PARMA CALCIO, ACCORDO COI CALCIATORI CHE RINUNCIANO A UNA MENSILITA’. LA BANCA ORE SOLIDALE DEI DIPENDENTI

soldi pallone

(www.parmacalcio.1913.com) – Parma Calcio 1913 comunica di aver ricevuto da parte dei propri tesserati (allenatore, staff prima squadra, direttore sportivo, collaboratori e la totalità dei giocatori) l’unanime disponibilità alla riduzione dell’emolumento annuo – in misura di una mensilità onnicomprensiva – alla luce dell’emergenza sanitaria che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva e causando già ora ingenti danni economici alla società. L’integrazione degli accordi individuali relativi, che non riguarderanno i tesserati del Settore Giovanile e che si applicheranno a partire da una soglia minima di compenso annuo, verranno perfezionati non appena possibile, come previsto dalle norme vigenti.

Il Parma Calcio 1913, in attesa di capire se le condizioni sanitarie del Paese permetteranno o meno una ripresa delle attività agonistiche in questa stagione, desidera ringraziare tutti i propri tesserati per il senso di responsabilità dimostrato nella difficoltà del momento, che richiede buon senso e spirito costruttivo da parte di tutte le componenti aziendali.

In questo ambito si colloca anche il progetto di “Banca Ore” solidale, attivato nelle settimane scorse e che vede la possibilità per tutti i dipendenti non tesserati di donare ai colleghi ore di ferie e permessi, in modo da gestire a rotazione un piano ferie che sta permettendo all’azienda di non usufruire ad oggi degli ammortizzatori sociali.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

10 pensieri riguardo “PARMA CALCIO, ACCORDO COI CALCIATORI CHE RINUNCIANO A UNA MENSILITA’. LA BANCA ORE SOLIDALE DEI DIPENDENTI

  • 15 Aprile 2020 in 20:21
    Permalink

    Bravissimi! http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 16 Aprile 2020 in 09:23
    Permalink

    Bravissimi di che?
    Rinunciano ad un mese di mensilità…
    Ma per favore…siamo seri….hanno dei stipendi faraonici…
    e dobbiamo pure ringraziarli???

    • 16 Aprile 2020 in 10:14
      Permalink

      Se mi permette, non sono assolutamente d’accordo con il suo “populistico” commento. E le spiego perché…
      Premessa: lei è un tifoso del Parma o comunque una persona che usufruisce del servizio sociale chiamato calcio, quindi eviti di silaccare nel piatto che sta degustando (e neppure in giro che di questi tempi non è il massimo…)
      I calciatori del Parma, nello specifico, sono tra quelli meno pagati in serie A (il monte ingaggi dei Crociati, se non ricordo male, si attestava attorno alla 16^ posizione) e comunque è tutto relativo, perché se lei guadagna 2.000 euro al mese, rispetto a uno che ne guadagna solo 1.000, prende il doppio…
      Un calciatore, rispetto alla persona comune, è sicuramente un privilegiato, ma quando si tratta di andare attorno al portafoglio per dei tagli ognuno ha i suoi problemi perché il tenore di vita è (o dovrebbe essere) adeguato agli emolumenti percepiti, e quindi i tagli sanguinano a casa di tutti.
      Lei, intanto, dia il buon esempio: vada dal suo datore di lavoro e gli dica che rinunzia a una mensilità: sarà niente rispetto a quella di quei ricconi dei calciatori, ma intanto vede, in proporzione, il valore di un sacrificio!
      Nessuno ha chiesto di ringraziarli, ma neanche è lecito venire qui a denigrarli.
      Io penso che in un mondo litigioso come è quello del calcio, essere riusciti a trovare la quadra su un tema così spinoso sia importante e positivo. Poi si potrà sindacare sul fatto che una mensilità possa essere poca, ma è chiaro che è una soluzione provvisoria in attesa degli eventi, perché se anche il prossimo mese non si dovesse riprendere si ritroveranno e vedranno che cosa fare. Comunque è significativo che il Parma sia la seconda società calcistica in Italia, dopo la Juventus, ad aver trovato un accordo sul delicato tema del taglio stipendi e andrà detto bravi non solo ai calciatori ma anche al club stesso che non ha premuto sull’acceleratore accampando scuse (comne altri) per pretendere un sacrificio ancor maggiore, così come va detto bravi per la scelta di rinunziare all’aiuto dello Stato (cioè tutti noi, anche se sovente ce lo dimentichiamo) evitando quindi il ricorso alla cassa integrazione.

  • 16 Aprile 2020 in 10:40
    Permalink

    Senta la “sviolinata” la poteva evitare.

    Lo sa che aiuto abbiamo noi “populino”?

    LA CASSAINTEGRAZIONE…per 6 mesi….poi si vedrà….

    • 16 Aprile 2020 in 10:54
      Permalink

      Pardon. Ma quale sviolinata? le ho solo spiegato perché non ha centrato il vaso…

  • 16 Aprile 2020 in 11:13
    Permalink

    Chi si ringrazia in questo momento sono infermieri/operatori sanitari che hanno stipendi da fame e salvano vite umane.

    • 16 Aprile 2020 in 11:41
      Permalink

      Ma co ghentra?

      Questo è un sito calcistico che via via si è trasformato in un diario sul corona dove quasi quotidianamente si rende omaggio a medici ed infermieri che stimiamo. Ma ciò non toglie che se c’è una notizia positiva – e tale è quella di ieri, checché lei ne dica – che riguarda il calcio e il nostro Parma la si possa dare, lodando per il sacrificio (e peraltro abbiamo dato solo la fredda notizia senza sperticarci in lodi). Lei provi a rinunciare a un mese di cassa integrazione (che peraltro le paghiamo tutti noi…)

      E comunque se parliamo di mele inutile deviare sulle pere, scusi, sa?

  • 16 Aprile 2020 in 11:51
    Permalink

    Le ricordo che sono in cassa integrazione a 1.100 eurini al mese
    con una famiglia da mantenere, mentre i calciatori che stipendi
    hanno???
    Faccio volontariato alla croce rossa e sono alla guida di un
    ambulanza COVID…mi dica lei….

    DOVREI STENDERE UN TAPPETO ROSSO AI NOSTRI BENIAMINI???? RIDICOLI

    • 16 Aprile 2020 in 11:56
      Permalink

      Nessuno le chiede di stendere tappeti rossi, però se c’è chi intende stenderglieli lei lasci fare.

      E poi ripeto: provi a rinunziare a un mese di cassa integrazione che le paghiamo tutti noi.

      Non ho voglia di fare oltre l’avvocato difensore dei calciatori, ma ricordo che rinunziare a 10.000 euro è anche più pesante che rinunziare a 1.000

      • 16 Aprile 2020 in 14:37
        Permalink

        Non ho mai sentito tante cazzate in una volta sola, figa che sensibilità nei confronti di chi non ne ha……http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_negative.gif

I commenti sono chiusi.