PARMA CALCIO 1913, DELIBERATO E VERSATO DA NUOVO INIZIO UN APPORTO DI CAPITALE DI 8 MILIONI DI EURO

logo parma blu 2019 2020 comunicato

(www.parmacalcio1913.com) – Parma Calcio 1913 comunica che l’Assemblea dei Soci, riunitasi questa mattina alla presenza del Notaio Almansi, ha deliberato un apporto di Capitale per un importo complessivo di € 8 milioni. L’intero importo è stato contestualmente sottoscritto e versato per il 100% da parte del socio di maggioranza Nuovo Inizio, coprendo in base agli accordi parasociali anche la quota (1%) del socio PPC SpA. Il suddetto apporto di capitale va a ripianare ogni perdita di esercizio maturata al 31 Marzo 2020, a ricostituire il capitale sociale e a costituire ulteriori riserve per esigenze future.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

8 pensieri riguardo “PARMA CALCIO 1913, DELIBERATO E VERSATO DA NUOVO INIZIO UN APPORTO DI CAPITALE DI 8 MILIONI DI EURO

  • 18 Giugno 2020 in 14:21
    Permalink

    Molto bene… soldi veri per assicurare un futuro alla società all’insegna di una crescente competitività tecnica e finanziaria.
    Sempre e solo forza Parma

  • 18 Giugno 2020 in 14:28
    Permalink

    Domanda per Majo: prima del virus era in corso una trattativa per la cessione della società. Con il virus è tramontata? Io vorrei che rimanessero anche gli attuali, almeno in minoranza

  • 18 Giugno 2020 in 18:02
    Permalink

    Alla faccia dei tomaccari, buslotari, parsutari e produttori di fiale per il catàr (che piantano olmi invece di cacciare borri).

  • 18 Giugno 2020 in 20:41
    Permalink

    Davide, ma sbaglio o anche sto giro i buslotari, tomaccari, parsutari, teste pelate, avvocatoni e commercialisti del PPC lo han fatto a macca? Manco 80 piotte su 8 milioni? We are Parma…si chi etor ! Uahahaha la carica degli 800…e si che avevano appena incassato la fresca dalle azioni cedute….le han piantate sotto gli alberi…a parte di scherzi, a chi mi spiega a cosa serve PPC oltre ovviamente a dar lustro ai suoi dirigenti sulla Gazzettona, gli regalo un buslot

  • 18 Giugno 2020 in 21:08
    Permalink

    Bene, la proprietà c’è 😉

  • 18 Giugno 2020 in 21:47
    Permalink

    Dio ci scampi da trattative, dottoroni col vestito di fresco di lana un po’ largo e le scarpe di cuoio pelati e con la forfora, avvocatoni e avvocatini, “diudiligense”, cinesi, bresciani, svizzeri, spagnoli. Lunga vita ai soli imprenditori del Territorio dotati di braccia e non assurti al rango di parassiti che vivono nei capelli bisonti ovvero i pidocchi (pióc) che costituiscono il tessuto economico di Ponte Caprazucca.

  • 19 Giugno 2020 in 12:11
    Permalink

    Caro Lupus il PPC (Piociòni Parmigiani Confederati/COVID19) anche dopo essere passato al misero 1% non ha cacciato fuori nemmeno il misero 1% del versamento di ieri. Tutto il caravanserraglio di Ponte Caprazucca, tomaccari, buslotari, catarrai, dottoroni pelati, commercialisti, avvocatoni etc. non sono nemmeno in grad di cacciare fuori l’1% di 8.000.000, ovvero 80.000 Euri in 500 soci che farebbero dai 160 ai 120 borri a testa. Penso ogni commento sia superfluo se non augurarsi che presto i padroni del vapore si liberino di questa schiera di pidocchi, che grazie al loro 1% mantengono anche uno strapuntino nella stanza delle caldaie del vapore. E si che durante il “locdaun” di scatolame e fiale per il catarro ne sono andati!

I commenti sono chiusi.