SPADADENTRO

SPADAFORA FACEBOOK(ST) – Dopo il (deprecabile) post su Facebook dell’altra sera che aveva dato la stura a non poche critiche, il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora si è reso protagonista di una inversione di pensiero di circa 180° la sera (notte) successiva quando, a suo modo, ha teso la mano al calcio nel corso di un intervento in diretta nella trasmissione in onda su RAI 1 “Frontiere”, intervistato dal giornalista Franco Di Mare: “Abbiamo confermato la road map, il 4 Maggio sono ripresi gli allenamenti degli sport individuali, il comitato tecnico-scientifico ha esteso questa possibilità anche agli atleti degli sport in squadra che devono però lavorare singolarmente. Dal 18 maggio, quando sarà approvato il protocollo FIGC dal comitato tecnico scientifico potranno riprendere gli allenamenti di squadra. Sono convinto che in questa settimana arriveremo a una decisione, il primo protocollo FIGC era sicuramente un buon lavoro ma c’erano diverse precisazioni da fare, il comitato lavora su tanti aspetti ma anche quello dello sport e del calcio sarà 200309-vincenzo-spadaforatenuto in ampia considerazione. Mi auguro vivamente che il campionato riprenda, sarebbe surreale per un ministro dello sport augurarsi il contrario. Deve avvenire però tutto in sicurezza, i toni di questi giorni sono dovuti anche a chi ci chiedeva incessantemente una data: non siamo in grado di dire se a Giugno si ripartirà, sarà importantissimo valutare cosa accadrà in queste due settimane, come si comporterà la linea dei contagi. E’ ovvio che mi auguro una ripresa del campionato, se la pandemia non lo consentirà sarà il Governo a decidere lo stop, ma anche come sostenere le società di fronte a quello che sarebbe un grave danno. E’ comunque fuori discussione che l’eventuale ripresa dei campionati di questa stagione avverrebbe a porte chiuse.
spadafora corseraPoche ore prima il responsabile del dicastero sport del Governo Conte aveva concesso una lunga intervista esclusiva al Corriere della Sera, in cui sostanzialmente aveva espresso ai giornalisti Daniele Dallera e Guido De Carolis i medesimi concetti (in certi casi usando persino gli stessi aggettivi, tipo “surreale”. Eccone una sintesi:
«La maggioranza degli italiani non vede di buon occhio la ripresa del campionato. Ma io non bado in questo momento ai sondaggi. Il calcio è un mondo importante del Paese, lo conosco bene a differenza di chi vuol far passare un messaggio diverso. Legittimi gli interessi economici, ma quando si va su altro tipo di attacchi, pressioni e strumentalizzazioni, questo atteggiamento non fa bene a nessuno…
Non esiste una mia contrarietà, ma la volontà di valutare la ripartenza solo se si salvaguarda la salute delle persone all’interno del gruppo squadra. Poi rivendico pari dignità con gli altri sport e gli sport di base. Tutelo talmente tanto la ripartenza che ho convocato io la prima riunione con Figc e Leghe per cercare una soluzione. Ricominciare a giocare pone una serie di questioni legate a trasporti, alberghi, a centinaia di persone che si muovono. Di chi è la responsabilità? Il protocollo dovrà definire anche questo…
Non mi sono sentito scavalcato dai Governatori: ognuno si muove guardando i propri territori. Il calcio non è il primo caso in cui Governo e Regioni non sono totalmente allineati… Rivestire una responsabilità istituzionale è diverso da fare solo politica. Tocca al governo decidere se ci sono le condizioni per riprendere. Poi come farlo, intendo con quale formula e calendario, lo stabilirà la Figc. Anche il calcio però deve vivere una nuova stagione, autoriformarsi, pensare di rivedere il proprio sistema, capire se è in linea con quel che accade nel Paese, deve rigenerarsi…
Non tocca assolutamente neppure a me (come a Gravina, presidente FIGC, ndr), fare il becchino del calcio: farò di tutto per ripartire. Se il Governo sarà costretto, spero di no, a stabilire che non ci sono le condizioni il mio sforzo sarà duplice: limitare i danni economici per le società e sostenere tutto il mondo dello sport. Tra risorse ordinarie e straordinarie investiremo circa 1 miliardo per il settore nel suo complesso. Le eventuali  cause legali se non si riprende? È una preoccupazione di Figc e Coni. Stiamo prendendo in considerazione la questione, ma spero di ripartire e non doverlo affrontare. Quando dico aspettiamo si replica che voglio chiudere il Campionato. La mia non è un’attesa irriverente, menefreghista o per tirare a campare. Ora non siamo in grado di dire quando ripartire. Il 17 maggio dovrebbe esserci un consiglio europeo dei ministri dello Sport per confrontarsi proprio su questo.
La road-map? Il 4 Maggio ripresa allenamenti individuali, il 18 dei collettivi (nel rispetto del protocollo) ed entro fine Maggio si potrà dire
se riprendere o no la serie A. Insomma un po’ di pazienza bisogna averla. Altrimenti, come avevo detto provocatoriamente, l’alternativa è fare come la Francia e chiudere, ma io non voglio questo. Oggi come posso dire se il 14 Giugno il campionato potrà riprendere? Non lo so, perché non ho gli elementi scientifici e non perché sia contro.
Il mio fastidio è verso qualche dirigente sportivo o politico che butta benzina sul fuoco, mostrando una mancanza di unione di intenti. Nessuno tra i politici che mi attacca vorrebbe essere al mio posto. Dimissioni? No, andrò via quando finirà l’esperienza di governo. Chiunque auspica qualcosa di diverso è male informato…
Ricordo due provvedimenti del prossimo decreto: i 100 milioni già annunciati del credito sportivo e il 70% per le associazioni dilettantistiche, mutui a tasso zero. Vi anticipo che stanzieremo un fondo straordinario, a fondo perduto, per le società di base».
vita spericolata di spadaforaPur titolando questo servizio Spadadentro cioè dentro Spadafora, al contrario di altre testate partigiane della ripresa, preferiamo non entrare così dentro, come fa il Corriere dello Sport Stadio, che va a ravanare, in questioni personali e pregresse del Ministro dello Sport: un modus operandi che non condividiamo anche se riservato a chi poche ore fa con l’antipatico post su Facebook se l’era andata a cercare come il freddo per il letto: ma la delegittimazione dell’avversario non rientra tra gli attrezzi di una disputa che dovrebbe mantenersi, a nostro modo di vedere e di operare, sempre sopra la cintura, mostrando la validità dei propri argomenti senza scadere coi mezzucci.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

13 pensieri riguardo “SPADADENTRO

  • 5 Maggio 2020 in 13:36
    Permalink

    Uno degli aspetti più deprecabili connessi alla presa di potere a far inizio da febbraio del Regime del semolino (oltre allo #starein casa ed alla incipiente e felice miseria collettiva) è la così detta “solidarietà”, che nel 99,9% dei casi è una pubblicità gratuita a favore del piocione donante. Come c’era da aspettarsi visto il pubblico di riferimento (più interessato alle ultime due pagine del giornale che al resto) il foglio informativo Upino è sempre in prima linea nell’elogiare sia le prove di forza delle “forze dell’ordine” di stampo sovietico nei confronti degli avvelenatori a zonzo, sia la “generosità” dei vari soggetti (spesso hai visto mai membri di Ponte Caprazucca). Stamattina si è sfiorato il ridicolo con la celebrazione di una nota azienda che svolge servizi di “autosorcing” di rilevanti dimensioni che ha donato 100 pc (ricondizionati, ovvero usati) alle scuole. Facendo i conti della serva, ovvero una media di 200 euro a pc (e sono pure tanto per un pc usato) il generoso mecenate (azienda che oltrepassa i 100 milioni di fatturato e ha come soci numerose banche) avrebbe donato la bellezza di 2.000 euro. Io fossi in loro mi vergognerei, ma soprattutto mi vergognerei di farmi fare anche pubblicità con un’iniziativa micragnosa di questo tipo.

  • 5 Maggio 2020 in 13:49
    Permalink

    Si si errore di battitura ho dimenticato uno zero 20.000. Alla Caritas diocesana privati fanno di più, siamo al ridicolo.

  • 5 Maggio 2020 in 13:51
    Permalink

    E chi ha voglia si legga la compagine azionaria del mecenate. Credo che meriti ad oggi il premio piocione d’oro, con tanto di bastone retrattile per compensare il braccio inesistente. Con l’aggravante di essersi anche andati a cercare gli applausi. Ridicoli.

  • 5 Maggio 2020 in 18:41
    Permalink

    I grillini sono diventati dei buoni democristiani: dicono tutto e il contrario di tutto!

  • 5 Maggio 2020 in 20:29
    Permalink

    E due, con sta “stura” mi sovvien il pié di monte e le langhe l’annunzio e la notula, scrivete come mangiate per diana! Dea della caccia

  • 5 Maggio 2020 in 21:51
    Permalink

    E la trifola d’Alba l’at vena gnanca pù in ment?
    Non hai neanche citato Cesare Pavese…va’ la’ la’ va’

  • 6 Maggio 2020 in 06:50
    Permalink

    Cogito ergo sum, benso ergo cavour

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI