PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / IL RAMMARICO E’ GRANDE, PERCHE’ SUL PIANO DEL GIOCO NON SI E’ FATTO MALE…

luca ampollini(Luca Ampollini) – Beh, stasera il rammarico è grande, e quando ci sono molti rimpianti significa che sul piano squisitamente del GIOCO non si è fatto male per nulla. La partita l’ha decisamente persa il Parma, non l’ha vinta il Milan: due concetti che per i meno attenti sembrerebbero identici, ma che in realtà sono completamente in antitesi. Eh sì, perché se chiudi il primo tempo in vantaggio e nella ripresa, sul 2-1 , arrivato per un’ opposizione troppo malleabile di una squadra irriconoscibile in fase di non possesso, hai 3 occasioni colossali per pareggiare e non le sfrutti, significa che decidi inevitabilmente TU del tuo destino. Perdere così, quindi, fa male e fa male vedere una squadra avere smarrito quell’ “animus pugnandi” tanto apprezzato fino alla recentissima gara di Genova, uno spirito belligerante perso per chissà quali motivi (appagamento? conseguenze del lockdown? giocatori non giovanissimi che pagano più di altri gare così frequenti? Innegabili e determinanti strafalcioni arbitrali che ti hanno punito BEN OLTRE I TUOI DEMERITI?), ma che mantengono ancora la squadra in una posizione in linea con gli obiettivi di inizio stagione. Abbiamo parlato di una squadra apprezzabile stasera, erroracci a parte, sul piano squisitamente del GIOCO: in fase di non possesso il travolgente esterno del Milan Hernandez è stato neutralizzato da un Kulusevski efficace in chiave difensiva, Darmian è stato quindi impiegato in posizione più centrale supporto dei due centrali e a centrocampo, grazie anche alla scelta di Pioli di impiegare l’immobile Biglia, lkulusevski milan parma 15 07 2020a squadra non ha sofferto più di tanto, essendo anche in superiorità. Le noti dolenti sono arrivate soprattutto da un attacco troppo evanescente con Gervinho e Karamoh che erano stati decisamente più brillanti nell’altra esibizione al Meazza contro l’Inter. Ciò nonostante abbiamo segnato sul “nostro personalissimo cartellino” (Rino Tommasi numero 1) 5 occasioni nitide, ma se ne è realizzata solo una, decisamente troppo poco. L’analisi post gara di D’Aversa è stata lucida e severa: il tecnico ha puntato il dito su quella determinazione, che tanto ha caratterizzato il girone d’andata, troppo latitante nelle ultime uscite, sia in fase di realizzazione sia quando bisogna opporre un’opposizione più energica agli attaccanti avversari. Ma siamo sempre lì, praticamente a metà classifica, basta poco per arrivare noni o decimi, in linea con gli obiettivi iniziali; riusciremmo a dimenticare tutto, momento no ed errori arbitrali, senza rimpianti, non sarebbe davvero male… Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

30 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / IL RAMMARICO E’ GRANDE, PERCHE’ SUL PIANO DEL GIOCO NON SI E’ FATTO MALE…

  • 16 Luglio 2020 in 00:41
    Permalink

    Rischiamo di finire quattordicesimi come lo scorso anno, con addirittura gli stessi punti dello scorso anno se non vinciamo almeno una gara da qui alla fine. Ma alla società va bene così, quindi non lamentiamoci 😀

    • 16 Luglio 2020 in 01:01
      Permalink

      Scusa eh Luca, ma a te chi lo ha detto che alla Società va bene cpsì? Basta sfruttare questo spazio per scrivere illazioni senza riscontro!

      • 16 Luglio 2020 in 11:58
        Permalink

        Gradirei che la società mettesse in chiaro le sue ambizioni: se ogni anno dobbiamo salvarci in anticipo e poi mollare a me va bene così almeno non mi faccio inutile illusioni.

        • 16 Luglio 2020 in 12:50
          Permalink

          La Società in ogni suo componente ha ripetuto, direi a sfinimento, l’obiettivo salvezza, da raggiungersi con meno patemi e prima dell’anno passato. Missione compiuta. Punto. Con largo anticipo. Per le dimensioni del Parma dopo due anni in A e la rinascita dai Dilettanti è anche troppo. Punto. Dopo di che se con merito sul campo si è fatto di più del dovuto e sono aumentate le aspettative (soprattutto della incontentabile piazza cui il bagno di umiltà non è servito abuna benedetta mazza) è un altro discorso. Perdere cinque partite fa incazzare tutti, ma vi dovrebbe essere il buon senso e la riconoscenza per saperle accettare senza venir qui a vomitare corbellerie astruse. Personalmente non dichiaretei mai obiettivi perché il mio obiettivo è dare sempre il meglio. E comunque tolto un paio di tempi qua e là si è fatto sempre bene. Incluso ieri che giocavamo con il Milan e non con la Ribelle. Va bene che siete tutte principesse sul pisello che vorreste vincere la Champions e lo Scudetto: ma un po’ di equilibrio, intelligenza e buon senso proprio no?

          • 16 Luglio 2020 in 15:44
            Permalink

            Caro Majo la società deve motivare i giocatori in denaro.
            Il denaro per loro è
            LO SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE
            Se arrivi diciassettesimo hai un premio, se arrivi settimo un altro molto.piu sostanzioso.
            Vedresti caro Majo come corrono per guadagnare di più.

          • 16 Luglio 2020 in 15:59
            Permalink

            Credo che la sua brillante idea sia già stata adottata da tempo con i cosiddetti bonus, presenti in diversi contratti stipulati con i pedatori

          • 16 Luglio 2020 in 16:04
            Permalink

            non è però bello che appena salvi non si possa guardare una partita perché si sa già che si perde abbiamo risuscitato tutti fiorentina roma inter stessa eccc la società in realtà aveva altri obiettivi caro maio non si spende 70 ml per la salvezza più dei diritti tv !!! si informi e faccia la somma inglese sepe karamou grassi darmian caprari kurtic flamini dermaku pezzella brugman cornelius tenuti tutti i titolari della anno scorso !! il giovane centravanti mai visto più decine di operazioni minori più investimenti nel settore giovanile tutto questo per 40 punti secondo lei ? allora sono pazzi , e chiaro che gli obiettivi erano altri solo un credulone può pensare che la salvezza fosse l obiettivo la società e giustamente ambiziosa non è colpa dei tifosi pretenziosi torniamo ai 5 anni fa dve eravamo per favore basta !!! abbiamo vinto coppe

          • 16 Luglio 2020 in 16:31
            Permalink

            Vede, nel mio piccolo, sia pure decentrato, faccio parte del Parma Calcio, sicché quelli che sono i pensieri societari credo di conoscerli abbastanza bene.
            Lei ha ragione nel rimarcare investimenti probabilmente superiori rispetto alla quart’ultima posizione (tranquilla) di classifica, però nello stesso tempo le potrei ribattere che anche quanto investito a partire dalla serie D fosse decisamente superiore rispetto a un “investimento normale”, questo, probabilmente, era dovuto al voler cercare una sorta di garanzia di riuscita dapprima della scalata (anche in c e in b gli investimenti erano superiori alla norma, nonostante gli obiettivi siano stati centrati con meno margine di quanto ci si potesse immaginare) e lo stesso dicasi per il consolidamento. La tanto anelata (ma indova? poi nessuno sarebbe andata a vederla: certi pubblici scarsi delle ultime Coppe al Tardini me li ricordo anche troppo bene) Europa League sarebbe stata una iattura nell’attuale processo di crescita e consolidamento della Società in Serie A, nella quale siamo appena tornati dopo gli anni di veloce ricostruzione. Ma sia chiaro – cosa che nella testa di molti non è – questo non è il Parma di Calisto, né il Parma delle “folli” ambizioni di Ghirardi che appunto voleva misurarsi con Tanzi e si è visto la fine che ha fatto. Poi che ci sia da incazzarsi per cinque partite perse su sei c’è certamente da incazzarsi perché si fa anche una pessima fiducia, però cerchiamo di restare coi piedi per terra e renderci conto di chi siamo. Nel post covid, tranne Atalanta e Milan, squadra con cui non abbiamo mal figurato ieri, tutti stanno facendo fatica, financo la Juventus di Sarri e Ronaldo: sinceramente basta essere presuntuosi ed ingrati oltre che irrazionali.

      • 16 Luglio 2020 in 12:22
        Permalink

        maio avrà ragione forse luca non lo sa se la società si è fatta sentire però se così fosse e peggio perché dimostra che i calciatori se ne fregano hanno anche dopo 5 sconfitte ( con il bologna 2 tiri due goal mi dica che altre occasioni o parate ) sono molli , perdono i tackle sono sconcertati tutti tirano da fuori area e ci impallinano perché nessuno si oppone …… e un atteggiamento da vacanza e qua torna l incapacità dell allenatore che cerca scusanti anziché attaccarli al muro lui vede sempre un bel atteggiamento bel gioco eccc solo lui anche su sky gli hanno detto quando vedremo in parma che gioca fino in fondo ? chiaro che la colpa la davano a lui visto che poi hanno esaltato de zerbi con il sassuolo che continuano a giocare . la società deve farsi sentire se lo ha fatto allora ….. siamo messi male saluti

  • 16 Luglio 2020 in 08:48
    Permalink

    Quello che speravo di una salvezza tranquilla e qualche posto in avanti per avere maggiori quattrini dai diritti tv sarà un brutto sogno.
    40 punti, fiore a 39 e samp a 38, se non si vince la prossima finiamo in cattive acque.
    Anche quest’anno salvezza poco tranquilla, sarà così anche l’anno prossimo…

  • 16 Luglio 2020 in 10:02
    Permalink

    Luca Ampollini ieri sera in tv ogni tuo commento era senza senso
    e senza logica.
    Noi tifosi saremo anche buoni ma non siamo “cretini”,
    e di calcio un pò ne mastichiamo.
    RIVOGLIAMO BONI……lui quanto meno faceva ridere,
    tu nemmeno quello….ritorna a vendere mascherine e disinfettanti,
    forse è quello che sai fare meglio.
    HAI UN BEL CORAGGIO a sostenere che si è giocato bene
    e la partita la decisamente persa il Parma.
    Ripeto: HAI PROPRIO UN BEL CORAGGIO……..
    di opinionisti da 2 scudi facciamo senza….GRAZIE.

    • 16 Luglio 2020 in 15:51
      Permalink

      mascherine euro 3,75
      gel 2,90
      ho anche i guanti in nitrile a euro 14,00 … ti aspetto

      • 16 Luglio 2020 in 15:54
        Permalink

        le mascherine sono FFP2 ovviamente… quando vieni poi ti regalo una fotocopia della mia tessera da giornalista, credo apprezzerai, buona giornata

      • 16 Luglio 2020 in 23:48
        Permalink

        ampollini le ffp2 a 3,75 e un buon prezzo se confermi passo a prenderle le sto comperando dalle farmacie online a quel prezzo

  • 16 Luglio 2020 in 10:48
    Permalink

    Scusate ma adesso avete stufato.
    Il Parma è salvo dalla partita con il Genoa ovvero ampiamente rispetto all’anno scorso.
    Non capisco queste illazioni.
    Il Sassuolo fino a 5 partite fa era a 5 punti da noi. Poi ha azzeccato 5 partite ed ora stiamo parlando di una squadra fantastica.
    Per 27 partite sembrava una squadra anonima che viaggiava da metà classifica in giù.
    Ma vogliamo per una volta applaudire la nostra squadra che quest’anno ci ha fatto anche divertire oltre che a vincere?
    Abbiamo sbagliato 2 partite delle ultime 5 e parliamo di retrocessione, esoneri ecc….
    Vi sembra normale?
    Certo anche io vorrei il Parma in zone ancor più alte ma guardiamoci un attimo in faccia.
    Basta vi prego con commenti stupidi e inutili.
    Andate ad analizzare le partite.
    Non abbiamo giocato male.
    Finitela.
    N.B.: d’accordo con il Direttore. Basta illazioni ed aggiungo io cazzate.

  • 16 Luglio 2020 in 10:51
    Permalink

    Squadra decisamente imbarazzante sia dal punto di visto fisico che mentale. Giocare ogni 3 giorni non fa per noi e si vede.

    Dopo gli episodi sfortunati delle partite con Inter e Verona, ci voleva una reazione che purtroppo non c’è più stata, ma che anzi si è trasformata in una involuzione totale da cui non si vede via di uscita.

    Quello che più dispiace è vedere un atteggiamento mentale totalmente passivo nei confronti di qualsivoglia avversario, non appena si fa gol.

    Sia con la Roma che con il Milan, dopo il gol del vantaggio abbiamo smesso proprio di essere in campo fino alla rimonta avversaria.
    Con Fiorentina e Bologna, in casa, abbiamo iniziato a giocare direttamente nel secondo tempo.
    Poi improvvisamente, quasi morsi da una tarantola, abbiamo ricominciato a correre e a giocare, creando pure qualche azione.

    La cosa davvero preoccupante, è che in ogni stagione di D’Aversa, in serie C, Serie B, Serie A, abbiamo avuto sempre momenti così nella stessa parte di campionato.
    Credo sia una cosa su cui occorre ragionare perchè al quarto anno di fila non può essere un semplice caso.

    Ad ogni modo siamo salvi e questo alla fine è l’unico obiettivo reale della stagione, ma certo, molti di quelli che stanno giocando in queste partite sarebbe bene non vestissero la crociata anche il prossimo anno perchè non ne sono degni.

  • 16 Luglio 2020 in 12:24
    Permalink

    Sprocati Karamoah Caprari Siligardi alla Cremonese

  • 16 Luglio 2020 in 12:30
    Permalink

    ampolline io
    non ho mai avuto la sensazione che il parma potesse portare a casa punti il milan ha fatto quello che ha voluto un paio di interventi di sepe hanno evitato di chiuderla prima ……sembrava il gatto con il topo la solita squadra formato vacanza molle senza grinta che lascia arrivare a 10 metri e arretrano tutti lasciando tirare da fuori chiunque …… ora la società ha speso un sacco di soldi basta pensare ai 30 ml al napoli ( grassi sepe inglese ) più cornelius brugman kurtic darmian laurini caprari karamou ebbene il risultato è la fotocopia dell anno scorso !!!! sarebbe contento al posto della società ?

  • 16 Luglio 2020 in 12:35
    Permalink

    l unica cosa che mi spiace che d aversa c’è lo dovremmo sorbire anche il prossimo anno con le sue scusanti sempre pronte ( arbitri infortuni la società che non gli rinforza la squadra ) sembra il suo amico conte identico !!! solo che quello la e anche bravo …. sotto sotto d aversa pensava di accasarsi altrove non smentiva le voci se ricordate non diceva mai no io ho un altro anno di contratto !! ( chiesto da lui che è corso a farsi dare l aumento come ogni anno come se il precedente contratto fosse carta igienica ) sperava in toro e fiorentina adesso che lo hanno smascherato nessuno lo vuole e tornerà a casa lessi dicendo che lui rispetta il contratto ma mica siamo scemi se lo chiamavano lui pestava i piedi come un bimbo
    il lamentoso permaloso

  • 16 Luglio 2020 in 14:08
    Permalink

    Bravo Pablo d’accordo con te

  • 16 Luglio 2020 in 14:10
    Permalink

    Rivogliamo boni e le sue bombe! Magari aveva novità sullo sceicco….

    • 16 Luglio 2020 in 14:24
      Permalink

      Certo non gli mancava la simpatia, ma adesso il Saltimbanco è attratto da interessi differenti rispetto alle bombe e trainanti più di un carro di buoi…

  • 16 Luglio 2020 in 14:39
    Permalink

    Ci terremo ancora D’Aversa per due scudi,
    mentre continueremo ad acquistare o “affittare” a dei prezzi esorbitanti BALORDI, OVER e TRONISTI.
    Questa è la politica di FAGGIANO il grande DS…..
    In 5 anni il nostro “BENIAMINO” non è stato in grado di
    valorizzare un giocatore, nemmeno uno.
    Mi chiedo a fine agosto cosa succederà….(scadenza contratti)
    La proprietà fino a quando continuerà
    a “sborsare denaro” a fondo perduto?

  • 16 Luglio 2020 in 14:54
    Permalink

    tortelli non esagerare diciamo che il grande da va a corrente alternata qualche bella intuizione e tante cazzate ecco forse più le cazzate qui sono d accordo basta pensare i 30 ml al napoli per i cagionevoli grassi e inglese !! o il karamou che l inter ringrazia , il fatto che tutti e 100 acquisti in lega minore non uno dico uno abbia dato una plusvalenza !! o sia pronto per la serie a….. i vari scaglia dezi da cruz !!! pagati cari e mandati in prestito senza speranza di rivalutazione …. insomma karamou e il ns fiore all occhiello kulusesky quello dell atalanta da lì si capisce la differenza tra le due società

  • 16 Luglio 2020 in 16:05
    Permalink

    Credo che perdere tante partite in stecca non piaccia ad alcuno ma, lungi nel voler fare l’avvocato difensore di qualcuno, cerchiamo almeno ogni tanto di essere un pò obiettivi e valutare nell’interezza le cose. Poi se ai gufi che hanno sonnecchiato per 8 mesi improvvisamente viene data l’occasione per scrivere una montagna di frasi e concetti triti e ritriti, contento per loro. Non credo siano tifosi ma solo spettatori mai soddisfatti, qualsiasi cosa si faccia. Siamo nei dintorni di squadre che hanno speso una montagna di quattrini in estate ( es. Bologna e Cagliari) partendo da 0 pochi anni fa, senza settore giovanile e giocatori di proprietà. Per costruire un settore giovanile all’altezza occorrono anni, e mica sempre si riesce: tutto il mondo è a caccia di talenti che ormai devi andarli a prendere a 14 anni, perchè già a 16 costano tantissimo. Oppure ti nascono in casa (tipo Barella) e te li ritrovi senza alcun merito. A parte l’Atalanta chi tra A e B scova talenti con una continuità pazzesca come la Dea? La nostra squadra è perfetta per giocare 1 partita alla settimana: i panchinari che abbiamo e che possono entrare sono 2 o 3 al massimo. Infatti, giusto per onestà intellettuale, quanti minuti hanno giocato, prima dello stop forzato, i vari Karamoh, Sprocati, Siligardi, Dermaku, ecc. ecc. Sono riserve che possono reggere l’impatto giusto 10/15 minuti con gli altri un pò stanchini. Qualcuno dirà perchè li abbiamo presi? perchè a parte Karamoh gli altri costavano 0 o poco poco. Ultima cosa: credo che ieri sia stata schierata la formazione migliore, considerando che Kuko e Scozza erano out. Oppure i vari allenatori che bazzicano sul sito avrebbero avuto qualche idea migliore? Difesa e attacco titolare e centrocampo migliore che si poteva schierare. Probabilmente siamo un pò cotti e giocare ogni 3 giorni per noi è una prassi praticamente suicida.
    PS. Per chi ha scritto in giro che Conte è bravo….bravo a vincere con una squadra imbattibile (tipo gobbi ) quest’anno con quello che ha speso a dicembre era già fuori da tutto. Bravo Conte però.

    • 17 Luglio 2020 in 00:23
      Permalink

      sapientone conte ha fatto bene in nazionale così dicono i giornalisti e tecnici di calcio forse tu non te ne sei accorto che ha riesumato una squadra nazionale dopo l umiliante finale del grande prandelli ……. se non bastasse ha vinto tutto anche in inghilterra con il chelsea ma forse anche quello non ne sai al corrente …. informati poi anche a me sta sui coglioni alla pari di d aversa ma dire che non è bravo …. e attenzione l inter e a 6 dalla juve e quella di allenata da un balordo sopravvalutato

  • 16 Luglio 2020 in 16:33
    Permalink

    Mi stanno bene signori e signore i 40 punti…ma vorrei divertirmi guardando la mia squadra del cuore ormai da 4 decenni.
    Guardare il Parma oggi specialmente oppure l’anno scorso per buona parte, in serie B o in C non ho mai visto il gioco , esagero, qualche partita buona ce stata ma se devo pagare e vedere un bel film preferisco chesso’…kill Bill , quinto elemento ecc…invece per lo più mi propongono l’armata potiemkin…mica mi diverto tanto…e pago !!! Cambiare regista no?
    Saluti a tutti

  • 16 Luglio 2020 in 23:53
    Permalink

    maio io sicuramente che ho fatto 20 anni di serie c non sono né tifoso presuntuoso ne sognatore ma penso che nessuno pensi allo scudetto ne alla champion !! e della europe league non interessa a nessuno solamente l atteggiamento e la mancanza di stimoli che da fastidio una volta si diceva non onorano la maglia , se lei vede sono errori di concentrazione !! se la squadra a fatto 39 punti in 26 partite non può fare nelle ultime 12 solo 4- 5 punti e una presa in giro la squadra a dei buoni valori deve fare di più questo che vogliamo

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI