DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (54^ puntata) – DAL GOL DELLO ZOPPO AI 5 CAMBI

Luca Savarese(Luca Savarese) – Ci siamo. L’Ifab, International Football Association Board, ha dato il proprio lasciapassare per l’introduzione di due nuove sostituzioni per ovviare il dispendio di energie dei giocatori in tempo di post-pandemia da quando, ormai per paesi come Germania ed Inghilterra, è questione di giorni, riprenderanno i giochi. La proposta della Fifa è dunque stata sposata dall’Ifab. Si cerca ogni via anche nel calcio, per prevenire il diffondersi del virus. Modificata la Legge 3, che obbligherà però a compiere tutti i cambi (5) comunque in soli tre momenti di gara. “LInternational Football Association Board, ha accettato di apportare una modifica temporanea sulle leggi del gioco sulla base di una proposta ricevuta dalla Fifa che cerca di proteggere il benessere del giocatore”. Così, i cambi, diventeranno cinque. Se le regole della competizione prevedono un’ulteriore sostituzione durante i tempi supplementari (coppe europee), le due squadre disporranno di un totale di sei sostituzioni. Ma quando, nel pallone, si videro per la prima volta i cambi? Agli albori dello sport più popolare e bello al mondo, i cambi erano lontani anche solo dall’essere percepiti. Chi non ce la faceva fisicamente ogni tanto rimediava piazzandosi all’ala e capitava che la buttava pure dentro: era il cosiddetto gol dello zoppo. Robe da Ridolini, anche quando il portiere non ce la faceva: al suo posto dentro tra i pali un attaccante. Nel football dei pionieri, sotto il nome di football substitutions, comparivano quei giocatori aggiunti alla squadra, che non entravano in campo ma sostituivano gli interpreti se questi non fossero stati in grado di presentarsi in orario per il kick-off, il fischio d’inizio. Il primo cambio ha una data precisa: 11 ottobre 1953, un contesto: gara di qualificazione al mondiale di Svizzera 1954 ed un luogo, il Neckarstadion di Stoccarda. Qui è in programma la gara tra la nazionale di Germania e quella del Saarland, una nazionale che visse appena sette anni quale rappresentativa calcistica della Saar, all’epoca protettorato francese e che coincide con l’attuale stato federato tedesco del Saarland. Questa nazionale, detta la terza nazionale tedesca, dopo la Germania Ovest e quella Est, così effimera, era allenata da Helmut Schon, che fu poi stratega della Germania campione d’Europa nel 1972 e del mondo nel 1974. Non ci fu storia quella sera a Stoccarda, troppo più forti i padroni di casa, che segnano tre gol. Ma quello che passò alla storia fu il minuto 38. Richard Gottinger non ce la fa e deve uscire: al suo posto entra Horst Eckel. I cambi, avevano fatto il loro ingresso, è proprio il caso di dirlo, nella storia e nella geografia, nell’etica del pallone. Da Stoccarda, in modo abbastanza veloce, i cambi fanno il giro degli altri campi. In Italia è dalla stagione 1965-66 che si possono cambiare i giocatori. Il primo fu il portiere foggiano Moschioni, che al Comunale di Torino contro la Juve fu rilevato da Gastone Ballarini. Da quella 1968-69 ecco anche in panchina un giocatore di movimento, il tredicesimo. L’anno dopo, nel 1970, in occasione del mondiale messicano, ogni squadra può contare su cinque riserve, senza distinzione di ruolo. Due i cambi possibili. Si va verso la modernità. 1973-74: in Italia arriva anche un terzo giocatore in panca, il quattordicesimo, ma i cambi, restano due. Due novità porta in dote il campionato 1980-81: cinque sono i giocatori che una squadra può portare in panca, inoltre chi esce, non può più rientrare. Passano gli anni, escono obsolescenze ed entrano novità: 1994, ecco le tre sostituzioni con un vincolo: uno di questi deve essere il portiere. conte-doppio-cambio.jpgDall’anno successivo un surplus di libertà: i tre cambi, sono infatti svincolati dal ruolo. Intanto, progrediscono anche i supporti con i quali segnalare al direttore di gara le sostituzioni. Dalle primordiali e rudimentali pezze in stoffa si passa a delle lavagnette con numeri mobili da inserire di volta in volta da celeri addetti, antesignani degli attuali team manager, fino ai tabelloni completamenti elettronici di oggi. Non si sa se e quando terminerà la pandemia permarranno i 5 cambi, ma una cosa è certa: nessun gol dello zoppo 2.0. Ma semmai, un gol del quinto subentrato dalla panchina. Lo ricorda bene Sandro Vanello, ex mezzala, il primo metterla dentro da subentrato. Segnò infatti, portando in vantaggio gli scaligeri, dopo aver sostituito Bonatti, nel corso di un Napoli-Verona. Oggi entrare e segnare è normale, ma all’inizio fu un evento. Come, senza dubbio, lo saranno questi nuovi 5 cambi. Luca Savarese

#Cinquantaquattresima puntata Lunedì 11 Maggio 2020

7 pensieri riguardo “DIARIO DI UN’ITALIA IN(CORONA)TA, di Luca Savarese (54^ puntata) – DAL GOL DELLO ZOPPO AI 5 CAMBI

  • 11 Maggio 2020 in 23:11
    Permalink

    Finalmente D’Aversa potrà variare sui cambi, lui così rigido xD

  • 12 Maggio 2020 in 12:31
    Permalink

    Gli Ayatollah del Regime delle pantofole di lana e tutti i comitati di dottoroni e virologi (anziani pure loro), veri e propri mullah del credo della salute pubblica che quotidianamente ed in modo indefesso – come la pubblicità di Bertoli salotti – enucleano nuovi precetti del Dogma del distanziamento sociale (e della connessa decrescita gaudente e miseria felice) ieri sera hanno raggiunto la sintesi estrema, la sura dello “stare a casa”. IL DISTANZIAMENTO IN ACQUA QUANDO QUANDO (se dico io) SI FA IL BAGNO AL MARE. Forse i pasdaran, cioè i vari prefetti invieranno truppe di caramba con moto d’acqua ed elicotteri per verificare la distanza tra i bagnanti, o meglio sarebbero sommozzatori perché dico io se uno “molla” in acqua la relativa minzione o peggio “bisogno grosso” potrebbe avere una carica virale pericolosissima. Essendo il Regime pratico di pannoloni per incontinenti si potrebbe pensare di renderli obbligatori per accedere ai pubblici arenili, cosa che potrebbe un domani tornare utile anche in zona Voltoni della Pilotta fornendoli insieme al “baic sciaring” ai diversamente parmigiani non impegnati a catar su le tonache.

  • 12 Maggio 2020 in 16:16
    Permalink

    Amico mio non leggi la Pravda del Regime? C’è un articolo ben dettagliato su Repubblica sulle distanze da tenere in acqua. I sommozzatori dell’Arma sono già pronti a vigilare sugli eventuali galleggianti che il popolino tende a fare in acqua dopo pranzo. La carica virale dei siluri corporali è potenzialmente altissima e zelanti militi saranno fedeli alla missione. Resta da capire come saranno scoperte le minzioni.

  • 12 Maggio 2020 in 18:16
    Permalink

    Davide …Nr.1

    I-N-D-I-S-C-U-S-S-O

    PS
    Non ho letto la presa di posizione di PPC per le probabili misure di distanziamento sociale nella lounge del tardini nel classico momento del’arraffamento delle scaglie di grana nel prepartita.
    Se Caprazzucca prolungherà la quarantena a livello locale si dovrà parlare di P. Piocioni a Casa

  • 13 Maggio 2020 in 12:14
    Permalink

    Filippo, non scherzare. I 500 euri cacciati i PPC devono farli fruttare. Se gli Ayatollah della salute pubblica come sembra non riapriranno più gli stadi almeno fino alla caduta definitiva del Regime (saranno necessari un paio d’anni perché il popolo ridotto allo sbarbonamento felice si stanchi di dormire nei cartoni e riprenda in mano i propri diritti costituzionali), la società dovrà settimanalmente organizzare aperitivi senza assembramenti e beccate distanziate per compensare i PPCini. E’ gente che non fa il passo più lungo della gamba, fa le cose in modo oculato e quindi vanno ristorati. Almeno con qualche latta di conserva o due scatole di alici.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI