DA PPC 15.000 EURO ALL’ASSISTENZA PUBBLICA PER ACQUISTARE DPI

donazione ppc

(Alberto Grisanti, a.d. PPC) – Parma Partecipazioni Calcistiche, espressione dell’azionariato diffuso del Parma, ha donato 15.000 euro per acquistare DPI all’Assistenza Pubblica di Parma.
Legati entrambi al Parma Calcio – noi come tifosi e sostegno e loro come servizio allo stadio – in un momento così difficile e anche surreale PPC ha voluto fortemente sostenere una benemerita associazione che tutti i giorni è in prima linea al servizio del nostro territorio.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

8 pensieri riguardo “DA PPC 15.000 EURO ALL’ASSISTENZA PUBBLICA PER ACQUISTARE DPI

  • 22 Aprile 2020 in 14:11
    Permalink

    Ieri sera dopo due mesi lontano dai tavoli (dietro ai quali eravamo soliti vederlo da tempo immemore) e dalle strette di mano (ahimè proibite dall’attuale Regime del distanziamento sociale), è tornato a parlare al Territorio l’eterno leader di Palazzo Soragna in Strada al Ponte Caprazucca. Come un papa nella Piazza San Pietro Deserta, il leder dei piòcioni ha come era prevedibile oscurato la presenza del peritino primo cittadino (la cui leadership starnazzamenti a parte è paragonabile alla carta velina) e si è preso la scena. Il leader Maximo dei tomaccari e busloltari ha propinato con la consueta sicumera al Territorio le solite 4 banalità (il suo intervento era il copia e incolla di notizie che chiunque poteva leggere su uno smart fon connesso a gugghel), oltre alle sempre solite geremiadi confindustriali. Certamente l’attuale Trojka della salute pubblica ci sta portando sanissimi e in perfetta forma al camposanto (con buona pace dello strepitante Bosi che avrà qualche mese davanti per trovare i “forni”), però il pipante avrebbe dovuto evidenziare che in parecchi a Palazzo Soragna rispetto alla media nazionale si stanno facendo le budella d’oro. Il Professorone con la pipa in bocca ha fatto riferimento all’economia di guerra e si sa che in guerra chi produce proiettili e garze gode. Così oggi i vari parsutari, tomaccari, busltotari con il popolino rinchiuso ai domiciliari da 50 giorni (e con la prospettiva di restarci ancora parecchio) certamente vedono le proprie vendite aumentare rispetto a chi produce vestiti (che in parecchi anche in quello studio dovrebbero invece comprare quando riapriranno forse mai le botteghe). Un alieno che fosse giunto a Pèerma ieri sera e avesse visto chi in teoria dovrebbe guidarci fuori dalla dittatura videliana delle restrizioni sociali, dal peritino al pipante, passando per vicedindaci e altri credo che a buona ragione tornerebbe alla velocità della luce nella sua galassia.

  • 23 Aprile 2020 in 10:26
    Permalink

    Davide se senti bussare, knock on wood, alla porta non é amy stewart ma il peritino con la spesa solidale per te, 3 barattoli di triturato (la polpa costa troppo) tre tubetti del famoso orto in cucina e un pacco scaduti di braibanti

  • 23 Aprile 2020 in 11:55
    Permalink

    Joe, ti sei dimenticato di una busta ad parsùt (salato però mia dols).

    • 23 Aprile 2020 in 12:22
      Permalink

      Quello di seconda con cossie di provenienza tulipana, si insóme col cal spusa che t’arnega

      • 23 Aprile 2020 in 20:24
        Permalink

        Si, al parsut dal musichiere

  • 23 Aprile 2020 in 12:16
    Permalink

    Par ti gnenta, usa i guanti

I commenti sono chiusi.