibbia nè il vangelo

      e nemmeno le tavole di MOSER ..colui che diede tanto al

      ciclismo italiano …

    • 20 Marzo 2020 in 17:36
      Permalink

      At salut anca mi …

      è un piacere disquisire con te…

      per la serie …meglio parlare con dei dritti intelligenti che con d iesen ….

      chi ti guarda potrebbe non capire la differenza …

      sit d’acordi ???

  • 20 Marzo 2020 in 15:08
    Permalink

    L’ ONU ha dichiarato che durante la
    pandemia ci saranno milioni di morti.
    È scritto.oggi sulla gazzetta di Parma.
    Le teste di cazzo che vanno a fare footing
    o vanno in bicicletta o con.la scusa di
    portare a passeggiare il cane girano
    indisturbati per la città andrebbero
    non solo sanzionati ma denunciati.
    In questo modo sapendo che dovranno
    trovarsi un avvocato e che andranno a
    processo son certo che questi EMERITI
    COGLIONI prima di violare.le disposizioni
    di governo ci penserebbero su due volte.

  • 20 Marzo 2020 in 15:20
    Permalink

    Dimenticavo l’articolo dell’ONU
    sui milioni di morti che ci saranno
    nel mondoè a pag.7 della
    Gazzetta di Parma.
    Ci vuole l’esercito che serve per chi
    dovrebbe stare a casa e invece
    non ci stanno perché mancano
    di neuroni.
    L’esercito li deve bloccare.
    Siamo in guerra è questa gentaglia
    non l’ha capita, non ci arriva.
    Fossimo non nella guerra
    mondiale del 2020 ma in quella
    del 15-18 la gente che non
    rispetta le regole e che quindi tradisce
    ANDREBBE FUCILATA ma
    siamo nel 2.020 e a questi
    sovversivi e traditori va colpita
    non al cuore con una fucilata
    ma…..nel portafoglio con una
    bella e sostanziosa multa

  • 20 Marzo 2020 in 17:12
    Permalink

    In questi momenti, IN CASA, CON MOLTO TEMPO A DISPOSIZIONE, tra una e l’altra (faccende di casa, cantina, garage ), mi sono trovato a pensare ciò che, presumo, gli espertoni, gli statistici, sociologi, menti tecniche che pensano ad economia, sviluppo ecc ecc …

    abbiano anche pensato agli altri futuribili sviluppi / conseguenze della PANDEMIA CORONA VIRUS:

    dopo aver fatto la conta dei deceduti, dei guariti, di coloro in via di guarigione e, naturalmente, di coloro che sono stati globalmente contagiati ….

    io credo che, in lasso di tempo variabile, questa CATASTROFE SANITARIA, QUESTO ESSERE COATTAMENTE COSTRETTI A RIMANERE IN CASA ….

    potrebbe andare a produrre le seguenti conseguenze, non tanto campate in aria:

    IL VINCOLO ..hastag IO RESTO IN CASA //

    potrebbe, nel medio lungo periodo portare ad un incremento di ..

    1) SEPARAZIONI, DIVORZI, ecc ecc ecc

    mentre, in un lasso di tempo tra i 9 / 10 mesi , potrebbe

    ANDARE AD INCREMENTARE L’AUMENTO DEL TASSO DI NATALITA”…

    credo che siano aspetti, soprattutto il secondo, già verificatisi nella storia ( black out luce a New York NEL 1965, 1977 …ma pure nel 2008 in Olanda nel 2008 … )

    allora era black out energia elettrica, oggi E’ LO STARE IN CASA QUOTIDIANO , 24 su 24…..che, così come può allontanare, disgregando,

    ..PUO’ PURE FARE AVVICINARE …CREANDO NUOVE VITE …

  • 20 Marzo 2020 in 17:58
    Permalink

    Penso che la peggiore cosa che potrà capitare quando tutto sarà finito sarà una crisi economica peggiore di quella del 2008 con più di 25000000 di disoccupati soprattutto nei paesi occidentali purtroppo, con tutto quello che ne consegue.

    • 20 Marzo 2020 in 20:29
      Permalink

      Beh, Franz, quella non l’ho nemmeno contemplata anche perchè…se pensiamo a bar e ristoranto o attività chiuse per un mese …
      con piccole imprese …commercianti o artigiani che hanno dei dipendenti …

      …un mese di fermo è già crisi ..
      è già danno economico enorme …
      questa, sicuramente, è la prima conseguenza ..dopo i morti, gli ammalati e quant altro …

      sicuramente ..questo è il primo boomerang di ritorno …
      ….
      non aggiungo altro perchè per risollevare un paese …dalla crisi ..dai debiti e..quindi ..dalle macerie …
      sarà dura per tutti …

      ..
      e sto pensando ai lavoratori dipendenti …
      alle famiglie monoreddito …
      ai pensionati con la super-minima .
      ai giovani in cerca di lavoro ..
      ai 50 enni in cerca di un reinserimento ..
      a tutti coloro facenti parti delle fasce ..cosiddette deboli ..
      ..
      coloro che hanno DONATO, MAGNANIMAMENTE E CON GRANDE GENEROSITA’…quei 10 milioni …..
      ..
      sicuramente non avranno queste tematiche appena citate …
      ..
      VANNO RINGRAZIATI, AMMIRATI …e punto …qui mi fermo …
      ..
      ….

  • 20 Marzo 2020 in 19:12
    Permalink

    No Moro è giusto che uno che versa si sappia chi è.
    Almeno.potremo sapere chi è generoso o no
    Altrimenti sai cosa succede?
    Uno fattura 10 miliardi e non da niente
    Uno fattura 100 milioni e da un milione.
    Troppo comodo se non si sa
    l’offerta considerarli tutti uguali
    e generosi in egual misura
    Per questo se uno dona è
    giustissimo sapere chi è.
    Ovviamente è una mia idea personale
    di cui sono.fermamente convinto.

    • 21 Marzo 2020 in 00:48
      Permalink

      Si, e tu quali strumenti hai per controllare la veridicità delle reali donazioni ??

      IL FISCO, MOLTO PROBABILMENTE, ne viene a conoscenza in automatico ….sono cifre che non passano inosservate, transazioni di quell’importo non le fanno cash ….credo che siano parecchio documentate,

      VISTA LA PUBBLITA’ …DI CUI OGNUNO DI LORO SI E’ AVVALSO …

      …a proposito, GRAZIE ANCORA AI DONATORI …seppur con la mia postilla ben ribadita…

      …qualcuno meglio informato di me,
      mi saprebbe dire, a fronte di queste importanti donazioni …
      ..
      ma, LA TRIADE, no, non quelle della juve, quella MOGGI GIRAUDO BETTEGA ma, nemmeno quella vigente ….

      …la TRIADE de Roma,

      PAPA
      CHIESA
      VATICANO …

      …immagino che costoro abbiano donato in gran segreto,

      milioni e milioni di PAROLE oltre a milioni e milioni di

      PREGHIERE ….
      ..
      che, per chi ci crede, sono funzioni meravigliose ma,

      ………………..NON RIEMPIONO LA PANCIA …
      ..
      ma , nemmeno danno aiuto agli operatori della Sanità, si,

      coloro che qualcuno ha chiamato EROI SILENZIOSI,

      OPERATIVI e, beh…voi direte, stanno facendo il loro mestiere,

      ………………certo, il giuramento di Ippocrate giusto ??

      IN PRIMA LINEA sul CAMPO DI GUERRA …alla pandemia

      …………………………..TESTO MODERNO

      Consapevole dell’importanza e della solennità dell’atto che compio e dell’impegno che assumo, giuro:

      . di esercitare la medicina in libertà e indipendenza di giudizio e di comportamento;

      . di perseguire come scopi esclusivi la difesa della vita, la tutela della salute fisica e psichica dell’Uomo e il sollievo della sofferenza, cui ispirerò con responsabilità e costante impegno
      scientifico, culturale e sociale, ogni mio atto professionale;

      . di non compiere mai atti idonei a provocare deliberatamente la morte di un paziente;

      . di attenermi nella mia attività ai principi etici della solidarietà umana, contro i quali, nel rispetto
      della vita e della persona, non utilizzerò mai le mie conoscenze;

      . di prestare la mia opera con diligenza, perizia e prudenza secondo scienza e coscienza e
      osservando le norme deontologiche che regolano l’esercizio della medicina e quelle giuridiche che
      non risultino in contrasto con gli scopi della mia professione;

      . di affidare la mia reputazione esclusivamente alla mia capacità professionale e alle mie doti morali;

      . di evitare, anche al di fuori dell’esercizio professionale, ogni atto e comportamento che possano
      ledere il prestigio e la dignità della categoria;

      . di rispettare i colleghi anche in caso di contrasto di opinioni;

      . di curare tutti i miei pazienti con eguale scrupolo e impegno indipendentemente dai sentimenti che
      essi mi ispirano e prescindendo da ogni differenza di razza, religione, nazionalità, condizione , sociale e ideologia politica;

      . di prestare assistenza d’urgenza a qualsiasi infermo che ne abbisogni e di mettermi, in caso di
      pubblica calamità, a disposizione dell’Autorità competente;

      . di rispettare e facilitare in ogni caso il diritto del malato alla libera scelta del suo medico, tenuto
      conto che il rapporto tra medico e paziente è fondato sulla fiducia e in ogni caso sul reciproco rispetto;

      . di astenermi dall’ “accanimento” diagnostico e terapeutico;

      . di osservare il segreto su tutto ciò che mi è confidato, che vedo o che ho veduto, inteso o intuito nell’esercizio della mia professione o in ragione del mio stato.

      ECCO , SE QUALCUNO HA DA OBIETTARE , mi tolga un pò di quesiti e mi tolga pure dalle scatole la suddetta TRIADE…

      la quale fa solo bla bla bla ….oppure vogliamo disquisire di

      preti, prelati, vescovi, monsignori, cattolici, protestanti, ortodossi …

      di collegi, chierichetti, pargoli ….oratori …

      certo, il fascio è ampio ma …L’OMERTA’ PURE ,,,

      mi assumo tutte le mie responsabilità…

      datemi riscontri diversi …

      questo me lo dovevo togliere …

      è una montagna….GRAN SASSO
      ..

  • 20 Marzo 2020 in 21:17
    Permalink

    D’accordo con velenoso

  • 21 Marzo 2020 in 01:00
    Permalink

    ora, da poco credente, posso anche andare a dormire sereno..

    in pace con me stesso ..

    IO CREDO NELL’UOMO, NELLA MEDICINA, NELLA SCIENZA,

    NELLA TECNOLOGIA, NELLA RICERCA, NELLA

    SPERIMENTAZIONE, NELLA CULTURA, NELL’ARTE,

    NELL’INTELLETTO, NELLA RAZIONALITA’ ….

    l uomo crea e disfa

    da la vita

    provoca la morte

    DENARO E POTERE, ambizioni sfrenate, portano spesso l’uomo

    a macchiare le coscienze di DISTRUTTIVE AZIONI, TALI DA

    INDEBOLIRE I POVERI ED ARRICCHIRE I GIA’ RICCHI …

    avete mai sentito parlare di multinazionali, di lobby, di economia ??

    ….io non ne so molto ma….NON SONO INFILZATO PER IL NASO …

    meditate …ora abbiamo tutti paura ..fra tre mesi … non gliene frega + un piffero a nessuno …

    e si ritornerà a fare la vasca, shopping, aperitivare,

    la pandemia sarà terminata …e, per altri 10-12 anni saremo tranquilli …

    sono cose cicliche….come le GUERRE

    non solo la prima e la seconda …

    CE NE SONO STATE PARECCHIE ALTRE ..

    …chiedetelo agli IRACHENI, AI SIRIANI, AI LIBICI, e un pò a tutti

    i paesi che sono stato oggetto di ….sterminio, massacri, bombardamenti ….,,,

    non credo di dovere andare AVANTI …ho detto ciò che penso …

    SENZA MEZZI TERMINI ….

  • 21 Marzo 2020 in 01:03
    Permalink

    per la SERIE, NON SOLO CALCIO ma,

    saper tenere aperti gli occhi….A VOLTE SERVE …

    aiuta a discernere, per quanto inermi di fronte a determinate

    situazioni, ….aiuta a capire …non tutto ma….

    solo ciò che serve per stare a galla

  • 21 Marzo 2020 in 09:03
    Permalink

    Dimenticavo una cosa.
    Se la Barilla versa un tot agli
    ospedali e questo viene
    divulgato anche la De Cerco
    si sente in obbligo di farlo
    e per nonfare la figura del
    ” piccione”
    versa anche lei.
    Ecco perché bisogna,sempre
    dire chi fa le donazioni.
    Lo si fa per invogliare altri
    a farlo.

  • 21 Marzo 2020 in 11:19
    Permalink

    Le Ferrovie dello Stato qualche hanno fa …usarono l’immagine di Celentano per pubblicizzare il loro prodotto ….

    L’azienda che hai citato tu ha sponsorizzato…negli ultimi anni….per la diffusione dei propri prodotti…

    1) la gallina
    2) Banderas
    3) Federer …

    hanno mandato in giro le cifre di questi CONTRATTI PUBBLICITARI ( per loro esclusivi scopi promozionali )
    ….alle masse ??

    ….NON E’ UN DISCORSO PER FARSI EMULARE ….
    c’e’ dell altro ….chi lo vuole capire intenda, gli altri tutti in CAMPER ..

    …I SOLDI NON LI REGALA NESSUNO …

    sono tutti veicoli commerciali che, IN QUESTO CASO ULTIMO…

    FANNO SOLO DEL BENE A SITUAZIONI DI GRAVE

    EMERGENZA ….

    e per questo mi sento di RINGRAZIARLI ANCORA …ma
    ..
    rimane il mio ma…

    …..L’AZIENDA LEADER DELLA PASTA NEL MONDO ( così come tanti altri prodotti che piazza sul mercato ) …non ha bisogno di farsi emulare o superare da nessun concorrente …

    ….NON E’ QUESTIONE DI CHI DONA DI + O DI CHI HA + DENARO ……

    avete mai visto MARCHI DI PASTA stranieri negli scaffali dei supermercati ???

    ….VINI, FORMAGGI, qualche salume ….qualche prodotto in scatola ….prodotti stranieri ne arrivano..è normale ma, PASTA …solo ITALIANA …De Cecco, Gragnano, ecc ecc

    ma PASTA ..ce n’è solo una …oppure quella dei suoi acquisiti marchi , ad esempio Voiello …

    ( Grecia, Turchia, Messico ) ….

    IN SINTESI ….BEN VENGANO LE DONAZIONI AI FINI UMANITARI, COSì COME PER LA RICERCA, in tutti i campi della scienza, della medicina, della tecnologia, …

    ….OPEN YOUR MINDS …

  • 21 Marzo 2020 in 17:19
    Permalink

    Parlando di pasta ( quello che se mangia ) qui in España ( in mi barrio) c’é di Barilla …dei Italiani solo .
    Anni anni fa 40 piú o meno quando vivevo in New York City in SoHo …vicino Little Italy …Comprovo in un posto che vendeva prodotti Italiani … Io compravo De Cecco o Voiello …. Pomodori di San Marzano , mozzarella di bufalo , olio di oliva etc … Ogni tanto vedevo il Gran John Gotti , in quartieri …Lui aveva su ” Ufficio ” vicino il mio loft . Ogni tanto se puó vedere Al Pacino , Robert De Nero , Martin Scorsese , Anche ” personaggi ” ( soldati , Capi , Boss , under Boss .consiglieri di varie top Familys : Gambino , Colombo Genovese , Lucchese , Bonanno …
    Era un otro epoca …..

  • 21 Marzo 2020 in 17:36
    Permalink

    Ogni tanto sono andato a Brooklyn ,,esattamente quartieri Williamsburg …andavo a ” Little Lebanon ” per mangiare cibo Libanese e comprare prodotti di Libano .Io sempre sono stato vicino i radici di i mei geni Etrusko – Fenicio ( Italiano –
    Arabe ) .

  • 22 Marzo 2020 in 12:45
    Permalink

    Pero ….quella epoca ….ero dopo …
    anni anni prima ….in casa di la mia mamma ….no compravano pasta …. lei faceva in casa ….anche per gli anolén , tortellini ecc.ecci … era incredibile per me vedere il processo di fare anole’n …il stracotto ….e quel brodo …managgia che buono … anche quando faceva la pasta per anolén …buttava dentro gli scarti de la pasta e resultato gli ” in cot in crud ”
    Cordialmente ,
    Straje’

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI