CARMINA PARMA di Luca Savarese / HAPPY END CROCIATO, IL LECCE RETROCEDE BATTAGLIERO

(Luca Savarese) – La faccia di Fabio Liverani al fischio finale è tutta un programma: volto tirato con un groppo in gola. Lorenzo Saponara è atterra, come sfinito, poi ecco le lacrime di Lucioni, che ricordano quelle di Baresi a Pasadena. Il Lecce doveva scalare l’Everest, ma l’entusiasmo con il quale è arrivato a prima dell’impresa decisiva, si è sbriciolato in un amen. Prima il vantaggio del Parma, generato da un autogol, simile nella fattura, a quello realizzato ieri sera dall’estone Klavan in Milan – Cagliari, poi l’ 1 a 0 del Genoa griffato Sanabria. Ecco che non solo i giallorossi devono scalare l’Everest ma adesso, lo devono fare con le infradito ai piedi. La contemporaneità delle due sfide salvezza incrociate, è come rispettata anche nel minutaggio con cui arrivano i raddoppi: quello del Parma, gran tiro di Caprari, rivelatosi un propellente importante nell’attacco crociato di fine stagione. Stessa identità di tempo ed ecco la seconda marcatura genoana ancora firmata Sanabria. Qui il campionato di fatto estromette i salentini, che però mica si arrendono ma con olio di gomito e quella sana follia di provarle tutte, trovano due gol con Barak e Meccariello. Il Parma, però non ha nessuna voglia di fare le vittima sacrificale, ed ai calcoli preferisce le giocate, come quella che porta alla terza segnatura, made, dopo estirada, in Cornelius, che porta così a 12 le sue reti stagionali, primo bomber tra i suoi compagni, secondo a 10, Kulusevski. Mica è finita, i crociati, sembra si accorgano di tutta la miriade di punti dilapidati qua e là nel tour del campionato e vogliono raccogliere, al Via del Mare, quanto seminato e non pienamente raccolto in stagione. Inglese è bravo a toccare, quel tanto che basta, per battere Gabriel. Quarta rete per il bomber di Lucera, a lungo lontano dai giochi per infortunio. Il Lecce però prima di dire addio definitivamente alla A, lo vuole fare con onore. E allora con la testa volante di Lapadula giù il 3 a 4. Quando si chiude il sipario sul campionato, la sua scalata è arrivata a metà strada. Alla prima giornata prese quattro gol dalla prima Inter di Lukaku a Milano, all’ultima quattro dal Parma, ma in mezzo le ha provate tutte continuando il suo viaggio, va riconosciuto, con lo stesso timoniere, Fabio Liverani, che è andato ad un passo dalla salvezza. Il Parma di Roberto D’Aversa, ottiene per la seconda volta consecutiva, la permanenza in A. Il suo viaggio, partì dai fiumi della Lega Pro nel dicembre del 2016 e nel mare magnum della A, non si è ancora fermato. Luca Savarese

11 pensieri riguardo “CARMINA PARMA di Luca Savarese / HAPPY END CROCIATO, IL LECCE RETROCEDE BATTAGLIERO

  • 3 Agosto 2020 in 10:01
    Permalink

    Alla fine siamo stati professionali. Bravi tutti!

  • 3 Agosto 2020 in 10:04
    Permalink

    A detta di tutti i quattro migliori del Parma che ha in organico
    e cioè GERVINHO KULUSEVSKY SEPE e CORNELIUS se ne andranno
    { escluso Kulu) per incassare per cui sarà durissima trovare sostituti all’altezza.
    Specialmente all’attacco sarà impresa titanica.
    Gli unici che possono restare in attacco come riserve sono Caprari e Siligardi.
    Gli altri compreso Karamok non sono certamente da A.
    Caprari partita dopo partita mi ha convinto
    Può rimanere ma sostituire due titolari inamovibili come GERVINHO e KULUSEVSKY è operazione per Foggiano da MAGO HOUDINI.
    Se solo non perdevano in casa con la Spal saremmo arrivati ottavi da soli dietro le grandi….
    La nostra bestia nera fortunatamente è retrocessa…

  • 3 Agosto 2020 in 11:44
    Permalink

    Tes szo brut cornaciò che at si etor!

    • 3 Agosto 2020 in 12:11
      Permalink

      Caro Pencroff io sono colui che
      dice cose che nessuno ha il coraggio di dire.
      specialmente quando tutto va bene.
      Non è da tutti, non è per te.
      Meglio una cornacchia come me
      che una pecora che bela come te.
      Ciao sfigato.

    • 3 Agosto 2020 in 12:14
      Permalink

      C’ è qualcuno che mi sa dire
      l’ultima volta che il Parma
      non ha subito almeno un gol?
      Io non ricordo.
      Un grazie anticipato
      a chi me lo dirà.

  • 3 Agosto 2020 in 12:04
    Permalink

    Non riesco a capire come la gazzetta di Parma
    abbia dato la sufficienza a Sepe quando
    non ha fatto una parata, una che è una e ha preso due
    gol che anche un portiere scadente avrebbe parato.
    La gazzetta dello sport infatti gli ha dato l’insufficienza
    come peggiore del Parma non avendo ieri fatto niente se non raccogliere le palle in fondo alla rete.
    Forse non era concentrato, forse pensava al Napoli
    e a Gattino che l’ha richiesto per fargli fare il terzo portiere nel Napoli dato che il terzo.portiere del Napoli è stato dato via o forse
    non era in giornata ma ieri non mi è piaciuto.
    In questo campionato tante volte l’avversario
    ha tirato da lontano e lui il più delle volte guarda la palla entrare
    senza mai intervenire.
    Ogni partita la difesa prende minimo un gol.
    Vi ricordate l’ultima volta che il
    PARMA non ha subito un gol?
    Io sinceramente no.
    In ogni.partita un gol lo subiamo sempre.
    Qquesta difesa è molto incerta e va cambiata.
    In quanto a Bruno Alves nel prossimo campionato
    bisogna capire che ormai causa l’età è lento,
    È bravo di testa ma nei contrasti è sempre superato.
    Non ha più forza ma non è colpa sua ma del
    tempo che passa inesorabile.
    Ieri poi era inguardabile.
    Ci vuole un sostituto valido e nel prossimo campionato
    può solo subentrare dalla panchina a partita in corso.
    Il tempo non si può fermare e per questo bisogna
    fermare Bruno.

  • 3 Agosto 2020 in 12:21
    Permalink

    praticamente siamo già retrocessi……. un’altra profezia azzeccata come quella che il Lecce le vinceva tutte…. è piacevole leggere certi post perchè fanno fare sane e grasse risate

  • 3 Agosto 2020 in 12:23
    Permalink

    GAME OVER

  • 3 Agosto 2020 in 13:50
    Permalink

    taci vecchia cornacchia

  • 3 Agosto 2020 in 16:27
    Permalink

    Non taccio Pencroff vecchia
    e spelacchiata pecora belante.
    Fiero di essere cornacchia reale

  • 3 Agosto 2020 in 20:09
    Permalink

    Taci isterica uccella da camposanto

I commenti sono chiusi.