CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / GIU’ LA MASCHERA!

gianni barone sine maschera(Gianni Barone) – Giù la maschera! Non nel senso: abbassiamo le mascherine di protezione anti-Covid, e anzi usiamole a mo’ di foulard o papillon, ma giù la maschera da parte del Parma che, a detta dello Zio Bergomi, piaggeria a parte, gioca bene ed è stato costruito bene, e che finalmente mostra il suo vero volto: quello di una squadra pratica, equilibrata, risoluta guidata da un tecnico preparato, tatticamente flessibile, razionale nelle scelte, realista e non romantico che non rischia dall’inizio Kucka (autore del gol riparatorio tre giorni prima nella Torino Olimpica, perché gli serve integro, come ha spiegato in sala stampa a Marassi, per il futuro, anche come alternativa a Cornelius. Un tecnico che ora, pure lui, deve gettare la maschera sulle sue ambizioni e quelle della squadra. Un Parma all’ottavo posto che ha superato quelle che, gli espertologi di turno, avevano dichiarato le rivelazioni del campionato e cioè il Verona, dietro di 1 punto, e il Cagliari, di 5, non più quello dell’andata, e non perché al timone non c’è più Maran, che i vari Condò ci descrivevano come un grande tecnico mai abbastanza valorizzato, ma il masnadiero Coach Z ( Zenga) sempre pronto a cambiare, troppo spesso e volentieri, porto e veliero. D’Aversa no, non nasce come scienziato e filosofo, ma scalando le categorie dimostra di conoscere la materia quanto se non più o meglio degli altri, tanto celebrati, ad ogni piè sospinto, dall’Accademia dei talent che stravede per i Giampaolo o roberto d'aversa dopo genoa-parma 23 06 2020i De Zerbi. Soprattutto dimostra di essere molto abile nella gestione delle emergenze, prima, quando gli infortuni nella sua rosa fioccavano, e gestore delle risorse, ora, che ad organico completo, deve effettuare nell’inedito mini-torneo estivo, scelte conservative e propositive al tempo stesso. Una volta le scelte erano obbligate, adesso sono ragionate: non ama le critiche, i consigli, le etichette e le definizioni, qualsiasi siano, e da qualunque parte arrivino, non dice mai qual è il suo calcio (il suo numero il solito 4-3-3 o il rolandiano 2-4-1-4-9), perché il calcio non è di ognuno, ma di tutti, quindi quello che pratica è frutto del lavoro e della disponibilità di tutti coloro che ha a disposizione. Si direbbe un pragmatico all’ennesima potenza (alla n, come l’ex giampiero majo giuseppeGauso, oggi in invidiabile forma fisica seppur sempre in fieri), ma in questo caso si entra nell’area di ciò che lui gradisce di meno. È attentissimo ai mal di pancia di chi storce il naso dopo un pareggio esterno, alla prima post-Covid, contro un avversario agguerrito, sciupone, e in cerca di punti per risalire, non esitando a sottolineare con fermezza il suo disappunto. Al TG 5, nei titoli, post Genoa-Parma, si parla di una squadra con buoni giocatori guidati da un ottimo tecnico, lasciando intendere che il merito enorme è proprio suo nella esplosione di Cornelius, cecchino al momento infallibile (specie col Grifone, sei reti in due gare, chapeau), che al suo arrivo, l’estate scorsa, non aveva suscitato, nell’ambiente, pari entusiasmo di ora, vero e proprio idolo delle folle. In questi casi, come in quello di Laurini, autore a Marassi di due assist al bacio, non ci si può sottrarre dall’attribuire alla guida tecnica, la capacità di aver tratto il meglio da ciò in cui pochi avrebbero creduto. Il calcio non è né scienza e né filosofia, e gli allenatori non essendo necessariamente scienziati o ideologi, cornelius genoadevono saper capire, pensare, aspettare e se è il caso digiunare (figuratamente), nel senso di accontentarsi, è saper dare il massimo con il poco, oltre a inventarsi soluzioni e formazioni con le sole armi del buon senso e dell’intuizione. Ora che, senza tanti giri di parole, tutti danno per scontato la salvezza ed invitano società e squadra a gettare giù la maschera, in tema di ambizioni e obiettivi europei, noi ci chiediamo quale sarà il futuro di D’Aversa. Al Parma, in virtù del contratto in essere, o altrove vista la penuria, a livello di grandi squadre medio alte, di tecnici all’altezza del compito e della situazione? E’ ovvio che i precedenti di allenatori bravi in provincia è un po’ meno nei grandi palcoscenici, non mancano, vedi Gasperini e il suo flop all’Inter, dopo gli exploit al Genoa, che lo aveva costretto a ritrovare smalto e fiducia di nuovo in provincia, con il miracolo Atalanta ancora splendente ai nostri occhi e a quelli di Lotito, suo malgrado. Però certi destini sembrano segnati: quello di D’Aversa, realista e non romantico, ancora no. Questo campionato in appendice, che fa scrivere fiumi di parole solo su precedenti e statistiche su chi segna di più alle stesse squadre sulla scia di Cornelius anti-Genoa, speriamo fornisca altri spunti mariolino corsoper capire se si può avere il tempo e lo spazio per giocare bene e vincere. Ora che tutto ha preso a funzionare bene, attendiamoci un Parma, che, svelato il suo nuovo volto senza mascherina, possa veramente divertire. Un appunto, non certo al Parma, che ha subito due gol di cui uno, ininfluente, su rigore, a tutte le squadre e i relativi tecnici che hanno smarrito la strada dell’equilibrio difensivo e delle buone marcature. Fasi difensive allucinanti e allarmanti e non ci riferiamo solo al Genoa e al Sassuolo, che sono quelle, sotto quest’aspetto, che hanno iniziato peggio. Anche l’Inter di Conte, prossimo avversario del Parma, fra Coppa e Campionato,pierino-prati in fatto di amnesie non si è fatto mancare niente. Kulusevski, che a Torino era sembrato – almeno al Secolo XIX – sull’orlo della bocciatura, per una prestazione un po’ al risparmio, su sollecitazione, presumiamo del tecnico, ha lasciato da parte ogni tipo di prudenza e ha dimostrato che non può non permettersi il lusso di essere compassato o riflessivo, e che con la complicità attiva di Hernani, ha saputo interpretare in maniera molto proficua il ruolo di attaccante esterno stringendo al centro. Un po’ come faceva il compianto Mariolino Corso, sinistro di Dio, nell’Inter del Mago, che ci ha lasciato, pochi giorni fa, insieme a Pierino «la peste» Prati, ex 11 del Milan del Paròn. Entrambi ex miei compagni di studio a «Novastadio» di Visnadi su Telenova, qualche stagione fa. (R.I.P). Gianni Barone

Gianni Barone

Gianni Barone, al secolo Giovanni Battista, nasce a Casale Monferrato (Alessandria) nel 1958 e si trasferisce a Parma nei primi anni 60. Qui matura la sua grande passione per il calcio, prima in qualità di calciatore dilettante fino alla Prima Categoria e poi, di allenatore, direttore sportivo, radio-telecronista, conduttore e opinionista di talk show sportivi. Giornalista pubblicista dal 1990, inizia con Radio Emilia nel 1983, prosegue con Onda Emilia (dal 19849 e Radio Elle (dal 1990). In Tv cura i collegamenti da Parma per "Il Pallone nel 7" (1991-92) di Rete 7 (BO) e collabora con la redazione di Retemilia. Negli anni Novanta effettua telecronache e servizi per il TG sulla squadra Crociata per Teleducato. Dal 2002 al 2008 produce servizi dal Tardini per Telenova di Milano all’interno della trasmissione "Novastadio". Nel 2009 commenta per La7 digitale terrestre e per Dahlia Tv, le partite del Parma Calcio in Serie B. L’attività di telecronista, conduttore e opinionista lo vede nel tempo collaborare anche con San Marino Tv e 7 Gold. Dal 2016 è titolare della rubrica «Cattivo Cittadino» sul quotidiano on line Stadiotardini.It, di cui è vicedirettore esecutivo. Attualmente, per il service Edirinnova, commenta le partite di serie D del Lentigione trasmesse da Telereggio ed è frequentemente ospite di Bar Sport su 12 Tv Parma. Allenatore UEFA B, istruttore qualificato Scuola Calcio, è stato direttore sportivo di settore giovanile alla Langhiranese Val Parma dal 2010 al 2013, e al Juventus Club Parma dal 2014 al 2015. E' autore del libro «Il metodista (Storia della tattica calcistica) edito da Edizioni Progetto Cultura, Collana Sempre Sport (Anno 2006).

4 pensieri riguardo “CATTIVO CITTADINO di Gianni Barone / GIU’ LA MASCHERA!

  • 25 Giugno 2020 in 18:54
    Permalink

    Ormai la bravura di Bobby è sotto l’occhio di tutti. Anche il suo critico più feroce lo ammira, quindi lo blinderei di nuovo. Con lui si può costruire un ciclo http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

  • 25 Giugno 2020 in 22:40
    Permalink

    Mi ha fatto piacere leggere nella seconda parte del bell’articolo dell’amico Gianni l’osservazione sulle difese… “allegre” di questo “nuovo” campionato.
    Ho ancora davanti agli occhi l’allucinante movimento di Colley su Lukaku, fin dall’inizio dell’azione, in occasione del gol di quest’ultimo contro la Samp; per contrappasso, ecco la geniale uscita di Ranocchia che crea buco e libera l’uomo per il vantaggio di Caputo; e, perchè no, l’attenta marcatura su Cornelius sul suo terzo gol…
    Ma va bene così: ci troviamo in una posizione di classifica che il più ottimista del mondo avrebbe faticato a pronosticare; a Marassi, il Parma ha giocato con una sicurezza ed autorevolezza rare; sinceramente, io penso ancora a racimolare gli ultimi 2 o 3 punti per la tranquillità più assoluta, ma che bello poter giocare senza l’angoscia del risultato a tutti i costi, abbinato magari alla concomitanza di altri risultati favorevoli!
    Resta da vedere e valutare se di fronte a prevedibili ottime offerte per il bomber vichingo, per il portiere ecc, sarà meglio resistere o realizzare succose plusvalenze…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI