CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / RICOMINCIAMO!

gianni barone 21 aprile 2020(Gianni Barone) – Arriva un grido forte e chiaro, Ricominciamo!, da parte di chi non si lascia tanto condizionare o intimidire da chicchessia. La Germania, tanto odiata da opinioni pubbliche non solo italiche, per voce del suo Cancelliere (cancelliera, del resto come ministra, è bruttissimo sentirlo dire o scrivere, con buona pace di chi anche a noi giornalisti chiede di osservare la parità di genere, ma non è da questi dettagli che la si ottiene) Angela Merkel non concede o non ordina: semplicemente dà il via libera alla ripresa della Bundesliga, già a Maggio, nei tempi e nei modi che Federazione e Lega, riterranno più utili ed opportuni. Dopo lo stop della Francia, che aveva intristito un po’ tutti gli altri, arriva lo slancio decisionistico teutonico che non concede appelli nella logica della ripresa, pur ancora in presenza della minaccia del virus, seppur in termini, leggermente, più contenuti. In quest’Europa più disunita che mai, si cerca, a giorni alterni, nell’esempio e nel modello proposto da altri, non tanto una linea precisa e assoluta, quanto un motivo giustificativo, quasi consolatorio, per poter uscire dallo stallo e dall’indecisione, che paralizzano, non poco, il normale senso di reazione e di volontà di ripresa, dopo le brusche frenate alla vita pubblica e privata imposte dalla pandemia. Il modello tedesco potrebbe servire e potrebbe salvare anime, corpi e posti di lavoro, sempre se rapportato e raccordato, con le giuste dosi e le giuste proporzioni, a quelle che sono le nostre reali condizioni, da rilevare, in questa delicata fase di transizione. Parliamo di calcio, ma l’esempio tedesco sconfina merkelin altri ambiti, cruciali, della vita economica e sociale di un paese. Diciamo peste e corna della Germania, della sua protervia che impone e stritola tutto, e non solo sotto l’aspetto economico e finanziario, e poi ci accodiamo supinamente al suo carro, per evitare cadute improvvise?, potrebbe obiettare qualcuno. Però, aldilà della simpatia o dell’antipatia – certo, più la seconda –  che si possono nutrire per questo popolo, il segnale che arriva non può non essere preso in considerazione, e cioè che in questi momenti di estrema crisi, ciò che deve emergere, più di ogni altra cosa, è il primato che deve avere la politica su tutto e che le permetta di essere capace di proporre potere, coraggio, autorevolezza. Poi si può discutere di tutto il resto, anche del dibattito mediatico, che il Ministro Spadafora, nel .spadafora_question_timequestion time (Xavier Jacobelli, direttore di Tuttosport, osserva che lo chiaman così gli ignoranti della grandezza della lingua italiana; lui, ad esempio, lo ha definito il tempo delle interrogazioni), giudica incomprensibile. Per lui, qualche maligno potrebbero obiettare… Perché da noi si continua a privilegiare l’attesa rispetto all’audacia, perché non si vuole rischiare più nulla, e quindi occorre pazientare, nel calcio quanto nel turismo, nella ristorazione e nell’estetica, i settori cosiddetti o così considerati di «contatto» e addirittura si tira in ballo il giudizio del popolo sovrano, espresso attraverso fittizi sondaggi, di cui non si conoscono chiaramente le campionature e le successive elaborazioni statistiche con tutte le deviazioni standards possibili immaginabili. Assunzioni di responsabilità importanti da parte dell’esecutivo, questo si chiede, attraverso i giornali, però riaprite subito gli estetistiil popolo – che solo quando fa comodo diventa sovrano – preferirebbe prudenza per privilegiare salute di atleti e tutti, rispetto agli interessi economici dell’intero movimento che chiede, sempre più, cosa deve fare per poter vivere, sopravvivere, ma soprattutto non morire. Si è cercato di scavalcare il Ministro, bacchettato anche da esponesti del suo stesso movimento, rivolgendosi direttamente al premier o al governo, e vedremo cosa ne sortirà; nel frattempo il Consiglio Federale, chiamato ad esprimersi, è stato rimandato alla settimana prossima. E sarà chiamato a decidere non solo sulla Serie A, ma pure su tutto il resto: sulla sorte delle categorie inferiori, sulla soglia da individuare tra professionismo e semiprofessionismo da creare, e dilettantismo e attività di base da tutelare e potenziare. Ridurre la platea dei club professionisti a 60 squadre invece delle 100 attuali, come ipotizzato, apre scenari nuovi ed inediti, che già, prima del virus, erano stati immaginati, e che ora devono trovare la forza per consolidarsi del tutto. Perché se nella vita di tutti i giorni, abbiamo scoperto che l’occasione capitata, con questo stop, è grande per poter cambiare e migliorare le cose, eliminando burocrazia e complicazioni varie, nel calcio si presenta l’opportunità di riformare l’intero sistema per creare i presupposti per un miglioramento globale: meno professionisti di sicuro, perché il sistema non può sostenerne le conte al calcio penso io stadiodimensioni attuali. E mentre si continua a tuonare che date certe per la ripresa non si possono ipotizzare, il premier, tirato per la giacchetta, ha deciso di scendere in campo personalmente, anche lui, per affrontare il dilemma: vedremo come andrà a finire. Intanto anche il calcio individuale ha ripreso a correre, nell’asetticità di centri sportivi semivuoti e contingentati, come quello di Collecchio (come aveva auspicato il Presidente di Nuovo Inizio Marco Ferrari, che aveva subito evidenziato il paradosso che Bruno Alves & C. potessero correre tra la gente in Cittadella, ma non al Centro Sportivo secondo l’ultimo DCPM, poi superato dall’ordinanza di Bonaccini ed altri governatori), con giocatori, che a turno, riprendono contatto con la natura della loro professione. Piccoli passi verso la tanto agognata pseudo-normalità di cui tutti sperano di vedere la completa realizzazione. Ricominciamo! è il grido, quasi alla Pappalardo, che si ode, nel silenzio ordinato dei campi percorsi dalla voglia di riprendersi quello che ci è stato sottratto: la libertà, fisica e mentale, di muoverci. Gianni Barone

ricominciamo

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / RICOMINCIAMO!

  • 7 Maggio 2020 in 16:59
    Permalink

    Quando la Bundesliga sarà finita noi saremo ancora qui a discutere e a farci dettare la linea dagli ayatollah della medicina.

  • 7 Maggio 2020 in 17:35
    Permalink

    E dai fedayiin del distanziamento sociale, nonché dai pasdaran delle case di riposo

    • 7 Maggio 2020 in 20:06
      Permalink

      E lasciami sfogare, e lasciami gridare, io senza calcio non so stare…… ricominciamoooo

  • 7 Maggio 2020 in 18:56
    Permalink

    be dai la fiorentina ne ha solo sei positivi ,si puo’ ricominciare ahahahah

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI