NO COLPI DI TESTA, il diario ispanico di Nicholas Barone / E IN SPAGNA C’E’ LA FASE 0…

valencia 001

valencia 000(Nicholas Barone) – Tana libera tutti. La fase 0 ha ufficialmente inizio. No, non c’è nessun errore di battitura (in ogni caso il mega direttore galattico lo avrebbe prontamente corretto). Qui in Spagna, infatti, la tanto amata Fase 2 la avremo, nella migliore delle ipotesi, tra 30 giorni, o giù di li. E quindi? Vi starete chiedendo cosa sta succedendo qui in terra Iberica. Bene, nonostante capisco siate persi tra mari di autocertificazioni da compilare, FAQ del Governo di difficile interpretazione e uccelli vari, proverò a riportarvi il quadro della situazione qui, in Spagna. Innanzitutto, i dati a ieri parlavano di 222.857 infetti, 26.299 deceduti e 131.148 guariti (fonte: EL PAIS); prendete questi numeri con le pinze perché, come saprete molto meglio rispetto a me, il numero dei contagi reali, tra asintomatici, persone non testate ecc… è sicuramente più alto. In ogni caso parlavamo di fase 0. Ma che è sta fase 0? Bene, innanzitutto bisogna dire che l’omologo spagnolo di Beppe Conte (adesso credo che tutto abbiamo imparato a chiamarlo col suo vero nome senza ricorrere, in modo AGGHIAGGIANDE, avalencia 002 quello dell’altro Conte) ossia Pedro Sanchez, gli ultimi giorni di aprile ha comunicato il piano spagnolo di “desescalada de la vuelta a la normalidad” (scalata verso il ritorno alla normalità, dai si capiva!). Questo piano prevede diverse, per l’appunto, fasi. Ed ecco che ritorna la nostra amata fase 0. Infatti, il primo periodo (che dovrebbe estendersi fino all’11 Maggio), in modo abbastanza contro-intuitivo, è stato denominato fase 0. Vabbè! Ma cosa ci è permesso fare e cosa no? Sostanzialmente le misure adottate sono simili a quelle della famigerata e attesissima fase 2 italiana, seppure con alcune importanti peculiarità. In particolare, i ristoranti restano a disposizione solo per servizio a domicilio e di asporto (in realtà, nella maggior parte dei locali, questo è stato possibile sin dall’inizio della quarantena). Una novità che, ascoltata dal punto di vista italiano, può sembrare rivoluzionaria e salvifica: le peluquerias (parrucchieri) hanno riaperto solo su appuntamento; in ogni caso ho deciso, per solidarietà nei confronti della mia terra natale, di mantenere la mia capa bella tanta. Ma il cambiamento, forse, più importante introdotto a partire dal 2 di Maggio è stata l’introduzione della possibilità di allenarsi all’aria aperta e di fare passeggiate. Tuttavia, sono state introdotte modalità e valencia 004limitazioni in questo ambito molto innovative e che, credo, siano un modello apprezzabile. Infatti, il Governo spagnolo ha suddiviso la giornata in diversi intervalli temporali all’interno dei quali solo determinate persone possono uscire di casa: in altre parole, le persone maggiori di 70 anni potranno uscire nelle fasce 10-12 e 19-20; i bambini fino a 14 anni dalle 12 alle 19; infine, la restante parte della popolazione (di cui modestamente faccio parte) sarà sguinzagliata dalle 6 alle 10 del mattino e dalle 20 alle 23. Sinceramente la notizia di questi provvedimenti l’ho accolta in modo estremamente positiva: infatti, dopo 49 giorni di reclusione, la possibilità di uscire di casa per andare ad ammirare l’alba in spiaggia è qualcosa di fantastico. A proposito, devo dire che ritornare a vedere persone circolare per strada in modo, quasi, normale è un qualcosa di molto particolare. La cosa più strana è che, ripensando a tutte le cose fatte nel primo semestre, mi sembra impossibile anche solo immaginare che un giorno potremo tornare a viverle. Voglio dire, ora non mi immaginerei di andare a vedere una partita allo stadio, ascoltare un concerto dal vivo al radio city o, più banalmente, fare una bella carbonara tra amici; tutte cose che, fino a 3 mesi fa, mi sembravano del tutto normali e scontate (SDONG).
valencia 006Il progetto del Governo Spagnolo prevede, in totale 4 fasi: come detto adesso siamo nella fase 0 dopodichè, ogni comunità autonoma (simili alle nostre Regioni) dovrà richiedere al Governo la possibilità di accedere alla fase successiva dimostrando di avere i requisiti necessari (posti letto ospedalieri disponibili; basso aumento di contagi ecc…); tuttavia tra una fase e l’altra dovranno passare, almeno, 15 giorni. Perciò, l’esecutivo trainato dal PSOE (Partido Socialista Obrero Espanol) ha optato per una ripresa asimmetrica permettendo, a mio avviso molto intelligentemente, di ripartire considerando le peculiarità di ogni zona. Per quanto riguarda la Comunidad Valenciana, la fase 1 dovrebbe partire l’11 Maggio, data a partire dalla quale si potrà, tra le altre cose fare: apertura di bar esclusivamente con tavoli all’aperto e con posti a sedere limitati; incontri tra un totale di 10 persone; apertura dei luoghi di culto permettendo che si raggiunga solo il 30% della capienza massima; spettacoli culturali con meno di 30 persone in spazi chiusi. In ogni caso è fatto salvo l’obbligo di mantenere la distanza di sicurezza e, ove non sia possibile, di utilizzare dispositivi di protezione come mascherine e guanti. Se tutto procede secondo i programmi (nutro molti dubbi in proposito), verso fine Maggio si dovrebbe entrare nella terza fase (cioè la 2) che prevede un maggiore allentamento delle misure di limitazione della mobilità: in particolare, si valencia 007potranno riaprire ristoranti (sempre prevedendo limitazioni di capienza massima), si potrà tornare a sposarsi (non so perché, ma mi fa ridere questa cosa…), si potrà raggiungere le seconde case ecc… Dopodiché, la Fase 3, l’ultima, permetterà un ulteriore rilassamento essendo prevista la riapertura delle spiagge non solo per svolgere attività fisica o camminate oppure l’eliminazione delle limitazioni per quanto riguarda la capienza massima di bar e ristoranti. Tutto per approdare, nella migliore delle ipotesi, in otto settimane alla agognata nuova normalità. Mannaggia, otto settimane vuol dire fine Giugno che coincide con il periodo in cui dovrei ritornare in Italia. In realtà, la normalità a cui eravamo abituati credo ritornerà tra molto tempo (non prima che si trovi un vaccino o comunque una cura efficace). E quindi? E quindi ci toccherà imparare a vivere nella NUOVA normalità che, in ogni caso, sarà diversa. Dovremo imparare ad apprezzare le mascherine come nuovi capi di vestiario, dovremo convivere con i guanti ben infilati nelle mani. Bisognerà evitare di parlarsi a 0 cm li uni dagli altri (il mi’ babbo credo sia entusiasta di questa cosa). Nel frattempo, a me basterebbe poter tornare ad assaggiare una buona paella valenciana o de marisco, decidete voi, ascoltando un “joder” o un’ “hostia” provenire dal tavolo affianco. Mah! Chissà… Nicholas Barone

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “NO COLPI DI TESTA, il diario ispanico di Nicholas Barone / E IN SPAGNA C’E’ LA FASE 0…

  • 9 Maggio 2020 in 01:08
    Permalink

    Il programma della Spagna è un programma serio, equilibrato e con orizzonti ben definiti, tutto il contrario della nostra confusione.

  • 9 Maggio 2020 in 15:15
    Permalink

    Oggi e domani sono due giorni fondamentali. Gli Ayatollah della salute pubblica a ogni costo, supportati dai pasdaran (i vari sindachetti e prefettini) e dalle truppe cammellate della stampa, strepiteranno, starnazzaranno di gente in giro, di “assembramenti”, di aperitivi che sono uno scandalo mentre “muore della gente negli ospedali” (anche se vorrei ricordare che purtroppo muore sempre gente negli ospedali non da febbraio 2020), il tutto per cercare con un colpo di coda di riportare le lancette a metà marzo e dare nuova forza al Regime delle dentiere con nuove restrizioni e “locdaun”. Dobbiamo resistere, il tentativo non andrà a buon fine perché il popolo attivo (non quello in pantofole) ha raggiunto il limite e spazzerà via ogni tentativo dei vari Hitler dei domiciliari di massa di rinchiuderci di nuovo. L’Italia non è un paese per giovani (citando un orrendo film che a sua volta prendeva spunto dal capolavoro dei fratelli “Coen”) e questo si sapeva. Il presidente della repubblica è un pluri ottuagenario, nei ruoli apicali delle imprese e delle professioni imperano cariatidi, il ricambio generazionale non esiste. Era quindi ovvio che il Regime dei nati senza televisione (cit. Luca Carboni) ignorasse la scuola (ci vanno i giovani) e assurgesse al ruolo di nemici della salute pubblica (unico interesse per gli anziani) e quindi del popolo i simboli della gioventù: lo sport e gli aperitivi. Ça va sans dire che andare ai Navigli a fare l’ape non interessa agli over 70, così come andare in palestra o dal barbiere (la % di pelati aumenta con l’aumento dell’età) e così come fare sport. Che il popolo fino alla mezza età resista e tanga duro perché questo fine settimana è il nostro sbarco in Normandia per rispedire Venturi e Galli in pensió.

  • 9 Maggio 2020 in 20:07
    Permalink

    intanto caro davids la piantumazione del pomidoro sta procedendo a gonfie vele in questo periodo ,come lei ben sapra’, nonostante la grande moria delle vacche nostrane di quest’anno si prevede un ottima raccolta dell’oro rosso, i buslottari da baselganova a sorbel da selsmagior a roncole verdi sono in fermento ,prevedo campania acquisti di fagiano alla san marzano

  • 9 Maggio 2020 in 21:56
    Permalink

    Amico mio ma la mani d’opera per catar su le tomacche dove l’hanno trovata che anche i diversamente parmigiani erano chiusi in casa e bloccati dalla ronde della Stasi del distanziamento sociale?

  • 10 Maggio 2020 in 09:27
    Permalink

    No no quelli girano col le baic sciaring che baitmen gli mette a disposizione in viale vittoria (declassata in viale pareggio), se nk come fanno a rifornire di “basilico” i sugaioli parmensi, e ho detto sugaioli per errata corridge ve

  • 10 Maggio 2020 in 16:50
    Permalink

    Amico mio lo sai che noi del popolino li chiamiamo buslotari ma i per i dottoroni sono “bottling end canning food processing”. Che uno pensa alla NASA non a 4 macchine per inscatolare le tomacche e fare i cartoni (che adesso a seguito del Regime della miseria felice saranno utilizzatissimi e riciclati anche come letti per la gioia degli ambientalisti, ovvio quando si potrà uscire perché il barbonaggio implica va da sé il NON stare a casa).

  • 10 Maggio 2020 in 18:08
    Permalink

    sai per via del CNOU AU ,siamo o non siamo la fud vallei

  • 11 Maggio 2020 in 09:38
    Permalink

    Joe amico mio infatti sembra che la Nasa per la prossima missione su Marte stia studiando la tecnologia dei buslotari e cartonai di Ponte Caprazucca. Oltre a pillole di conserva e alici piccanti x gli astronauti.

  • 11 Maggio 2020 in 11:32
    Permalink

    e farebbe bene la NASA, la tecnologia di food & beverage (toh, goda cl’ingles chi) che si produce a Parma è la migliore del mondo!

    D’altra parte, disprezzando il tomachi non beffeggiate solo i bussolari, gli avvocatoni & pelatoni vari, ma anche la tradizione popolare.
    Ricordate la canzone folk i cui versi narravano le fastidiose (per lei) vicende di tale Rosina che gestiva il suo orto e quando andava a cater su il tomachi (la Rosina eh, mica Mutti con lo Scania) le andava una pluga in t’il ciapi? Dio la maledisà (c’la pluga).

  • 11 Maggio 2020 in 17:48
    Permalink

    La nasa la ghentra con majo, con cla canapie li ghe mel che cape canaveral

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI