LE MIE RIFLESSIONI SUL REBUS FAGGIANO, di Nick Mentana

(Nick Mentana) – Capisco il disorientamento, ne ho sofferto anch’io per qualche istante. Rimettendo a posto i pezzi dell’ennesimo puzzle estivo, che affliggerà le vacanze dei tifosi Crociati, e facendo tesoro degli insegnamenti di alcuni maestri illuminati che ho incontrato nella mia vita, il rebus Faggiano, o meglio Faggiano-D’Aversa, potrebbe essere di facile soluzione.

Appunto i miei maestri mi hanno sempre spronato ad andare oltre l’istinto primordiale di vedere torbidume ovunque, invitandomi a seguire il sentiero dei fatti, che più spesso accompagna lontano dal sensazionalismo di breve durata, ma molto vicino alla verità.

L’istinto distruttivo porta alcuni tifosi e i mestatori di professione (nello spazio commenti di StadioTardini.it, ahinoi, c’è qualche esemplare…) ad emettere le prime sentenze inappellabili: “Faggiano scappa”, “L’acquisto da parte del gruppo arabo è saltato”, “D’Aversa non vuole finire in B e seguirà Faggiano”. E’ vero, arrivano indiscrezioni su qualche ritardo, se non proprio su qualche intoppo, nella trattativa qatariota forse troppo prematuramente fatta trapelare, seppur in via ufficiosa. Il riflesso pavloviano dei tifosi inconsciamente fa capolino e proietta nella mente film già visti in un recente passato, ma non tutti i ritardi devono necessariamente essere uguali e forieri di ulteriori disgrazie.

Dicevo i fatti.

Nel momento in cui il Parma raggiunge il 9° posto ex aequo (tralasciando le classifiche avulse) e con la prospettiva immediata, per alcuni versi inebriante, di poter collaborare con una futura proprietà con importanti relazioni commerciali internazionali ed araba, aggettivo che si sa spesso viene accostato, a torto o ragione, all’opulenza, soprattutto nel calcio, vi pare possibile che un DS giovane e preparato lasci in questo momento un gioiellino pieno di potenzialità, costruito respirando la polvere anche dei campi di periferia, per andare in un club, il primo club di calcio italiano, con una storia affascinante, ma con un presente a dir poco ricco di interrogativi?

Con la stessa uguale premessa, sostituendo solo DS con allenatore, vi pare possibile che D’Aversa negli ultimi incontri con la stampa sembrasse depresso, quasi in modo ostentato?

Per me, Direttore Majo, la verità è molto semplice: Faggiano ha chiesto di essere liberato dal suo contratto in scadenza nel 2022, probabilmente grazie ad una clausola inserita per tempo, per naturale ambizione. In una società come il Parma Calcio 1913, rinata dalle macerie lasciate anche da un AD-DS con la briglia troppo sciolta, la sua legittima aspirazione di poter contare di più, di avere più autonomia ha avuto difficoltà ad essere accettata. Il Genoa sembra proporgli una sfida allettante, all’altezza della sua autostima: Amministratore Delegato plenipotenziario, termine a lei così caro, meno a Leonardi. Lascia una realtà dove ha offerto il massimo delle sue potenzialità, lasciando semmai ad altri le noie per lunghi contratti in essere, ma comunque avallati e firmati da altri,  per accettare la sfida di un club importante che da un paio di stagioni sbaglia tutto ciò che è nelle possibilità dei dirigenti poter indirizzare e dove è difficile fare peggio di così, quindi più facile riuscire a raccogliere altri plausi e consensi sul breve.

E la depressione di D’Aversa? Ovviamente già sapeva da alcuni giorni della decisione del suo “punto di riferimento” e, come un amante lasciato con un WhatsApp, chiedeva rassicurazioni sul futuro. Tutti abbiamo pensato si riferisse alla nuova proprietà, solo in pochi sapevano che spronasse l’attuale proprietà a dargli un orizzonte sicuro, un nome solido da cui ripartire, un motivo per rinunciare alle offerte forse già ricevute da altri club. Nick Mentana

Stadio Tardini

Stadio Tardini

51 pensieri riguardo “LE MIE RIFLESSIONI SUL REBUS FAGGIANO, di Nick Mentana

  • 5 Agosto 2020 in 21:26
    Permalink

    Purtroppo l’impressione è che i topi stiano scappando dalla nave. L’impressione nasce da una pessima gestione della “notizia al Mana” Data per fatta addirittura da ambienti della società e invece rinviata sine die. Per inciso resto della mia idea : diffidare dagli stranieri sedicenti ricchi ( più… Oni che ricchi e basta) che vogliono fare felici i tifosi italiani. Quanto a Faggiano e all’arrivo a mio avviso di baccin, mi sembra una partita di giro del gruppo miracolosa Siena/Perinetti e anche qui la chiudo. Certo con meno, di un mese da inizio campionato chi, arriva parte da zero. E d’Aversa potrebbe decidere di andare via. Pessima gestione della notizia. E spero finisca qui col Mana Mana, canzone anni sessanta. Meglio quelli che ci sono (che però vogliono andare via). Per questo il mio incipit

    • 5 Agosto 2020 in 22:13
      Permalink

      Mah, chissà qual’è la verità. Una cosa è certa: chi volesse comperare una società di calcio ed essere efficace (Assiomatico) deve farlo adesso, entro domani, altrimenti è tutto un inseguire affannoso e tappare buchi. La logica è che se questi quatarioti volevano davvero acquistare La maggioranza del Parma lo hanno già fatto, due diligence comprese che saranno (o dovrebbero essere) in corso almeno da un mese se non di più. Altrimenti si butta una stagione è quello che spendono si svaluta già da sé. Boh ragas, chissà c’me l’è. Sora al cont sta a vedor che a riva Mazzari!

  • 5 Agosto 2020 in 21:55
    Permalink

    Io resto della mia idea è non arretro di un millimetro.
    Il PAPERON DE PAPERONI arabo non è affidabile
    e l’aver rinviato l’acquisto a fine anno
    la dice lunga sulla serietà del gruppo
    Faggiano invece ha tradito e io non ho
    pietà per i traditori.
    Aveva firmato per altri due anni e ha stracciato il contratto.
    E come se in un matrimonio il marito se ne va con.un’altra donna
    tradendo la sua famiglia
    Lui ha lasciato il Parma per il Genoa e ha tradito
    la famiglia gialloblu’ e per questo
    MI FA SCHIFO.
    Gli auguro con tutto il cuore di retrocedere con la sua amante, il Genoa.
    Foggiano si può tranquillamente sostituire.
    D’Aversa invece no.
    QUESTO SIA
    CHIARO.
    LIMPIDO
    CRISTALLINO.

  • 5 Agosto 2020 in 22:19
    Permalink

    Paperon de Peperoni è un bluff.
    Questi arabi si sono pentiti e ora
    cercano di defilarsi inventando
    scuse su scuse ormai in maniera
    industriale e facilmente smascherabili.
    Firme non ce ne sono
    Non c’e niente di niente
    se non la voglia da parte
    degli arabi di non concludere
    un bel niente.
    Se questi acquistano il Parma
    MI FACCIO FRATE.

  • 5 Agosto 2020 in 22:38
    Permalink

    Ma con tutti i dottoroni e avvocatoni con le teste grige e pelate che ci sono possibile che chi di dovere pesta sempre un fior di prato di provenienza umana quando deve chiudere una trattativa per la cessione di un pacchetto azionario?Prima la figura da cioccolatai col cinese, adesso la pagliacciata dei qatarioti che è già una barza degna del Palermo di Zamparini ma è possibile darci un taglio?

    • 6 Agosto 2020 in 08:19
      Permalink

      Ma per favore!

  • 5 Agosto 2020 in 23:00
    Permalink

    Sui giornali sportivi si legge spesso. Preso tizio dalla caia. Manca solo la firma. Ovvero tutto. Qui è successo questo. Ciò non significa che tutto sia saltato. Ma se la notizia fosse stata data in modo diverso, oggi saremmo meno delusi e meno scettici. È tanta la voglia di vendere che qualche socio si è fatto prendere la mano e ha dato per fatto ciò che non era. Ma nulla di troppo grave a mio avviso. Con pazienza si vedrà. Anche perché ricordo che un illustre opinionista del sito, all’arrivo dei cinesi dichiarò in una trasmissione televisiva locale che con loro saremmo andati in champion’s league in tre anni, secondo il Tacopina style che ha imperato per due anni a Venezia, mentre oggi la società non sa nemmeno se riuscirà a iscriversi l’anno prossimo alla B. Pallotta, thohir, Yong li, Tacopina sono volti della stessa medaglia ovvero soggetti dipinti come l’emiro, arabo rich el sfondat che invece di sfondato aveva altro. Finora solo Suning e in parte saputo hanno dimostrato serietà. Se i catarrati verranno, covid permettendo ( perché tosse secca e tosse grassa non vanno d’accordo nemmeno nell’evoluzione covid 20), spero siano seri e non cialtroni.

    • 6 Agosto 2020 in 12:16
      Permalink

      Saputo in parte?
      Non direi proprio!

  • 5 Agosto 2020 in 23:20
    Permalink

    Da ultima una piccola chiosa su Faggiano. È bravo ( detto da operatori del settore e non da me). Ma non si perde nulla. Con tutto il rispetto, leonardi senza soldi da spendere per le note vicende ha portato a Parma a parametro zero Borini, Danilo Pereira, paletta, Sansone, preso per pochi euro e rivenduto a peso d’oro Giovinco e belfodil tra gli altri. Ha portato a Parma Candreva Cassano Amauri Galgano e tanti altri. Poi leonardi è stato quello che è stato e non intendo minimamente riabilitarlo o glorificarlo. A giudicarlo ci pensa la magistratura e va bene così. Ci mancherebbe altro. Faggiano ha speso valanghe di, soldi ancora da pagare e non ha generato in 4 anni nemmeno un euro di guadagno nella compravendita di calciatori. Può venire chiunque qui che con la disponibilità di soldi messa in campo dalla proprietà nell’ultimo anno, non può certo fare peggio.

  • 5 Agosto 2020 in 23:52
    Permalink

    signori ma il cambio di propieta’ cosa c’entra con faggiano ?1) se saltasse il passaggio ,la vecchia propieta’ ha sempre onorato i debiti di faggiano e fatto bene quindi si continuava come il solito visto che aveva firmato per piu anni era d accordo 2) se arrivano i quatarioti tanto meglio solo uno stolto se andrebbe visto che gli obiettivi migliorerebbero !! certo forse temeva che la nuova propieta’ mettesse un direttore generale (fassone che non e un ds ma ha sempre fatto il direttore generale ) che facendo le pulci al bilancio capisse che lui aveva fatto dei grana debiti in questi anni senza una plusvalenza vera !! e che lo avrebbero mandato via ……….

  • 6 Agosto 2020 in 00:25
    Permalink

    Anche Ghirardi passò i pieni poteri a Leonardi prima del fallimento. Magari lo stesso capiterà anche al Genoa di quel sudicio di Preziosi, che è un miracolo che sia ancora in A.

  • 6 Agosto 2020 in 00:27
    Permalink

    SIGNORI RAGIONIAMO SU FAGGIANO 1) qualcuno mi sa indicare una plusvalenza di FAGGIANO UNA ! ve la dico io mazzocchi per poche migliaia di eur e BRANZAO non sapevo manco fosse stato a parma ahahah ( come mai qualcuno che c’e l aveva con ghirardi e gli faceva le pulci adesso tace ? ripeto su branzao sembrerebbe che ci sia a bilancio una grossa non vorrei sabgliare ma 20 ml ? spero di sbagliare mah strano l inter strapaga un suo giocatore …perche se parma fa plusvalenza vuol dire che incassa di piu di quello che ha dato all inter ….. l avesse fatto leonardi !! chissa quanti indagini ai tempi belli ci si divertiva quabdo c era ghirardi vero adesso zitti e pedalare ) 2) FAGGIANO ha fatto una montagna di debiti adesso avremo circa 70 ml di riscatti ( stranamete 30 al napoli mah ……e andato a ricomperare grassi giocatore diciamo fragile idem inglese ) un buon motivo per andarsene veloce ………prima che qualcuno lo cacciasse 3 ) e’ vero hanno vinto 2 campionati fri e flok ovvero faggianovev d aversa ma con il doppio o triplo di budjet ! di squadre come lecce di liverani o spal di semplici o frosinone , andate a vedere i bilanci anche in serie d il parma spese il triplo delle altre promosse 4) LEONARDI l avete crticato e fatto le pulci per i 100 giocatori in lega pro e avete fatto bene ma perche sullo stesso comportamento di faggiano tutti zitti ? FAGGIANO cosa ha fatto non e’ arrivato li solo perche’ lo hanno fermato !! ma era gia a 70 e piu !! come mai nessuno a parlato ? non era lo stesso metodo ? a cosa servono ? plusvalenze zero manco un eur e spesso paghiamo gli stipendi non e riuscito neppure con galano a fare una plusvalenza !! tutti quei giocatori di serie c cosa servono chi le lo spiega ? giuardate tutta gente di 26 / 28 anni non giovani per cui non era la plusvalenza lo scopo o almeno plusvalenze vere 5) non ha lanciato un giovane dalle giovanili !!! l solo i giovani degli altri bastoni e kuluseky senza avere neppure un premio di rivalutazione pero a preso da cruz per 6 ml e karamoh per 11 ml !! questi sono i giovani che ha lanciato grosse minusvalenze …6) ma dio ci scampi da baccin suo amico e sopratutto di PERINETTI ecco chi c’e dietro a tutta la banda perinetti tutti amici di conte notate d aversa ultimamente fa gli stessi discorsi di conte parla di ambizioni !! lui che cosa vuole siamo 9 forza del campionato !!stessa metodo di parlare di conte !! E noi dobbiamo rimpiangere tutto questo ? ma va …………per fortuna si e tolto dal c…o ultima cosa lui diceva sempre che faceva contratti annuali vi ricordate salvo che a genova lo fa triennale !!! ci ha semre preso per il culo parma era il suo trampolino di lancio ha prestato e fatto tutta la squadra al trapani e non dico altro ………

  • 6 Agosto 2020 in 01:34
    Permalink

    Sul mercato ci sono diversi professionisti in grado di prendere il posto di Faggiano e di non farlo rimpiangere.
    Mi stupisce che vada al Genoa perché a dire dei vari siti web e dei giornali ci sarebbero stati clubs che si trovano in acque migliori pronti ad ingaggiarlo.
    Questa partenza anticipata non penso abbia colto di sorpresa la società perché che qualcosa non filasse alla perfezione si era capito con le dichiarazioni che D’Aversa fece a suo tempo in merito all’esclusione di Siligardi dalla lista.
    Era una situazione che ricalcava il caso Dezi dell’anno prima, quando il giocatore fu di fatto messo nel limbo e la sua valutazione si ridusse.
    Ci sono poi stati movimenti di mercato improduttivi, tipo i vari prestiti al Trapani, dove nessun giocatore è stato valorizzato.
    Gli unici acquisti nelle serie inferiori che si sono rivelati produttivi sono stati quelli di Dermaku e Colombi. Diciamo che le cose sono andate decisamente meglio circa gli stranieri perché Gervinho, Alves, Kucka, Hernani, Cornelius, Kurtic, Brugmann e Laurini hanno reso.
    Kulusevski è stato determinante, ma era un prestito

  • 6 Agosto 2020 in 07:14
    Permalink

    Si paleseranno a febbraio, previa temperatura🤭

  • 6 Agosto 2020 in 07:16
    Permalink

    Intanto alla co. Pa dor son partite le assunzioni di stagionali, affrettatevi ultimi posti disponibili

  • 6 Agosto 2020 in 08:22
    Permalink

    L’attuale proprietà è la miglior garanzia, nemmeno dopo tutto quello che hanno dimostrato in questi anni vi fidate? Quadrelli!

  • 6 Agosto 2020 in 08:42
    Permalink

    La banda di PAPERON DE PAPERONI
    verrà a Parma alla fine di novembre
    a………..mangiare un piatto di anolini.
    Poi guarderà una partita e se ne andrà.
    Questi vogliono acquistare il Parma
    come io voglio acquistare il Milan.
    Svegliatevi dal vostro torpore
    e ragionate
    In quanto a Foggiano per me è stato
    allontanato dalla società o almeno
    gli avrà fatto capire che se si trovava
    un’altra squadra era meglio per entrambi.
    Un vero D.S. pesca nei giovani e porta
    plusvalenze ( vedi l’Atalanta con Kulu
    pagato 90.000 euro e venduto a 44
    milioni.
    D’Aversa vale poco credere a me.
    Ha portato solo giocatori rotti e
    giovani mezze seghe ( vedi Karamok
    Cicirotti& Co.)
    L’ho detto e lo ripeto
    LA BANDA DI PAPERON DI PAPERONI
    non arriverà altrimenti mi faccio FRATE
    e con FAGGIANO il Genoa fallirà
    perché FAGGIANO non sa fare plusvalenze.

  • 6 Agosto 2020 in 09:18
    Permalink

    Non ce la faccio proprio a non condividere questa riflessione: ma secondo voi, andando per logica , chi sta trattando da un po’ di tempo una squadra di calcio, perché dovrebbe aspettare la fine del mercato per chiudere la trattativa? Logica vuole che lo faccia in tempo per costruire a suo piacimento. Inoltre, cosa ancora più importante, se il mercato lo fa nuovo inizio, potrebbe investire molto, alterando il valore del patrimonio calciatori oppure vendere i migliori, riducendo il valore. Dopo che fanno, si siedono di nuovo a tavolino per rivedere il prezzo? L’esempio lo ha dato la Roma: Friedrik ha negoziato per tutto il campionato, ma ad inizio agosto ha dato 48 ore a Pallotta. Prendere o lasciare. In 48 ore ha modificato l’ offerta, accettata e firmato il preliminare. Closing entro agosto ed almeno 1 mese per fare mercato. Maledetti problemi burocratici….tutti a noi.

  • 6 Agosto 2020 in 09:35
    Permalink

    FAGGIANO NON SI PUO’ RIMPIANGERE uno che non sa vendere.il probelma di faggiano e’ che compera a debito facendo contratti lunghissimi e con stipendi fuori mercato ai giocatori !! infatti nessuno vuole andare via ( tutti i ns giocatori per venderli dobbiao poi pagare lo stipendio vedi siligardi manco a gratis lo prendono ha uno stipendio da cr7 ) e con grossi budjet ma poi lui non sa vendere e fare plusvalenze .Squadrette come il novara si sono fatti dare dei bei soldi per da cruz o il latima per scaglia!! o il napoli per dezi !! o il trapani per scozzarella !! o samp per caprari !! e lui invece non ha venduto uno che sia uno ci teniamo ancora dezi o baraye o da cruz nocciolini ,scaglia poi siligardi !!! ecc Detto questo ma I CONTRATTI VALGONO SOLO UNILATERALMENTE ? I SIGNORI D AVERSA E FAGGIANO correvano a chiedere gli adeguamenti ogni anno e a farsi prolungare i contratti ma non sapevano che poi vanno onorati ? in sostanza se facevano male e il parma li licenziava poi doveva pagarli !! se vanno via loro basta dirlo e vanno ? funziona cosi ? il napoli si e fatto dare 8 ml per liberare sarri dal chelsea !! possibile che il parma calcio non si faccia rispettare dal genoa ? Speriamo comunque che nel pacchetto si prendano anche d aversa altro mercenario che parla come se fosse Conte ma lo avete sentito e da mesi che non dice io resto a parma tutte le volte palava di progetti e ambizioni da parlare a fine anno come se la societa fosse obbligata per lui a spendere di piu ed avere piu ambizioni siamo noni a noi poteva bastare !!! ( sperava nel toro ) tutte le volte a domanda non ha mai smentito di voler anadare via e parlava come conte con la stessa arroganza , attenzione l avete sentito bene che diceva che poi l allenatore quando le cose vanno male si prende le colpe ( come conte i) per cui voleva garanzie ecc in sostana il merito era tutto suo del grande allenatore ( che se non negavano due rigori al pordenone manco eravamo promossi in b ) quello si e’ messo a parlare come conte e dobbiamo sopportarlo ? l inter a cante ha gia fatto abassare le orecchie e ora che anche noi gli facciamo abassare le orechie a d aversa !! altro che ambizioni dell allenatore …..e continuare a prendersi i meriti citando i calciatori che hanno fatto i miracoli in sostanza autocelebrandosi !! perche e chiaro cje il messaggio era ho fatto i miracoli e contimuava a ripeterlo …………

  • 6 Agosto 2020 in 10:02
    Permalink

    La frase di Foggiano
    “È finito un ciclo” mi ha fatto riflettere.
    E se Foggiano si fosse accorto che visto i soldi che ci sono da sborsare per tanti giocatori pagati ” a rate” lui non avrebbe potuto
    portare nessun giocatore nuovo durante il mercato se non i soliti giocatori scadenti e giovani mezze seghe essendo la società ridotta come denaro all’osso, ora con SOLI 5 elementi e non più con sette e senza i soldi del cinese?
    Ecco perché la situazione è delicata, molto delicata.
    PAPERON DE PAPERONI è un parafulmine.
    Se prenderanno il Parma lo prenderanno a prezzo di saldo spendendo una miseria e poi lo rivenderannova avchi ci farà fallire.
    Ecco perché tutto è stato spostato a questo autunno.
    Se PAPERON DE PAPWRONI fosse stato interessato avrebbe già concluso o per lo meno prima dell’inizio del mercato.
    Non l’ha fatto è non lo fara è il PAPERINE ha……gettato la maschera
    Preparatevi si può ritornare in D
    È proprio vero
    COME NOI, NESSUNO MAI.

  • 6 Agosto 2020 in 10:14
    Permalink

    Ma vi rendete conto che per pagare il Napoli per Inglese dovremo vendere al Napoli stesso SEPE. e poi all’inter Cornelius e al Benevento GERVINHO ?
    E non abbiamo nemmeno più KULU?
    Vedete un po’ vo voi, siamo nella me….

  • 6 Agosto 2020 in 10:30
    Permalink

    faggiano agevolera’ manenti nel tentativo di acquisizione del genoa da preziosi

  • 6 Agosto 2020 in 10:32
    Permalink

    Direi piuttosto che in questi anni la proprietà ha agito senza una
    minima programmazione finanziaria e non….”sbragando i sassi”….
    Siamo arrivati a 70 milioni….di riscatti…ALLELUIA………..
    Chiudiamo il rubinetto e finiamola….questa è una pagliacciata…
    se non si è all’altezza di gestire una squadra di calcio,
    si chiude…punto….

    • 6 Agosto 2020 in 10:47
      Permalink

      “in questi anni la proprietà ha agito senza una minima programmazione”. Ma l’ha scritto veramente? Ditemi che sto sognando

  • 6 Agosto 2020 in 10:51
    Permalink

    Il nuovo DS sarà il metro che ci farà capire dove i 7 vogliono andare a parare domani si saprà tutto…

  • 6 Agosto 2020 in 10:58
    Permalink

    Leggendo i nomi del casting DS, la domanda è? Vogliamo rimanere nell’orbita Juventus e Inter, o costruire qualcosa di diverso come leggevo sui giornali nei giorni scorsi sul modello Ajax? Io non avrei dubbi nella scelta, pieni poteri DG del settore sportivo dalla prima squadra a tutte le giovanile a Marcello Carli. Il CV parla per lui negli anni passati a Empoli ha costruito una squadra con tanta fantasia pochi soldi dominando il campionato di B e arricchendo il presidente con plusvalenze che manco ci sogniamo, costruendo un settore giovanile con pochi mezzi tra i più forti in Italia.

    • 6 Agosto 2020 in 11:41
      Permalink

      Tra i nomi che sono usciti, credo anch’io che Marcello Carli sia il profilo migliore per impostare un progetto futuro.
      A lui si affiancherebbe Lucarelli con un ruolo più importante di quello attuale in modo da proseguire la sua crescita professionale.

      Non mi piacciono molto i vari Baccin-Cherubin, che mi danno molto l’idea di una specie di commissariamento da parte di società più importanti come appunto Inter e Juve e che ci farebbe restare sempre nell’orbita di un grande club, quasi come una loro società satellite.

  • 6 Agosto 2020 in 11:33
    Permalink

    A nessuno è venuto in mente che magari il Sig. Faggiano è stato silurato dalla società perchè scontenta della situazione patrimoniale della rosa e della gestione del mercato?

    Magari hanno pesato tutte le sconfitte del post lock down.
    Durante quel ciclo negativo tutti noi tifosi scrivevamo di ciclo finito e di rosa non all’altezza di un salto di livello in serie A.

    Può darsi che la società abbia fatto le stesse riflessioni e abbia deciso di cambiare il DS, che nel frattempo aveva ricevuto altre offerte.
    Potrebbe essere che la società non reputi più sostenibile un tale esborso di risorse per un semplice 11° posto e che entrambe le parti abbiano deciso di percorrere strade diverse.

    Credo che diversamente da altre piazze simili, noi abbiamo speso di più in questi anni per tornare subito in serie A e per essere abbastanza sicuri di rimanerci, ma adesso occorre ricalibrare gli investimenti al fine di assicurare un equilibrio nella patrimonializzazione di calciatori che possano avere un mercato in uscita al fine di ottenere delle sensibili plusvalenze che consentano alla baracca di restare in piedi a lungo.

    Magari si è deciso insieme che era meglio affidare questo compito ad altri professionisti.

    Per quanto riguarda la storia dei qatarioti, la notizia era data per semi ufficiale da molti organi di stampa di livello.
    Credo quindi che ci sia del vero. Tuttavia il silenzio dei canali ufficiali del Parma Calcio e le ultime notizie che parlano di slittamenti ad ottobre/novembre (quindi a mercato finito) non mi fanno pensare a nulla di buono.

    Credo sia un momento molto delicato e mi auguro che Pizzarotti, Barilla & Co. siano coscienti della difficoltà che avremo ad affrontare il prossimo campionato in una situazione di incertezza societaria.

    • 6 Agosto 2020 in 12:20
      Permalink

      Sul silenzio della società, non mi meraviglio perché non è gente che parla ai tifosi. Che ci devono dire ,che è vero che hanno iniziato una trattativa ma sta subendo rallentamenti perché il compratore non è convinto dell’ accordo ? Si vivacchia, sperando che anche quest’anno ci siano altri più scarsi, in attesa di qualcuno disposto ad accettare le loro condizioni.

      • 6 Agosto 2020 in 13:15
        Permalink

        Cerchiamo per cortesia di smetterla di propagare balle. Se c’è una casa di vetro (cit) quella è il Parma Calcio che ha sempre avuto coi tifosi un costante dialogo diretto. Come scrivevo nelle scorse ore sarebbe tecnicamente errato dover dare conto di sviluppi positivi o negativi di una trattativa di cui ufficialmente il Parma non ha mai parlato.

        • 6 Agosto 2020 in 13:39
          Permalink

          In realtà non aveva rilasciato dichiarazioni neanche su quella con il cinese, fino al comunicato ufficiale. Da altre parti, si rilasciano dichiarazioni a smentire o confermare, tipo Cairo che ha smentito trattative , o Pallotta che ha rilasciato più volte dichiarazioni.

          • 6 Agosto 2020 in 14:24
            Permalink

            Preferisco personalmente l’operato di Nuovo Inizio rispetto a quello di Pallotta o Cairo.

        • 6 Agosto 2020 in 17:33
          Permalink

          Casomai l’inferno di cristallo 😂

  • 6 Agosto 2020 in 14:16
    Permalink

    La Roma è stata venduta…..
    mentre noi stiamo aspettando closing finanziario per i morti.
    il 2 novembre….forse….

    Siamo proprio dei NADARI……

    • 6 Agosto 2020 in 15:06
      Permalink

      Sono sicuro che non sarà sfuggito alla sua attenta valutazione il fatto che la trattativa della Roma è durata praticamente un anno. Non due settimane, non due mesi, ma un anno, ovvero molto di più di quanto previsto per la cessione del Parma. Non proprio un esempio azzeccato per le sue strumentali provocazioni.

      • 6 Agosto 2020 in 16:14
        Permalink

        In realtà non è quanto è durata la trattativa ma in quanto tempo si è concretizzata, dopo l’accettazione della proposta. A Roma si è concretizzata in 48 ore, ossia il tempo tra l’offerta ritenuta congrua e la firma del preliminare di vendita, non c’è stato covid o burocrazia a rallentare, ma solo un acquirente che ha formulato un ‘ offerta, un venditore che ha accettato ed il tempo per preparare e firmare i contratti. Quindi, o tutti i media ben informati hanno preso un abbaglio il 23 luglio, data in cui uscì la notizia dell’accordo chiuso, parlando anche della nuova carica per Barilla nel CDA, oppure i problemi sono nati dopo. Domanda: ma se l’accordo era stato raggiunto, cosa è cambiato? Qualche clausola non ben vista? Non mi dite che ha rallentato l’emergenza sanitaria che mi viene da ridere. Quella c’era anche prima e ci sarà anche in autunno e soprattutto c’è anche negli Stati Uniti, molto peggio anche, eppure a Roma subito hanno fatto. Ripeto quanto già scritto più volte, abbiamo anche l’esempio di Commisso. Da zero alla firma in 3 settimane.

  • 6 Agosto 2020 in 14:27
    Permalink

    Cambieranno i giocatori cambierá l allenator ma i crociati saran sempre nel mio cuor!!!
    Meno seghe mentali SAPIENTONI!!
    FORZA PARMA SEMPRE.

  • 6 Agosto 2020 in 14:44
    Permalink

    Ma Majo dai.
    Io la stimo e per me lei è
    dopo Belle’ il miglio giornalista
    sportivo di Parma.
    Belle ‘ non c’è più e quindi
    lei è il primo e questa non
    è una sviolinataa
    A volte ci siamo simbolicamente
    accapigliati ma poi tra noi c’e
    rispetto e amicizia come è giusto
    che ci sia tra persone intelligenti.
    Quello che lei ha scritto pero’
    non lo condivido.
    PER NIENTE
    Pizzarotti non ha mai parlato
    della trattativa con gli arabi ai
    tifosi, non perché si è accorto che
    questa,trattativanon esiste e sa che è
    UN BLUFF A LIVELLO PLANETARIO
    Per me Pizzarotti come presidente
    del Parma doveva metterci la faccia
    e spiegare tutto.
    NEL BENEBE NEL MALE
    Non l’ha fatto è questo è grave
    Se la trattativa non esiste doveva dirlo chiaro
    e se invece la trattativa esiste DEVE spiegare
    per bene questo strano comportamento della
    parte araba contraente
    C’è un PRELIMINARE FIRMATO?
    NE DUBITO
    Se non c’e pur avendo tra i proprietari
    un avvocato la cosa è grave
    MOLTO GRAVE.
    Come mai la presunta firma del contratto
    al termine del campionato come TUTTI
    i giornali scrivono è slittata di mesi?
    PERCHÉ?
    Se ci sono motivi perché la società non chiarisce
    questo slittamento?
    Se tutto è regolare perché nascondere
    COL SILENZIO tutto?
    Ma se poi uno vuole acquistare una squadra non
    la prende a campionato in corso con il mercato
    finitio quando invece potrebbe acquistarla
    subito al termine del campionato
    come ha fatto la Roma
    dettando così la propria linea guida
    Inutile girarci attorno
    C’e qualcosa di losco.
    Anche su Faggiano SILENZIO ASSOLUTO.
    Non mi direte che PIZZAROTTI è anche lui al PAPETE.
    Bisogna fare chiarezza e questo lo può fare
    solo la società.
    MA NON LO FA.
    PERCHÉ?
    Non fa chiarezza perché anche il Parma ha capito
    che quando PAPERON DE PAPERONI
    non firmerà la società ci farà una figura
    veramente imbarazzante.
    Se Pizzarotti non spiega ai tifosi
    tutto quello che vogliono sapere
    QUALCOSA
    DI MOLTO MARCIO
    STA BOLLENDO
    IN PENTOLA. carissimo Majo.

    • 6 Agosto 2020 in 18:54
      Permalink

      Nella pentola non sta bollendo alcunché di marcio, per favore basta creare inutili allarmismi.

  • 6 Agosto 2020 in 15:09
    Permalink

    Calma e fiducia incondizionata nell’attuale proprietà. Non avventuriamoci in considerazioni congetturate senza fondamento di verità.
    Ripartiamo da D’Aversa che è una certezza, scegliamo senza fretta (il calciomercato apre il primo settembre e sino a quella data spostamenti effettivi di giocatori non ci possono essere) un bravo DS da affiancare al capitano Lucarelli per rilanciare il progetto e portare nuovi stimoli e nuovi obiettivi. Il cambiamento ogni tanto fa bene perchè porta nuove idee e nuove opportunità.
    A parte Kulusevski tutti gli altri giocatori sono di nostra proprietà e nessuno ha il contratto in scadenza, non abbiamo necessità di rifondazioni ma solo di mirati miglioramenti.
    Sempre e solo forza Parma

  • 6 Agosto 2020 in 15:45
    Permalink

    Quoto LG!

  • 6 Agosto 2020 in 16:41
    Permalink

    Foggiano se ne è andato.
    LO ABBIAMO SAPUTO DAI GIORNALI
    Il Parma va agli arabi
    LO ABBIAMO SAPUTO DAI GIORNALI
    Cornelius va all’inter
    LO ABBIAMO SAPUTO DAI GIORNALI
    Gervinho va al Benevento
    LO ABBIAMO SAPUTO DAI GIORNALI
    Sepe.ritorna al Napoli
    LO ABBIAMO SAPUTO DAI GIORNALI
    ma noi abbiamo una societa’ o no?
    PIZZAROTTI potrebbe metterci la faccia
    o in alternativa far spiegare ai tifosi il
    tutto da Lucarelli.
    Se si vende così chi vuole subentrare a Nuovo Inizio
    invece di rinforzare la squadra la indenolisce
    Se la trattativa non esiste basta dirlo
    Se la trattativa c’e basta spiegarlo.
    In quanto al moderatore che ha scritto.che
    per acquistare la Roma ci sono voluti anni
    bene. ma lo si dica e poi la Roma ha acquistato
    la squadra prima del prossimo campionato
    non sembra…….a campionato in corso.
    SVEGLIA PARMA. ! ! !

    • 6 Agosto 2020 in 18:53
      Permalink

      I giornali servono appunto per informare. E talora per disinformare. Specie in materia calciomercato. Pertanto sono io che dico SVEGLIA a lei perché almeno il 90% delle supposte info da Lei citate non si realizzeranno.

      Come ho già spiegato in altri commenti il Parma Calcio non è tenuto a dare alcun tipo di comunicazione fino a cose fatte. Questa è sempre stata la specialità della casa.

      Come ho detto ad altri utenti stop a reiterare lo stesso contenuto, specie se non corrispondente al vero e/o offensivo. E quello sopra avrebbe tutti i crismi per terminare nel cestino…

  • 6 Agosto 2020 in 17:20
    Permalink

    Questa storia dei quatarioti, finirà esattamente come la telenovela tragicomica del compianto Sanz. Nuovo Inizio farebbe meglio a mettersi a cercare un compratore serio e non sti ciarlatani.

    • 6 Agosto 2020 in 19:37
      Permalink

      Avevo pensato la stessa cosa , anzi Sanz perse pure la caparra

      • 6 Agosto 2020 in 20:13
        Permalink

        “La Pro Vercelli acquisita da una cordata di due-tre imprenditori”. Ma per ora i nomi restano top secret

        «Non c’è un solo proprietario, è una cordata di due-tre imprenditori che non sono neofiti del calcio. A breve definiremo l’assetto societario. Ruoli ed equilibri devono essere ancora definiti». Così Alex Casella, nuovo direttore sportivo della Pro Vercelli e punto di riferimento del gruppo di proprietari che per adesso resta top secret. Fino a quando? «Quando sarà definito l’assetto societario».

        Speriamo che rimangano i “Magnifici 7” il più a lungo possibile e che chiudano la cessione solo alle loro condizioni, nell’interesse del Parma Calcio

  • 6 Agosto 2020 in 17:34
    Permalink

    si leggono cose inaudite su questo blog, meno male (e speriamo) che nessuno dei 7 nostri prodi legga queste idiozie a manetta. Sproloqui di gente che conosce le cifre di tutte le squadre in Italia e all’estero (complimenti) magari studiando sui vari siti sportivi o ascoltando come il nuovo messia Di Marzio….
    si fa alla svelta a voltare le spalle a chi fino a ieri veniva esaltato da chi adesso lo valuta un niente.
    Qualcuno di tanto in tanto scrive “ci meritiamo la D” ….mica si sbaglia . Peccato che 1 anno di D e 1 di C non abbiamo prodotto l’effetto epurazione dei falsi tifosi pronti a criticare. E basta. Andate a Roma oppure a Genova spoda gialloblu (anche se neppure l’altra è molto felice) oppure ancora più vicino: passate l’Enza, e sempre dritto arriverete al vostro paradiso calcistico.
    Laggiù si che ci sanno fare…..

  • 6 Agosto 2020 in 19:23
    Permalink

    questo e’ il grido di battaglia,o uno sbraio

  • 6 Agosto 2020 in 19:56
    Permalink

    Bhe insomà, paser l’Ensa a la fema l’ultma…

    • 6 Agosto 2020 in 21:42
      Permalink

      si chiama frustrazione dallo scoprire che babbo natale non esiste,al gara’ un sarvel da vo ed tri o quator ani,mo mighe cul ve

I commenti sono chiusi.

Questo sito web utilizza i cookie di terze parti come ad es. Google Analytics per migliorare e personalizzare la vostra esperienza di navigazione e anche a fini statistici. Continuando ad utilizzare il sito accettate l'utilizzo dei cookie. Nel caso non desideriate l'utilizzo dei cookie potrete effettuare l'opt-out uscendo dal sito o seguendo le istruzioni nella pagina delle informazioni. PIU' INFORMAZIONI...

COOKIE, PRIVACY, TERMINI E CONDIZIONI D'UTILIZZO
Relativi ai domini/siti Stadiotardini.it, Stadiotardini.com, GabrieleMajo.com e Parmacalcio.com di proprietà di Gabriele Majo

>> LA PRESENTE PAGINA NON CONTIENE COOKIE O CODICE DI TRACKING <<

COOKIE
I cookie sono piccoli frammenti di testo archiviati sul suo browser attraverso il sito web che visita. I siti web utilizzano i cookie per memorizzare informazioni sulla sua navigazione, sulle sue preferenze o per gestire l'accesso ad aree a lei riservate.
I gestori dei siti web e i soggetti che attraverso i medesimi siti li installano possono accedere esclusivamente ai cookie che hanno archiviato sul suo browser. Qui può trovare maggiori informazioni sui cookie: http://it.wikipedia.org/wiki/Cookie
Cookie tecnici che non richiedono consenso
Gabriele Majo, nel corso della sua navigazione sulle pagine dei siti internet del Gruppo, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel browser di navigazione alcuni c.d. cookie, ovvero informazioni che ci consentono di memorizzare alcuni dati utili a: riconoscere che attraverso il suo browser sono già stati visitati i Siti del Gruppo, e registrare e ricordare qualsiasi preferenza che possa essere stata impostata durante la navigazione su tali siti.
Per esempio, Gabriele Majo potrebbe salvare le sue informazioni di accesso, in modo che non debba effettuare la procedura di accesso ogni volta che accede al sito o siti del gruppo collegati; analizzare i Siti del Gruppo e il loro utilizzo e per migliorarne i servizi; memorizzare la sua scelta relativa al consenso all'installazione di cookie di profilazione. L’utilizzo da parte di Gabriele Majo di tali cookie ed i trattamenti ad essi correlati – per sé e/o per le altre società del Gruppo - sono necessari per consentire alle società del Gruppo di renderle disponibili i contenuti pubblicati sui nostri siti in modo efficace e di facile consultazione.
L’utilizzo di tali cookie e lo svolgimento dei trattamenti ad essi connessi, non richiede, ai sensi della disciplina vigente, il suo consenso.

Gabriele Majo, inoltre, installerà sul suo dispositivo e, in particolare, nel suo browser o lascerà installare a terzi alcuni cookie che ci sono necessari per acquisire o far acquisire a nostri partner informazioni statistiche in forma anonima e aggregata relative alla sua navigazione sulle pagine dei siti del Gruppo.
Si tratta, in particolare, dei cookie relativi ai seguenti servizi di analisi statistica per i quali forniamo maggiori informazioni anche per la disattivazione:
Google Analytics
https://support.google.com/analytics/answer/2763052?hl=it
Youtube
Anche per l’utilizzo di tali cookie e per i trattamenti di dati personali ad esso connessi non è necessario, in forza di quanto previsto dalla disciplina vigente in materia di privacy, il suo consenso. Cookie per cui è richiesto il consenso Qualora, inoltre, lei presti il relativo consenso attraverso una delle modalità semplificate descritte nell’informativa breve che le è stata presentata al momento del suo primo accesso su un sito del nostro Gruppo o seguendo le istruzioni che seguono, Gabriele Majo potrà installare e/o lasciar installare a società terze ulteriori cookie, c.d. di profilazione, che hanno lo scopo di aiutare Gabriele Majo – nel suo interesse e/o in quello di altre società del Gruppo - e/o aiutare le società terze qui di seguito elencate a raccogliere informazioni sui suoi interessi ed abitudini così da proporle comunicazioni commerciali, per quanto possibile, di suo interesse o, comunque, coerenti con i suoi interessi.
Come le è già stato fatto presente attraverso l’informativa breve che le è stata proposta all’atto del suo primo approdo su uno dei siti del nostro Gruppo, attraverso le modalità ivi riportate può prestare un consenso unico a che Gabriele Majo e le società terze installino sul suo dispositivo i predetti cookie e pongano in essere i conseguenti trattamenti di profilazione o negare tale consenso a Gabriele Majo ed ogni altra società non utilizzando i servizi dei siti del gruppo.

L'accesso alle pagine dei siti web realizzati e mantenuti da Gabriele Majo (di cui fanno parte i siti indicati sopra) implica per l'utente l'accettazione dell'utilizzo dell'uso dei cookie e delle seguenti condizioni secondo la vigente normativa sulla privacy. In caso l'utente non accetti l'utilizzo dei cookie da parte di Gabriele Majo potrà effettuare l'opt-out abbandonando le pagine dei nostri siti.

Copyright
La documentazione, le immagini, i marchi e quant'altro pubblicato e riprodotto su questo sito è di proprietà della, oppure concesso da terze parti in uso alla Gabriele Majo, così come alle aziende che hanno concesso in licenza software e materiale grafico e multimediale e ne è vietata la riproduzione al pubblico.

Responsabilità di Gabriele Majo
Nessuna responsabilità viene assunta in relazione sia al contenuto di quanto pubblicato su questo sito ed all'uso che terzi ne potranno fare, sia per le eventuali contaminazioni derivanti dall'accesso, dall'interconnessione, dallo scarico di materiale e programmi informatici da questo sito.
Pertanto Gabriele Majo , non sarà tenuta per qualsiasi titolo a rispondere in ordine a danni, perdite, pregiudizi di alcun genere che terzi potranno subire a causa del contatto intervenuto con questo sito, oppure a seguito dell'uso di quanto nello stesso pubblicato così come dei software impiegati.
Le eventuali informazioni comunicate spontaneamente da parte di soggetti terzi al sito potranno essere liberamente usate da Gabriele Majo

Trattamento dei dati personali
L'accesso ad alcune sezioni del sito e/o eventuali richieste di informazioni o di servizi da parte degli utenti del sito potranno essere subordinati all'inserimento di dati personali il cui trattamento da parte di Gabriele Majo (di seguito “Gabriele Majo”), quale Titolare del trattamento, avverrà nel rispetto del D.Lgs. 196/2003 “Codice in materia di protezione dei dati personali” (di seguito il “Codice”) .

La presente informativa ha lo scopo di consentire agli utenti di conoscere, anche prima di accedere alle varie sezioni del sito e di conferire i propri dati, in che modo Gabriele Majo tratta i dati personali degli utenti e sarà comunque necessario che l’utente ne prenda visione prima che egli conferisca propri dati personali compilando gli appositi spazi nelle varie sezioni del sito.

Finalità del trattamento
Secondo le esigenze di volta in volta manifestate dall’utente che accede alle varie sezioni del sito, le finalità del trattamento dei dati personali conferiti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on-line potranno essere le seguenti:

a) consentire la registrazione sul sito, che è necessaria per l’accesso a particolari sezioni del sito stesso e per erogare e gestire i vari servizi offerti;
< b) previo consenso dell’utente e fino alla revoca dello stesso, effettuare attività di marketing (quali, in via meramente esemplificativa ma non esaustiva, invio di materiale promozionale e pubblicitario, svolgimento di connesse analisi sugli utenti registrati, che consentano a Gabriele Majo di migliorare i servizi e prodotti offerti alla propria clientela); e ciò anche a mezzo di e.mail, fax, mms e sms, previo specifico consenso e fino alla revoca dello stesso;
c) inviare newsletter per ricevere aggiornamenti su tutte le novità del sito, ricette, menu, consigli del nutrizionista, e tante altre notizie sui servizi Gabriele Majo (sezione “Abbonati alla newsletter” del sito);
d) rispondere alle richieste degli utenti in relazione a prodotti e servizi Gabriele Majo, alla pubblicità, ovvero al sito (sezione “Contattaci” del sito).

La registrazione degli utenti sul sito non è richiesta per la prestazione di alcuni servizi offerti da Gabriele Majo (ad es., quelli di cui ai precedenti paragrafi c) e d)). Tuttavia, al fine di evadere le eventuali richieste degli utenti riguardanti tali servizi e ordini, essi saranno invitati a conferire dati personali, che saranno trattati per le sole relative finalità e per il tempo strettamente necessario al completamento delle suddette operazioni.
Modalità del trattamento
I dati personali saranno trattati in forma prevalentemente automatizzata, con logiche strettamente correlate alle predette finalità.

Natura del conferimento dei dati personali degli utenti
Il conferimento dei dati personali è facoltativo, ma esso è in parte necessario (cioè per quei dati le cui caselle sono contraddistinte da un asterisco) affinché Gabriele Majo possa soddisfare le esigenze dell’utente nell’ambito delle funzionalità del sito. Il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali contrassegnati da un asterisco, in quanto necessari per l'esecuzione della prestazione richiesta, non rende possibile tale esecuzione; mentre il mancato, parziale o inesatto conferimento dei dati personali facoltativi non necessari non comporta alcuna conseguenza.
Categorie di dati personali oggetto di trattamento
Oltre ai dati personali conferiti direttamente dagli utenti (quali nome, cognome, indirizzo postale, di posta elettronica, ecc.), in fase di connessione al sito, i sistemi informatici e le procedure software preposte al funzionamento del sito stesso acquisiscono indirettamente alcuni dati personali la cui trasmissione è implicita nell’uso dei protocolli di comunicazione di Internet.
Tali dati vengono trattati al solo fine di effettuare indagini statistiche anonime.

Categorie di soggetti che potranno venire a conoscenza dei dati personali degli utenti
I dati personali potranno essere portati a conoscenza di dipendenti o collaboratori che, operando sotto la diretta autorità di quest’ultimo, sono nominati responsabili o incaricati del trattamento ai sensi degli artt. 29 e 30 del Codice e che riceveranno al riguardo adeguate istruzioni operative; lo stesso avverrà – a cura dei Responsabili nominati dal Titolare - nei confronti dei dipendenti o collaboratori dei Responsabili.

Ambito di comunicazione o diffusione dei dati personali degli utenti
I dati personali forniti direttamente dagli utenti mediante la compilazione dei moduli on line non saranno comunicati a terzi o diffusi, salvo il caso di inserimento nel sito di nomi di vincitori di eventuali concorsi od operazioni a premio promossi da Gabriele Majo tramite il sito.

Titolare e Responsabili del trattamento
Titolare del trattamento è Gabriele Majo

Responsabili del trattamento sono:
1) Il Sig. Gabriele Majo, titolare del sito
Fornitori di servizi:
Gabriele Majo si avvale di aziende specializzate per quanto riguarda la gestione dei propri server, la connettività, la realizzazione e gestione di software stand alone e web. Gli addetti alla gestione dei suddetti servizi potrebbero entrare in contatto con dispositivi contenenti i dati memorizzati sui nostri server:
1) Gruppo Pegaso di Rodia Maria Teresa, via Abbeveratoia 27a, 43126 Parma, per quanto concerne l’amministrazione e la gestione del sito, e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
2) Euromaster di Roberto Cirianni, Via Agostino Valiero 12, Roma (Rm), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso.
3) OVH Srl Via Trieste, 25 - 20097, San Donato Milanese (MI), per quanto concerne la fornitura e la gestione della connettività internet e la gestione dei server sui quali è ospitato il sito stesso o porzioni di sito.

CHIUDI