D’AVERSA: “SE VAI IN CAMPO PENSANDO DI AVER GIA’ OTTENUTO QUALCOSA E SMETTI DI LOTTARE SU OGNI PALLONE, VAI IN DIFFICOLTA'” (VIDEO)

roberto d'aversa dopo parma-sampdoria 19 07 2020

(www.parmacalcio1913.com) – Al termine del match contro la Sampdoria, ecco il commento di Mister D’Aversa:

“Oggi è successo che nonostante i nostri abbiano fatto un primo tempo tra i migliori del campionato, andando in doppio vantaggio e costruendo altre circostanze per arrotondare il risultato, nella prima circostanza del secondo tempo abbiamo subito gol da calcio d’angolo – cosa che succede spesso in questo periodo -, ci siamo sciolti e abbiamo smesso di giocare, di vincere duelli. Stiamo parlando di una partita dove nel primo tempo non c’è stata storia e siamo qui a commentare una partita persa, cosa impensabile nel primo tempo; molto probabilmente è frutto del periodo, è inspiegabile che nel momento in cui prendi gol su angolo ci siamo sciolti e abbiamo anche avuto paura di giocare. Questo ci deve fare riflettere, ci deve servire di lezione e mi auguro che questa sconfitta ci serva per affrontare le prossime gare con quella fame, cattiveria e determinazione necessarie per portare a casa un risultato”.

“Oggi avevamo una possibilità: facendo un risultato pieno avremmo ottenuto la salvezza matematica che era il nostro obiettivo, avremmo migliorato la stagione passata. Nel primo tempo siamo andati in vantaggio di due gol e nonostante questo non siamo stati bravi a portare a casa il risultato. Ognuno di noi si deve fare un esame di coscienza perchè non sto qui a puntare il dito su nessuno; l’occasione che abbiamo avuto era enorme, le recriminazioni sono tante e quindi ognuno di noi deve ragionare sul fatto che da questa situazione si deve uscire, per lo meno giocare con personalità, senza paura perchè a giocare con la paura non si ottiene nulla. Nel primo tempo abbiamo giocato senza centravanti una grandissima partita, poi le difficoltà di squalifiche e di infortuni le sappiamo: da quando sono qui in Lega Pro abbiamo fatto 8 partite senza centravanti utilizzando Baraye, in Serie B idem senza Ceravolo e Calaiò, l’anno scorso e quest’anno la stessa cosa; non mi sento di crearmi nessun alibi, chiaro che l’assenza di un giocatore importante è fondamentale, ma detto questo non dobbiamo pensare agli assenti ma a chi è sceso in campo oggi, ragionare su quello che è successo e fare in modo che questo trend cambi“.

Più che l’aspetto fisico in questo momento il problema nostro è l’aspetto mentale, analizzando i dati delle partite, che sono scientifici e non opinabili, dal punto di vista fisico abbiamo sempre fatto in crescendo. Oggi abbiamo fatto un primo tempo nel quale sicuramente abbiamo speso, è stato uno dei migliori primi tempi del campionato, abbiamo creato molto; nel momento in cui si prende gol da calcio d’angolo la squadra è sparita, non è una questione fisica ma mentale in questo momento. Chiaro che a fine gara c’era sconforto tra i ragazzi, bisogna uscire da questo momento e ognuno di noi deve ragionare su sè stesso, non cercare alibi o responsabilità di altri. Siamo tutti sulla stessa barca: come siamo stati bravi a fare un grande campionato fino al lockdown tutti insieme, ora tutti insieme dobbiamo uscire da questa situazione”.

“In questo momento a livello mentale stiamo pagando il periodo, poi le situazioni possono essere diverse, giocando ogni tre giorni chi ha una rosa ampia può avere dei vantaggi con la possibilità di fare più turnover ed essere avvantaggiato sotto l’aspetto fisico. Noi o per infortuni o per squalifiche questa possibilità non ce l’abbiamo. Se si analizzano tutte le gare da quando abbiamo ripreso, abbiamo esordito con un pareggio a Torino e una vittoria a Genova dopo una grandissima partita; dopo contro Inter e Verona sicuramente la squadra ha fatto una grandissima prestazione ma ha portato a casa 0 punti. La Serie A è questa, quando vai in campo pensando di aver già ottenuto qualcosa e non te la sudi su ogni singolo pallone, alla fine le difficoltà vengono fuori. E le problematiche come assenze legate ad infortuni o quant’altro – che non devono essere un alibi – poi diventano un problema se noi non mettiamo quella determinazione, quella cattiveria, quella caratteristica che ci ha sempre contraddistinti, anzi a maggior ragione nelle difficoltà abbiamo fatto delle grandissime cose, come nel primo tempo, quindi non posso appellarmi alle assenze. Abbiamo fatto un primo tempo straordinario, nel secondo siamo spariti dal campo. Non c’entrano le assenze, gli arbitri, nulla di tutto questo. Ognuno di noi deve fare un po’ di più, perchè non è bastato neanche questo, molto probabilmente questo lo si capisce sulla prima palla del secondo tempo dove cerchiamo di fare un tunnel invece di andare in contrasto nella zona dell’avversario. Cerchiamo di lavorare su tutti gli aspetti, chiaro che l’aspetto mentale non è semplice, in questo momento dove c’è sconforto, demoralizzazione, i risultati non vengono e dobbiamo essere bravi a riattivare quella scintilla, cosa che nel primo tempo c’è stata, ma dopo è stato frutto del momento in cui non ci gira nulla, anche il fatto di stare due settimane in quarantena: in questo periodo stiamo pagando a caro prezzo un po’ tutta la situazione”.

DAL CANALE UFFICIALE YOUTUBE DEL PARMA CALCIO 1913 IL VIDEO DELLA CONFERENZA STAMPA DI MISTER ROBERTO D’AVERSA DOPO PARMA-SAMPDORIA 2-3

Stadio Tardini

Stadio Tardini

11 pensieri riguardo “D’AVERSA: “SE VAI IN CAMPO PENSANDO DI AVER GIA’ OTTENUTO QUALCOSA E SMETTI DI LOTTARE SU OGNI PALLONE, VAI IN DIFFICOLTA'” (VIDEO)

  • 19 Luglio 2020 in 20:46
    Permalink

    Via d aversa subito !!

  • 19 Luglio 2020 in 21:20
    Permalink

    Avanti dritti verso un’altra suonata contro il Napoli.

  • 19 Luglio 2020 in 21:20
    Permalink

    Tradotto. Io ho il merito del primo tempo. I giocatori il demerito del secondo tempo.
    Per me lui avrà ottima carriera in sky.
    Come allenatore invece dubito che avrà mai una squadra forte da inizio stagione. Subentrerà in situazioni difficili e disperate per cercare una salvezza. Staremo a vedere.

  • 19 Luglio 2020 in 21:21
    Permalink

    4 anni fa eravamo ad Arzignano va bene così (cit.)

  • 19 Luglio 2020 in 21:35
    Permalink

    Bla bla bla

  • 19 Luglio 2020 in 21:41
    Permalink

    Non ha senso cambiare allenatore. D’Aversa ha raggiunto gli obiettivi che la società gli ha dato, ossia due promozioni e due salvezze.
    Per preparare la prossima stagione c’è pochissimo tempo, dimentichiamo questo campionato forzatamente anomalo e focalizziamoci sul prossimo, perché questa squadra ha la necessità di essere rafforzata con giocatori molto motivati.
    Oggi il primo tempo è stato giocato bene e con una percentuale di possesso palla alta come quasi mai è avvenuto prima. Stendiamo un velo sulla ripresa

  • 19 Luglio 2020 in 21:57
    Permalink

    La colpa è della società che non vuole cacciarlo. Sono anni che con questo staff è sempre la stessa cosa: infortuni in serie , cali improvvisi, e non gioco. Però a loro sta bene evidentemente, altrimenti lo avrebbero cacciato. Spero che ci sia davvero un acquirente fuori la porta, a questo punto. Uno che abbia il polso della situazione e che voglia evitare stagioni come questa. Intervista allucinante. Pur di prendersi dei meriti, sottolinea che ci sono infortuni e che ha giocato bene il primo tempo, poi dice che non vuole alibi. Giochetto di comunicazione ormai vecchio. Prima sottolinea gli alibi e poi dice che non ne vuole. Nel peggiore dei casi, dice che tutti devono farsi un esame di coscienza. Intanto Pizzarotti guarda e non sa prendere decisioni .

  • 19 Luglio 2020 in 22:03
    Permalink

    Miglior primo tempo del campionato.
    Posso anche essere d’accordo.

    PARMA
    Giocavano nel primo tempo veramente bene.
    c’era da strpicciarsi gli occhi poi
    INTERVALLO.
    Inizia il secondo tempo e c’era da vomitare.
    Caro Mister hai motivato la squadra?
    Non penso proprio visto come
    sono entrati in campo i lavativi.
    Sembravano pensionati ottantenni

    SAMPDORIA
    Giocavano veramente male
    sembravano pensionati da vomito poi
    INTERVALLO
    Ranieri ha motivato la squadra.?
    Penso proprio di su
    Ha buttato dentro un ragazzino e
    D’Aversa è andato nel pallone.
    Non ci ha capito più niente.

    Ormai si sa che i corner contro di.noi
    sono come rigori e si sa pure che la
    nostra difesa è di m – – – a e dicendo questo, chiedo
    scusa alla m – – – – a
    Una difesa da parrocchia e chiedendocquesto chiedo scusa ai ragazzini che giocano in parrocchia.
    D’Aversa in questa partita ha dimostrato
    tutti i suoi limiti.
    Questa partita è
    LO SPECCHIO DEL CAMPIONATO
    Primo tempo ( girone d’andata) strepitoso
    Secondo tempo ( girone di ritorno) horror allo stato puro.
    Se il responsabile di questo horror
    non è di D’aversa
    VOGLIO IL COLPEVOLE.
    Non mi direte che non c’e.
    C’e, c’e e lo sapete anche voi chi è.
    Volete un indizio?
    Il suo nome comincia con R
    Il suo cognome con D’.

  • 19 Luglio 2020 in 22:18
    Permalink

    D’aversa ce lo dobbiamo bere anche il prossimo anno purtroppo

  • 19 Luglio 2020 in 22:46
    Permalink

    Senza parole.
    Primo tempo dominato con una Samp che sembrava già in vacanza e poi è bastato un intervallo per capovolgere tutto.
    Di solito queste défaillance si verificano negli sport individuali dove la componente psicologica del giocatore incide pesantemente sull’andamento della partita ma qua si sta parlando di 11-15 cristiani che hanno smesso di giocare perché pensavano di avere già vinto…
    Questa cosa è grave e non riguarda solo i giocatori. Sveglia!

  • 20 Luglio 2020 in 11:37
    Permalink

    se da il problema perché non pone rimedio da 7 giornate , una volta si faceva giocare la primavera se necessario a fare un segnale

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI