ROMA-PARMA 2-1 (FINALE) / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ANDREA BELLETTI

ROMA-PARMA 2-1, CLICCA QUI PER VEDERE GLI HIGHLIGHTS

roma parma 001

ROMA-PARMA 2-1 – IL TABELLINO

Marcatori: 9′ Kucka (rig.), 43′ Mkhitaryan, 12′ st Veretout

ROMA – Pau Lopez; Cristante, Pellegrini (38′ st C. Peres), Dzeko (cap.), Veretout, Mancini, B. Peres (22′ st Kolarov), Spinazzola, Ibanez, Diawara (38′ st Villar), Mkhitaryan (45′ st Zaniolo). All.: Fonseca
A disposizione: Mirante, Zappacosta, Perotti, Cetin, Under, Kalinic, Fazio, Zaniolo, Pastore.

PARMA – Sepe; Iacoponi, Hernani Jr (42′ st Scozzarella), Cornelius (1′ st Kurtic), Barillà (18′ st Karamoh), B. Alves (cap.), Gervinho (42′ st Sprocati), Kucka, Darmian, Kulusevski (36′ st Caprari), Pezzella. All.: D’Aversa
A disposizione: Colombi, Dermaku, Regini, Grassi, Brugman, Laurini, Gagliolo.

Arbitro: Sig. Micheal Fabbri di Ravenna

Assistenti: Sigg. Stefano Liberti di Pisa e Lorenzo Gori di Arezzo

IV Ufficiale: Sig. Ivano Pezzuto di Lecce

V.A.R.: Sig. Paolo Mazzoleni di Bergamo

A.V.A.R.: Sig. Stefano Del Giovane di Albano Laziale

Ammoniti: Cristante, B. Peres, Diawara, Mkhitaryan, Ibanez

Calci d’angolo: 9-3

Recupero: 2’+6’

LA DIRETTA LIVE DI ANDREA BELLETTI

Affezionati amici di StadioTardini eccoci pronti a seguire un Parma determinato ad invertire la tendenza degli ultimi risultati. A Roma non sarà facile, si affronteranno due squadre in difficoltà, gli uomini di D’Aversa dovranno mantenere alta la concentrazione per limitare le sfuriate di una compagine che può disporre comunque di ottimi interpreti. Fiducia in difesa per Pezzella dopo la confortante prova nei minuti finali contro la Fiorentina, mentre in mezzo al campo si rivedono Hernani e Barillà. In avanti Karamoh cede il posto a Cornelius.

PRIMO TEMPO

6′ Cornelius s’invola verso la porta, cade a terra in area e invoca il rigore. Di questi tempi è come ordinare del filetto in un bistrot vegano. E infatti l’arbitro fa orecchie da mercante e indica al danese di rialzarsi. Poi l’inaspettato: un rimorso di coscienza lacera il direttore di gara che decide di affidarsi al Var. Immagini inequivocabili che portano al cartellino giallo per Cristante e al conseguente rigore per il Parma.

9′ GOL DEL PARMA Dal dischetto si presenta Kucka che calcia secondo manuale, spiazzando Lopez e portando in vantaggio i suoi

12′ Forcing della Roma che schiaccia il Parma, ora la truppa di D’Aversa deve cercare di ritrovare gli automatismi di gioco.

17′ Brivido per gli emiliani, rasoiata di Pellegrini, palo pieno, si soffre

18′ Contropiede orchestrato da Gervinho che ottiene un prezioso calcio d’angolo, il Parma può rifiatare

23′ Partita giocata ad alti ritmi, il Parma soffre ma grazie ai suoi velocisti potrebbe rivelarsi letale in contropiede

29′ Hernani trova un pallone delizioso per Gervinho che cerca l’angolo dove Lopez non può arrivare è bravo Mancini ad opporsi e deviare in calcio d’angolo

37′ Pregevole traversone di Pellegrini che per fortuna del Parma non trova interpreti giallorossi pronti a ribadire in rete

40’Assist di Kulusevski per Kucka che spara alto

43′ GOL DELLA ROMA Bruno Peres va via a Pezzella e serve in mezzo all’area Mikhitaryan. Il fantasista giallorosso è freddo nel battere Sepe da buona posizione

45’Ancora un brivido per il Parma  con Ibanez che sfiora il palo di testa, si chiude così la prima frazione di gioco

SECONDO TEMPO

1′ Sostituzione Parma entra Kurtic esce Cornelius

1′ Il ruolo di ariete spetta ora a Kucka chiamato a guidare l’attacco crociato

6′ Mikhitaryan è ispirato, finalizza una bella triangolazione con Pellegrini ma Sepe è attento e blocca la sfera.

12′ GOL DELLA ROMA Ancora Mikhitaryan serve Veretout abile ad accentrarsi prima di far partire un missile terra aria che non lascia scampo a Sepe

17′ Sostituzione Parma entra Karamoh esce Barillà

22′ Sostituzione Roma esce Bruno Peres entra Kolarov

25′ Il Parma prova a reagire ma i tre centrali giallorossi sembrano aver preso le misure agli attaccanti crociati

27′ Hernani crossa per la testa di Kucka che svetta ma il pallone è intercettato da Mnacini che allontana. C’è un sospetto fallo di mano di Mancini, Fabbri va ancora una volta al Var ma stavolta non concede il rigore.

31′ Ci prova Gervinho che s’incunea in area con una delle sue solite serpentine in diagonale batte Lopez ma Fabbri annulla per fuorigioco

32′ Ora il Parma prova ad agguantare il pareggio la Roma sembra indietreggiare

36′ Sostituzione Parma esce Kulusevski entra Caprari

38′ Sostituzione Roma esce Diawara entra Villar

38′ Sostituzione Roma esce Pellegrini entra Perez

40′ Sepe è miracoloso sulla conclusione ravvicinata di Villar e tiene in corsa i suoi

43′ Sostituzione Parma esce Hernani entra Scozzarella

43′ Sostituzione Parma esce Gervinho entra Sprocati

45′ Sostituzione Roma esce Mikhitaryan entra Zaniolo

Il Parma ci prova con la forza della disperazione ma non riesce mai ad impensierire concretamente Lopez. Al contrario la Roma in contropiede sembra in grado di poter trafiggere ancora una volta Sepe. E così scivola via un’altra serata storta costellata da polemiche, sorrisi ironici e rigori non concessi. Andrea Belletti

 

 

 

 

 

 

 

27 pensieri riguardo “ROMA-PARMA 2-1 (FINALE) / HIGHLIGHTS, TABELLINO E DIRETTA LIVE DI ANDREA BELLETTI

  • 8 Luglio 2020 in 21:49
    Permalink

    Forza 💪….Ragazzi

  • 8 Luglio 2020 in 23:28
    Permalink

    Saremo pure scarsi ma ci danno addosso tutti. A noi i rigori contro per fallo di mano li danno sistematicamente. Per noi invece c’è un altro regolamento.

  • 8 Luglio 2020 in 23:29
    Permalink

    Oggi giocato male che più male non si può, sarebbe stato immeritato un pareggio, ma il fallo di mano era solare. Prove ne è che il VAR continuava a dire a fabbri che era rigore, scelta tua incomprensibile non darlo.

    • 8 Luglio 2020 in 23:55
      Permalink

      Fabbri si è dimostrato inadeguato, un arbitro che non concede un rigore come quello va immediatamente escluso dai ruoli per manifesta incapacità. L’azione era talmente chiara nel suo svolgimento da rendere impossibile valutarla come ha fatto lui, se uno avesse scommesso sul pareggio avrebbe ogni ragione di essere furente.
      La Roma ha meritato di vincere, va riconosciuto.

      • 9 Luglio 2020 in 00:55
        Permalink

        Nessuno mette in discussione il fatto che la Roma abbia meritato, ma il calcio è pieno di partite dove una squadra meriterebbe la vittoria ma alla fine o perde o pareggia. Qui c’è solo da capire come fa un arbitro di Serie A, non da poco questa partita, a guardare in azione così evidente dove bastava la prima immagine per capire cosa fosse realmente successo e alla fine contro il parere di tutti dire per me non è rigore. Ovvio che , a mio parere, ha voluto ribellarsi al Var perché magari gli sta antipatico perché continuava a capovolgere le sue scelte, anche sul rigore che ci ha dato aveva lasciato correre. Ovvio che farlo con noi o con una piccola come noi al max ti costa un buffetto, anche perché se messo a confronto a quello di bonucci o darmian di settimana scorsa questo è il più netto ed evidente dei tre. Ultimo appunto ho appena visto su Sky il commento alla situazione e non credo di aver mai visto Massimo Ambrosini così imbarazzato a commentare un episodio alla moviola, anche noi con una risatina che sapeva davvero d’imbarazzo non riusciva a capire come poteva non essere rigore.

  • 8 Luglio 2020 in 23:42
    Permalink

    Ufff…che pena.

  • 8 Luglio 2020 in 23:42
    Permalink

    Io vorrei sapere come si fa a non dare un rigore del genere, visto e rivisto 40 volte al Var!!! Vergogna è dire poco

  • 8 Luglio 2020 in 23:44
    Permalink

    E 4 adesso col Bologna diventa fondamentale ma ha perso anche lui oggi..

  • 8 Luglio 2020 in 23:44
    Permalink

    l avevo già detto fiorentina in crisi ci pensa il parma roma in crisi no problem ci pensa il parma siamo ridicoli e 4 ma arriva la 5 con il milan così d aversa potrà dire non sono 5 sconfitte che possono cancellare il bel campionato qualcuno lo avvisi che non siamo salvi in punto bisogna farlo !! quelli dietro poi si sa in fondo corrono noi rimarremo 39 spareggio a lecce maio dice che d aversa e un gran allenatore ma porta gli occhiali maio !!

    • 8 Luglio 2020 in 23:48
      Permalink

      Confermo che D’Aversa è un grande allenatore (sia con gli occhiali che con le lenti a contatto). Per me vincerà i Mondiali con l’Italia. Comunque provi a portare un CV in Società, magari la prendono…

      • 8 Luglio 2020 in 23:54
        Permalink

        Sei…… Stupefacente, se ti fanno lo stick diventi blu

  • 8 Luglio 2020 in 23:45
    Permalink

    Non c’è mai stato un momento dove ho pensato di portare a casa 1 punto. E poi con noi chi è in crisi va a nozze.
    Squadra bollita. E se si spegne Kulusewsky addio…
    E il 2-1 preso in contropiede solitario… che chicca.

    Però questa ferocia arbitrale nei nostri confronti è imbarazzante.
    Sono senza vergogna ormai.

    Uniamo le due cose e giudico difficile fare più di due o tre punti andare alla fine del campionato.
    Almeno pareggiamo con il Bologna, chiedo solo questo. Non vincere. Pareggiare.

  • 8 Luglio 2020 in 23:48
    Permalink

    ma basta con la storiella dei rigori potevano fare 10 goal la roma si sono mangiati di tutto anche se l avessero dati la roma ne avrebbe fatti altri 4 e poi era braccio non mano non capite che manca la grinta e la voglia la squadra e allo sbando

  • 8 Luglio 2020 in 23:48
    Permalink

    Altra partita inguardabile del Parma ma un rigore nettissimo non dato (fallo di mano solare, evidente e pure volontario)… con il rigore avremmo anche potuto pareggiare (immeritatamente).
    Avanti con il Bologna, se non facciamo punti li (visto che con il Milan si perde) si va con la Samp ed anche quest’anno si rischia di soffrire sino alla fine. Sempre più depresso.
    Inglese a che punto è?

  • 8 Luglio 2020 in 23:49
    Permalink

    Speriamo di fare questo benedetto punto

  • 8 Luglio 2020 in 23:51
    Permalink

    Dei rigori non mi meraviglio, dato che col cazzo che si compensano gli errori. Il problema è che non contiamo nulla in lega e questa è la conseguenza. Una società non può affidarsi al direttore sportivo per lamentarsi ma la faccia ce la deve mettere il presidente. Detto questo, prima si prova a giocare a calcio e poi ci si lamenta. Spero finisca presto quest’ agonia e che 39 punti siano sufficienti, dato che forse ne faremo 1 con il Brescia , sperando che siano già retrocessi e senza voglia. Basta D’Aversa, sono 4 anni che vediamo la stessa cosa. Prendiamo qualcuno con nuove idee. Un allenatore alla De Zerbi . I gol li fa e li subisce ma almeno si salva facendo divertire.

  • 8 Luglio 2020 in 23:57
    Permalink

    Resuscitata anche la Roma, a chi tocca adesso?

    • 9 Luglio 2020 in 00:18
      Permalink

      Dovremmo aver finito, dato che bene o male ora affrontiamo tutte squadre in salute.

  • 9 Luglio 2020 in 00:19
    Permalink

    RIGORE semplicemente CICLOPICO che non ci è stato dato.
    Urge.protesta IMMEDIATA della società alla Lega.
    Non si può NON DARE un rigore simile.
    ERA ASSURDO NON DARLO.
    Era talmente netto che più netto non si può
    E la cosa grave è che l’arbitro ha consultato il VAR.
    Se non.lo dai un rigore così evidente, i casi sono due
    1) O sei un arbitro corrotto
    2) O sei un arbitro scarsissimo.
    Da qui non si scappa
    Io penso alla prima soluzione tanto era evidente
    quel rigore e sfido chiunque anche un romano a dire che
    quello non era rigore netto anzi nettissimo
    Quando D’Aversa smetterà in conferenza,stampa di proteggere gli arbitri di coccolarseli dopo aver subito un torto e di accettare gli errori e tutto quello che fanno di sbagliato contro la sua squadra. son certo le cose andranno meglio.
    D’Aversa non si lamenta mai e gliela mettono sistematicamente sempre in modo oserei dire matematico. sempre in culo.
    Un rigore questo non datoci ancora PIU ‘ SOLARE di quello che ci è stato negato quest’anno.al Tardini con la Lazio.
    Si vede che con le romane il rigore NETTISSIMO non ci è concesso
    e per gli arbitri, non è contemplato.
    Questo però non ci deve distogliere dai problemi
    del Parma che sono IMMANI e GRANDIOSI oserei dire ormai
    IRRISOLVIBILI
    Giochiamo da schifo
    Non un tiro decente in porta
    Centrocampo da vomito
    Attacco alla “Ridolini”
    e difesa GRUVIERA.
    Se non c’era San Sepe prendevamo una goleada.
    Una squadra senza personalità con.un Gervinho
    inutile, con un cappello di.lana
    in testa in.pieno luglio, un copricapo con questo
    caldo da T.S.O.
    un Kulusevsky stanco
    ( ma poveretto, gioca sempre)
    e un Cornelius evaporato come neve al sole
    Un’altra sconfitta
    Un altro 2-1
    Un’altra umiliazione.
    Un’altra presa per i fondelli dall’arbitro e
    dalla squadra.
    E ora sono 4 le sconfitte consecutive
    Vedendo il calendario c’e da rabbrividire
    LA SQUADRA È IN VACANZA
    LA SQUADRA È SCOPPIATA.
    Se domenica si dovesse perdere
    SI RETROCEDE.

  • 9 Luglio 2020 in 00:40
    Permalink

    Concordo con Velenoso. O ci diamo una svegliata o 39 punti non basteranno per salvarsi.

    • 9 Luglio 2020 in 00:46
      Permalink

      Cerchiamo di non essere ridicoli. con 12 punti sulla terzultima e 11 sulla quartultima e la 12^ posizione consolidata con 4 punti sulla 13^…

      • 9 Luglio 2020 in 01:00
        Permalink

        in fondo le cosiddette piccole corrono ( lecce batte lazio bologna batte inter ecc ) il sassuolo che era con il genoa e samp in zona retrocessione ci ha già sorpassato idem il cagliari in tre giornate ci hanno ripreso , l anno scorso genoa e fiorentina a 39 punti hanno fatto un biscotto per salvarsi se l empoli vinceva contro l inter e c è mancato poco ci volevano più di 39 punti quindi meglio farlo il punto ma sono in grado ? anche perché chi subentra non apporta nulla

  • 9 Luglio 2020 in 00:54
    Permalink

    Volevo evitare di scrivere per non essere un’altro criticone, ma rimango della mia idea è la devo esprimere alla fine, STORIA FINITA.
    Con tutte le scusanti per i rigori sacrosanti non concessi che serviranno per rovinarci il fegato, ma…io non saprei se mi rovino di più il fegato vedendo sta pochezza ( mica si chiedono miracoli) oppure per un rigore non concesso.
    Forse ha ragione il direttore…la nazionale forse è il suo posto naturale.

  • 9 Luglio 2020 in 01:15
    Permalink

    faggiano poi spero non comperi ma sarebbe meglio dire non si faccia più imbrogliate dal napoli ….comperare inglese e grassi !!! addirittura per un totale di 30 ml ( inglese 22 ml !!! )vuol dire finanziare il napoli poi dico le condizioni fisiche di grassi le conoscevano si o no ? e l hanno acquistato ? idem inglese veniva da un infortunio importante che in ogni caso quest anno e all inizio si vedeva non avrebbe reso , era sempre rotto l anno scorso non si e mai ripreso e non hanno capito che era rotto ? addirittura valutarlo 22 ml era già evidente da l anno scorso che era fragile e aveva dei problemi come si fa ? sono questi gli affari ? lasciate perdere qualche solone con gli occhiali che dirà e un altro infortunio ma la fragilità era risaputa per fin d aversa disse che andava analizzato le sue condizioni !! e volle un sostituto …..e tu lo paghi così tanto ? faggiano e un grande o sono dei grandi
    lo staff medico uno dei due

  • 9 Luglio 2020 in 08:22
    Permalink

    In effetti diamo merito al Parma di aver resuscitato un pò di cornacchie (la LIPU ringrazia)
    Si è perso il gioco divisto al rientro, ma mentre le altre squadre non sputano sui rigori dati contro il Parma e a volte vincono immeritatamente, noi filosofeggiamo sulla nostra squadra. E’ vero: se uno è forte veramente vince contro tutto e tutti, ma se uno è normale non può solamente giocarsela avendo le stesse regole per tutte le squadre?
    L’incazzatura ci sta, ma bisogna sempre spronare al miglioramento e non combattersi all’interno, altrimenti non ci interessa la squadra, ma giustificare la nostra insoddisfazione per la vita personale.

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI