PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / UNA SCONFITTA DAVVERO DIFFICILE DA DIGERIRE. ANCHE PER ORONZO CANA’

luca ampollini(Luca Ampollini) – Stasera, uscendo dall’Ennio, mi sentivo un po’ come quando a Oronzo Canà venivano comunicati, dal presidente della Longobarda Borlotti, i reali motivi per cui era stato ingaggiato: ecco, più o meno mi sentivo così… Eh sì, perché perdere in questo modo lascia un “brucio” impressionante: primo tempo di alto livello, giocato a gran velocità, nonostante il caldo tropicale, con un’Atalanta disorientata, incapace di tessere l’abituale fitta e ubriacante rete di passaggi sulla 3/4 per gli spazi coperti collegialmente in modo perfetto dai ragazzi di D’Aversa. Gasperini inizia con Gomez alle spalle di Pasalic e Gomez, ma ben presto dirotta il Papu in posizione più defilata con il croato a fare il trequartista. Questo perché il funambolico giocatore argentino, chiuso nella morsa dei due centrali Crociati e di Kurtic, non riesce mai a mettersi in luce. La mossa del Gasp non cambia le cose: il Parma continua ad essere perfetto, non lascia spazi, costruisce e riparte. Nel primo tempo si contano 5 nitide occasioni, compreso il gol del grande Kulu. Nella ripresa gli ingressi di Muriel e Malinovskyi danno più soluzioni agli ospiti, ma il Parma non subisce oltremodo le iniziative della Dea. Kulusevski ha la grande opportunità di chiudere il match, ma dimostra, nonostante qualche dubbio serpeggiato in tribuna, che anche lui è un essere umano. Gomez, sulla destra, è sempre controllato in modo attento, a turno, da Gagliolo e da Barillà pronto a ripiegare, perciò per gli ospiti ci vuole un episodio per ristabilire la parità, e l’episodio puntualmente arriva: la punizione di Malinovskyi s’infila nella barriera che ingenuamente si apre ed arriva un pareggio quanto mai beffardo. Il gol di Gomez, fino a quel momento anestetizzato a dovere, dà agli ospiti un vantaggio oggettivamente difficile da pronosticare alla fine del primo tempo. Alla fine Dermaku, propiziato da un lampo del geniale Kulu, ha l’opportunità di pareggiare, ma viene fermato ad un metro dalla porta. E’ l’ultimo sussulto del match ed è un vero peccato, perché il Parma avrebbe meritato oggettivamente di più. Nel secondo tempo chi è entrato non ha inciso (la differenza con gli ospiti è tutta qui), ma i gol sono arrivati più per ingenuità che per una reale spinta degli avversari; a parte il monumentale Kulu, che coniuga magicamente il fisico nordico a puro talento slavo (più completo non si può!), va segnalata la bella prova generale di tutti, soprattutto nella prima frazione, con una speciale menzione per Caprari, davvero interessante nei movimenti nel ruolo di prima punta, ruolo che occupava abitualmente nelle giovanili della Roma dove segnava caterve di gol. Ma si è persa la partita e sta sconfitta è davvero difficile da digerire, proprio come quella cosa che gli pareva aver mangiato il buon Oronzo Canà… Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

7 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / UNA SCONFITTA DAVVERO DIFFICILE DA DIGERIRE. ANCHE PER ORONZO CANA’

  • 29 Luglio 2020 in 01:29
    Permalink

    Già mi immagino Kulu al Barca tra qualche anno. Il ragazzo è semplicemente di un’altra categoria.

  • 29 Luglio 2020 in 07:34
    Permalink

    Non condivido. Ma sul serio pensava di portare a casa dei punti stasera? Ma sul serio dopo un buonissimo primo temo (innegabile) pensava che l’Atalanta non ci avrebbe fatto almeno 2 gol? Io ne ero certo, ma non sono un indovino: 2 gol a partita li becchiamo sempre! Tutto qui.
    E chi si illude dopo i nostri primi tempi “discreti” pecca di grossa ingenuità.
    Il fatto che i gol sono due bei regali, è un altro discorso. Si capiva dall’inizio del secondo tempo che non si reggeva, COME AL SOLITO arroccati davanti all’area, COME AL SOLITO cambi sbagliati, anzi, dannosi. Mette su la difesa a 5 e trac, 30 secondi e 2-1, da ridor.
    Noi siamo salvi, come non lo so, ma siamo salvi, quindi la stagione va vista positivamente.
    Ma sul tecnico, a cui dobbiamo comunque dei grandi risultati, sappiamo ormai tutto.
    E’ come tra marito e moglie, dopo tanti anni i difetti reciproci si conoscono e… si sopportano. A fatica ma si sopportano.

  • 29 Luglio 2020 in 12:18
    Permalink

    Volevo chiedere al Sig. AMPOLLINI cosa ne pensa della decima (10) sconfitta interna al tardini… se non avessimo ricevuto in regalo il ragazzo vent’enne saremmo alla pari di brescia e spal…
    Quindi i meriti sono del Mister per queste due promozioni e questi due anni in serie A, ma i demeriti di queste partite che ormai sono una costante di chi sono???
    Lei è cos’i convinto come detto ieri sera a TV PARMA (forse da gente che non ha mai giocato al pallone) che questo tecnico sia per noi il migliore sulla piazza???
    Sinceramente in questi 4 anni e mezzo quante volte è uscito dall’ennio divertito??? Quante volte ha visto il parma giocare a pallone con le squadre del suo livello??? Saluti e buona giornata

    • 29 Luglio 2020 in 16:09
      Permalink

      Detto che 10 sconfitte interne in periodo di post lockdown senza pubblico non hanno grande attendibilita’ , credo che questo allenatore abbia grandi meriti : nel corso degli anni e’ cresciuto , ma e’ inattaccabile (tutti gli anni ha sempre migliorato l’obiettivo ottenuto l’anno precedente) . Sono uscito dall’Ennio parecchie volte contento della prestazione del Parma , il discorso della squadra che “non gioca a pallone” e’ da accantonare perche non e’ cosi’, a parer mio. L’anno scorso la squadra basava molto del suo gioco sulle ripartenze perche’ era l’unico modo concreto , coi giocatori che si aveva a disposizione ,per le loro caratteristiche, per potersi salvare e per evitare di subire caterve di gol. Quest’anno si e’ giocato in un modo decisamente diverso , e’ migliorata la qualita’ della rosa , si e’ costruito piu’ dal basso e il gioco e’ cambiato decisamente . D’Aversa puo’ piacere o no , ma e’ straordinariamente preparato , studia gli avversari come pochi altri e, grazie alla sua concretezza , ottiene tutti gli anni gli obiettivi prefissati. Per avere una squadra molto piu’ brillante ci vuole una qualita’ di prima fascia , altrimenti si fa la fine di Andreazzoli al Genoa che gioca bene , gioca bene e finisce in serie b se non viene esonerato per lasciare spazio ad un tecnico piu’ concreto. D’Aversa puo’ non piacere , ma non vorrei che quando non ci sara’ piu’ verra’ rimpianto come Allegri alla Juventus…

  • 29 Luglio 2020 in 14:13
    Permalink

    Io invece al, Signor ampollini volevo chiedere quali siano le caratteristiche di gioco dell’Atalanta. E quali quelle utilizzate dal Parma nel primo tempo giocato così bene. Vorrwi un commento tecnico. Grazie

    • 29 Luglio 2020 in 16:24
      Permalink

      Nel Primo tempo , come ho scritto nell’articolo , l’Atalanta ha cambiato quasi subito la posizione di Gomez da trequartista centrale ad una posizione piu’ defilata , lasciando il ruolo di rifinitore a Pasalic. Questo perche’ l’argentino non riusciva ad entrare nel vivo del gioco , chiuso nella morsa dei due difensori centrali e di Kurtic , schierato un po’ alla Desailly , bravo ad alzare un muro quasi invalicabile in posizione centrale . Uno dei segreti dell’Atalanta e’ muovere il pallone a super velocita’ su tutta la 3/4 dando ampiezza al suo gioco , creando superiorita’. Il Parma e’ stato bravo a muoversi in modo collegiale nella propria metacampo , ripiegando spesso anche coi due interni . Ad esempio , spesso, quando sulla sx usciva Gagliolo sul portatore di palla Barilla’ era bravo a ripiegare nella posizione di esterno basso. Cosi’ facendo gli spazi per l’Atalanta si sono notevolmente ridotti e con essi la possibilita’ di creare pericoli , non ricordo infatti una sola parata di Sepe. Peccato che questa determinazione ed efficacia nell’organizzazione difensiva siano state vanificate da 2 ingenuita’ difensive che hanno pregiudicato un risultato positivo che il Parma avrebbe ampiamente meritato.

  • 29 Luglio 2020 in 15:38
    Permalink

    Beh Kulu non è stato affatto un regalo: il buon Gasp non lo vedeva proprio e il ns DS l’ha preso. Direi che il regalo l’abbiamo fatto noi a loro visto che hanno preso 45 milioncini dai ladri strisciati….per il resto cosa possiamo imputare a questa squadra? se oggi avessimo 50 o 52 punti non ci sarebbe nulla da eccepire per come abbiamo giocato. E poi chi gioca bene per tutto il campionato? oppure chi gioca veramente bene in Italia? solo la dea gioca bene e non sempre…. D’Aversa non mi fa impazzire ma ognuno cerca di fare con il materiale che ha. Ieri Gasp si è girato e aveva Muriel, Marinosky, Gimsiti, ecc. Noi? Sprocati, Karamoh, Siligardi e un paio di ragazzini per fare numero. Purtroppo non un centrocampista e i pericoli sono arrivati da sinistra dove Barillà dopo 60 minuti era cotto e non faceva più i raddoppi sulla fascia. Magari le partite bisognerebbe cercare di vederle con un occhio un pò più obiettivo e non solo per cercare la critica. Passare a 3 dietro in quel momento era giusto: loro con 4 punte, noi stanchi e senza cambi nei ruoli chiave (punte e centocampo), ha provato è andata male, peccato. Se poi il mister vorrà lasciare pazienza, personalmente gli auguro ogni fortuna. Al di là di qualche uscita caratteriale non sempre perfetta, per il resto si è dimostrato uno che le partite le studia, sempre. In giro dei gran fenomeni non ce ne sono, neppure il buon Sarri: con quella squadra lì vincerebbe anche il buon Oronzo Canà…..

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI