PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / SEMBRAVA UNA PARTITA ANNI ’70, MA DEGLI ERRORI ARBITRALI NON SE NE PUO’ PIU’!

majo-girato.jpg(Gmajo) – Luglio, estate, tempo di Parole Crociate. Da oggi le riflessioni post-gara di Luca Ampollini – giornalista, opinionista tv e speaker del Tardini – che abitualmente posta sul proprio profilo personale Facebook, vanno ad arricchire il caleidoscopio di pareri pubblicati su StadioTardini.it

A Luca il nostro benvenuto, a tutti voi buona lettura…

luca ampollini(Luca Ampollini) – Sembrava una partita Anni 70: ritmi bassi, attacchi da una parte e dall’altra con poco pressing, occasioni copiose e un risultato finale che, come domenica scorsa, non rispecchia ciò che si è visto in campo. Nella tropicale serata di Verona sarebbe stato più giusto un pareggio, ma tra i soliti strafalcioni arbitrali ed errori incredibili dei Crociati, è arrivata una nuova sconfitta. Sì perché dopo un primo tempo di totale controllo il Verona è stato rimesso in gioco da un rigore regalato a metà dall’ennesimo torto arbitrale (non se ne può più!) e a metà da un Alves che, a 38 anni, ha l’esperienza per sapere che non DEVE nemmeno sfiorare l’attaccante in area pronto a cadere, spalle alla porta, impossibilitato a fare qualsiasi cosa in quella posizione. Nella ripresa il Verona ha beneficiato del regalo del 3° gol, beccato su contropiede, nel quale più che una squadra di D’Aversa sembrava, nella circostanza, una squadra di Zeman (che ci faceva Karamoh a difendere solo con Darmian??? 🤔🤔🤔) . Giusto, però, non drammatizzare: certi gol in situazioni normali, in un campionato normale, dove si dovrebbe giocare una volta alla settimana e non 3 volte in 7 giorni con 35 gradi, non si subirebbero. E ha ragione D’Aversa: sarebbe piacevole ogni tanto avere un episodio a favore che vada ad indirizzare una partita: ergo, con l’Inter col rigore sul fallo di Kulusevski non avresti perso e ieri sera, senza il gesto di protagonismo di Valeri, avresti chiuso il primo tempo in vantaggio e non saresti uscito a mani vuote dal Bentegodi. Ma siamo salvi e questo è il risultato più importante: andare in Europa da settimi, passando dai preliminari è assurdo a parer mio. Chiudere questa stagione il 3 agosto e ricominciare a giocare il 27 i preliminari per l’Europa League della nuova stagione non ha senso. E di cose insensate, quest’anno, in questo pazzo campionato gestito coi piedi dai capi del pallone, ne abbiamo viste anche troppe, accontentiamoci. Luca Ampollini

Stadio Tardini

Stadio Tardini

15 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / SEMBRAVA UNA PARTITA ANNI ’70, MA DEGLI ERRORI ARBITRALI NON SE NE PUO’ PIU’!

  • 2 Luglio 2020 in 13:01
    Permalink

    Concordo su tutto.
    Aggiungo nuovamente che il vero torto è stato fatto al momento del tiro del rigore, Valeri non conosce il regolamento.
    Noi siamo stati molto piti comunque.

  • 2 Luglio 2020 in 14:20
    Permalink

    Sono rimasto
    BASITO
    SBIGOTTITO
    ESTERREFATTO
    SENZA PAROLE
    SCHIFATO
    INCREDULO
    QUASI RINCOGLIONITO
    INCAZZATO
    IMBESTIALITO
    CON LA VOGLIA DI VOMITARE
    CON LA BAVA ALLA BOCCA
    CON ISTINTI OMICIDI
    INCAZZATO COME UN’ AQUILA REALE
    QUASI FUORI DI TESTA
    quando ho visto l’arbitro di parte Valeri
    PERMETTERE
    ( mai una cosa così è successa neli campionati di tutto il mondo)
    al rigorista scaligero di far finta di tirare un rigore.
    Fermarsi sorridere come a dire
    “Te l’ho messa in culo”
    e poi dopo aver fatto i suoi sporchi comodi. sotto lo sguardo ammaliato e compiaciuto dell’arbitro, che approvava il suo comportamento, tirare UN RIGORE INESISTENTE OLTRE TUTTO un rigore inventato al 100% dall’arbitro senza consultare il VAR che lo avrebbe fatto rientrare nella logica delle cose e questa è palesemente la dimostrazione della sua malafede
    Ma coglioncello di un uomo, fatti furbo anche se non lo sei
    per lo meno AMMONISCILO.
    Poi il rigorista dopo aver capito dove Sepe
    si. sarebbe tuffato ha tirato
    a colpo sicuro.
    NIENE AMMONIZIONE
    NIENTE ESPULSIONE
    NIENTE DI NIENTE.
    Poteva anche fare il rigorista oò
    scaligero prima di tirare il rigoreun pic nic e
    l’arbitro avrebbe acconsentito con un brindisi.
    Arbitro Valori, un consiglio.
    Lascia la professione di arbitro, non sei portato.
    C’e bisogno di raccogliere le ” tomacche”
    Vai a dare una mano a loro.
    Eviterai di far danni e
    far incazzare come belve la gente.
    Vi ricordare del rigore non datoci coin la Lazio?
    Mai un rigore era così netto eppure il palazzo…..
    Questo per dirvi che la MAFIA NEL CALCIO C’E.
    Eccome se c’è.

  • 2 Luglio 2020 in 15:33
    Permalink

    No, partita del 2020 giocata a luglio, negli anni 70 faceva fatica anche l’ajax contro l’altovicentino, con boscolo papo cruyff non beccava biglia 🤭

  • 2 Luglio 2020 in 15:44
    Permalink

    Consiglio al Sig. Luca Ampollini di continuare col suo mestiere
    di venditore di mascherine. E’ bravissimo……..
    par al rèst alè mèi cal tèsa….

    • 2 Luglio 2020 in 16:08
      Permalink

      Semmai di porte blindate. Cmq l’analisi della partita di ieri sera mi pare valida e condivisibile. Se non è d’accordo trovi gli argomenti da confutare e li proponga alla community. SDONG

  • 2 Luglio 2020 in 16:05
    Permalink

    D’accordo con ampollini, bruno alves e’ stato un pito

  • 2 Luglio 2020 in 16:36
    Permalink

    Direttore le porte blindate le vende il papà mia lù….
    Argomenti:

    1- errore arbitrali……..(sempre le solite scuse)

    2- giocare ogni 3 giorni…..(ci sono anche le altre squadre)

    3- Europe League……(ma abbiamo la possibilità economica?)

  • 2 Luglio 2020 in 17:33
    Permalink

    La stagione del Parma credo, opinione personale, sia andata molto meglio di quello che ad inizio campionato i tifosi sperassero, però a questo punto della stagione, continuare a parlare di salvezza sembra una presa per i fondelli, alzare nel corso del campionato il proprio obbiettivo non è una cosa negativa, soprattutto nello sport.
    Mancano 9 partite se non si creano obiettivi nuovi si rischia di assistere a 9 amichevoli e di peggiorare la bella classifica attuale.
    Devo ammettere che quando si parla di Europa League, il primo pensiero va alla stagione dello spareggio di bologna, per cui il fatto di non andarci non mi dispiace più di tanto, però è un pensiero che considero sbagliato, una società per crescere deve affrontare nuove sfide ed una vetrina europea ti dà questa possibilità, il problema sicuramente si sarebbe posto per la società nel creare una rosa adeguata, in quanto affrontando due competizioni avrebbero giocato dal 17 settembre (inizio dei preliminari per l’ultima squadra italiana qualificata) alla pausa di natale, partecipando alla fase a gironi, due volte alla settimana.
    La società del Parma, sebbene sia gestita in modo scrupoloso dagli attuali soci, rimane comunque in vendita ed una vetrina europea può solo far aumentare l’appetibilità del club.

  • 2 Luglio 2020 in 18:11
    Permalink

    “Siamo salvi”. Ecco, è questo il problema. Una volta salvi, smettiamo di impegnarci e di giocare con grinta.
    Se è vero che non è consigliabile iniziare l’Europa League il 27 agosto, sarebbe però bello porsela come obiettivo per non fare un brutto finale di campionato.

    • 2 Luglio 2020 in 18:47
      Permalink

      Io non credo assolutamente che il “siamo salvi” sia all’origine di alcun rilassamento. Rilassamento che non c’è assolutamente stato. Come ben descritto da Gianni Barone e Luca Ampollini alcuni errori hanno rovinato gare ben intercettate dal Parma.

  • 2 Luglio 2020 in 20:22
    Permalink

    La società è il mister dovrebbero
    dare nuovi stimoli visto che abbiamo
    ottenuto la salvezza
    Persa l’Europa, cerchiamo
    di arrivare nella parte sinistra
    della classifica, sarebbe quella
    LA NOSTRA EUROPA.
    Se andavamo in Europa, sarebbe stata invece
    LA NOSTRA TOMBA
    A metà campionato saremmo scoppiati
    come palloncini da sagra paesana
    e saremmo volati in B

  • 3 Luglio 2020 in 12:49
    Permalink

    Allora meno male che abbiamo perso (specie con l’Inter) due partite dominate in lungo e in largo.
    Per via della prima sono convinto che con Dermaku in campo non avremmo preso due gol di testa.
    Per via della seconda credo che andando al riposo in vantaggio il Mister poteva attuare il suo piano di contenimento con le due frecce pronte a subentrare per i contropiede.
    Il buon Ampollini si é dimenticato della direzione arbitrale nel complesso mettendo in dubbio oltre tutto che il fallo di Alves ci fosse, e che il capitano abbia mancato di esperienza.
    Partiamo dall’inizio.
    Tre ammoniti del Parma nei primi 20 minuti e diversi falli non fischiati agli scaligeri, con il povero Cornelio vittima designata a prender botte.
    Da uno di questi falli non fischiati parte l’azione che produrrà il rigore inesistente, con Alves assolutamente fermo e le mani alzate a contestare la propria innocenza a fronte del tuffo di Di Carmine.
    Il rigore, per regolamento, é stato battuto in modo irregolare, le conseguenze quali dovevano essere ? Ammonizione, ripresa con una punizione a favore del Parma o nulla di fatto, tiriamolo finché non lo segni ?
    Solo in questo pareggio degli Scaligeri ci sono tre episodi interpretati tutti a senso unico, e l’episodio é determinante per indirizzare la partita.
    Come minimo bisogna aggiungere che a fine partita il portiere del Verona e un suo compagno han giocato a pallavolo, che ha altre regole rispetto al Soccer.
    Infine caro commentatore pacato, che non ci qualifichiamo per i preliminari Europei ci sta, ma che da alcune partite ammucchiamo torti arbitrali a raffica ci sta di meno.
    Buon Parma a tuttihttp://www.stadiotardini.it/emoticons/wpml_bye.gif

  • 3 Luglio 2020 in 17:58
    Permalink

    Il Var andrebbe sempre utilizzato a chiamata di parte, per evitare le conseguenze della mediocrità di tanti arbitri. Questo perché gli ultimi due che abbiamo visto all’opera hanno dimostrato quanto il regolamento sia insulso. Infatti sono riusciti a giudicare male due interventi, pur essendo in buona posizione per vedere. Così il Var è diventato inutilizzabile, proprio per regolamento.
    Quello che è riuscito a combinare Valeri durante la mancata esecuzione del rigore dovrebbe essere sufficiente a fare terminare la sua carriera per manifesta inadeguatezza.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI