DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (43^ puntata) – LA FRETTA DEI VESCOVI AL RITORNO ALLA MESSA, MA ALLO SPIRITO NON SERVONO LUOGHI FISICI

messa coena domini 013

(Luca Savarese) – Ab origine fu l’agape, il convito fraterno presso i primi cristiani, che tali furono chiamati ad Antiochia. Si commemorava l’Ultima cena del Signore, si riviveva le sue parole, si faceva memoria di Lui. Il cenacolo, divenne una delle prime chiese, qui si riunivano i discepoli e spesso c’era anche Maria, mamma di Gesù. Si agiva con grande stupore, se da una parte si continuava la missio del maestro, dall’altra non si voleva aggiungere poi troppi orpelli umani. Insomma, il doverismo, tra i primi prosecutori, era ancora lontano dall’incunearsi. Nell’anno 150 san Giustino, nella sua Apologia per i cristiani all’Imperatore Antonino Pio e nel Dialogo con Trifone dà la prima descrizione della Messa romana: consta di due parti, quella didattica, fatta di letture sacre degli Apostoli e dei Profeti e quella sacrificale, centrata sulla Passione. La lingua usata, fino al IV secolo, era il greco, al quale subentrò poi il latino. Si diffuse molto anche fuori Roma, come per esempio in Spagna, come attesta Tertulliano che definiva la messa un dilectio, un diletto, parola che ha la stessa radice di diligente, colui che ama ciò che fa. Ecco che cosa era la messa molto prima che arrivassero i catechismi i moralismi e tutti quei vari spesso fastidiosi ismi. Anch’essa, è stata risucchiata dal veto da quarantena, ma diversamente dai ristoranti, che hanno dovuto chiudere bottega, non è stata soppiantata del tutto. Molti sacerdoti si sono organizzati ed attraverso collegamenti Youtube hanno portato la Parola ai fedeli. Certo la comunione, la particola fisica di ostia consacrata, non può arrivare tramite internet, ma esiste la Comunione sacramentale, quella che in mancanza del Corpo di Cristo, si può vivere con la mente e nel cuore, come recita l’antica ma ultimamente rispolverata nuova preghiera a riguardo, della quale un suo verso dice: “Vieni almeno spiritualmente nel mio cuore”. Ecco, lo Spirito, terza Persona della trinità, eppure in questo tempo di clausura forzata, quasi accantonato da zelanti sacerdoti, iper attivisti, che guai a non fare la messa in toto, che basta, ora bisogna dare il via libera alla messa nelle chiese…Questi oratori del dovere scordano una cosa, fondamentale, la messa è un atto e prima ancora un dono, d’amore. E l’amore, a volte, vive anche senza essere celebrato per forza in una basilica, perché ha occhi aperti laddove ci sono serrature e catene. Del resto l’allenatore Gesù ad un certo punto è andato a giocare la sua partita in cielo, facendo però un mandato molto serio e valido nel giorno dell’ascensione, per i discepoli della sua squadra: “Voi restate in città finché non siate rivestiti di potenza dall’alto”. Luca SavaresePer cui, cari preti che vi precipitate perché ritorni a tutti i costi la messa in carne, chiesa ed ossa, ricordatevi che la moneta della vostra scelta, diversamente da quella dei commercianti, può aspettare, attraversa i muri, continua lo stesso, prontamente riscossa da una fede semplice che anche a scatola chiusa e fra mille divieti, ci vede benissimo. Non è un caso d’altronde che Papa Francesco, prima della messa celebrata a Santa Marta nella giornata di ieri, abbia affermato: “In questo tempo, nel quale si incomincia ad avere disposizioni per uscire dalla quarantena, preghiamo il Signore perché dia al suo popolo, a tutti noi, la grazia della prudenza e dell’obbedienza alle disposizioni, perché la pandemia non torni” Ubi Papa Francesco, preti del dovere, cessant… Dopo, gradualmente, la messa potrà vivere di nuovo il suo canale di trasmissione normale. Intanto, facciamo agire lo spirito, che anche senza i luoghi fisici, non smette certo di compiere il proprio lavoro. Luca Savarese

#Quarantatreesima puntata Mercoledì 29 Aprile 2020

10 pensieri riguardo “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (43^ puntata) – LA FRETTA DEI VESCOVI AL RITORNO ALLA MESSA, MA ALLO SPIRITO NON SERVONO LUOGHI FISICI

  • 29 Aprile 2020 in 22:08
    Permalink

    Li capisco, se perdono la loro clientela possono chiudere per fallimento, magari con le ostie a domicilio su prenotazione?

  • 29 Aprile 2020 in 22:46
    Permalink

    A proposito di cattolicesimo, tra poco alla Serie A toccherà l’estrema unzione. La impartiscono Brusaferro, Ricciardi e Rezza.

  • 30 Aprile 2020 in 09:13
    Permalink

    Sul sito di parla di tutto meno che di una cosa.
    Visto che al mille per mille il campionato se riprenderà lo farai SICURAMENTE senza pubblico vogliamo cominciare a parlare anche della restituzione dell’abbonamento per le cv partite che non verranno giocate.
    Mi pare ( vedi Parma- Spal che la società abbia messo troppa burocrazia per ottenere il rimborso.
    Se uno non ha il computer o il cellulare che fa?
    Rinuncia prendendola in quel posto dove non batte il sole o che fa?

    • 30 Aprile 2020 in 10:32
      Permalink

      Se li tengano per avviare la campagna delle tomacche

  • 30 Aprile 2020 in 11:10
    Permalink

    Chi di dovere può impedire a Faggiano di sproloquiare quotidianamente come Spadafora e Rezza con banalità assortite che fanno pensare di essere dalla parte di Cellino?Non lamentiamoci se poi ci mettono da quella parte li.

    • 30 Aprile 2020 in 17:33
      Permalink

      se c’e’ troppa gente tanta questura

  • 30 Aprile 2020 in 12:29
    Permalink

    Amico mio la questua diventerà parte delle nostre vite. La decrescita felice e la miseria col sorriso. Il problema è che se uno è in casa non può fare la questua, il mestiere di postulante necessita obtorto collo di uscire di casa. Il regime delle dentiere su questo fa un pò di confusione, per essere mendicanti felici dobbiamo almeno uscire dai domiciliari. Intanto complimenti al peritino Topo Gigio, che fermo e tetragono nella tutela della salute pubblica tiene i parchi ancora chiusi anche dopo il 4 per disincentivare i pericolosi runner (anche loro poveracci bisognosi di barbiere).

  • 30 Aprile 2020 in 13:14
    Permalink

    Bait-man(uomo byte) il parco ducale lo tiene chiuso onde evirare che qualche pover pensiunet della parma vecchia vada a far spesa proletaria di naderi nel laghetto di tal tria-non (nomen omen) , sappiamo che editto regio della duchessa vieta dal 1880 l’appropriazione indebita di tali palmipedi.

  • 30 Aprile 2020 in 14:53
    Permalink

    Ma di naderi volendo i vari municipi del Territorio a cominciare da Mezzani, Fidenza, Nosè, etc sono pieni!Senza bisogno dei laghetti del parco

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI