DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (19^ puntata) – LA FATTORIA DEGLI ANIMALI (VIDEO)

Luca Savarese(Luca Savarese) – Quando i gatti – pardon gli uomini – non ci sono, i topi – pardon gli animali –  ballano. Sembra che non aspettassero altro, così, da Nord a Sud, gli animali, quasi si fossero messi d’accordo, hanno vissuto e vivono la loro piccola rivoluzione. Anatre a Milano, daini nel reggiano, stambecchi nelle zone verdi di Torino, pavoni farsi belli a Bologna e qualche toro è stato avvistato, che girava, in notturna in quel di Genova, zona porto antico. Per non parlare delle capre avvistate in Galles o dei delfini scoperti in Francia. La prigionia domestica degli uomini ha innescato, un po’ spontanea un po’ favorita da chi è predisposto a curarla durante l’anno, un assalto cittadino della fauna, fiero, consistente, imprevisto, roba da fare invidia al professor Mainardi, stimato etologo di fama mondiale. Forse, George Orwell, autore della famosa “Animali farms”, “La fattoria degli animali” si starà facendo due risate nei cieli delle terre della sua Albione, ma sta di fatto, che quelli più felici in questa quarantena, sembrano essere proprio loro: silenzio, giornate che iniziano a farsi piacevolmente luminose e calde, aria sensibilmente più pulita, ecco il loro habitat perfetto per concedersi qualche anatre a milanopasseggiata rilassante e fuori dai classici spazi a loro concessi. Vuoi mettere fare un salto in centro? E che sballo non è scorazzare sulle passerelle della city, al solito battute dagli umani? Devono aver pensato questo, in questi giorni, gli animali protagonisti di questo simpatico fuoriprogramma. Loro, da sempre ritenuti gerarchicamente più bassi rispetto all’uomo, un giorno potranno raccontare ai loro nipotini: “Sapete, quando c’era il Coronavirus, noi riempivamo gli spazi degli uomini, loro stavano a casa, noi uscivamo” . Nemmeno nelle favole di Esopo e Fedro. Ma cosa c’insegna questa favola reale? Forse quello che sentenziava il filosofo De Mandeville: vizi privati, possono diventare pubblici benefici. Un male di qualcuno porta sempre ad un piccolo bene per qualcun altro. Un virus che schiantò un uomo può così diventare un’occasione per qualche giorno meno da rinchiusi per gli animali. Luca Savarese

#Diciannovesima puntata Venerdì 3 Aprile 2020

capriolo-in-strada a reggio

One thought on “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (19^ puntata) – LA FATTORIA DEGLI ANIMALI (VIDEO)

  • 4 Aprile 2020 in 00:15
    Permalink

    A questo punto riapriamo i bar e i ristoranti e serviamo gli animali ahah

I commenti sono chiusi.