DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (35^ puntata) – AL BAR(CHIESI) DELLO SPORT…

massimo barchiesi e luca savarese

(Luca Savarese) – Non ce ne voglia il felsineo Stefano Benni, ma oggi su queste colonne, eccezionalmente, abbiamo un Bar sport 2.0. Tranquilli, nessun bancone né clienti, siamo in quarantena, nemmeno la famigerata Luisona, la regina delle paste. Di questo bar, ne gusteremo un’edizione speciale, domestica, sicuramente una limited edition. Allora è con grande piacere che il nostro Diario si trasforma per questa puntata in un bar dove l’aroma del caffè è preceduto dalla fragranza di vicende sportive delicatamente impastate e poi cotte a fuoco lento nel forno dei ricordi, pronti però ad essere adagiati negli stampini del presente. Mica un bar come tanti sia ben chiaro, ma un bar che strizza l’occhio a certe patisseries francesi, dove quello che addenti è in fondo un tutt’uno con quello che senti. Scalpitanti come bambini, entriamo in questo bar. Ci accomodiamo, smaniosi di essere deliziati.

Benvenuti, al Bar(chiesi) dello Sport

Massimo Barchiesi, siamo dentro questo intervallo lungo, definiamolo così, non vediamo l’ora che si possa di nuovo iniziare la partita della libertà, ma tu, intanto, come vivi questo insolito parquet della quarantena?

Innanzitutto hai usato un termine, parquet, a me molto caro e che mi manca tantissimo. Tra l’altro questo è sempre stato il periodo più bello per me, di maggiore adrenalina, dove si avvicinano i play off di basket, ma non potremo raccontarli, cosi come non potremo raccontare il finale del campionato di calcio, per il momento. Si sta lavorando per riprendere il tutto in estate, non so però fin quando si possa realizzare questa idea della Federcalcio e di gran parte delle società, perché bisogna prestare molta attenzione, mantenere molto alta la guardia, non si può scherzare con questa situazione, il calcio è l’unica disciplina che sta cercando di rimanere in piedi, di non cadere di fronte a questo tsunami del Coronavirus che si è abbattuto sul mondo, è un momento che viviamo con difficoltà e con dispiacere, cercando di ricevere buone notizie anche se, fino ad ora, di buone notizie ce ne sono state poche. La speranza è che possa passare quanto prima, passerà, però credo che si dovrà lottare anche per un bel po’ di tempo”.

Lo sport ha risposto più che presente, con iniziative in lungo e in largo sia a livello benefico sia provando a portare, attraverso videochiamate, quella serenità necessaria per affrontare una sfida come questa…

Si, d’altronde bisognava organizzarsi in qualche modo, soprattutto il mondo dello sport si è mosso in massa, in ogni disciplina abbiamo riscontrato queste iniziative benefiche, importanti, da sottoscrivere, per cercare di aiutare chi sta peggio di noi. Per quanto riguarda invece l’organizzazione mediatica, quella è stata un’ottima idea, perché portare videoconferenze tramite social con volti noti dello sport è un ottimo modo per catturare l’attenzione di noi che siamo a casa, sportivi e non, perchè poi quando sai che a quell’ora, a quel momento c’è un noto personaggio del mondo del calcio, del basket, della Formula 1, del motociclismo, del tennis, aspetti la cosa, sei curioso di vederlo e si di sentirlo; in effetti bisogna sprigionare tutte le idee possibili ed immaginabili in questo momento, per catturare l’attenzione di chi sta a casa”.

In questo zibaldone di ipotesi che viaggiano alla velocità della luce, ognuno offre la sua pars construens e destruens su campionati e ripresa dei giochi. Giampaolo Ricci, della Virtus Bologna, ha definito la sospensione del campionato una vera coltellata. Tu che idea ti sei fatto?

E’ stato giusto fermarsi: non si poteva andare avanti, obiettivamente, oggettivamente. Non si poteva andare avanti con lo sport, non si poteva di conseguenza aprire le porte degli impianti agli sportivi, ai tifosi. Tutti gli sport si sono dovuti arrendere, tutte le discipline, tranne il calcio, ma sappiamo perché, ci sono in ballo troppi soldi che girano nel mondo del calcio e per questo prima di alzare bandiera bianca si faranno tutti i tentativi estremi per riprendere e per portare a termine la stagione. Quindi è condivisibile quanto detto da Giampaolo Ricci, ma questo è un pensiero che riguarda tutti gli sportivi, tutti quelli che tengono al proprio mestiere. Poi è stato un duro colpo anche per i tifosi: prendiamo le ultime partite giocate, di calcio e di basket, vedere questi eventi senza pubblico secondo me non è sport, ma bisognava adeguarsi a questa triste realtà”.

Non si sa quando torneremo nei nostri rispettivi campi, ma questa pandemia tra i tanti danni, forse ci avrà insegnato qualcosa, prima fra tutte quella di non essere padroni ma ospiti su questa terra…

E’ vero, basta veramente un niente per sparire da questo mondo: sono riflessioni che in questi giorni ognuno di noi fa, son momenti di profonda riflessione indubbiamente e dove si prova anche capire come sia possibile che un virus stia letteralmente mettendo a soqquadro il mondo, non voglio entrare nel merito su come sia nato tutto, di ipotesi ne sono state fatte tante e se ne possono fare altrettante, però è una grande novità per noi, è un’invasione di campo nella nostra quotidianità, noi avevamo delle abitudini, ed improvvisamente siamo stati costretti a mutarle, a ribaltarle, si tratta di un autentico ribaltone per la nostra vita e la nostra quotidianità”.

Sei un tifoso, in Nba, dei Los Angeles Lakers. Con la palla dietro la schiena come faceva Nick Van Exel, con una schiacciata di Magic Johnson o con un clocht time alla Kobe Bryant, Massimo come si vince il virus?

Si questo virus ha bloccato anche la marcia dei miei Lakers nella Western Conference, erano primi, mannaggia… Tutte e tre le fotografie che hai scattato credo siano utili, tra l’altro hai citato Kobe Bryant, questo 2020 è nato male, il mondo dello sport ha perso uno dei suoi più grandi interpreti come lui. Queste tre istantanee che hai scattato, possono servire ai tifosi dei Lakers, ma non solo a loro, ce le dobbiamo conservare, perché ci aiutano un po’ ad andare oltre, a guardare avanti, al futuro”. Luca Savarese

#Trentacinquesima puntata Martedì 21 Aprile 2020

6 pensieri riguardo “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (35^ puntata) – AL BAR(CHIESI) DELLO SPORT…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI