DIRETTA / LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER CONTE SUL NUOVO DCPM CHE PROROGA AL 3 MAGGIO LE MISURE ORA IN ATTO, MA RIAPRONO LIBRERIE E NEGOZI BIMBI

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, ha annunciato che le misure restrittive per contenere il contagio di coronavirus sono prorogate “fino al 3 maggio”. “Se cedessimo adesso – ha detto il premier – tutti gli sforzi fatti sarebbero stati inutili”.

Riaprono però librerie, cartolibrerie e negozi per bambini e alcune altre attività produttive.

“Sblocco” previsto anche per alcuni codici Ateco legati al settore dell’agricoltura e del legname: silvicoltura ed utilizzo aree forestali; industria del legno e dei prodotti in legno e sughero, con l’esclusione dei mobili; fabbricazione di articoli in paglia e materiali da intreccio; fabbricazione di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura; commercio all`ingrosso di fertilizzanti e di altri prodotti chimici per l`agricoltura; cura e manutenzione del paesaggio.

“Non possiamo vanificare gli sforzi sin qui fatti”: si rischierebbe “un aumento dei decessi e delle vittime”.

Nominato il manager internazionale Vittorio Colao a capo della task force per la ripartenza, ormai nota come “fase 2”.

Durante la conferenza stampa a Palazzo Chigi, il premier ha attaccato duramente Matteo Salvini e Giorgia Meloni per le affermazioni fatte dopo l’Eurogruppo.

“Il Mes esiste dal 2012 – ha spiegato –. non è stato istituito ieri o attivato la scorsa notte come falsamente e irresponsabilmente è stato dichiarato da Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Questo governo non lavora col favore delle tenebre: guarda in faccia gli italiani e parla con chiarezza”.

CLICCARE SUL VIDEO PER FAR PARTIRE LO STREAMING

Stadio Tardini

Stadio Tardini

3 pensieri riguardo “DIRETTA / LA CONFERENZA STAMPA DEL PREMIER CONTE SUL NUOVO DCPM CHE PROROGA AL 3 MAGGIO LE MISURE ORA IN ATTO, MA RIAPRONO LIBRERIE E NEGOZI BIMBI

  • 10 Aprile 2020 in 21:27
    Permalink

    Mi ha telefonato il peritino informatico!

  • 10 Aprile 2020 in 23:48
    Permalink

    Di proroga in proroga arriviamo a Natale.

  • 11 Aprile 2020 in 09:53
    Permalink

    Amico mio hai ragione.In Italia niente è più definitivo dei provvedimenti provvisori. Ma il popolino ormai è colmo delle litanie sui propri cari e degli atteggiamenti duceschi di questi improvvisati Franco da 4 soldi e come la storia insegna si riprenderà la libertà.

I commenti sono chiusi.