A TU PER TU CON PIER PAOLO CATTOZZI, CHE ANNUNCIO’ SULLA RAI LA PRIMA PROMOZIONE DEL PARMA IN A: “NACQUE UNA NUOVA CULTURA DEL CALCIO”

cattozzi intervista ceresini 1990

Luca Savarese(Luca Savarese) – Un fiume in piena che ha proprio voglia di straripare la sua acqua di ricordi cristallini. Allora, volentieri, mi sono lasciato irrorare. Ecco perché a uno come lui sfugge l’intervista strictu sensu, e dall’altra parte del telefono, mentre lo senti, hai a che fare con uno il cui pensiero corre più veloce della parola. Altro che intervistato, ecco un vero e proprio mattatore. Pierpaolo Cattozzi, nato il 29 luglio del 1939, questo pomeriggio mi ha concesso questa intervista. Anzi no, regalato questo saporito spaccato di vita.

Il Parma è in serie A per la prima volta nella storia ed in anticipo sulla fine del campionato, più che giustificata quindi la marcia trionfale sulle note del concittadino, piu amato dai parmigiani. Non si offenda però il cigno di Busseto se per dettare il ritmo del suo forsennato pressing, Nevio Scala, grimpeur dell’olimpo pedatorio, ha fatto ricorso più alla Lambada, il ballo del momento, che alla verdiana Forza del destino”… Così lei annunciava agli italiani, 30 anni fa, sui canali Rai, la prima storica promozione del Parma in serie A. Una perla, incastonata nella memoria dei racconti sportivi

PIER PAOLO CATTOZZI 90°Io ti ringrazio perché è stato veramente emozionante risentire quel pezzo, mi è piaciuto – devo dirlo – confezionarlo quella volta, d’altronde in campo c’erano Parma e Reggiana: del Parma avevo già assaporato una stagione interessante, anche se io io seguivo principalmente la serie A per novantesimo minuto. A dicembre, prima della sosta, si giocò Parma-Messina, al Tardini (fu un 2 a 2, nda). Era ferma la A, quindi la Rai concedeva il palcoscenico di solito preposto per Novantesimo alla B e naturalmente l’inviato ero io che alla fine concludevo sempre con qualcosa di mio. Quella volta dissi “Segnatevi questi due nomi Apolloni e Schillaci, ne sentirete parlare”. Me lo ricordò poi, qualche anno dopo, il mio grande amico di una vita, Franco Scoglio, che aveva inventato il movimento eolico, essendo nato nelle Eolie a Lipari. Questo per dire, che fermento c’era. Apolloni è un ragazzo d’oro oltre ad essere un campione, ma poi in quella rosa c’era anche Luca Bucci, non titolare ma si vedeva la stoffa che riuscì ad esprimere poi nelle stagioni successive; poi Gambaro, Sandro Melli, che fu capocannoniere di quella formazione, Tarcisio Catanese, un centrocampista che teneva insieme la squadra, ma non posso dimenticare anche Daniele Zoratto, che aveva un fisico alla Messi ma un autorevolezza all’Adriano, l’imperatore. Zoratto era un imperatore in campo. Fu una stagione bellissima che io vidi di contorno, alla domenica non lo seguivo direttamente il Parma, se non quando era ferma la serie A. Ti dico un altro episodio significativo: il giorno della presentazione di Taffarel, in piena estate, eravamo al Tardini tutti quanti, giornalisti, inviati, cronisti dall’estero, tifosi. Scala improvvisò una conferenza in mezzo al campo; qualcuno gli chiese se al primo anno di A giocassero per la salvezza, lui con il suo cipiglio di viticoltore, di uomo che sa cosa vuol dire coltivare qualcosa, disse, fermo, deciso: “No giochiamo per l’Uefa, per la qualificazione in Europa”. Andammo via tutti con un sorriso sulle labbra. L’anno dopo si qualificò veramente, dando il là ad un’epopea straordinaria. Scala aveva un’autorevolezza ed allo stesso tempo una modestia che metteva a proprio agio tutti: in questo mi ricordava il mago Helenio Herrera, che rispondeva a tutte le domande, ma amava quelle più intelligenti. Poi vorrei ricordare anche l’amabilità di Ernesto Ceresini. Da quel nucleo di quella prima promozione nacque una cultura del calcio che non era però fuori dagli schemi tipici parmigiani. Quel calcio è connesso con tutto ciò che a Parma si fa, dal Parmigiano a tutte le altre produzioni. E’ un modo di essere. Quando andavamo in giro, trovavamo sempre un riferimento al Parma. Mi ricordo nella gara in Spagna a Madrid contro l’Atletico (gara d’andata di Semifinale di Coppe Coppe 1993, nda). Il Prado assalito dai tifosi parmigiani, sembrava di essere a Parma: i parmigiani che guardavano i quadri del loro concittadino Parmigianino e il ritratto di Elisabetta Farnese. Questo è tipico dell’essere parmigiano. Come fu poi, da quella stagione in poi, col calcio”.

A proposito di grimpeur, anche lei, è stato un grande scalatore della parola, sin dai tempi del Guerin Sportivo dove era inviato speciale sotto la direzioni di Gianni Brera…

Be’ si, la parola grazie anche ai miei studi classici, l’ho sempre coltivata. Non l’ho mai detto, ma a distanza di anni tutti sono diventati, una volta morto Brera, allievi di Brera. Ecco non so se posso definirmi allievo di Brera, ma è certo che fu mio direttore per sette anni al Guerino, con l’editore il conte Rognoni, e Brera, ti garantisco, io lo seguivo in tutto”.

1973 pier paolo cattozz video giornale di telereggioFondamentali furono anche le sue esperienze a Tele Reggio e a Retemilia 81, di cui era stato fondatore e direttore…

Per questa esperienza ho un ricordo partigiano più che parmigiano… Il direttore  e fondatore di Radio Parma, Carlo Drapkind, mi contestò sempre la primogenitura della prima televisione via etere. Io ho fondato Telereggio, fui secondo solo a Peppo Sacchi, fondatore di Tele Biella via cavo. Io feci Telereggio via cavo. Su cavo si riusciva ad arrivare solo a dieci metri di distanza, poi andammo via etere, però Drapkind fu un generoso, anche se mi ha sempre contestato quella primogenitura. Alla fine gliela concedevo, però, ti garantisco, che Parma è sempre stata sugli scudi, anche nelle radio, io facevo la tv, ma come radio fu all’avanguardia: Radio Parma fu la prima e formò anche tanti professionisti importanti”.

Oggi per usare una felice espressione di Gigi Garanzini siamo immersi nel fast foot, calcio veloce, propinatoci alla velocità della luce e quasi ad ogni ora. Novantesimo minuto, di cui lei è stato voce e volto, resta ma come Nottola di Minerva, sovrastato dalle abbaglianti pay tv Tanta quantità, ma forse chi ne risente di più è la qualità stessa?

Mi stai inseguendo sulle note di un linguaggio aulico anche per il calcio… Sai in Rai, non si poteva scherzare sul calcio: il calcio era cosa tremendamente seria, quasi più della politica…  Garanzini non è stato il massimo dei miei ideologhi della dea Eupalla, ma questa volta ha ragione: il calcio di oggi è troppo fisicamente perfetto, certo ci sono anche tante nuove componenti, atleti che mangiano meglio, i genitori di questi atleti che mangiano a loro volta meglio dei nostri genitori d’antan, alimenti diversi, più selezionati, tutto è più performante oggi. Anche gli stessi gol sono alla velocità incredibile e non perché il nastro è accelerato. Anche perché prima c’era una lentezza superiore, oggi grazie agli strumenti, li riusciamo a seguire da ogni angolo a velocità naturale, ci sono dei gesti atletici diversi, forse anche perché il pallone di allora aveva le cuciture e una sostanza non proprio di pelle. Oggi, pur mantenendo lo stesso peso regolamentare, i palloni assumono traiettorie che acquistano e mantengono potenza, mentre una volta i palloni appesantiti dalla pioggia e dall’erba, finivano sbucciati. Poi oggi i campioni, anche nella memoria collettiva, si citano sempre i soliti. Ma Sivori ragazzi, mi da fastidio che non venga mai citato. Colgo l’occasione per invitare i miei 12 lettori, per vedere, per leggere soprattutto, le stupende cose che sapeva fare col pallone Omar Sivori”.

Oggi dove Pierpaolo Cattozzi è inviato, su quello stadio particolare chiamato famiglia?

Si oggi seguo la mia famiglia, ma devo dire che l’ho sempre seguita. Io sono stato assunto in Rai nel Gennaio del 1987 da Biagio Agnes, perché avevo conosciuto il direttore di Rai 1 Lucio Fava, avevamo fatto alcune conferenze insieme, mi chiese se me la sentivo di venire in Rai. Grazie al suo interessamento arrivai in Rai e me lo comunicarono a gennaio. Io, allora, facevo, Retemilia 81, la prima emittente non comunista nella regione più comunista d’Italia, come ebbe a definirla il Resto del Carlino, un emittente cattolica ad indirizzo umanistico, era l’81. Fu una bella sfida, dopo andai in Rai, mi chiamarono a Roma. Io dissi ad Agnes che avevo due figli e che non potevo allontanarmi tanto. Poi a Bologna non mi volevano, c’era un comitato di redazione molto contrario a visioni cattoliche. Agnes mi propose due scelte: Firenze o Venezia, andai a Firenze, perché mia moglie non voleva che mi trasferissi al Tg1 a Roma per la famiglia, scelsi dunque il posto dove potevo andare e venire anche in giornata e scelsi così Firenze e feci Novantesimo come inviato del Tg1”.

Infine un suo ricordo su Beppe Barletti, suo collega, che ieri ha iniziato, in cielo, il suo dopo partita…

beppe barlettiDunque Beppe Barletti è stato un professionista serio, all’antica, poteva sulle prime non risultare subito simpatico; io lo conosco più come personaggio televisivo che non personalmente. Su Facebook vedo che lo hanno ricordato tanti, ma non solo per ricordarlo retoricamente, ma con molta sincerità ed attenzione. Con Barletti a Torino lavorò anche l’inviato e pittore di Verona, Ferruccio Gard. Quando arrivai a Novantesimo si facevano ancora le riunioni. Lui non veniva, venivano Carino, Castellotti, ed erano riunioni importanti con annesse rimpatriate a tavola e quando stai insieme cresci, le riunioni con Paolo Valenti erano eccezionali. S’imparava sempre qualcosa. Io cercavo sempre di osare negli interventi. Valenti spesso diceva: Cattozzi commenta durante la partita e poi alla fine fa un titolo e va via. Necco, in crociera, assieme alla Gazzetta dello Sport, dopo aver fatto i suoi interventi sul Napoli, diceva: se volete parlare di calcio, vi passo Cattozzi. Se si fa la tv, la tv si vede, un gol lo vedi, un’azione la vedi, devi quindi aggiungere sempre qualcosa. In radio, invece, dove non vedi, devi avere un ritmo più alto ma togliere, essere più asciutto. Ho cercato sempre di non essere solo meramente cronachistico. Barletti lavorò molto anche a Stadio Sprint. Erano domeniche intense e io, grazie al Parma, avevo il lavoro agevolato, ero vicino a casa, andavo a montare tutto a Bologna, e poi tornavo a Firenze. Ero l’unico che a Novantesimo faceva tutte le domeniche, a parte i conduttori, lo facevo davvero tutte le domeniche. Essendoci ad un certo punto, un agglomerato di squadre di A in Emilia-Romagna: Parma, Piacenza, Reggiana, poi Modena, Bologna e Cesena”.

Hai dato la stura al mio baule degli aneddoti. Poi, per di più siamo stati chiusi tanto in casa in questi mesi. Abbiamo fatto dimestichezza con i ricordi”.

Una dimestichezza, che sinceramente, non solo ci ha fatto piacere ma ci risulta, anche, utilissima.

Si accanto a certi fiumi che irrompono, tu non puoi proprio rimanere asciutto. Luca Savarese

2 pensieri riguardo “A TU PER TU CON PIER PAOLO CATTOZZI, CHE ANNUNCIO’ SULLA RAI LA PRIMA PROMOZIONE DEL PARMA IN A: “NACQUE UNA NUOVA CULTURA DEL CALCIO”

  • 31 Maggio 2020 in 23:27
    Permalink

    Mitico Cattozzi! Sono cresciuto seguendo il Parma grazie a lui 😀

  • 1 Giugno 2020 in 08:55
    Permalink

    Io me lo ricordo per le telecronache della reggiana, quando il derby era del grana e si giocava al marabù

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI