CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IO VORREI, NON VORREI, MA SE VUOI… (ANCHE SE NOI PUOI?)

gianni barone 21 aprile 2020(Gianni Barone) – Un consiglio al Presidente del Consiglio da parte d’un stupid (o bravo, per dirla alla Trap): mai, dico mai, far apparire in Tv un proprio ministro, dopo un vibrante e orgoglioso appello, in diretta, fatto da sé medesimo, in forbito e melenso italiano. Perché tutti hanno brindato all’autogol istituzionale dopo che Spadafora si è esibito, semi-smentendo, il suo Capo di Governo, sulla ripresa degli allenamenti di squadra: al campionato di Serie A non si è fatto minimo cenno, per il prossimo 18 maggio. Conte dà la vaga speranza di ripartire a Giugno, per dirla alla Jacobelli, direttore di Tuttosport, mentre l’ex Unicef Spadafora non dicendo niente di particolarmente inedito, nel salotto buono di Fazio, vuoto ma pieno della solita “Bella Ciao”, in ritardo di un dì, ha fatto capire che: “Nulla è scontato: dovremo adeguarci a una evoluzione continua per attrezzarci nel modo migliore”. E che il suo augurio (oltre non si può) sarà quello che tutto lo sport riprenda, non solo il calcio (ecco il suo Piano Anti-Solo calcio in fieri), sempre se ci saranno le condizioni per farlo. Dire che ha smentito in toto il premier mi sa un po’ di forzatura, checché ne dica e ne pensi l’acuto Barbano sul Corsport odierno: diciamo, più sulla linea della Rosea, semi-smentendolo (non è tempo, come vediamo, di decisioni nette), meglio, perché entrambi si sono limitati a dire bene un bel niente di nuovo, istituzionale, in due modi 25 aprile dcdifferenti: più edulcorato quello di Conte, più barricadiero e militante in stile 5 stelle, di sicuro in tema con il clima di liberazione evocato a inizio trasmissione da Fazio, sulle note sublimi dell’icona “Bella Ciao”, usata un po’ da tutti – e da qualcuno, Povia, riscritta e attualizzata – affidate al pianoforte di Piovani (non Sandro, ma Nicola, il maestro). Il tutto (o il niente, fate pure voi) all’insegna del più sano buonismo di maniera, condito in salsa socialista di Dio, tradotto “democristianesimo” allo stato puro, di cui tutti, seconda la parabola montanelliana, ne moriremo. Il “Sì, ma bisogna vedere”, di Ministro e Premier, viene, da più parti letto, come un no; il “non voglio penalizzare il calcio” (no, per niente…), del ministro non allontana sospetti o risentimenti. Poi, al di là di denunciare, come vedremo, presunte pressioni ricevute per far riprendere la Serie A, il titolare del dicastero dello Sport e delle politiche giovanili, ha calato l’asso: “la FIGC ha presentato un proprio protocollo che la Commissione Scientifica ha ritenuto non ancora sufficiente” (Zeppilli e Gravina saranno contenti). Ma Spadafora, dicevamo, morbido con gli addetti ai lavori non lo è stato affatto quando ha  affermato, senza reticenze che “C’è un tentativo maldestro di una parte dei Presidenti di calcio, e di alcuni commentatori sportivi (chi, nello specifico, please?) di trasformare tutto in un’incapacità di governo fazio spadafora che tempo che fao in una volontà di penalizzare il calcio. Non è così. Dei segnali li dovevamo dare, ma le fasi successive ce le dovremo conquistare”. Detto così parrebbe una confessione molto vicina al sentimento popolare, di un’opinione pubblica, mai ascoltata che però in un sondaggio, appare come maggioranza silenziosa propensa più per il NO alla ripresa dei campionati (anche perché arringati da abili populisti affabulatori, tipo Cellino e Ferrero, bravi a giocare con morti e sentimenti, pur di mettere la parola fine ad una stagione per le loro squadre molto tribolata, quando nell’altro fronte altri nel silenzio lavorano per cercare di salvare capre e cavoli), perché il più incallito sostenitore, sembra, che abbia capito che così come si presenta la situazione, al momento, non ci sono le condizioni per giocare una partita di pallone.DIRETTA PREMIER CONTE DEL 26 APRILE 2020 L’ipotesi del 18 maggio è legata, comunque, a un “vedremo” pur pronunziato da un subalterno, non sincronizzato e sintonizzato col suo caposquadra, e nel balletto delle date, nessuno ha fatto, minimamente, cenno a Mercoledì 10 e Domenica 14 Giugno, quali ultime chiamate, come da disposto UEFA, per arrivare alla conclusione giocata del Torneo nazionale (data di chiusura ultima il 2 Agosto). Dopodiché scatterà il commissariamento con tanto di fantasiosi epiloghi asaffidati a suggestivi play off o out o a partite secche di spareggio per assegnare titoli, decretare retrocessioni e indicare posizioni utili per le Coppe Europee future. Il margine è ristretto, se non ristrettissimo: lo spettro dell’Olanda, del Belgio, della Scozia, e quasi della Spagna che hanno chiuso tutto, sembra materializzarsi all’orizzonte, allontanando la gustosa idea del maccherone-calcio fumante, servito davanti alla Tv nelle nostre prossime sere d’estate. Ma sarà così? O sarà come sostiene Ferrero, che dovremmo limitarci a preparare al meglio l’inizio della prossima stagione? Entro il 25 Maggio, occorrerà prendere la decisione definitiva. Quale sarà? Temevamo profezie inopportune: sono giunti, invece, ulteriori dubbi. L’equazione si arricchisce di nuove incognite, anche se il Premier si professa grande appassionato di calcio (c’è chi sostiene tifi per la Roma), e al quale sta molto a cuore la salute dei propri beniamini, che non s’intuisce bene chi siano, ma nel cui elenco dovrebbero figurare tutti i tesserati dalla A (che finanzia tutto il movimento – come si ripete a sfinimento fino a fiaccare Spadafora – e che è la quarta industria del Paese) fino all’ultima delle 1.200 Società affiliate, il cosiddetto “altro calcio”, spesso dimenticato, che attende con ansia di conoscere il proprio destino in silenzio e in maggioranza. Ma tutto ciò potrà bastare? Gianni Barone

L’INTERVENTO DEL MINISTRO VINCENZO SPADAFORA A CHE TEMPO CHE FA (RAI)

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IO VORREI, NON VORREI, MA SE VUOI… (ANCHE SE NOI PUOI?)

  • 27 Aprile 2020 in 14:58
    Permalink

    sarebbe meglio che la spada, invece di tirarla fora, se la riponesse nel fodero posteriore

    • 27 Aprile 2020 in 15:00
      Permalink

      maledet ti e tut chi culanas che ien ande’ al gveron de ,po dope si sentono discriminati, ma cat vena

  • 27 Aprile 2020 in 15:52
    Permalink

    Anche Burioni necessiterebbe urgentemente di barbiere (oltre che di una pulizia dentale), categoria che stimo e ammiro, ma che speravo di non dover più richiamare archiviandola insieme alla nivea chioma di Anedda nel bagaglio dei pessimi ricordi. La cosa che a tutt’oggi non riesco ancora a capire dopo 60 giorni dall’insediamento del Regime della Salute Pubblica e dei Nonni è l’odio dei funzionari del regime e più in basso dei fedayiin verso lo sport in generale ed il calcio in particolare. Dai livelli più bassi dell’attuale regime, su fino alle alte sfere trasuda un odio verso l’attività motoria che mal contrasta con l’asserita fedeltà alla divinità della Salute (e tra l’altro ogni dittatore che si rispetti ha sempre sfoggiato una buona forma fisica). Il calcio poi è stato identificato dall’attuale Političeskoe bjuro come la summa di tutti i mali (insieme alla fornicazione che ai domiciliari è impossibile da praticare), con il paradosso che anche chi vive di calcio, vedi Tommasi ed alcuni dirigenti di club come Marino soffiano sul fuoco dell’anti Serie A. Ricordo però sempre che calcio e fornicazione sono le due sole passioni del popolino e alla lunga un popolino senza sfoghi – come la polizia ai tempi di Fantozzi- si incazza. Poveracci chiusi in casa da quattro mesi con le mogli, senza vedere l’amica moldava e senza nemmeno il calcio diventano nel lungo periodo ben più agguerriti dei miliziani Abu Sayyaf della tutela dei polmoni. Che chi di dovere se ne ricordi…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI