COME SI APRE IL PARACADUTE (TUTORIAL) di Robert Giannino

(Robert Giannino) – Con la definizione della classifica il Parma ha cristallizzato la undicesima posizione, frutto degli scontri diretti avversi con Verona e Fiorentina, appaiate in classifica con 49 punti. Con qualche tentennamento post lockdown, complice una rosa qualitativamente un po’ ristretta, sia pure migliore rispetto alla precedente, si è persa l’occasione di raggiungere due ambiziosi traguardi: la fatidica parte sinistra della classifica (platonica) e la quota psicologica di 50 punti. Sicuro invece l’incasso di € 5,5 milioni destinato al club arrivato undicesimo, quindi la vittoria con il Lecce (a dir la verità sarebbe bastato il pareggio visto il vantaggio del club Crociato nella differenza reti con il Bologna) ha fatto guadagnare 0,5 milioni, rispetto al dodicesimo posto già acquisito matematicamente anche in caso di sconfitta.

Interessante anche la situazione contabile in coda, con le retrocessioni di Spal, Brescia e Lecce. Per il piazzamento finale hanno preso decisamente le briciole: rispettivamente o,9 milioni al club ferrarese, 1,6 milioni alla squadra comunque cara a Ghirardi e 2,2 milioni a quella salentina.

Ma per le tre retrocesse esiste un vero e proprio paracadute, ben più sostanzioso, che salvaguarda questi team dallo shock economico del declassamento sportivo, soprattutto per quanto riguarda il quasi totale annientamento della quota relativa ai diritti TV, che in serie B sono semplicemente simbolici (il Parma calcio 1913, ad esempio, nel suo ultimo, e per fortuna unico bilancio relativo alla serie B,  aveva inserito 1,4 milioni per tale voce).

COME FUNZIONA IL PARACADUTE

Il regolamento della Serie A prevede uno stanziamento di 60 milioni di euro ogni anno da dividere tra le tre retrocesse in B, da detrarre dalla quota complessiva dei diritti TV, prima della loro suddivisione, secondo i tre criteri previsti dalla Legge: il 50% equamente distribuito tra i 20 club, il 28% secondo il posizionamento in classifica e il 22% per il radicamento territoriale.

La squadra retrocessa appartenente alla cosiddetta Fascia A, ovvero quella che torna nella serie cadetta dopo una sola stagione in Serie A percepisce 10 milioni di euro. 15 milioni di euro, invece, finiscono nelle casse della società che hanno collezionato almeno due stagioni in Serie A nelle ultime tre (Fascia B), compresa la stagione al termine della quale è maturata la retrocessione dalla A. L’ultima fascia, la C, comprende quelle squadre che retrocedono dopo almeno 3 stagioni di permanenza in A, anche non consecutive, nelle ultime quattro. Il premio in questo caso è di 25 milioni di euro. Quindi Lecce e Brescia, le 2 neopromosse retrocesse immediatamente, avranno 10 milioni di euro, mentre la Spal il massimo, 25 milioni di euro.

Quest’anno si risparmieranno 15 dei 60 milioni disponibili che andranno a rimpolpare il montepremi del paracadute della prossima stagione per un totale disponibile di 75 milioni di euro. Questa è, per regolamento, anche la cifra massima che il paracadute può raggiungere ed è a disposizione solo nel caso in cui fossero 3 squadre di fascia C a retrocedere nella prossima stagione, che altrimenti si sarebbero dovute “accontentare” di dividersi in parti uguali i 60 milioni disponibili.

Come tutti i paracadute si apre immediatamente per salvare i malcapitati: il 40% viene versato il giorno successivo dell’ultima gara del campionato al termine del quale è maturata la retrocessione dalla Serie A, mentre la restante quota entro 15 giorni dalla disputa della prima gara ufficiale della nuova stagione sportiva. Robert Giannino

Stadio Tardini

Stadio Tardini

48 pensieri riguardo “COME SI APRE IL PARACADUTE (TUTORIAL) di Robert Giannino

  • 3 Agosto 2020 in 16:13
    Permalink

    Questo post porta sfiga.

  • 3 Agosto 2020 in 16:35
    Permalink

    Ed ora Foggiano deve fare un doppio miracolo
    tipo moltiplicazione di pani e pesci
    Sostituire Kulu e Gervinho con giocatori
    che non li facciano rimpiangere.
    Impresa titanica.
    Impresa aliena.
    Impresa impossibile.
    Erano loro l’anima del Parma
    Teniamo Caprari e Siligardi
    che hanno dimostrato
    di essere da Parma
    Diamo via Sprocati e Karamok
    che non sono di categoria.

  • 3 Agosto 2020 in 20:38
    Permalink

    ci servirebbero un paio di paracadute ,comunque caro pencroff dopo la folgore non pensavi che arrivasse giannino a spiegarti come si apre il paracadute di la verrita’ ,era meglio se facevi il carrista sientamme’

  • 4 Agosto 2020 in 07:15
    Permalink

    Se avessi fatto il militare a Cuneo sarei stato un uomo di mondo…

    • 4 Agosto 2020 in 17:23
      Permalink

      Almeno tre anni

  • 4 Agosto 2020 in 08:53
    Permalink

    Kulusevskyi ha detto che
    PARMA gli rimarrà sempre nel cuore.
    Quando lo ha detto era commosso.
    Spero che i tifosi del Parma non siano
    a livello di Pencroff e quando arriverà
    da gobbo a giocare contro il Parma
    ( e son certo contro di noi ci
    giocherà molto malvolentieri)
    da tutto lo stadio venga applaudito
    prima della partita perché un giocatore così
    non è un mercenario ma anche se purtroppo
    andrà via rimarrà sempre uno di noi.
    Poteva dopo che era stato venduto alla
    Juventus giocare con sufficienza invece
    ha dato tutto se stesso, cuore compreso.
    Una delle stelle più fulgide del Parma
    di tutti i tempi e io sportivamente mi sono
    innamorato di lui per quello che mi ha
    regalato con la palla tra i piedi e il
    cuore gialloblu in mano.
    Non fate quindi come Pencroff che invece
    quando arriverà come gobbo, lo fischiera’
    Ave KULU sarai sempre nei nostri cuori.
    NON TI DIMENTICHEREMO.MAI.

  • 4 Agosto 2020 in 09:15
    Permalink

    ma cosa vuoi che fischi che sono senza denti…
    nè posso applaudire avendo l’artrite alle mani…
    infatti volevo chiederti: ti fa male l’artrite al cervello?
    non nominare il nome di Pencroff invano

  • 4 Agosto 2020 in 12:09
    Permalink

    Faggiano se ne va?

  • 4 Agosto 2020 in 12:12
    Permalink

    Faggiano al genoa con d’aversa…. adesso sarete contenti… secondo me qui non ci sono i soldi neanche per far ballare una scimmia…

    • 4 Agosto 2020 in 15:16
      Permalink

      Ciao Luca,
      dubito fortemente che sia così, più facile e sensato che la nuova prossima proprietà voglia gente nuova nei ruoli chiave. Faggiano ha fatto benissimo in questi anni, se consideriamo che abbiamo sempre raggiunto l’obiettivo della salvezza, ma niente di più. Ha sempre preso delle mezze vecchie glorie e qualche scommessa…qualche volta è andata bene, altre meno ( Vedi Gervinho e Karamoh). L’unico vero fenomeno che si è portato a casa è stato Kulusevski, ma in prestito secco sono giocatori che non servono a una squadra che ha ambizioni, ti fanno salvare tranquillamente, ti fanno divertire, ma finisce li, alla fine dei conti hai valorizzaton un giocatore all’Atalanta che lo ha venduto alla Juve e tu non ci guadagni un euro.. La nuova proprietà, sicuramente più ambiziosa, vorrà fare in modo di avere giocatori di proprietà..e non ultratrentenni o con il solo abiettivo di venderli l’anno dopo al migliore offerente. Io almeno voglio pensare che sia così, perchè dubito fortemente che qualcuno dal Qatar venga a comprare il Parma per non provare a riportarlo ai fasti degli anni 90. Magari mi sbaglio io e tu hai ragione…ma ho dei dubbi

  • 4 Agosto 2020 in 12:29
    Permalink

    Via Faggiano e probabilmente D’Aversa. Può significare 2 cose completamente opposte: o ci sarà a breve il cambio di proprietà o stanno scappando perché la trattativa è saltata e nuovo inizio non può andare oltre la salvezza, preferendo il Genoa , nonostante tutti i problemi che ha. Di certo non è per volontà di nuovo inizio.

  • 4 Agosto 2020 in 12:42
    Permalink

    Beh al Genoa non è che nuotino nell’oro. Se uno va da Preziosi è come se uno va a lavorare per Al Capone si qualifica da solo.

  • 4 Agosto 2020 in 14:13
    Permalink

    Vanno al Genoa mica al Manchester United…auguri 🧳

  • 4 Agosto 2020 in 14:24
    Permalink

    No, D’Aversa dovrebbe rimanere. Penso che comunque molto dipenderà dal passaggio di proprietà e dall’ambizione della nuova.

  • 4 Agosto 2020 in 15:15
    Permalink

    Ho letto anche io. Se Faggiano va e va anche d’Aversa vuol dire che vogliono davvero fare un salto in avanti non indietro!

    Se è vero che arrivano gli Arabi lo fanno per avere una vetrina europea, quindi faranno piazza pulita ma non solo della direzione tecnica!

  • 4 Agosto 2020 in 15:51
    Permalink

    Su un sito dei tifosi del parma si parla di trattativa saltata con i quatarioli…

      • 4 Agosto 2020 in 16:38
        Permalink

        Chi ha scritto dice di essere ben dentro la società..

        • 4 Agosto 2020 in 17:04
          Permalink

          Anch’io posso garantire di essere stato con Rosy Maggiulli…

          • 4 Agosto 2020 in 18:44
            Permalink

            ma non dentro

  • 4 Agosto 2020 in 16:08
    Permalink

    e capirai, hai detto Genoa… manco fosse il Man City …..

  • 4 Agosto 2020 in 16:37
    Permalink

    Se cambiano Faggiano e D’Aversa vuol dire che è intenzione da parte della nuova proprietà fare un salto di qualità in avanti (non indietro..)

    Il loro scopo è quello di farci arrivare subito in Europa.

  • 4 Agosto 2020 in 16:39
    Permalink

    per aprire il paracadute TONDO occorre la fune di vinculo…

    • 4 Agosto 2020 in 18:45
      Permalink

      piu’ che altro un belculo

  • 4 Agosto 2020 in 16:44
    Permalink

    Sarebbe interessante capire quale sito, perchè in rete non c’è traccia di quella notizia

  • 4 Agosto 2020 in 16:58
    Permalink

    Che vengano gli arabi e facciano piazza pulita,

    CI CREDO VERAMENTE POCO…

    Ho la netta sensazione che non cambi proprio nulla.

    Otterranno la maggioranza a tavolino, ma saranno solo numeri.

    Comanderanno ancora i / big…….

    • 4 Agosto 2020 in 18:46
      Permalink

      si e magari sponsorizzano anche november pork ,ba

  • 4 Agosto 2020 in 16:59
    Permalink

    Ragazzi il prossimo anno si torna in B
    SENZA “SE” e SENZA “MA”
    Oggi 4 AGOSTO 2020 alle ore 17
    ho emesso una sentenza
    che si avvererà al 100%
    RICORDATEVELO.
    Se va via D’Aversa e Foggiano significa solo
    una cosa, questi arabi non vogliono rinforzare
    la squadra ma indebolirla e guadagnarci su.
    Mi meraviglio dei MAGNIFICI 7 che hanno messo
    la squadra in mani sbagliate.
    Foggiano con i pochi soldi messi
    a dispiosizione della società
    HA FATTO i MIRACOLI alla HOUDINI, il mago
    D’AVERSA allenatore che Majo diceva essere
    il migliore del mondo, idem, ha fatto i
    miracoli pure lui.
    Se se ne vanno entrambi non è che lo fanno perché
    vengono cacciati ma solo perché hanno capito che
    il nuovo PAPERON DE PAPERONI
    vuole indebolire la squadra
    PER GUADAGNARCI e loro non
    sono ipocriti e tradire i tifosi come
    sembra i MAGNIFICI 7 stiano facendo.
    Ovvio che Preziosi curi questi maghi.
    E chi non lo farebbe?

  • 4 Agosto 2020 in 17:04
    Permalink

    Non so se la trattativa sia saltata o meno. Ciò che penso è che la trattativa stia andando troppo per le lunghe. Non è il primo investitore che si avvicina al Parma e l’ unica volta che hanno ceduto le quote, hanno poi dovuto riprenderle per inadempienza della controparte, che è venuta più volte meno agli aumenti di capitale e, quando li ha fatti, lo ha fatto con ritardo rispetto agli accordi. Anche Suning è cinese, eppure non hanno avuto problemi ad iniettare circa 400 milioni nell’ Inter, quindi credo poco al problema causato dal governo cinese. Non dimentichiamo che la Link international aveva sede ad Hong Kong, stato indipendente dalla Cina dal punto di vista amministrativo, anzi direi l’opposto dato che è uno Stato capitalista. Se fosse saltata, allora quella di Faggiano e D’Aversa deve essere vista come una fuga preoccupante, no perchè mi mancheranno, ma perchè andranno al Genoa per fare un passo avanti, nelle loro intenzioni, ergo il prossimo anno sarà ancora più di sofferenza.

    • 4 Agosto 2020 in 17:17
      Permalink
        ³Mettiamo un poco d’ordine. È uscita oggi la indiscrezione del probabile passaggio di Daniele Faggiano e qualcuno aggiunge pure Mister D’Aversa al Genoa. Certo le fonti che han diffuso sono qualificate ma come si suol dire “mai dire gatto se non è nel sacco”. Mettere in correlazione, poi, questo trasferimento con un possibile stop alla ventilata trattativa di cessione societaria è alquanto azzardato perché è materia incommensurabile e comunque può essere interpretata in maniera diametralmente opposta.
        Infine invito sempre a diffidare dalle miocuggginate (cit) sull’andamento della ipotetica cessione. Purtroppo c’è molta gente che blatera a vanvera.
        Quindi come scrivevo ai bei tempi: calma e gesso. Inutile fare congetture quando la materia di trattazione è cosi nebulosa.
      • 4 Agosto 2020 in 17:46
        Permalink

        Partiamo dai fatti: più fonti parlarono trattativa, cosa poi confermata anche dallo stesso Faggiano e D’Aversa in interviste recenti. Un accordo che risultava trovato già il 23 luglio, ergo già era stato fatto il lavoro più grande di analisi dei bilanci e valutazione società. Si disse di attendere la fine del campionato, almeno così dissero i ben informati. Due e dico 2 giorni dopo la fine del campionato, viene fuori che ds ed allenatore, più ds che allenatore, potrebbero lasciare. Domanda: quali potrebbero essere i motivi? Risposta: due in particolare, ossia la prima è che Faggiano sa che non avrebbe più il controllo delle operazioni e quindi può essere sintomo di una svolta societaria. La seconda è che la trattativa è saltata e sta scappando perchè nuovo inizio ha detto che di più non si può fare e sono in cerca di squadre più ambiziose. Il fatto che la squadra più ambiziosa sia il Genoa, già ci dice gli obiettivi di nuovo inizio, ossia salvarsi in attesa di qualcuno.

        • 4 Agosto 2020 in 18:08
          Permalink

          Mi sembrano conclusioni affrettate appunto perché l’una in contrario dell’altra e una esclude l’altra.
          Parliamo di fatti? Fino ad adesso stiamo parlando ai aria fritta perché non c’è stata alcuna comunicazione ufficiale sia per quanto riguarda i qatarioti (però qui la debbo correggere: le fonti autorevoli parlavano di circa trenta giorni fino il campionato, non immediatamente) sia per quanto concerne Faggiano. Quando i fatti saran più concreti ci saranno maggiori possibilità di commentare: esprimersi adesso è come avventurarsi in lodi sperticate dopo il primo tempo con la Sampdoria. Capisco che il mondo social viaggi a velocità supersonica, io sarò analogico, ma preferisco sempre ponderare in modo concreto. Tra l’altro, particolare non trascurabile, Faggiano e D’Aversa sono contrattualmente legati fino al 2022 al Parma, per cui è un aspetto da non sottovalutare. Vediamo cosa succede… Calma e gesso

          • 4 Agosto 2020 in 18:27
            Permalink

            Mamma mia, ogni cosa che deve fare nuovo inizio è un parto. Commisso trovò l’accordo e chiuse in 3 settimane. Con i cinesi ci misero più di 6 mesi e poi abbiamo visto il risultato. E stavano cedendo una squadra di lega pro altrimenti ci avrebbero messo 3 anni per trattare. Il sunto lo faccio io: per me salta tutto oppure già sanno in società che sta saltando, perciò Faggiano vuole scappare, e non al Real Madrid e questo deve far riflettere sulle nostre prospettive. Però, dato che come noi nessuno mai, anche questa estate sarà al cardiopalma, perché salterà in maniera definitiva a fine agosto e dovranno improvvisare il mercato a 20 giorni dall’ inizio del campionato. Nella migliore delle ipotesi, il parto avrà una gestazione più lunga ancora, e comunque il mercato sarà zavorrato dalla trattativa.

      • 4 Agosto 2020 in 18:47
        Permalink

        le famosi fonti di san moderanno ,su a berceto le sanno tutte

  • 4 Agosto 2020 in 17:25
    Permalink

    Certo Direttore Lei ha ragione, ma in questo momento credo che la società dovrebbe almeno fare un comunicato, sia sulla cessione se esiste… e sia sull’organigramma futuro….. fra un mese inizia il campionato e non vorrei fosse un’estate come quella del PIPPEIN… Saluti

    • 4 Agosto 2020 in 17:32
      Permalink

      Tolto che l’estate del Pippein come tutte le precedenti un po’ turbolente aveva portato bene, direi che in questo momento non sia corretto attendersi alcun tipo di comunicazione da parte della Società non essendoci – allo stato – notizie ufficiali da comunicare. Della ipotetica trattativa, infatti, sono uscite notizie ed indiscrezioni sugli organi di stampa ma MAI confermate ufficialmente dalla Società quindi non capisco perché dovrebbe dire ora qualcosa, ammesso e non concesso si trovi appunto nel mezzo dell’operazione.
      Per quanto concerne Faggiano e C. idem dal momento che senza novità ufficiali non c’è nulla da comunicare.

  • 4 Agosto 2020 in 17:38
    Permalink

    Faggiano e D’Aversa dall’uomo con la valigia? se fosse vero non ci meritano …

  • 4 Agosto 2020 in 17:44
    Permalink

    Se vanno via D’Aversa e Faggiano A CRID PROPRIA MIA….

  • 4 Agosto 2020 in 17:58
    Permalink

    Ma Majo lei è un signor giornalista
    e per questo non sia così ingenuo.
    Foggiano e D’Aversa
    hanno sempre detto che a Parma
    ci stavano bene.
    Mai se ne sarebbero andati e lo avrebbero
    fatto solo se cacciati e ora
    improvvisamente lo fanno.
    Secondo lei Majo, perché lo faranno?
    Preziosi non aspettava altro dopo
    sconfitte su sconfitte rimediate sia
    quest’anno è sia l’anno scorso dal duo
    FAGGIANO & D’AVERSA.
    Le notizie caro Majo quando escono
    sono veritiere.
    Questi arabi se lo ficchi bene in testa
    signor Majo vengono solo per guadagnarci.
    Non per niente se ne andranno oltre a Kulu
    Gervinho Cornelius Sepe e vedrà
    anche molti altri andranno alla
    corte di Preziosi, in parole povere
    con Inglese sono ibmigliori della squadra.
    Questo non la fa pensare?
    Queste e’ ovvio non sono notizie certe 100%
    infatti gli arabi non hanno ancora firmato ma se
    PREZIOSI si è esposto e se i due se ne vanno
    HANNO CAPITO che questi arabi saranno
    la rovina del Parma e loro non vogliono
    contribuire ad affossare la società.
    Sono deluso dai MAGNIFICI 7 che
    anche se terranno il 49% saranno sempre
    in minoranza e dovranno accettare con la coda
    in mezzo alle gambe tutte le cazzate
    ( e saranno tantissime) che
    gli arabi decideranno di fare non sapendo un cazzo
    del calcio in generale e un cazzo del calcio italiano.
    Mi sento tradito da Pizzarotti & Co.
    MAI AVREI PENSATO A UN SIMILE VOLTAFACCIA.
    Diceva che il Parma lo avrebbe venduto
    a persone affidabili al100%
    Complimenti per questa vigliaccata
    Se c’era la volontà di rinforzare il Parma,
    come prima cosa dovevano imporre
    agli arabi la conferma di
    D’Aversa e Foggiano altrimenti tutto
    sarebbe saltato.
    Non averlo fatto significa solo una cosa.
    Nel Parma ora c’entrano un cazzo e se ne
    fregano un cazzo.
    Spero di essere smentito.ma chi vive
    sperando muore…..

    • 4 Agosto 2020 in 19:02
      Permalink

      Di questi tempi il Genoa non ha sicuramente molto fascino verso DS ed allenatori reduci da buoni campionati, e ancora di più verso quelli legati contrattualmente ancora per un paio d’anni al club di appartenenza. Se a Preziosi subentrasse un proprietario molto forte economicamente le cose sarebbero diverse, perché Genova è una piazza importante ed il Genoa ha sempre avuto tifosi di fedeltà incredibile.
      Mi sembrano perciò notizie poco attendibili per il momento.
      Il prossimo campionato comincia tra poco più di 40 giorni e logica vuole che non ci siano i tempi per rivoluzionare la conduzione sportiva.

  • 4 Agosto 2020 in 18:15
    Permalink

    TUTTOmercatoWEB per la cessione della società addirittura parla di novembre

  • 4 Agosto 2020 in 18:16
    Permalink

    Che vendita ad minchiam
    Che senso ha tenere il 49%?
    Se per assurdo gli arabi volessero
    (PER ASSURDO INTENDIAMOCI)
    comperare un top player mondiale
    per 200 milioni gli
    EX MAGNIFICI 7 ( ora non più magnifici)
    dovrebbero sborsare 98 milioni.
    E loro non potrebbero nemmeno
    aprire bocca perché non avrebbero
    voce in capitolo essendo in minoranza.
    Dovrebbero dire “signorsi ”
    anche se vorrebbero dire -signorno’-
    SENZA “SE” E SENZA “MA”
    Prima di fare il prossimo abbonamento
    guarderò il mercato è tante cose e poi
    deciderò rinunciando se occorre anche
    al vaucher.
    Nel prossimo campionato non
    voglio seguire la squadra inanellando
    in casa sconfitte su sconfitte come ha fatto
    quest’anno la SPAL.
    Per me se entrerà PAPERON DE PAPERONI
    nel Parma per me in quel giorno il
    mio Parma sarai MORTO.

  • 4 Agosto 2020 in 18:48
    Permalink

    Normalmente …….. personalmente non mi coinvolgo in questo momento a proposito di Calciomercato …. Leggo ma non rispondo … Noi come Tifosi di Parma siamo abituati a soffrire per qualsiasi motivo … e alla fine di il giorno in cui saremo rinnovati e vinceremo … un prezzo dei emozione che è alto … comunque siamo forti e andremo avanti e faremo bene … sì, lo ammetto, ho delle emozioni … sono umano … e ho sempre difeso il nostro Big Dani ….. se in realtà sarà “acqua sotto il ponte” .. quindi ci viene impedito di accettare la realtà …
    Se e’ vero ….. il mio voto sale di il mio cuore e testa Giallo Blu Crociato …

    https://www.tuttomercatoweb.com/parma/?action=read&idtmw=1416518

  • 4 Agosto 2020 in 19:33
    Permalink

    Ma il Genoa non è quella società che ha i bilanci peggiori della serie A insieme alla Scansdoria e la Roma?Certo che Faggiano fa un bel salto in avanti in carriera. Chapeau. C’è da dire che li almeno avrà un eloquio migliore del suo patron…

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI