PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / CARO NUOVO PARMA, NELLA PRIMA “PARTITA” MI SEI DAVVERO PIACIUTO!

(Luca Ampollini) – Beh , credo che un bel “Buona la prima!” ci stia tutto. Sì, perché la conferenza stampa che ha inaugurato la nuova stagione dei Crociati, con la presentazione del nuovo “diesse” Carli, è stata soddisfacente per l’assoluta trasparenza e chiarezza con cui i vertici societari hanno presentato la stagione che va ad iniziare. Il presidente di “Nuovo Inizio” Marco Ferrari ha parlato, tra le altre cose, dei 58 milioni di euro investiti dal 2015 ad oggi (40 milioni versati dai 7 soci parmigiani), che sono una cifra importante, ingente, che ha consentito di ottenere traguardi straordinari e per certi versi irripetibili, come ha sostenuto legittimamente Carli: ”Non avete sbagliato una sola stagione!”. Con molta onestà Ferrari ha parlato di un ridimensionamento economico dopo anni di spese importanti: un ridimensionamento che non significa disimpegno, ma semplicemente ragionare da VERI imprenditori. Meglio non fare proclami roboanti, continuare a mantenere in vita serenamente questo meraviglioso progetto ed essere chiari e cristallini, perché come dice chi mi ha educato e cresciuto: “A dire la verità non si sbaglia mai!”. 58 milioni di euro sono tanti certo, evidentemente indispensabili per raggiungere determinati traguardi in così poco tempo, ma se chi ha operato nel mercato in questi anni, facendo peraltro un ottimo lavoro, avesse trovato qualche giovane da valorizzare e rivendere, la voce ricavi sarebbe stata più piacevole da leggere. Bene così quindi, per la sicurezza e la serietà che i proprietari Crociati sanno trasmettere, nell’approcciarsi alla nuova stagione “come se la responsabilità del Parma Calcio fosse interamente loro per i prossimi 15 anni”. In questo senso va inteso anche l’ingaggio di Carli come nuovo “diesse”, che si è dimostrato, al contrario del suo predecessore, molto più loquace e a suo agio a livello comunicativo. Simpatico, diretto, entusiasta, ha destato un’ottima impressione al suo debutto: soprattutto ha ripetuto più volte, come la RESPONSABILITA’ di tante scelte, come quella ad esempio di avvicendare D’Aversa, siano essenzialmente sue, confermando di possedere personalità e autorevolezza. Lucarelli lo affiancherà, cominciando un percorso da diesse, che con Faggiano sembrava non partire mai…
Arriverà Liverani, allenatore propositivo, preparato, interessante e poco “sparagnino”, e capiremo se questa sarà una qualità o un difetto per una squadra che deve salvarsi. Sicuramente dovrà ravvedersi un po’: gli oltre 80 gol subiti nella stagione che si è appena conclusa sono “pesantucci”, ma questo credo lo sappia meglio di tutti noi, avendo il compito di disegnare una squadra capace di interpretare al meglio le due fasi, in un modo probabilmente molto diverso dal calcio pratico e redditizio del bravo D’Aversa. Carli l’ha scelto e perciò la responsabilità (e dai!) è essenzialmente sua, ma ciò che Liverani ha fatto a Lecce non può ridursi ai soli tanti gol subìti nell’ultima stagione, ma anche alla splendida idea di calcio offerta negli anni precedenti. E allora, in bocca al lupo grande e amato Parma, nella prima partita giocata ieri mattina, mi sei davvero piaciuto! Luca Ampollini

Luca Ampollini

Luca Ampollini, classe 1973, giornalista pubblicista dal 2005, ha cominciato a Radio Onda Emilia nel 1998, prima con il commento delle azioni più importanti delle partite di campionato sulle radiocronache di Gianluigi Calestani, poi con la conduzione della trasmissione post partita “Diretta Stadio”. Passa successivamente alla Tv, su Teleducato, commentando il posticipo della domenica sera di serie A a Calcio e Calcio, condotto da Fulvio Collovati. Passa, quindi, alla neonata Teleducato Piacenza come telecronista delle partite del Fiorenzuola in serie C2 e nel 2000-01 commenta, sempre per Teleducato Piacenza, le partite del Piacenza Primavera. L’anno successivo torna a Parma e diventa il telecronista del Parma calcio fino al 2008. Partecipa a Calcio e Calcio, prima come opinionista poi come conduttore in 3 edizioni dal 2005 al 2008. Nella stagione 2004-05 conduce Calcio e Calcio Speciale Coppe e i collegamenti esterni nell’edizione di Calcio e Calcio condotto da Fulvio Collovati. Dal 2005 al 2008, è responsabile della redazione sportiva di Teleducato e, oltre a Calcio e Calcio, conduce Calcio d’Estate prima di passare a Tv Parma dove partecipa come opinionista a Pronto chi Parma e come conduttore, con Carlo Chiesa, delle due trasmissioni “A tutta A“ e “A tutta B”. Dopo alcuni anni in cui collabora come opinionista fisso anche a "Bar Sport" torna a Teleducato dove partecipa come opinion leader a Calcio e Calcio fino al 2018. Con la fusione delle due televisioni continua la sua collaborazione, tuttora in corso, con 12 TV Parma e con Calcio e Calcio. Oltre alle centinaia di telecronache e conduzioni ha collaborato, commentando alcune partite del Parma con le emittenti radiofoniche Radio Bruno (Coppe Europee) e Lattemiele (Campionato). E’ lo speaker ufficiale del Parma calcio allo Stadio Tardini dal 2015

38 pensieri riguardo “PAROLE CROCIATE, di Luca Ampollini / CARO NUOVO PARMA, NELLA PRIMA “PARTITA” MI SEI DAVVERO PIACIUTO!

  • 26 Agosto 2020 in 08:41
    Permalink

    In 30 anni di calcio mai sentita una conferenza stampa così squallida. Classica conferenza stampa da squadra di parrocchia.
    Certo che aver dato in mano a Faggiano “la contabilità” è stata
    pura follia………50 milioni + i riscatti (e non si ha in mano nulla).
    Che non si aveva più soldi lo si sapeva ma renderlo pubblico è stato da veri incoscienti….ORA GLI AVVOLTOI AVANZANO.

    • 26 Agosto 2020 in 09:22
      Permalink

      D’accordo con te Lorenzo, già detto ieri, conferenza stampa da perdenti. Agli occhi degli altri sembra che il Parma si sia già arreso…qui leggo commenti di gente fiduciosa e che ha apprezzato, ma tutta la gente con cui mi sono confrontato ieri la pensa esattamente come noi perciò non mi pare ci sia tutto l’entusiasmo di cui parlano intorno alla squadra. Spero comunque di sbagliare e di essere clamorosamente smentito dai fatti ..farei volentieri una figura barbina

      • 26 Agosto 2020 in 10:32
        Permalink

        Sono cinque anni che c’è gente che fa figure bambine…
        I nostalgici della grandeur sono sempre tanti nonostante da 21 anni non si vinca niente…

        • 26 Agosto 2020 in 10:50
          Permalink

          18 anni, ultima coppa italia 2002

        • 26 Agosto 2020 in 21:13
          Permalink

          dica ai nostalgici della grandeur di mettere a posto la bacheca ,ops

    • 26 Agosto 2020 in 10:37
      Permalink

      Suvvia, cerchiamo di essere seri per favore!

      Ma secondo voi, se Faggiano non avesse speso così tanto in questi anni, come saremmo riusciti a salire così rapidamente in serie A ???
      Smettiamola di dire fesserie, Faggiano ha fatto un lavoro egregio per costruire il “Come noi nessuno mai”, ed è fisiologico che per farlo sia stato necessario cacciare la pila.

      Ma adesso che siamo dove volevamo stare, semplicemente si vuole recuperare qualcosa o solamente evitare di appesantire oltremodo il bilancio perchè non c’è un ulteriore gradino da scalare a breve termine.

      Non abbiamo modo di guardare sopra di noi perchè la distanza con squadre come Lazio,Atalanta, Napoli, Roma, Fiorentina e le strisciate è incolmabile.
      E società come Sassuolo, Udinese sono in serie A senza avere in rosa dei super big.

      Quindi ecco che anche il Parma, può e deve assestarsi nel modo migliore per affrontare la serie A per quelle che sono le sue competenze, perché lo sforzo fatto negli ultimi 5 anni, adesso non è più necessario e anzi, rischierebbe di diventare controproducente.

      Se poi a tutto questo, riusciamo ad abbinare l’avvio del progetto stadio e perseguiamo la linea degli investimenti sul settore giovanile, ecco che abbiamo anche modo di perseguire una crescita per il club che magari fra qualche anno, potrebbe finalmente farci tentare di alzare nuovamente l’asticella.

      Signori, questa è in sintesi, l’essenza della presentazione di ieri.
      Non c’è nessun mistero o segreti da nascondere.

      • 26 Agosto 2020 in 12:59
        Permalink

        Markness
        analisi semplice chiara e veritiera, speriamo che capiscano…..

      • 26 Agosto 2020 in 13:00
        Permalink

        Concorso.
        Solo l’ultima frase… non c’è nulla da nascondere, oddio… non è che ti dicono tutto tutto eh…

        • 26 Agosto 2020 in 13:00
          Permalink

          Concorso = concordo

      • 26 Agosto 2020 in 14:26
        Permalink

        Markness, hai perfettamente ragione!

  • 26 Agosto 2020 in 08:46
    Permalink

    A nuovo inizio riconosco il merito delle scelte.

    Io sono stato sempre critico con Faggiano e D’Aversa e per questo visto come un non -tifoso, come se il tifoso debba essere d’accordo su tutto. Carli credo sia il migliore per la nostra dimensione. Ha personalità, sa individuare i giovani e, non so se ci avete fatto caso, ha sottolineato che i giocatori da prendere devono essere SANI. Ecco, per sottolineare una nostra pecca passata, vuol dire che è stata la società a fargli notare questa cosa. Quando molti parlavano di sfortuna con gli infortuni, io dicevo che non era sfortuna ma il problema era in parte di preparazione ed in parte dovuto al fatto che Faggiano prendeva giocatori con pedigree ma rotti, dato che erano più facili da prendere e che altrimenti non avrebbe mai preso.

    Su Liverani, dico solo che a me piace giocare per fare un gol in più degli avversari. Quindi, benvenuto. Ti stimo a prescindere, già solo per la mentalità.

  • 26 Agosto 2020 in 09:40
    Permalink

    Majo una curiosità.. Ha notizie su quando verrà presentata la nuova maglia? Grazie

  • 26 Agosto 2020 in 10:27
    Permalink

    Comunque adesso come adesso se vedi la rossa che abbiamo, non siamo messi per niente male, i giocatori ci sono. Poi se devono fare dei ritocchi e normale. Io penso che siamo una squadra da decima posizione (infortuni permetendo) grassi Inglese Cornelius. Cervino può anche andare

  • 26 Agosto 2020 in 11:03
    Permalink

    che ad ampollini piacesse era scontato se no lo tolgono da speaker , a parte le battute penso che chi prima parte con la filosofia del parma prima si salverà economicamente non c è altra via già tutti hanno i conti in rosso non solo noi chi non ha capito la via giusta ( e il parma l ha capita ) pagherà dazio ……. per il resto molto meglio carli di quel sfascia conti di faggiano con i suoi procuratori da favorire …….. e ho notato anch io il termine giocatori sani che ha detto carli !!! chi vuol intendere intende vero faggiano !! posso capire tutto ma grassi e inglese lo sapevi che erano rotti non li puoi comperare per 22 ml e 8 ml e c è gente che rimpiange faggiano ? aggiungiamo ceravolo ciciretti perfin adorante !! eccc cornelius gervinho che ne gioca una di 3 no ….. e ccccccc comunque nathan a dirlo a carli non è stata la società ma d aversa in sardegna !! il pignone si sarà lamentato

  • 26 Agosto 2020 in 11:04
    Permalink

    Forse non avete capito………

    Chi avrà mercato…sarà venduto…..a partire da INGLESE,
    CORNELIUS…
    di ALVES presumo che resterà a 38 chi lo prende?

    • 26 Agosto 2020 in 13:00
      Permalink

      Chi vivrà vedrà!

      • 26 Agosto 2020 in 21:14
        Permalink

        co ela na minace ? ,ahahahah

    • 26 Agosto 2020 in 13:37
      Permalink

      L’aspetto triste è proprio questo. Qualunque somma che eviti una minus valenza verrà accettata e il giocatore partirà. Il tutto a prescindere da valutazioni. Siamo arrivati a questo punto, non si può che accettare la situazione.
      Spero solo che così facendo la società resti o torni sana e non si debba ripartire ogni dieci anni dalla serie D.
      Per ora pare che il Parma abbia proposto lo scambio scozzarella /maggiore ricevendo un secco no.

      • 26 Agosto 2020 in 19:22
        Permalink

        Evitare una minusvalenza per Inglese vuol dire avere in mano un’offerta di almeno 20 M, che poi possono essere reinvestiti su giocatori bravi e giovani.

        • 27 Agosto 2020 in 15:11
          Permalink

          Bisogna considerare che le plusvalenze (o le minusvalenze) sono da calcolarsi sottraendo al valore di vendita del bene (calciatore) il residuo dell’ammortamento, non il valore di acquisto del bene. perciò le situazioni sono un po’ più complesse ed articolate. Considerando che in ammortamento non va solamente il costo del cartellino, ma vanno anche altri costi accessori. Questo assumendo come verità assoluta, a mio avviso temerariamente, che le cifre sparate dai vari Di Marzio, Pedullà ecc… corrispondano con il reale e quindi con le iscrizioni delle varie voci a bilancio.

    • 26 Agosto 2020 in 13:47
      Permalink

      Ciao Lorenzo,
      poi mi piacerebbe capire una cosa….ma Barillà che è andato al Monza lo abbiamo regalato? Perché ok che devi svecchiare la rosa, ma i giocatori noi siamo gli unici che li regaliamo? Perché a casa mia se uno ha un contratto in corso di validità qualcosa la squadra deve incassare…
      Tra Inglese e Cornelius penso che almeno uno andrà via, Alves non saprei, quasi 39 anni…ok uomo spogliatoio, ma a 39 anni obiettivamente il tuo l’hai già fatto. Magari sarà il nuovo Lucarelli

  • 26 Agosto 2020 in 11:33
    Permalink

    Per inaugurare un nuovo ciclo che comunque non pregiudichi quando ti buono fatto finora vanno ceduti solo i giocatori che possono avere più mercato: Gervinho, Sepe e Darmian sono i primi nomi della lista.
    Per il resto si deve ripartire dai punti fermi come Bruno Alves, Kucka e Cornelius a cui aggiungere dei giovani di prospettiva e “affamati”.

  • 26 Agosto 2020 in 14:22
    Permalink

    Come NOI NESSUNO MAI……

    si 50 milioni e passa di pagherò….

    Nessuno c’è riuscito….gran bel traguardo……..

    Forse Forse invece di “sblagonare” era meglio far qualche

    annetto in serie B….lanciando giovani di prospettiva….

    e mantenendo i costi al minimo sindacale.

    Ora ci tocca vendere a “strasa marchè”…..

    • 26 Agosto 2020 in 15:11
      Permalink

      Corbellerie. Enormi.

      In anni di serie B avresti speso di più perché ricavi decisamente inferiori e rapporto con costi penalizzante

  • 26 Agosto 2020 in 14:40
    Permalink

    Carli deve fiutare come un segugio i giovani in gamba
    Deve imparare dall’Atalanta maestri in questo.
    Preso Kulu per 90.000 euro e venduto per 44 milioni.
    Presi 488 VOLTE DI PIÙ.
    Non so se mi spiego.
    Noi invece abbiamo KARAMOK pagato 9.000.000 di euro e se ora si potesse venderlo, se qualcuno lo volesse ( pura utopia) glielo daremmo anche per 18.550 euro pur di liberarci di lui
    Prenderemmo 488 volte meno di quello che lo abbiamo pagato
    Ecco perché sui giovani Foggiano non verrà mai rimpianto

  • 26 Agosto 2020 in 14:47
    Permalink

    Noi abbiamo pagato KARAMOK
    9 milioni di euro.
    Se KULUSESKY è stato pagato
    90.000 euro noi abbiamo pagato
    KARAMOK
    9.000.0000 : 90.000= 100
    Appunto noi abbiamo pagato KARAMOK
    100 volte di più di KULU
    Doveva essere l’ opposto.
    Foggiano. Foggiano……

  • 26 Agosto 2020 in 16:08
    Permalink

    Majo ma oggi non iniziavano gli allenamenti veri e propri? Visto che non c’è ancora l annuncio ufficiale si sa se liverani sta già conducendo il primo allenamento? Grazie

  • 26 Agosto 2020 in 16:42
    Permalink

    Liverani deve ancora firmare………SIAMO ALLE COMICHE

  • 26 Agosto 2020 in 18:03
    Permalink

    Liverani è certo di non essere esonerato. Mancano i soldi per un sostituto ergo non rischia nulla. Stessa cosa Carli.

  • 26 Agosto 2020 in 18:15
    Permalink

    Vorrei che qualche espertone vicino alle logiche upine mi spiegasse una cosa. Il primo anno di A c’è la fola che è dura perché i ricavi sono ancora quello della B e che bisogna salvare la categoria e poi si può ragionare sul futuro. Il secondo ci dicevano che era il più duro, peggio ancora del primo. Quindi il popolano come me passato il secondo tira un sospiro di sollievo. Poi no arriva la storia che per salvare il primo e il secondo bisogna patire il terzo. E il quarto come sarà? A questo punto chiamiamo Galli e Burioni che sono più ottimisti delle facce dei soci di ieri.

  • 26 Agosto 2020 in 18:33
    Permalink

    Inferiore, sei soggetto alla legge del Menga. Tutti noi merdacce siamo soggetti alla citata legge. O ti rassegni o vai in UPI e ci pianti un casino che la metà basta. Coraggio Pavide

    • 26 Agosto 2020 in 21:59
      Permalink

      Mi am ricordi corblè (corbellini) e il palo colpito al 90 esimo al mirabello, di che diavolo parlate voi del fu parma ac

      • 27 Agosto 2020 in 00:05
        Permalink

        Corbellini aveva un tiro molto potente. Nel suo bar in Via Dante a Piacenza c’erano le sue foto in maglia crociata

        • 27 Agosto 2020 in 12:32
          Permalink

          r.i.p.

  • 26 Agosto 2020 in 21:18
    Permalink

    il periscopio e’ il periscopio non serve per fare altro

  • 26 Agosto 2020 in 21:56
    Permalink

    Majo ma possibile che liverani nn sia ancora ufficiale perché i suoi collaboratori sono ancora sotto contratto col Lecce e bisognerà trattare? Mi sembra allucinante..

I commenti sono chiusi.