PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / MA PERCHE’ STI ARBITRI CE L’HANNO COSI’ TANTO CON NOI?

parma-fiorentina 002

luca ampollini(Luca Ampollini) – C’è uno strano detto nel calcio, insensato come gli “attendibilissimi” dati sul possesso palla, che recita più o meno così: “i torti e i favori arbitrali a fine anno si equivalgono …”. Se così fosse potremmo, da qui ai primi di Agosto, dormire sonni tranquilli per tutti i rigori a favore che dovremmo ricevere. In realtà finiremo la stagione incazzati neri per tutti gli errori, pardon, orrori arbitrali che abbiamo subito quest’anno. Stasera l’inclassificabile Abisso, di nome e di fatto, ha regalato alcune perle notevoli: 2’ rigore al Verona, assai discutibile, ma comunque preceduto da un fallo di Ribery e mancata assegnazione di un penalty a Kucka spinto vistosamente alle spalle mentre era in procinto di battere a rete. Con ciò che è accaduto nella tropicale serata all’Ennio, fanno 7 rigori subiti in 6 partite più 2 solari non concessi a favore contro Inter e Fiorentina. Stasera si è giocato male, okey, ma ciò non giustifica e avalla decisioni arbitrali allucinanti. Si può giocare male e ottenere comunque risultati positivi (vero Inter?) che mutano il nostro metro di valutazione. La partita, come si diceva, è stata giocata male: soprattutto nel primo tempo la squadra è apparsa stanca, mentalmente e fisicamente. L’assenza di un centravanti ha imposto a D’Aversa la soluzione di Karamoh alternato a Kulusevski come centravanti di manovra (falso nueve lo lascio dire a Nadal), con risultati modesti. La mancanza di un riferimento offensivo è deleteria e difficilmente sostituibile, vedi ad esempio l’inoffensiva Lazio di ieri sera contro il Milan senza Immobile e Caicedo .Ma come si è detto la squadra è apparsa subito stanca:  ne è una dimostrazione evidente la scelta di non pressare alti come nelle ultime partite, ma di attendere l’avversario nella propria metà campo con evidenti conseguenze: poco recupero palla e nessuna possibilità di cogliere impreparata la difesa avversaria in fase di transizione positiva. Nel secondo tempo l’ingresso di Cornelius ha dato più riferimenti davanti, ma si è spinto più con orgoglio e generosità che con razionalità. Ma l’epilogo è  sempre quello: se Abissaccio avesse dato il rigore su Kucka (clamorosamente chiaro) ora valuteremmo il pareggio positivo e ottenuto con carattere. Ma siamo salvi, da 39 a 40 punti non cambia nulla, non facciamoci prendere da un panico non aderente alla realtà. 14 punti di vantaggio ci garantiscono la permanenza in serie A, ma la domanda è sempre la stessa: perché ‘sti arbitri ce l’hanno tanto con noi? 🤔🤔🤔. Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

12 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / MA PERCHE’ STI ARBITRI CE L’HANNO COSI’ TANTO CON NOI?

  • 5 Luglio 2020 in 23:54
    Permalink

    Perchè ora Ampollini ogni minimo contatto/tocco di palla in area è rigore. A me non piace, ma purtroppo è così.

    • 6 Luglio 2020 in 10:09
      Permalink

      perfetto, allora perche’ l’intervento ai danni di Kucka nel finale non e’ stato punito col rigore?

      • 6 Luglio 2020 in 12:14
        Permalink

        Quello è perchè noi contiamo come il 2 di picche.

  • 6 Luglio 2020 in 00:17
    Permalink

    Meglio chiederci perché alla ripresa del campionato, mentalmente i giocatori sono meno concentrati ?
    Prima saltavano con le braccia raccolte ora no.
    Le.regole sono queste e di veri errori a sfavore ce solo quello di Verona..clamoroso !
    La squadra ha mollato ed il mister non riesce a far quadrato. STOP.
    Si gioca a calcio, non ce una scienza esatta, forse è ora di dare un colpo di spugna al presente e al passato…anche per certi giocatori.
    È una bestemmia? È soltanto calcio…le belle storie prima o poi finiscono, meglio farlo in bellezza.

    • 6 Luglio 2020 in 10:13
      Permalink

      Gli episodi determinano la valutazione delle partite: se nell’ ultimo episodio fosse stato fischiato il rigore a nostro favore per il fallo su Kucka adesso parleremmo di un Parma di carattere bravo a ristabilire la parita’ nel secondo tempo. Non ci hanno dato un rigore solare e parliamo di un Parma che ha mollato…

  • 6 Luglio 2020 in 09:46
    Permalink

    Il problema è della società come hanno detto ieri sera su tv parma.
    Non puoi dire quando mancano 10 partite e sei già salvo che l’obiettivo è la salvezza. I nostri giocatori adesso stanno già pensando a dove giocheranno il prossimo anno e a non farsi male.
    E noi come al solito patiremo fino alla fine.

    • 6 Luglio 2020 in 10:51
      Permalink

      Bravo. Esattamente quello che ho detto io in un post precedente. Anche il neo promosso Hellas dice che faranno il possibile per arrivare in Europa, anche se non ci andrà. È questione di stimoli e mentalità. Chi paga gli stipendi ha detto che va bene così, quindi…. Quel di più te lo deve dare l’allenatore ma è evidente che non riesce ad alzare l’asticella, non so se per suoi demeriti o perché questo è il reale valore della squadra. Di certo il suo ciclo è finito. Grazie di tutto ma c’è bisogno di nuovi stimoli e nuove idee.

  • 6 Luglio 2020 in 13:09
    Permalink

    Gli arbitri non ce l’hanno con il Parma, tranquilli.
    Il fatto è che si fischiano troppi rigori (la serie A credo sia il campionato, tra i maggiori, dove si fischiano più rigori). Ormai sta diventando un altro sport ed il problema è che non c’è uniformità, per cui si va a fortuna…e ultimamente il Parma non ne ha avuta molta…

  • 6 Luglio 2020 in 17:52
    Permalink

    Anche quest’anno calo di fine stagione alla Roberto D’aversa, tra un po’ verrà studiato dalle principali Università USA.

  • 6 Luglio 2020 in 22:48
    Permalink

    Ho aspettato un bel po a commentare perchè dovevo sbollire.
    Vorrei prima affrontare il tema arbitrale, primo rigore Fiorentina giusto, Gagliolo ha fatto un intervento ingenuo e inutile; secondo rigore Fiorentina non scandaloso ma molto (e sottolineo molto) ai limiti e viziato da due aspetti, fallo su Iacoponi al centro dell’area e fallo di mano di Darmian mentre è in fase discendente dopo aver saltato e pertanto in totale mancanza di controllo delle braccia (che peraltro non erano nemmeno così larghe); primo rigore Parma giusto, il difensore sbraccio vistosamente Kucka; fallo su Kurtic (se non sbaglio) che poteva essere punito con assegnazione (forse un pochino generosa ma che ci può stare con il metro di giudizio applicato) del rigore al Parma.
    Venendo alla partita direi primo tempo vergognoso dove siamo stati inferiori in tutto rispetto alla Fiorentina (come ammesso in modo molto sincero dal mister). Secondo tempo dove la squadra si è impegnata dal punto di vista agonistico ma ormai la frittata era fatta.
    Ribadisco quanto scritto la scorsa settimana e peraltro sostenuto da molti frequentatori del forum e molti giornalisti, a mio avviso vi è una naturale mancanza di stimoli, il fatto di essere già salvi (unico obiettivo pubblicamente sostenuto sino ad oggi) fa si che i giocatori siano mentalmente più scarichi ed anche nei singoli episodi di gioco manca quella rabbia e quella grinta che fa la differenza (la scorsa settimana ho fatto l’esempio della rabbia con cui Pessina del Verona ha scaricato in rete il pallone del 3 a 2) o che ti fa commettere errori di disattenzione (vedi i falli di mano).
    Aggiungo che oltre a questo aspetto personalmente non inizierei mai e poi mai una partita senza una prima punta di ruolo, sono convinto che in generale ed ancora di più nel gioco di D’Aversa, sia un elemento imprescindibile. Mi rendo conto della necessità di gestire Cornelius ma allora ci avrei rinunciato con l’Inter non perchè davo per persa la partita ma perchè la fisicità del vichingo era superata da quella dei difensori di Conte per cui, come all’andata, forse dei giocatori rapidi e veloci potevano mettere più in difficoltà l’avversario (questo con il senno del poi).
    Personalmente mi sento molto scarico per questo finale di stagione dove siamo tagliati fuori da ogni tipo di lotta per piazzamenti più ambiziosi e vorrei vedere una reazione con la Roma con la speranza che vi sia la voglia di provare ad arrivare tra i primi dieci che consentirebbero di avere qualche vantaggio economico in termini di diritti TV.
    Non dico di non essere soddisfatto di questa stagione, ci mancherebbe, l’obiettivo primario per una squadra come il Parma deve essere la salvezza senza fare voli pindalici (almeno ad inizio stagione) però è un peccato dove eravamo (e con la rosa che abbiamo) tirare i remi in barca così presto, poi ripeto spero di sbagliarmi e vedere una vittoria con la Roma o il Milan ma temo sarà difficilissimo.
    Ultimo desiderio personale (a proposito di imprese impossibili) mi piacerebbe battere l’Atalanta perchè sono forti oltre ogni aspettative e vincere sarebbe motivo di orgoglio.
    Sempre e solo forza Parma

  • 7 Luglio 2020 in 11:56
    Permalink

    Domani a Roma si perde ancora

  • 7 Luglio 2020 in 16:25
    Permalink

    Ad Ampollini rispondo che i rigori quindi scelte arbitrali sono una storia a parte.
    Tu gioca con grinta dal 1 minuto e vedrai che in area forse ci arrivano di meno e quindi (forse) meno possibilità che ce lo fischiano contro.
    Perché regalare spesso mezze partite?
    Concorso di colpa .
    Bada che queste amnesie di grinta applicata vengono da lontano molto prima del covid.
    Saluti

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI