PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / RIAPRITE LA NOSTRA VITA E IL CALCIO

MOROIZOMA(Mauro “Morosky” Moroni) – Siamo alla solita commedia, grottesca, all’italiana: l’emergenza vorrebbe che, in primo luogo, si pensasse alla salute dei cittadini e, difatti, le Istituzione Governative hanno emanato un apposito Decreto straordinario per fronteggiare questo momento critico: a seguito di questo provvedimento.protocollo, le Regioni, le Province, i Comuni e la Sanità, si sono prodigati per seguire le procedure e le linee guida per arginare e contenere al massimo questa temuta pandemia.
Detto questo, i Governatori ed i Prefetti hanno disposto i vari provvedimenti necessari per controllare, contenere e ridurre al massimo le possibilità di espandere il contagio: pertanto sono state emanate ulteriori prescrizioni legate ai luoghi pubblici, di massa, proprio dove la concentrazione di numerose persone, sulla carta, potrebbe alimentare ulteriori focolai e casi di contagio: aeroporti, stazioni, cinema, teatri, circoli, piscine, palestre, centri commerciali, mezzi di trasporto pubblici, taxi, alberghi, bar, ristoranti, istituti scolastiche, luoghi di culto, cimiteri, negozi e, ovviamente gli impianti sportivi, palazzetti dello sport e stadi, inclusi.  La  Lega Calcio, a fronte dei provvedimenti soprattutto delle Regioni Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Piemonte ha optato dapprima per bloccare alcune partite e non tutte, poi di farle svolgere a porte chiuse e infine rinviandone al fotofinish alcune previste per ieri a mercoledì 13 Maggio con una serie di contraddizioni che sembra non avere un fine visto che ora si pensa a recuperarle prima, utilizzando come data utile quella delle Semifinali della Coppa Italia (e non già quella della Finale sposta di sette giorni al 20).

Dal Pino replica a Marotta – Dopo l’attacco dell’Amministratore Delegato dell’Inter Beppe Marotta è arrivata la dura replica del presidente della Lega di A Paolo Dal Pino: “Venerdì l’A.D. De Siervo e io abbiamo proposto all’Inter di spostare la gara contro la Juventus al lunedì sera per disputarla a porte aperte. L’Inter si è rifiutata categoricamente di scendere in campo: si assuma le sue responsabilità e non parli di sportività e campionato falsato. Marotta rappresenta le esigenze dell’Inter, io tutelo gli interessi generali di tutta la Serie A, che purtroppo sconta quotidiani conflitti di interessi legati a ciascuna squadra.

vignetta rigoriSONO ALLIBITO: domenica sera si sarebbe giocato a porte chiuse mentre, 24 ore dopo, lunedì 02 marzo, stesso orario, guarda un po’, a porte aperte: cacchio, ma in 24 ore il virus sparisce per un gioco di prestigio del fratello o del cugino (quello furbo) di Lapo?

A tal proposito girava una simpatica vignetta su WhatsApp (vedi a lato):
i due presunti rigori (quelli che, se fosse stato in Italia, ce li avrebbero dati, ha detto in conferenza stampa post partita, molto intelligentemente, Sarri; beh, non ho altre parole da aggiungere…) non assegnati alla Juve a Lione, verranno recuperati nel big match contro l’Inter! Stupefacente, meraviglioso e, a questo punto faccio il tifo per Simone Inzaghi!

Purtroppo, in questo frangente, non c’entra nulla il virus cinese, ma da questo caso si evince sempre più come, noi italiani, rappresentiamo un popolo da terzo mondo (ma pure quarto): a partire dalla politica, da coloro che ci dovrebbero governare, da coloro che dovrebbero effettuare una corretta informazione e, a cascata, dal popolo, dalle sardine alle pecore, dai leoni tastieristi agli asini volanti, dalle zebre ai ciucci, dai coyotes agli sciacalli, dalle serpi alle vipere. Come diceva Paolo Rossi una sera a teatro, “c’è abbondanza d’ignoranza”, eh si, al gha propria ciapè: siamo un popolo che non pensa più con la propria testa, che segue le mode futili del momento, che agisce, parla e spiega tutto sui social (tira fuori il leone, anonimo, che c’è in te), ma che, nella vita privata, è una pecora, che segue il branco e, nel medesimo, si identifica e si nasconde, si sente ben protetta! Behhhh, behhhh, behhhhh!

 

* I risultati “spezzatino” del 26° Turno *

  • 2-0 Lazio-Bologna (Sabato 29/02 ore 15.00): nella regione Lazio, per ora non ci sono restrizioni, ma Bologna, essendo in Emilia, zona rossa, se si porta dietro 7-8 mila tifosi, potenziali veicolatori di lasagne, tortellini e soccia che lavor ragass! Come la mettiamo?
  • Udinese-Fiorentina (ore 18.00) – rinviata al 13/05: beh, qui non è mica successo nulla: la Fiorentina era in Friuli (nemmeno Veneto) dal giorno precedente, stavano pranzando per poi andare allo Stadio qualche ora dopo, indi, volta al pulman e torna a casa viola (è tipo il giro dell’oca, Firenze–Udine, ri ripassa dal via, si paga la penitenza e come back home!
  • 2-1 Napoli-Torino (ore 20.45): Torino alla sesta sconfitta consecutiva, toh su cl’oss li!
  • Milan-Genoa (Domenica 01/03 ore 12.30) – rinviata al 13/05: mah, solo giovedi scorso, l’Inter aveva giocato al Meazza, seppur a porte chiuse, ma questi se le pensano di notte oppure le inventano, espresse, sul momento meno opportuno?
  • 2-7 Lecce-Atalanta (ore 15.00): eh si, qui si è proprio giocato e, con questi 7, l’Atalanta è arrivata a soli 70 gol in 25 gare, gnint, gnint, briciole di calcio, ma, niente di che:  5 al Milan, 5 al Paerma, 7 all’Udinese, 7 a casa Toro, 7 a Lecce, intanto i ragazzi si divertono e Gasperini ride, salta e balla e gli altri?  Muti!
  • Parma-Spal – rinviata al 13/05: questo rinvio, visto che ci coinvolge, mi vede solo che felice, letteralmente entusiasta e, vi spiego pure perché: Mercoledì 11 Marzo recupereremo col Toro e dopo due mesi, proprio il 13/05, sarà la volta di ospitare i ferraresi: entrambe le squadre sono messe male, la Spal mi sembra già spacciata mentre il Toro è in discesa, caduta libera; nel frattempo, noi, forti dei nostri 35 punti, andremo a recuperare qualche ragazzo che sta lavorando, sotto forma di quarantena, nella locale infermeria, palestra, terapie e giochi di ruolo, tor(t)ellini (qualche mese fa era scritto pure nel comunicato, regolarmente copia-incollato dal nostro quotidiano): ben vengano questi recuperi quando, noi giocheremo di rimessa in quanto già salvi e loro, avranno l’alta marea con l’acqua alla gola, quella del Po, il grande fiume!
  • Sassuolo-Brescia – rinviata al 13/05
  • 3-4 Cagliari-Roma (ore 18.00)
  • Juventus-Inter (ore 20.45) – rinviata al 13/05: è proprio questa la partita che ha scatenato l’inferno (lo ha gridato pure Guido Meda facendolo seguire da un gas a martello strozzato in gola, Antonio c’è, Antonio c’è ma, pure Lautaro e Romelu, gol a martello, a grappoli, a fiondate!)
  • Sampdoria-Verona (Lunedì 02/03 ore 20.45): al momento di terminare l’articolo non so ancora che fine farà questa partita, si gioca, non si gioca? Aggiornamento delle 23.49, la partita è stata rinviata!

Borsino Morosky *

BORSINO MOROSKY 02 03 2020

Sostanzialmente è una specie di casino industriale: tra posticipi, rinvii, anteprime, recuperi, di giorno, di pomeriggio e di notte, non ci si capisce più una beata m… mascherina, ti conosco mascherina!

Ancor più simpatica la programmazione dei due ritorni di Coppa Italia,

  • Juve-Milan, Mercoledì 04/03 p.v (20.45) ma, sarà a porte aperte, chiuse, scorrevoli, potranno entrare solo gli juventini, oppure solo i residenti in Piemonte, e quelli con auto Fiat avranno un bonus mascherina, presto vedremo in giro gente col flebo attaccato, etciù, etciù,
  • Napoli-Inter, Giovedì 05/03 stesso orario loro sono più avanti, Stadio sempre pieno murato, tifo alle stelle, le mascherine non le usano, proprio come il casco, a che mizzica serve guagliò, ca nissciuno e fesso, qui non prendiamo nemmeno il raffreddore, però, per gli istituti scolastici, siamo molto sul pezzo in quanto, i figli sono come dei pezzi di core, così come lo scarafone di mamma sua!

IMG-20200301-WA0011

Ma, per il prossimo turno, come la mettiamo ?

Beppe, Beppe Marotta è preoccupato dal calendario sovraffollato che, tra le varie competizioni, Campionato, Coppa Italia, Europa League, amichevoli pro sponsor, visita in Cina per il compleanno del PLESIDENTE, il ravvicinato tour de force dei figliocci di Antonio, potrebbe vedere disputare 9 incontri in 24 giorni: praticamente, tra tutti questi impegni si vedranno i nerazzurri giocare (nello stesso giorno) alle 15 in campionato e, alle 20.45 in Coppa Italia, mentre dopo tre giorni, appena rientrati da Pechino, dopo aver fatto scalo a Francoforte per cambiare le mascherine delle hostess della “Gnocca Ayrways”, appena arrivati alla Malpensa, tutti ad Appiano Gentile, ci si cambia il kit del turista proveniente dalla Cina, si bruciano, mettendoli al rogo, tutti gli indumenti usati in tournée, si fa la rifinitura e, dopo qualche ora parte il pullman per lo Stadio: ridatemi il mio calcio giocato, se no siete dei pirla (ex calciatore così appellato quando giocava nell’Inter, poi, dal Milan in poi ha cambiato se… No scherzo: è diventato un gran giocatore, Juve, Nazionale, un lettore di geometrie, di linee di passaggio che in molti nemmeno immaginavano.

INCROCI 02 03 2020

morosky coronavirusDal nostro Laboratorio Artigianale «Giù la maschera, MASCHERINA» in Besganola City since 2019, ecco a voi il lancio (in promozione) dell’ultimo accessorio della gamma «intimissimi», a protezione della vostra salute: debelliamo il corona-gnocca-virus con il prototipo «perizomina», in purissimo cotone naturale 100%, atossico, smaltibile, biodegradabile (leggere attentamente le istruzioni prima dell’uso, tenere lontano dalla portata dei bambini, ma pure da Silvio, conservare a temperatura tra 20-25°, ma non nel cassetto del comò, a marcmand!) : trattasi di un prodotto altamente terapeutico ed energizzante, per l’uso ed il dosaggio giornaliero fate a meno di consultare il medico di base, ascoltare unicamente i segnali del corpo, si ma, non il vostro, quell’altro! E’ tutto chiaro o vi mando un fax con le istruzioni? Non serve nemmeno la chiave a brugola: l’unica cosa in comune con i mobili dell’Ikea è che la dovrete montare a casa, voi stessi (meglio a casa vostra onde evitare reazioni allergiche e/o complicanze derivanti dal malfunzionamento in fase di montaggio o da fidanzati-mariti 2 punto zero): la predica è finita, la gnocca sia con voi e con lo spirito.so santo, scambiatevi la mascherina della «Susy » e andate in mona!

 Cordiali saluti e tante, ma tante masche-perizomine, è o non è tempo di carnevale? E allora divertiamoci no?

 Mauro “Morosky” Moroni

 

Stadio Tardini

Stadio Tardini

12 pensieri riguardo “PARMALAND di Mauro “Morosky” Moroni / RIAPRITE LA NOSTRA VITA E IL CALCIO

  • 2 Marzo 2020 in 13:16
    Permalink

    Ormai il virus è in tutte le regioni italiane
    per questo se in certe regioni si gioca
    e in altre notanto vale fare i sorteggi
    e vi spiego come farli.
    A seconda della classifica che una squadra ha,
    vengono considerati i gol fatti e quelli subiti e
    si mettono “nel bussolotto” un certo numero
    di palline positive o negativi secondo il
    valore della squadra e poi
    SI PESCA
    Pareggio
    Vittoria o
    Sconfitta
    usciranno dal ” bussolotto”
    Tanto falsato per falsato il campionato
    con risultati decisi a tavolino non si discosta
    molto da questo campionato dove certi risultati
    vengono decisi a tavolino ( vedi Parma – Lazio)
    e poi per gli europei avremo giocatori freschi….

  • 2 Marzo 2020 in 13:24
    Permalink

    Beh Mauro,

    l’impressione forte è che non fosse stato per Juve Inter, si sarebbe giocato a porte chiuse.
    Se non si vuole intasare il calendario, anche in vista degli europei..è così che si dovrebbe fare a norma di legge.

    Poi che da un giorno all’altro sparisca il virus no, però in tutte queste indecisioni, almeno si è deciso che l’emergenza termina il tal giorno, prima o dopo dovrà accadere e i decreti ministeriali non possono tener conto del calendario di serie A, tengono invece conto di esaminare le faccende settimana per settimana.

    La mia opinione è che sia stato sbagliato rimandarne la metà, in questo modo si rischia si di falsare il campionato di quelle squadre che sono potenzialmente in zona europa ma che attualmente con 2 partite in meno rischiano la retrocessione..a livello psicologico cambia molto. Si poteva rimandare tutto, in maniera un po’ salomonica, oppure tutto a porte chiuse. Io sarei stato più per l’ultima soluzione, intanto il problema di quando giocare queste gare non ci sarebbe stato, poi si ci avrebbe rimesso lo spettacolo di andare allo stadio ma cosi come non posso andare in palestra..per una volta salterò la partita..

    Proprio qui sta la chiave di lettura, perchè tolti noi e una manciata di ferraresi di Parma Spal non sarebbe importato nemmeno fosse stata finale di Champions. In questo turno si giocava la partita delle partite (Lazio permettendo), il prodotto di punta della serie A Juve-Inter e vogliamo rinunciare agli incassi? Al lato sportivo non credo nemmeno un po’, a quei livelli non si spostano le gare per sportività.

    Detto ciò, so che hai fatto solo una battuta sui rigori su Lione Juve..però, visto che tifi lazio per lo scudetto..ricordati che gli stessi rigori non dati alla Juve, a noi non li han concessi contro la Lazio…per me c’erano tutti e 4..per capirci..e aggiungo..ho l’impressione che la Lazio goda di qualche spintarella..e con un po’ di fortuna possa davvero portare a casa lo scudetto, speravo solo che questo non passasse attraverso una nostra penalizzazione (avremmo battuto la lazio 2-1)

  • 2 Marzo 2020 in 17:04
    Permalink

    Dai che grazie a Dal Pino, Spadafora, il GOS e Malagó forse si riesce a prendere Matri prima di tornare a zoghèr.

  • 2 Marzo 2020 in 17:17
    Permalink

    Adesso si vogliono recuperare le partite del weekend domenica e lunedì prossimo, facendo così slittare la fine del campionato di una settimana. Assurdo.

  • 2 Marzo 2020 in 18:34
    Permalink

    Amacord di Fellini : Voglio una donna ”
    Straje’ : Voglio Calcio Giocato

    • 2 Marzo 2020 in 19:22
      Permalink

      Grande Pen ….
      😜😜😜😜😜🔥🔥🔥🔥🔥🔥

  • 2 Marzo 2020 in 19:37
    Permalink

    L’atteggiamento degli interisti è discutibile: accusano la Lega di essersi sottomessa alle pressioni della Juve che avrebbe fatto di tutto per evitare le porte chiuse per non perdere il vantaggio del fattore campo; quindi gli interisti vogliono approfittare di una sciagura globale, peraltro di carattere sanitario, per godere del vantaggio di uno Stadium vuoto, giusto? Questo è sciacallaggio.

    Con le dovute proporzioni, questa storia mi ricorda quella Champions vinta grazie al vulcano islandese.

    • 2 Marzo 2020 in 22:14
      Permalink

      Quindi perché la lega ha cambiato idea da un giorno all altro?

      • 3 Marzo 2020 in 03:51
        Permalink

        Perché, ed è una mia opinione, chi di dovere sta capendo molto poco di questa situazione e i club più grossi, Inter e Lazio compresi, stanno anteponendo i loro interessi agli sviluppi dell’emergenza e alla regolarità del campionato.

        In un paese appena appena civile, e non ignorante come il nostro, in presenza di un virus del genere che non si risolve in poco tempo e che può “raggiungere” qualsiasi località, si sarebbe decretata la sospensione del campionato o di giocare tutte le partite a porte chiuse, sì da preservare salute pubblica e regolarità del campionato, a mio avviso già compromessa dal fatto che la Lazio, per esempio, le ha giocate tutte e qualche altra squadra no. Il punto è che l’italiano medio è così ossessionato da determinate cose da non rendersi conto della realtà e finisce col credere soltanto alle sue stesse teorie del complotto.

  • 3 Marzo 2020 in 12:18
    Permalink

    Il campionato andava sospeso e giocato alla PlayStation.

  • 5 Marzo 2020 in 21:08
    Permalink

    Finalmente Calcio Giocato ….
    Domenica 12:30 ……

    http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_yahoo.gif

    Spero che no cambia altra volta ……
    Cerco con streaming Pirata ….. qui no c’e’ Calcio Italiano in España in T.V.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI