CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IL CALCIO RIPARTE, MA NON RIAPRE GLI STADI E LA MENTE

gianni barone fase 2(Gianni Barone) – L’unico settore al mondo che si può permettere il lusso di ripartire, senza riaprire al pubblico, è il calcio. Mondo molto strano, quello del pallone, che si accinge al grande freddo giocato al caldo, con tanto di distinguo e prescrizioni. Si sperava che almeno le polemiche e le discussioni si placcassero e invece proprio colui, che ha compiuto l’impresa di mettere d’accordo tutti su date e ripresa – il presidente federale Gabriele Gravina – se ne esce con una serie di attacchi al veleno verso chi, a suo dire, aveva voluto, con ogni mezzo, ostacolarne il cammino «della speranza» di rivedere in campo le squadre del massimo campionato. «La crisi è la più grande benedizione per le persone e per le nazioni, perché porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l’inventiva, la scoperta e le grandi strategie». einstein da i numeri relativiCosì, a margine della sua relatività, Einstein se ne uscì, in un impeto di saggezza, per invogliare a fare meglio e non aspettarsi il peggio in seguito a periodi bui, come quello che stiamo vivendo. Invece Gravina, a cui tutti riconoscevano il merito di averci creduto fino in fondo, perde la grande occasione per provarci e preferisce virare verso altre posizioni tirando in ballo cialtroni, filosofi dell’avvio, anfitrioni dell’emergenza, musici del tutto non si può fare e teorici del piano B, che hanno disturbato e accompagnato questo cruciale passaggio. zorro_bernardoSe (dubitativo), come diceva Antonio Albanese, a Celentano i testi li scriveva Bernardo, il servo muto di Zorro, a Gravina sembra che gli interventi li abbia direttamente suggeriti l’Avvelenata di Guccini. A proposito di «Un musico fallito, un pio, un teorete, un Bertoncelli, un prete a sparare cazzate». avvelenata gucciniNon mi sembra che il Presidente, attaccando tutti, senza fare nomi (tanto ci ha pensato qualcun altro a farli, verro Zazzaroni?), le cazzate le abbia lasciate ad altri e, come qualcuno ha sottolineato, non è che abbia avuto tanto rispetto, pur non condividendone le idee, con chi aveva predicato cautela davanti ad un’emergenza non inventata da anfitrioni, musici o cazzari e teoreti, anche se i negazionisti sfilano e non mancano. Il cialtronismo di cui parla sembra quasi essere rivolto a tutti, lui compreso, in un mondo in cui i furbastri non mancano di certo. gabriele gravinaUna caduta di stile che qualcuno ha pure apprezzato derubricandolo alla voce «sassolini nelle scarpe da togliere», mentre molti hanno stigmatizzato, sullo stile della Rosea – non a caso edita dal Profeta del No (per interesse) Urbano Cairo –  che, per penna del vice direttore (non so se esecutivo come me) Andrea Di Caro  ha in siffatto modo bacchettato «La ripartenza è un’opportunità che salverà il pallone da cause legali e attenuerà la crisi economica, ma evitare enfasi e offese lo avrebbe calcolato pure l’algoritmo». ivan zazzaroniIl quale algoritmo della discordia – che in caso di cristallizzazione della classifica, nel quadro del piano C – dovrà tenere conto di diversi fattori per proiettare la classifica, al momento dello stop, fino alla fine del campionato, già scandalizza i teorici del teorema di Turing oltre che il solito Zazzaroni, solitamente pro-Gravina, il quale afferma senza mezzi termini «Algoritmo no! Limitiamo le perversioni». algoritmoE limitiamole, quindi, in quanto sappiamo che per le scienze non esatte come il calcio – che vive d’imprevedibilità – un coefficiente d’applicare, sia quanto di più assurdo possa esistere: ma non basta la media punti? Ma ora è presto per andare a strologare, siamo alla vigilia del piano A e dobbiamo rispolverare il calcese che abbiamo abbandonato in Marzo, nella speranza di non averlo dimenticato o rimosso del tutto. La riapertura del calcio è solo ripartenza (tanto per rimanere in tema di calcese, anche se non nella accezione del vituperato contropiede), lupa capitolinacome detto all’inizio, che i più tenaci hanno voluto e ottenuto alla faccia degli scettici che magari ancora nutrono la speranza che vi sia un qualche inciampo (che per altro avrebbe ricadute pesantissimi non solo sul carrozzone, ma anche sulle serie e/o sport minori che a quella mammella sono attaccati come i gemelli a quelle della lupa capitolina). Riaccendere il calcio, pur in mancanza di pubblico, con gare giocate in estate e a cadenza ravvicinata vuol dire avere avuto il coraggio delle scelte, indubbiamente, però, cambiare con riforme che ne migliorino sia le finanze che la gestione, sembra essere un esercizio alquanto difficile da recepire e supporre visto i numerosi fronti estremi che, ancor prima di partire, già si sono aperti. I kulusevski juve nedvedcontratti e i prestiti da prolungare sono nodi che, al pari della riduzione o sospensione degli stipendi dei calciatori attuata nel periodo del lockdown, non potranno che essere sciolti con accordi individuali e non collettivi come auspicato dall’UEFA. Si discute anche sugli orari delle partite, quando già si sapeva subito che il calcio del grande freddo degli stadi vuoti, si sarebbe giocato al caldo di un estate afosa anche di sera. Il riavvio macchinoso che si adegua alle porte chiuse ha lasciato da parte i tifosi fratello einsteine le loro istanze, mentre altri spettacoli all’aperto di musica, cinema e teatro pensano già alla presenza di un numero contingentato di spettatori al pari di alcune nazioni (Portogallo, Bulgaria, Polonia, Russia, Serbia) che già a Giugno vorrebbero stadi con afflusso contingentato e distanziato di persone come sopra ai bus. La leggerezza estiva del gioco dovrebbe dare un surrogato di bellezza, passione ed empatia: tutti se lo augurano nel momento in cui la politica, gli interessi individuali e i gufi, verranno sostituti con azioni, gol, punti, vittorie e sconfitte. Ma sarà veramente così? Il calcio freddo non convince i tecnici che già immaginano cali di ritmo e di tensione agonistica al punto che difficilmente riuscirà a scaldare e far battere i cuori di chi, in poltrona, sarà costretto dalla New normality (o, ossimoro, normalità anormale) ad una nuova, volontaria, quarantena (questa volta quasi esatta nei numeri) tra le ormai familiarissime mura domestiche. Governare i rischi richiede molta responsabilità, ma dipende, come detto dallo stesso Gravina in questo caso non loquacemente improvvido come prima, molto anche dalla fortuna, culo, lato B, chiamiamolo come si vuole, a margine di un cialtronismo relativo, che, chi più, chi meno, coinvolge tutti gli “Einstein” che crediamo di essere. Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

One thought on “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / IL CALCIO RIPARTE, MA NON RIAPRE GLI STADI E LA MENTE

  • 1 Giugno 2020 in 20:11
    Permalink

    Abbiamo l’onore di riaprire la Serie A. Spero no figure di m…a!

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI