VIGNALI, ARRIVA LA PRESCRIZIONE, MA ERA STATA LA STESSA PM DAL MONTE A CHIEDERE L’ARCHIVIAZIONE. L’EX SINDACO E IL GRANDE PARMA ANNI ’90

vignali

(www.parmapress24.it) – Dieci anni di indagini, controlli, perquisizioni, infinite discussioni ed illazioni, ma alla fine Pietro Vignali, ex Sindaco di Parma (ed alcuni altri indagati assieme lui), viene completamente scagionato dall’accusa di aver assunto in Comune nel 2005 18 dirigenti entrati in pianta organica (art. 110 e 323 c.p.). Il G.I.P. Mattia Fiorentini, in data 2 Marzo 2020, ha infatti firmato il decreto di archiviazione del procedimento del reato, che nel frattempo si è estinto per intervenuta prescrizione, richiamando e condividendo la richiesta di archiviazione precedentemente formulata dalla Procura di Parma, attraverso la P.M. Paola Dal Monte, secondo cui, come si legge nella missiva inviata il 17 Febbraio 2020: “Il criterio previsto dalla legge per l’assunzione appare del tutto rispettato e non può essere invocata la violazione solo sulla base della considerazione che tali nomine in realtà nascondono assunzioni clientelari, circostanza non provata”. Dal Monte, verga anche che a suo avviso: “Gli investigatori sono incorsi in alcuni errori di valutazione”. Errori di valutazione che in quei tempi, però, non solo avevano messo ulteriormente alla gogna Vignali, ma, soprattutto, anche creato la paralisi della macchina comunale poiché a seguito delle ripetute perquisizioni delle Fiamme Gialle in Municipio e del clamore mediatico creato dalla vicenda, nessuno più in Comune (anche in Direzione Generale e Segreteria Generale) firmava più delibere per il timore di dovere poi rispondere personalmente in sede penale.

(www.mywhere.it) – A pochi giorni dal ritorno della Serie A parliamo del Parma Calcio con l’ex sindaco Pietro Vignali. Sotto il suo mandato, Parma divenne la prima città in Italia per indice di sportività. E allora, la domanda delle domande è: come può un’amministrazione locale far progredire la propria città dal punto di vista sportivo?

“D’altronde se hai in campo Buffon, Thuram, Cannavaro, Crespo, Chiesa, solo per citarne alcuni…” Pietro Vignaliex sindaco di Parma dal 2007 al 2011, è quasi commosso. Il motivo? Nella sua mente stanno riaffiorando le immagini del mitico Parma Calcio degli anni ’90 e come per ogni parmigiano doc, un po’ di nostalgia viene fuori.

Pietro Vignali sa perfettamente cosa rappresenta il Parma per Parma. E sa perfettamente quanto lo sport sia importante per questa città. Per capirlo, vi suggerisco di leggere questa intervista, dove l’ex sindaco racconta alcuni aneddoti divertenti sulla squadra gialloblù ma soprattutto si sofferma su come un’amministrazione locale possa far progredire la propria città dal punto di vista sportivo.

INTERVISTA A PIETRO VIGNALI: “I BOYS, IL PARMA DEGLI ANNI D’ORO E LA SECCHIATA D’ACQUA CHE MI TIRARONO ADDOSSO I CALCIATORI”

Pietro Vignali
Pietro Vignali allo Stadio Tardini

Dottor Pietro Vignali, come ben sa il 2020 per Parma è un anno importante. 30 anni fa, esattamente il 27 maggio, il Parma Calcio festeggiava la prima storica promozione in Serie A. Da lì a poco si sarebbe aperta una storica dinastia, una golden age per la squadra gialloblù, sublimata da 3 Coppe Italia, 1 Supercoppa italiana, due Coppe UEFA, una Supercoppa Europea e una Coppa delle Coppe.  Che ricordi ha di quel periodo?

Di quei tempi può parlare il Pietro Vignali cittadino visto che non ero ancora sindaco. Furono anni ruggenti, straordinari, dove la squadra riuscì a raggiungere il top del calcio europeo. Fa quasi impressione pensarci oggi. Erano gli anni del connubio Callisto Tanzi-Nevio Scala, anni in cui il Parma faceva paura a chiunque. D’altronde se hai in campo Buffon, Thuram, Cannavaro, Crespo, Chiesa, solo per citarne alcuni…

Lei è stato sindaco alla fine degli anni ‘2000. Che cosa può raccontarci di quel periodo sempre legato al Parma Calcio?

Ho tre ricordi particolari che ancora oggi mi fanno sorridere. Il primo risale al 2007. Ero stato appena eletto sindaco e andai a trovare i calciatori nel ritiro estivo insieme al comico Gene Gnocchi. Fu molto divertente e riuscii a instaurare un bel rapporto con i giocatori. Il secondo è un po’ particolare. Siamo sempre nel 2007. Fiorentina-Parma. Partita ostica su un campo pericoloso vista la rivalità. L’allora sindaco di Firenze De Dominicis mi invita in tribuna per guardare con lui la gara. Io però ho preferito andare in curva insieme ai Boys, il gruppo storico. Qualcuno mi prese per matto, ma fu davvero bello assistere alla partita con i Boys con i quali avevo un ottimo rapporto che purtroppo si ruppe a seguito dei famosi scontri nella partita Parma-Roma.

E l’altro aneddoto?

La promozione in Serie A del 2009. Anche quella fu una giornata storica. Cittadella-Parma. Ai gialloblù bastava un pareggio per tornare in A e così avvenne. A fine gara, i calciatori mi invitarono negli spogliatoi per festeggiare e mi versarono un secchio d’acqua in testa. Dovevo aspettarmelo… A parte gli scherzi fu un momento davvero bello per la città.

L’ultima sul calcio. Come definirebbe il rapporto squadra-città che si è istaurato in questi anni?

E’ sempre stato un rapporto di identità totale, di sovrapposizione. Parma è una città a misura d’uomo, dove puoi raggiungere lo stadio in bicicletta. Per i parmigiani andare a vedere la partita è un rituale. La partita incarna la domenica del parmigiano ed è anche per questo  che la squadra ha sempre avuto l’appoggio di cittadini, tifosi e imprenditori locali, anche nei periodi più bui.

PIETRO VIGNALI: “ECCO COME PARMA E’ DIVENTATA LA CITTA’ PIU’ SPORTIVA D’ITALIA”

Dal calcio, passiamo allo sport. Secondo un’analisi del Sole 24 Ore Parma nel 2019 è risultata la 36 città più sportiva d’Italia. Nel periodo in cui lei era sindaco però ha raggiunto addirittura il primo posto. Com’è stato possibile?

Il primo posto fu una conseguenza di anni di politiche promosse per migliorare e stimolare tutte le pratiche e le discipline sportive. Ho sempre creduto che lo sport abbia una forte valenza sociale. Lo sport promuove il benessere psico-fisico, per tutte le età, e ha un’incredibile capacità educativa soprattutto verso i giovani e i giovanissimi. A Parma  migliaia di persone, grazie alle associazioni sportive, praticano sport in centinaia di impianti, di parchi e luoghi pubblici. Lo fanno con un impegno e una dedizione che vanno ben oltre la tecnica e l’agonismo, la prestazione e il primato.

Il merito di questi risultati fu in ogni caso delle associazioni sportive ed è per questo che mi sono sempre impegnato per riservargli un posto tra i premiati del Sant’Ilario, un’onorificenza conferita dal comune di Parma a coloro, persone, enti o organizzazioni, che con la propria attività, hanno in qualsiasi modo contribuito a rendere migliore la vita dei singoli e della comunità o ad elevare il prestigio della città.

Pietro Vignali parma calcio mywhere

Spesso le amministrazioni locali investono e curano progetti legati agli sport principali, su tutti il calcio. Voi avete invece cercato di promuover tutti gli sport. Mi sbaglio?

Il nostro obiettivo principale è stato quello di adeguare l’impiantistica sportiva secondo la logica delle cittadelle dello sport. Mi viene in mente il nuovo stadio di Baseball nella zona sud-ovest della città, lo stadio di Rugby a Moletolo e la ristrutturazione della palestra al centro di Atletica Lauro Grossi. Abbiamo anche ospitato gli Stati generali dello sport, organizzato il Festival dello sport, occasione per ragionare sui valori del settore e per ascoltare le testimonianze di campioni del passato e del presente, come Marcello Lippi, Igor Cassina, Iuri Chechi e Andrea Lucchetta.

E di Parma Città Europea dello Sport 2011 che può dirci?

Quella fu una manifestazione straordinaria caratterizzata da oltre 330 eventi e rappresentò un fattore determinante per il primo posto nella classifica delle città più sportive del Sole 24 Ore.

In conclusione, cosa consiglierebbe ad un’amministrazione locale per migliorare dal punto di vista sportivo?

L’aspetto più  importante è dare voce a tutte le discipline, garantendo la stessa dignità degli sport più seguiti. In generale, lo sport deve rappresentare una priorità, perché lo sport è la sfida che ognuno lancia verso sé stesso, alle proprie capacità e ai propri limiti.

Stadio Tardini

Stadio Tardini

2 pensieri riguardo “VIGNALI, ARRIVA LA PRESCRIZIONE, MA ERA STATA LA STESSA PM DAL MONTE A CHIEDERE L’ARCHIVIAZIONE. L’EX SINDACO E IL GRANDE PARMA ANNI ’90

  • 28 Giugno 2020 in 19:41
    Permalink

    Che delusione Società Parma 1913
    Sto parlando dei vaucher
    C’e gente di 80- 90 anni che è abbonata e
    Internet nemmeno sanno cos’e e nemmeno ha il cellulare
    è non sanno come richiedere il rimborso.
    Bastava per chi voleva potere ritirare i vaucer in sede.
    Arrivano poi per posta e se poi non arrvano
    chi risponde?
    Dico questo perché per la partita con.la Spal ho fatto richiesta ma non mi è arrivato sul contocorrente un euro.
    Diciamocelo poi chiaramente MOLTI non avendo la possibilità di rititlrare i vaucher in sede, la prenderanno in quel posto e dispiace dirlo ma prenderla nel culo saranno i più anziani e
    non se lo meritano.
    Che delusione

  • 28 Giugno 2020 in 20:00
    Permalink

    Bella intervista http://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_good.gif

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI