CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE AL NOSTRO CINEMA? COSA POSSIAMO FARE A PARMA? FAQ

CINEMA ASTRA

(dalla newsletter Cinema a Parma) – Cosa succede al nostro cinema? Mi sono accorto che il cinema sta, poco alla volta, scomparendo dai nostri pensieri. non i film – molto presenti, ne parliamo dopo – ma proprio l’idea del cinema. Le tre sale d’essai della nostra città (e anche questa pagina/newsletter) non aggiornano fb dai primi di marzo. Il D’Azeglio ha fatto un saluto agli spettatori qualche giorno fa. Sui canali istituzionali ho trovato solo Filiberto Molossi, appassionato vero, che continua a raccontarci film da inseguire

Oggi provo una cosa semplice: metto insieme una serie di domande che ho ricevuto in queste settimane e rispondo in brevemente: nei prossimi giorni approfondiamo, invece, le varie questioni, parliamo insieme dei film che si sono perduti, delle cose più belle viste all’ultima Berlinale e di tutto quello che vorrete. Proviamo…

Quando riapriranno i cinema in Italia?

Non lo sappiamo, però si stanno facendo tante ipotesi. Ne azzardo una: cresce l’idea di un’apertura a fine maggio, recuperando qualche titolo importante per poi sviluppare una stagione forte nelle arene estive. Non più solo recuperando seconde visioni, ma con un programma che mescoli anche nuove uscite.

Sì, ma come riapriranno?

Non lo sappiamo. c’è che parla di una trasformazione degli spazi (il sindaco di Milano Giuseppe Sala), chi si prepara ad un esercizio ibrido sala/streaming (Romeo a Bologna, Cerri a Milano), chi pensa di ripartire esattamente come prima. Spero solo una cosa: che sia una riapertura vera. non riapriamo per far entrare in sala solo un sesto degli spettatori, mischiandoci dentro lo streaming, e non raccontiamo più i nostri cinema come spazi in cui si va con il rischio di ammalarsi. Portiamo pazienza e apriamo per davvero quando sarà possibile.

Che fine faranno i film programmati per marzo e aprile?

Questo lo sappiamo. alcuni, già usciti, restano in attesa di riprendere il loro percorso (Giorgio Diritti), alcuni slittano di sei mesi/un anno (vari blockbuster), alcuni sono già andati direttamente in streaming (“Onword” su Disney+, ma anche tanti altri), alcuni restano legati al destino dei festival (Nanni Moretti) e altri verranno ricalendarizzati, sicuramente con qualche ingorgo, alla riapertura delle sale.

Ma gli italiani torneranno al cinema?

C’è il legittimo timore che alla fine della quarantena ci si dimentichi un po’ del cinema e si viva il più possibile all’aria aperta 🙂
Credo che andremo incontro a due reazioni. si perderà una fetta di spettatori occasionali, specie in assenza di blockbuster, mentre si rafforzeranno la fiducia, il dialogo e le presenze in quelle sale indipendenti che hanno fatto negli anni un cammino al fianco dei propri spettatori.

Alcuni cinema chiuderanno?

Ahimè sì. di fatto, sta già succedendo. tante sale d’essai in Italia e nella nostra regione sono a gestione famigliare. dovete pensare che il mondo per loro era già incredibilmente difficile prima del lockdown e questo intervallo di mesi sarà letale per qualcuno. Anche a Parma? non credo, ma ci sono situazioni da monitorare con attenzione.

Quali conseguenze avremo sulla distribuzione?

In una situazione già estremizzata, con i grandi che schiacciano sempre più gli indipendenti, rischiamo la scomparsa di qualche casa di distribuzione coraggiosa e una “normalizzazione” dei film proposti sul mercato italiano. credo, però, che anche in questo caso il rapporto costruito con il pubblico sarà decisivo e ci proteggerà.

Lo streaming salverà il cinema o lo ucciderà?

Oggi abbiamo infinite possibilità di guardare film online. sono convinto che ci sia anche troppo prodotto e ci stia sommergendo in modo disordinato. non penso affatto che questo sia il futuro del cinema e, anzi, mi pare che il “tutto” che ci travolge ora aumenti solo la nostalgia per quel percorso coerente e ideale che abbiamo costruito nelle nostre sale.

Cosa possiamo fare a Parma?

Non smettere di pensare al cinema e non smettere di parlare di cinema. Pretendere, addirittura, nuovi spazi, nuovi percorsi e nuove strutture per sviluppare al massimo l’offerta di cinema in città, coinvolgendo le scuole, le associazioni, le istituzioni, gli spettatori, tutti. Non difendiamo un’idea conservativa di quello che era il cinema a Parma, ma avviamo stati generali per rivoluzionare il nostro futuro. Pretendiamo da subito una porta per il mondo nuovo.

Come hanno reagito i cinema a Parma (e nel resto d’Italia)?

Dovete pensare che Parma presenta una situazione di anomalo silenzio: i nostri cinema dialogano poco con gli spettatori, non propongono iniziative, non raccontano come cambierà il futuro e non costruiscono canali per lo streaming. siamo un po’ fermi, cosa che in parte mi preoccupa.

Parlando nelle ultime settimane con esercenti di Milano, Roma, Firenze, Torino, Bologna, Padova, Mantova, Piacenza, Reggio Emilia, Treviso, Modena, Trento, Ferrara, Brescia, Lecce… mi sono accorto di come sia cresciuta, da subito, la voglia inarrestabile di non interrompere il legame con gli spettatori. vi parlo brevemente delle diverse reazione:

– i multiplex fanno cose standard: calendarizzano post su facebook con meme, sondaggi, fotogrammi di film, pezzi di colonna sonora… Poco utile, sinceramente. mi resta l’idea di essere per loro un consumatore che deve, prima o poi, tornare a consumare

– tanti esercenti di sale d’essai continuano a parlare con il pubblico raccontando le iniziative fatte nel corso dell’anno, suggerendo film che passano in tv o in streaming gratuito e consigliando, addirittura, di seguire le iniziative costruite da altri cinema. vero che permane la necessità di non perdere il rating su facebook… Ma c’è una sincerità assoluta nel rapporto con lo spettatore e, spesso, la nostalgia autentica per i momenti passati insieme. Avete letto la newsletter di Antonio Sancassani? Leggetela…

– sale come Beltrade (Milano), Postmodernissimo (Perugia) e Orione (Bologna) sono partite subito con un nuovo servizio streaming, trasformando il proprio sito in una piattaforma per vedere film a pagamento o a titolo gratuito. a questi, nel corso delle settimane, si sono aggiunti Odeon (Vicenza), Nuovo Eden (Brescia), Visionario e Cinemazero (Udine e Pordenone)… Ne parleremo più nel dettaglio nei prossimi giorni, analizzando meglio quello che rischia di diventare un modello forse inevitabile. E’ importante, infatti, studiare bene il tipo di film in programma, la modalità di acquisto, le regole e le prospettive. Ne riparleremo…

– qualche sala – Truffaut (Modena) o Don Bosco d’essai (Lecce), sono i primi che ho notato – reindirizza il pubblico su una piattaforma streaming di film d’essai a pagamento con un’offerta gratuita per i primi tre mesi. Personalmente, sono molto contrario a questa soluzione, specie se promossa da spazi con contributi pubblici (ignoro se sia il caso delle sale che ho citato), perché è come se gli esercenti si vendessero i loro contatti, costruiti in anni di lavoro con il pubblico, in cambio di un magro ricavo. Trovo fuorviante che siano accompagnati da articoli di giornale del tipo “film in streaming d’autore gratis grazie alla sala X” e particolarmente grave che la cosa sia sponsorizzata da Europa Cinemas. Ma in questo, riconosco, sono un po’ integralista…

– un cinema, l’Arsenale di Pisa, può diventare anche un vero e proprio laboratorio che rielabora il passato, struttura un presente e pianifica il futuro. L’Arsenale non vende film sulla propria piattaforma, ma fa da suggeritore per le proposte che si trovano gratuitamente in streaming giorno per giorno. Presenta i film con un video, invita gli spettatori a partecipare ad approfondimenti, ripropone gli incontri in sala e invita nuovi ospiti a distanza. Ad esempio, ripropone il video con Mario Martone all’Arsenale per introdurre il link di Raiplay a “Il sindaco del rione Sanità”. Da approfondire.

…e poi ci sono i cinema in silenzio. So bene che non significa scomparire e non lavorare più. avverti, però, un retroterra di preoccupazione, la burocrazia dei contributi e l’incertezza per un’attività interrotta che rischia di non ripartire più. Ecco, cerchiamo di essere più di questo. (Dalla newsletter Cinema a Parma)

Stadio Tardini

Stadio Tardini

9 pensieri riguardo “CORONAVIRUS, COSA SUCCEDE AL NOSTRO CINEMA? COSA POSSIAMO FARE A PARMA? FAQ

  • 13 Aprile 2020 in 20:52
    Permalink

    Amici miei dei cinema. Io sono con voi al 100%. Temo però che finché i piccoli Ceausescu del distanziamento sociale e le varie forze dell’ordine divenute efficienti come delle novelle Stasi a caccia di runner e gente che fa la spesa saranno al potere per i cinema non c’è né presente né futuro. Come Urbano Cairo e Cellino insegnano i nonni prima di tutto. Per cinema, teatro, stadio o il popolo riprende i diritti che gli spettano o vivremo i prossimi anni “io resto a casa” con netflics e amazon praime ricordandoci come era bello andare al cinema.

  • 13 Aprile 2020 in 20:53
    Permalink

    Mi spiace per Corrado ma con Rezza Burioni Fontana e Speranza la vedo dura che i cinema possano avere una minima speranza di riaprire.

  • 14 Aprile 2020 in 00:18
    Permalink

    Concordo con Davide. Cinema e stadi se riapriranno, riapriranno nel 2021. E quel punto saranno 4 gatti.

  • 14 Aprile 2020 in 07:30
    Permalink

    E al cinema vacci tu (cit. Paolo Conte).
    L’articolo è interessante. Io da anni non ci vado, trovo disumane le sale moderne e quei parcheggi infiniti. Odore di pop corn perché la gente si vuol sentire americana. Ma che fine farà il mitico Astra con i suoi film spesso improbabili ed il suo pubblico di donne libere e radical chic che mi divertivo a sfottere, pur volendo loro bene, citando Top Gun e Sergio Leone.
    Spalla a spalla in poltrona più di un ora e qualche decina di facce schierate dietro che possono tossire o starnutire, o smoccolare….la vedo male per il futuro.

    • 14 Aprile 2020 in 10:34
      Permalink

      L’autore della news letter che abbiamo volentieri ripreso fa riferimento appunto soprattutto alle sale d’essai che non alle multisale, intendo per vero cinema quello delle sale di una volta, che non propongono solo le pellicole che fan cassetto ma anche quelle di maggior valore artistico-culturale.

      Mi perdonerà Corrado, ma difficilmente usufruisco dei The Space: sono stato qualche volta al Barilla Center, mai in vita mia al Campus, tanto per capirci, mentre sono un aficionado di Astra, D’Azeglio ed Edison, sale dove fortunatamente non si fan gli americani con popcorn. Anche se purtroppo noi amatori, ormai in là con gli anni, siamo fuori moda come le sale d’essai, visto che per i giovani dio oggi il vero cinema, forse, è proprio quello che sa di granturco cotto a vapore.

      Prima che scattassero gli arresti domiciliari per il Coronavirus avevo fatto una capatina a La Spezia per vedere la prima di Volevo Nascondermi (in cui come i lettori non disattenti sanno ho fatto una piccola parte che ha avuto la fortuna di essere inserita nel trailer) e ho scoperto una sala per me meravigliosa, il “Nuovo”, dove spero di poter tornare non appena sarà terminato questo periodo. http://www.stadiotardini.it/2020/03/la-mia-volevo-nascondermi-al-cinema-la-spezia-film-ligabue-resta-visione-week-end.html

  • 14 Aprile 2020 in 08:59
    Permalink

    Amico mio non è difficile. Non è obbligatorio andare quindi chi teme gente che tossisce stia a casa (#iorestoacasa). Il punto è questo. Chi vuole stare a casa e teme luoghi come cinema stadi negozi ristoranti che serenamente faccia la sua quarantena infinita senza rompere le balle.

  • 14 Aprile 2020 in 11:33
    Permalink

    Direttore io adoro il D’Azeglio e l’Edison. Spero davvero che qualcuno abbia un briciolo di cervello e li riapra quanto prima, o davvero moriranno. E con loro quello che rappresentano. Come disse qualcuno più intelligente di me a chi gli chiedeva perché salvaguardare il lupo che non serve a nulla per viverli rispose nemmeno Mozart serve per vivere. La spesa non basta per vivere che qualcuno se renda conto velocemente o è la fine.

  • 14 Aprile 2020 in 12:50
    Permalink

    co dàni stasire all’Astra? toghia su un golfè?
    Quella zona lì era Barino, Cittadella (campi e chiostro sempre precario, che serviva spuma economica), Astra e il misterioso nonchè severo seminario lì in fondo, una squadra di bambini bene della zona, il “Conforti”, maglia rossa e tanti capelli biondini.
    A ghera una banda ed stupid prepotent ed via Solferè ed io ero sempre solo. Ani fa li ho rivisti e mi era venuta voglia di attacarli perché nel frattempo avevo fatto pugilato e tre avversari potevano andare bene. Li ho trovati tristi e patetici ed hanno abbassato lo sguardo, ho lasciato perdere. Ogni tanto li vedo ancora, pareva che la vita desse loro di più, invece sono sbiaditi

  • 14 Aprile 2020 in 13:45
    Permalink

    👍

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI