CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / FACCIAMO FINTA DI ESSERCI DIVERTITI, VERO ZIO?

gianni barone fase 2(Gianni Barone) – Ciò che preme a molti è dimostrare che il calcio – che ha ripreso a correre – non è poi così tanto diverso da quello di prima. C’è chi lo fa con i numeri, dicendoci che non ci sono stati cali di ritmo e diminuzioni di metri percorsi, e c’è chi cerca di convincerci che poco è cambiato, per convincere, in prima battuta, sé stesso della bontà della tesi sostenuta. Ad esempio il «telearchivista» di Sky Riccardo Gentile, nel commentare Torino-Parma, oltre a ricorrere alle consuete e noiose statistiche su giocatori, allenatori e squadre, che servono per riempire il commento quando lo stesso latita per mancanza di contenuti ed emozionalità scaturita dall’evento, ad un certo punto, tra un numero e l’altro, rivolgendosi allo Zio Bergomi, commentatore tecnico all’uopo incaricato (talent), ha voluto sottolineare, che, a suo parere, il ritmo della partita non era poi così basso come, alla vigilia, qualche improvvido «mestatore» aveva preventivato. Al che, lo Zio, reduce dallo sforzo di farsi perdonare qualche suo precedente ani-Crociato, sostenendo che a lui il Parma piace per come gioca e per come è costruito (sviolinata pro D’Aversa e pro Faggiano in simultanea) riccardo gentile skynon se l’è sentita di dargli completamente ragione e trincerandosi dietro un «insomma» ha voluto, non velatamente, nascondere il fatto che tutti vorrebbero, l’attuale, come calcio vero e non surrogato dello stesso, ma, come si dice dalle nostre parti, ne deve mangiare ancora dei crostini prima di poter arrivare, in termini di emozioni, passione, trasporto, ai livelli di prima. Questa è stata l’impressione, e il tono abbastanza dimesso del suo eloquio, tenuto per tutta la gara, non ha lasciato presagire nulla di giuseppe bergomibuono per il proseguo di questo, inedito, mini- torneo estivo nazional popolare, che i media (di più, il sistema, ma non il metodo) vorrebbero, tanto, infiammasse le folle. Eppure, dati alla mano, esposti in bella vista sul suo giornale, il buon Grossi della Gazzetta, che di solito, il giorno dopo ci dice se ci siano divertiti o meno alla partita, ha voluto certificare che chi critica e chi sostiene cali di ritmo e di tensione si sbaglia di grosso. Sarà! Però anch’egli sembra voler convincere gli altri della bontà del prodotto non avariato, per poter, prima, convincere se stesso. grossi gdp calcio diversoKulesevski ha, in pratica, percorso gli stessi chilometri del periodo pre-Covid, anche se, secondo il genovese Secolo XIX, in vista della gara col Genoa, sarebbe di sicuro escluso dall’undici titolare perché, a detta del foglio genovese – sulla scorta di dichiarazioni di D’Aversa dopo Torino-Parma a nostro avviso travisate – deve dimostrare quello che vale. La presunta bocciatura dello svedese da parte del tecnico Crociato ci sembra qualcosa di pretestuoso, dettato da una forzatura eccessiva delle sue dichiarazioni. Diciamo che Fulvio Banchero, autore dell’articolo sul quotidiano di Genova, ci ha marciato nel contrabbandare per bocciatura il giudizio critico dell’allenatore sulla specifica prestazione del suo discepolo.  Cominciano le solite schermaglie dialettiche fra giornalisti e tecnici, a cui nessuno si sottrae e che tanto ci sono mancate in questi mesi di esilio. il secolo XIX d'aversa boccia kulusevskiL’esuberanza dei primi (i giornalisti e non i tortellini di Aldo Busi) e la suscettibilità dei secondi (gli allenatori e non le costate azzannate nel dì di festa) saranno destinati a scontrarsi, in mancanza di pathos puro delle partite, e a riempire gli spazi interstiziali di polemiche fra un turno e l’altro, sia pure così ravvicinati. Quando, cioè, si avrà ben poco da dire, da scrivere, da aggiungere dopo gare come quella di Torino, che aldilà di qualche sussulto tecnico-agonistico (sic), rimarranno in linea con ciò che si attendeva. Nello specifico un Torino più intraprendente, con palle gol importanti sciupate da i suoi 3 attaccanti (Edera, Zaza, Belotti) e un Parma più equilibrato e pragmatico nel gestire la partita al fine di ottenere un punto importante. Poi, se abbandoniamo i dati che inchiodano gli scettici e i luigi sepe para rigore a belotti torino parma 20 06 2020buontemponi dell’ «è tutto un altro sport», e andiamo nello specifico sugli episodi, qualcuno mi suggerisce, che i due gol, del Parma e del Torino, avrebbero potuto essere evitati se i due portieri – comunque bravi, Sepe e Sirigu – invece di andare a cercarsi del freddo per il letto deviando a mano aperta avessero tentato quella a pugno chiuso, che a quanto mi dicono, i preparatori moderni non privilegiano. In poche parole si va disperdendo il patrimonio tecnico dei vari Albertosi, portiere della Nazionale ai tempi del tanto celebrato Italia- Germania 4-3 del 70, e degli Zoff (Mondiale 82), che su traiettorie, non angolatissime, non si vergognavano ad opporre i pugni. Sfumature, si obietterà, però in un clima in cui le gare sembrerebbero abbastanza prevedibili – sempre aldilà dei numeri che dimostrerebbero il contrario – gli errori, anche quelli meno evidenti, potrebbero diventare decisivi. Dicevamo all’inizio che il compito, anzi la missione, FACCIAMO FINTA CHE...di chi segue le partite per mestiere è quello di dire «facciamo finta che» e seguenti, come le note del singolo di Ombretta Colli, Signora Gaber, del 1975, che è diventato l’inno contro la pandemia in Spagna perché rilanciato da Carlos Alsina, giornalista radiofonico di Onda Cera e cantato in strada e dai balconi delle case. “Facciamo finta che tutto va ben, tutto va ben”, era il ritornello della Colli, e il testo diceva che il servo stia meglio del padron, e il povero sia in fondo un gran signor. Tutto va bene no? Siamo tutti amici, tutti felici, il calcio è ripartito, non stiamo tanto a sottilizzare, fra un po’ tornerà anche il pubblico negli stadi, e non dovremmo più fare finta di esserci divertiti. Vero Zio? Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

3 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / FACCIAMO FINTA DI ESSERCI DIVERTITI, VERO ZIO?

  • 22 Giugno 2020 in 15:56
    Permalink

    In effetti Sepe se l’è proprio trovata in mano, quindi con un pugno l’avrebbe presa. Vabbè, si è riscattato alla grande con il rigore parato.

  • 22 Giugno 2020 in 20:56
    Permalink

    Il migliore della difesa attualmente è GAGLIOLO con San SEPE
    Iacoponi e Darmian sono insicuri
    Bruno Alves comincia a sentire il peso dell’eta’.
    Alves bisogna cambiarlo quando non ne può più con
    DERMAKU altrimenti si rischia di giocare in 10

  • 23 Giugno 2020 in 10:37
    Permalink

    Alla partita col Toro era presente in forma
    anonima, mimetizzato tra i giornalisti,
    un dirigente nerazzurro di cui non ricordo il nome
    che era venuto per visionare Darmian, per capire
    finalmente se meritava il prossimo anno di giocare
    anche se ovviamente solo come riserva con l’Inter.
    Sembra che al termine della partita dopo aver
    visto ” le prodezze” di DARMIAN questo dirigente e
    stato visto nel bagno a…….vomitare.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI